Top 20 - attrazioni di Bakhchisaray, Russia

1 429
78 686

Bakhchisaray può essere considerato uno dei luoghi più interessanti della "escursione" Crimea. Situata tra pittoreschi altipiani e valli montuose, circondata da antiche città rupestri, l'antica capitale del Khanato di Crimea ha conservato appieno il fascino delle epoche passate.

L'oggetto culturale più significativo di Bakhchisarai è il Palazzo di Khan, dove numerose escursioni si affrettano a conoscere la storia e la cultura dei tartari di Crimea. Per le strade del centro storico, tra le terrazze ricoperte di verde, si nascondono accoglienti ristoranti, dove agli ospiti possono essere serviti deliziosi piatti della cucina nazionale. Nelle vicinanze si trovano diverse città rupestri abbandonate, un tempo prospere e popolose.

L'atmosfera di Bakhchisarai è permeata dal colore del Khanato di Crimea che è passato alla storia. È particolarmente sentito nel giardino del palazzo, vicino alle mura delle moschee cittadine e nelle strette strade di pietra del centro storico.

Cosa vedere e dove andare a Bakhchisarai?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Palazzo del Khan

Un monumento unico e unico al mondo dell'architettura del palazzo del Khanato di Crimea. La costruzione del complesso iniziò nel XVI secolo sotto Sahib I Gerai (Girey). Successivamente, ogni sovrano ha apportato le proprie modifiche all'aspetto del palazzo. Nel 1736, la residenza del khan fu bruciata dopo la cattura della capitale da parte delle truppe dell'Impero russo. Successivamente il palazzo fu restaurato secondo la descrizione superstite. Nei secoli XVIII-XX. Sono stati effettuati diversi restauri. Oggi l'edificio fa parte della Riserva Storica e Culturale Bakhchisarai.

Palazzo del Khan

Fontana di lacrime

Fontana-selsebil del XVIII secolo sul territorio del palazzo del Khan, diventato famoso in tutto il mondo grazie al famoso poema di A.S. Pushkin "Fontana di Bakhchisarai" La leggenda dice che il crudele Khan Kyrym Gerai (Girey) si innamorò della giovane schiava Dilyare e la fece sua moglie. Ma presto morì nel suo harem dal desiderio. Il Khan soffrì così tanto dopo la sua morte che chiamò il maestro e ordinò l'erezione di un monumento - una "pietra di lacrime", in cui sarebbe stato incarnato tutto il dolore della sua perdita. Così è nata la Fontana delle Lacrime.

Fontana di lacrime

Il miglio di Caterina

Un gruppo di segnali stradali in pietra installati nel 1784-1787. sulla rotta dell'imperatrice Caterina II da San Pietroburgo alla Crimea. Cinque di questi monumenti sono stati conservati sul territorio della penisola. Uno di questi si trova accanto al palazzo del Khan a Bakhchisarai vicino al ponte sul fiume Churuk-Su. Durante la sua visita, la sovrana soggiornò nelle stanze del palazzo, appositamente rinnovate per il suo arrivo.

Il miglio di Caterina

"La Crimea in miniatura nel palmo della tua mano"

Parco in miniatura, situato su un'area di 2,5 ettari vicino al Palazzo di Khan. È stato aperto nel 2013 per promuovere Bakhchisaray come destinazione turistica. Tutte le principali attrazioni della Crimea sono presentate qui in dimensioni ridotte: palazzi, cattedrali, obelischi e altri monumenti architettonici. In totale, il parco dispone di 53 miniature realizzate in scala 1:25.

La Crimea in miniatura nel palmo della tua mano

Complesso museale Devlet Saray

Il complesso archeologico, situato sul sito della prima capitale del Khanato di Crimea nel villaggio. Staroselie, che si trova vicino a Bakhchisaray. Devlet-Saray era in precedenza un vero e proprio palazzo del khan. Solo la tomba-mausoleo e la costruzione della madrasa sono sopravvissute fino ad oggi. Dal 2011 sul territorio del complesso opera il Museo Larishes, che presenta un'interessante esposizione con reperti del periodo del Khanato di Crimea: incisioni, mappe, manoscritti e libri, oltre a opere di artisti contemporanei della Crimea.

Complesso museale Devlet Saray

Monastero rupestre dell'Assunzione

Un monastero ortodosso nel tratto di Mariam-Dere, fondato nell'VIII secolo da monaci di Bisanzio. Nei secoli XIII-XIV. Il monastero cadde in rovina, ma poi si riprese di nuovo. Durante la conquista ottomana riuscì a evitare la distruzione. Fino al XVIII secolo, il monastero era il principale centro religioso di tutti i cristiani di Crimea. Durante i secoli XVIII-XIX. il suo territorio fu notevolmente ampliato, apparvero diversi nuovi edifici. Nel 1921 il monastero fu soppresso. La sua rinascita è iniziata nel 1993.

Monastero rupestre dell

Monastero della Santissima Annunziata

L'attuale monastero maschile, che si trova in grotte artificiali del VI secolo all'interno dell'altopiano di Mangup sulle pendici di ripide scogliere. Il monastero fu fondato nel XIV secolo, ma dopo la conquista della Crimea da parte dei turchi ottomani, interruppe a lungo la sua attività. Il monastero fu restaurato solo alla fine del XX secolo. Dalle piattaforme davanti alle grotte si apre un magnifico panorama dei dintorni del monastero.

Monastero della Santissima Annunziata

Moschea Ismi Khan Jami

Tempio musulmano dei secoli XVI-XVIII. sul territorio di Bakhchisarai, costruito su donazioni di un parente di uno dei khan di Crimea. L'edificio è stato costruito in uno stile misto di classicismo e barocco. La dimensione della moschea è piccola, mancano i tradizionali minareti a torre. Nel XX secolo l'edificio ha ospitato a lungo magazzini. Al momento la moschea non è stata ancora restaurata.

Moschea Ismi Khan Jami

Moschea Tahtali-Jami

Il tempio fu eretto nel 1707 per volere della figlia di Khan Selim I Giray (Girey). L'alto minareto della moschea domina lo sviluppo architettonico dei vecchi quartieri di Bakhchisarai. Il nome dell'edificio, tradotto dal tartaro di Crimea, significa "una moschea fatta di assi", poiché nella costruzione e nella muratura delle pareti sono state utilizzate travi di legno. Tahtali-Jami è una moschea del venerdì funzionante.

Moschea Tahtali-Jami

Chiesa dell'icona Feodorovskaya della Madre di Dio

Tempio dell'inizio del XX secolo, eretto per il 300° anniversario dell'ascesa al trono russo della dinastia dei Romanov. Come molte altre istituzioni religiose, la chiesa fu chiusa negli anni '30. I locali furono utilizzati per lungo tempo come granaio e stalla, negli anni del dopoguerra qui operò un cinema. Tra la fine degli anni '90 e l'inizio degli anni 2000. La ricostruzione è stata effettuata con le donazioni della comunità cristiana.

Chiesa dell

Skete di Sant'Anastasia

Un antico monastero rupestre, fondato approssimativamente nell'VIII secolo (secondo testimonianze indirette) da monaci greci. Si trova a circa 8 km da Bakhchisaray sul territorio della città rupestre di Kachi-Kalyon. Nei secoli scorsi ha vissuto diversi periodi di desolazione e rinascita. Un piccolo numero di monaci visse qui fino agli anni '30. Nel 2005 il monastero è stato restaurato dopo una lunga pausa dai fratelli del Monastero della Santissima Dormizione.

Skete di Sant

Chufut Kale

La città-fortezza del V-VI secolo, fondata proprio al confine dei possedimenti bizantini. All'inizio, gli Alan vivevano a Chufut-Kale, poi fu catturato dai Kipchak. Dopo che la penisola passò sotto il controllo dei khan dell'Orda, la fortezza si trasformò nel centro di un piccolo principato, un vassallo dell'Orda d'oro. Nel XIV secolo iniziarono a stabilirsi in città i Caraiti, che lasciarono Chufut-Kale nel XIX secolo dopo che la restrizione sui luoghi di residenza di questo gruppo etnico fu revocata.

Chufut Kale

Cimitero caraita Balta Tiymez

Una necropoli abbandonata vicino a Chufut-Kale con 7.000 lapidi in pietra. Questo luogo era considerato sacro, poiché si trova sul territorio di un querceto secolare. Le querce erano considerate dai Caraiti come alberi sacri. Le sepolture al cimitero sono state eseguite anche dopo che i rappresentanti di questa nazionalità hanno lasciato Chufut-Kale. Le tombe più recenti risalgono all'inizio del XX secolo.

Cimitero caraita Balta Tiymez

Eski-Kermen

Una città rupestre nelle vicinanze di Bakhchisarai, fondata nel VI secolo come fortificazione difensiva di frontiera. Lo sviluppo di Eski-Kermen iniziò nel X secolo e raggiunse il suo apice nei secoli XII-XIII. A quel tempo, sul suo territorio vivevano più di 2.000 persone. Nel 1299 e nel 1399 la città fu devastata due volte dai tartari-mongoli, dopodiché non si riprese. Gli edifici risalenti al VI-XII secolo sono sopravvissuti fino ad oggi.

Eski-Kermen

Tepe Kermen

Un'altra città rupestre nelle vicinanze di Bakhchisaray, risalente al VI secolo. Sul suo territorio sono state trovate più di 230 grotte. Secondo alcune fonti, Tepe-Kermen fungeva da fortezza difensiva, secondo altre fonti era un monastero. La città esisteva fino al XIV secolo fino a quando fu devastata a seguito della successiva campagna dell'Orda d'Oro. Solo le rovine sono sopravvissute fino ad oggi.

Tepe Kermen

Mangup Kale

La fortezza Mangup-Kale si trova vicino al villaggio di Zalesnoe ad un'altitudine di 583 metri sul livello del mare. Si ritiene che i primi insediamenti sciti siano apparsi in questo sito già nel III-IV secolo, dal VII secolo la città divenne parte del Khazar Khaganate. Successivamente, Mangup-Kale fu la capitale del principato tardo bizantino di Theodoro e un forte turco. Nel XVIII secolo gli ultimi abitanti, la comunità dei Caraiti, lasciarono l'insediamento. Da allora è stato abbandonato.

Mangup Kale

Kachi-Kalyon

Monastero rupestre nella valle del fiume Kacha, situato nel territorio della regione di Bakhchisarai. Anticamente si trovava all'incrocio delle rotte commerciali che collegavano la parte steppica della Crimea con la costa del mare. Gli abitanti di Kachi-Kalyon erano impegnati nella produzione di vino, come testimoniano le cantine e le officine conservate dove venivano prodotti gli utensili per conservare questa bevanda.

Kachi-Kalyon

Sfingi di Churuk-Su

Sculture in pietra naturale alte fino a 20 metri, situate nella valle del fiume Churuk-Su (tradotto dal tataro di Crimea, questo nome significa "acqua marcia"). I giganti si sono formati in modo naturale a seguito di secoli di alterazione delle rocce, costituite principalmente da roccia calcarea. L'area è stata dichiarata monumento naturale di importanza regionale negli anni '60.

Sfingi di Churuk-Su

Sfingi della Valle di Karalez

Blocchi di pietra sulla collina Uzun-Tarla, situata vicino al villaggio di Zalesnoye vicino a Bakhchisaray. Le formazioni raggiungono un'altezza di 10-15 metri. Insieme alla roccia, le loro dimensioni raggiungono i 300 metri sul livello del mare. A seconda dell'ora del giorno, le statue "cambiano" il loro aspetto e assomigliano a figure di pietra dell'isola di Pasqua oa personaggi fiabeschi congelati. Tutto dipende dall'immaginazione di chi guarda e dall'illuminazione.

Sfingi della Valle di Karalez

Monte Besh-Kosh

Besh-Kosh è una bassa cresta rocciosa fatta di rocce calcaree, che si trova nella periferia orientale di Bakhchisarai. La vista dell'altopiano si apre proprio dietro le ultime case cittadine. A seguito di scavi archeologici nell'area di Besh-Kosh, sono state trovate tracce di un insediamento dei Tauriani che vivevano nella penisola nell'VIII-VII secolo. AVANTI CRISTO. La cresta è il confine naturale della pittoresca valle Biyuk-Ashlamama-Dere.

Monte Besh-Kosh