Le 25 migliori attrazioni di Kyoto, Giappone

1 101
62 645

L'antica capitale del Giappone, sebbene abbia perso questo status ufficiale, è rimasta una delle principali città del paese. Per molti secoli le famiglie imperiali ricostruirono Kyoto, conferendole le caratteristiche attuali. Le caratteristiche architettoniche dei quartieri sono difficili da trasmettere in poche parole. Il numero di edifici in stile tradizionale giapponese è impressionante. Queste sono case da tè, pagode e padiglioni. Ci sono molte strutture in legno tra loro, che di solito non è tipico per le città con una popolazione di oltre un milione.

Le principali attrazioni di Kyoto sono i complessi del tempio. Alcuni di essi sono stati ricavati dai palazzi e dalle ville degli shogun, come il Padiglione d'Oro. Le caratteristiche nazionali del Giappone non sono state dimenticate ai nostri tempi. Una visita al quartiere di Gion o al mercato di Nishiki permette ai turisti di immergersi nel sapore del Paese del Sol Levante.

Cosa vedere e dove andare a Kyoto?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Quartiere Gion

L'area delle geishe più famosa del paese. Ha iniziato a formarsi nel Medioevo. Le strade sono ancora fiancheggiate da vecchi edifici, per lo più case da tè, ristoranti e machiya, case tradizionali giapponesi. Le lezioni di geisha sono disponibili per i turisti: puoi imparare a ballare, suonare strumenti, cerimonie o semplicemente provare un vestito. Il quartiere è stato parzialmente dichiarato National Historic Landmark.

Quartiere Gion

Quartiere Ponto-cho

Una delle tradizionali zone della vita notturna giapponese. La piccola strada è piena di case da tè, ristoranti, negozi e luoghi di intrattenimento. Nel quartiere puoi incontrare una geisha e visitare il teatro kabuki. Due volte all'anno, l'area offre uno spettacolo insolito: l'eredità del teatro Pontocho Kaburenjo. Uno spettacolo colorato è una simbiosi di danza, suonare strumenti musicali e cerimonie di geisha.

Quartiere Ponto-cho

Strade Ninen-zaka e Sannen-zaka

Si trovano ai piedi delle colline Higashiyam. Le strade sono strette, salgono ripide, ci sono gradini. C'è una superstizione: se cadi su Sannen-zak, la morte ti raggiungerà entro tre anni. Case di legno sono state costruite su entrambi i lati delle strade. Ospitavano negozi. I prodotti tipici locali sono le ceramiche dipinte a mano. Se lo desideri, puoi osservare il processo di creazione dei piatti.

Strade Ninen-zaka e Sannen-zaka

Santuario di Fushimi Inari

I primissimi edifici in questo sito apparvero nell'VIII secolo. Tuttavia, Fushimi Inari iniziò a prendere forma come tempio sionista a tutti gli effetti solo nel 1499. Quindi fu eretta la sala principale. La casa imperiale sostenne attivamente il tempio durante il periodo Heian. Ci sono molte statue e immagini di volpi sul territorio. Questi animali sono i messaggeri di Inari, il dio del riso. Secondo la leggenda, il tempio è dedicato al suo passaggio attraverso il paese.

Santuario di Fushimi Inari

padiglione d'oro

Parte del complesso Rokuon-ji. Fu costruito nel 1397 ed era la residenza dello shogun Ashikaga Yoshimitsu. Alla fine si è trasferito qui quando si è stancato degli affari pubblici. C'è una vasta area verde intorno, che comprende sia parchi artificiali che foreste "selvagge". Dopo la morte dello shogun, la villa fu trasformata in un tempio buddista. L'area è stata ristrutturata. I simboli religiosi compaiono nella sala principale.

Padiglione d

Kiyomizu-dera

Il complesso del tempio appartiene ai secoli XIV-XVI. La traduzione del nome è "Tempio dell'acqua pura". L'insieme comprende molti edifici e oggetti. I più notevoli di questi sono il tempio principale, la pagoda, la sala di preghiera, la capanna delle campane, la volta del sutra e il recinto dei cavalli. Il complesso è in gran parte dedicato alla dea Kannon. A causa della sua capacità di reincarnarsi, nel tempio si possono vedere varie immagini di Kannon.

Kiyomizu-dera

Padiglione d'argento

Si trova ai piedi di una montagna ricoperta da una fitta foresta. Insieme al giardino, il padiglione fa parte di un unico complesso. Il punto di riferimento è datato alla fine del XV secolo. Il palazzo fu costruito per lo shogun Yoshimasa Ashikaga. Due piani sono coronati da un tetto in stile tradizionale e una figura della Fenice montata in cima. Una galleria corre lungo il perimetro del secondo piano. Proprio davanti all'ingresso del padiglione è stato creato un lago artificiale.

Padiglione d

Tempio di Ryoan-ji

Datato 1450. Incluso nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. È diventato famoso in gran parte grazie al suo giardino roccioso. È stato creato per la meditazione dai monaci buddisti. Il sito è ricoperto di sabbia bianca e ghiaia ed è circondato da un muro di argilla. La posizione delle pietre ha una certa interpretazione. Sul territorio del tempio c'è Ryoan-ji Tsukubai - un vaso di pietra, il cui bue viene utilizzato per i rituali.

Tempio di Ryoan-ji

Tempio di Toji

Il complesso del tempio fu fondato nel 796. La sua pagoda principale, alta 57 metri, detiene il titolo di edificio in legno più alto della città. L'edificio a cinque livelli è aperto ai turisti solo pochi giorni all'anno. Nonostante una serie di ricostruzioni, il complesso è rimasto all'interno dei suoi antichi confini e ha mantenuto il suo stile originario. Una delle sale di To-ji è il Tesoro. Qui sono conservati manufatti e oggetti di valore di epoche diverse.

Tempio di Toji

Tempio di Sanjusangen-do

La costruzione fu completata nel 1164. Il nome può essere tradotto come "Sala lunga trentatré". Do è una misura di lunghezza nell'architettura giapponese. Dopo un grande incendio nel 1249, il complesso del tempio non fu completamente restaurato. Si sono limitati solo alla sala principale, che è sopravvissuta fino ad oggi. Sanjusangen-do è famoso principalmente per la sua collezione di 1001 statue della dea della misericordia Kannon.

Tempio di Sanjusangen-do

Tempio Nanzenji

Il principale tempio buddista della città. Ha presieduto i cinque Grandi Templi di Kyoto dal 1386. Una villa fu originariamente costruita su questo sito e nel 1293 fu trasformata in un oggetto religioso. Nel complesso spiccano diversi templi e due giardini. Nel giardino meridionale sono stati creati due serbatoi. Nanzen-ji è famoso per aver tenuto la partita di Shogi più lunga mai registrata, della durata di una settimana.

Tempio Nanzenji

Castello di Nijo

La costruzione iniziò all'inizio del XVII secolo e durò diversi secoli. La superficie totale del complesso, compresa l'area del parco e dei giardini, è di 275.000 m². In passato il castello era la residenza della famiglia Tokugawa. Qui, nel 1867, avvenne il trasferimento del potere dall'ultimo shogun giapponese all'imperatore Meiji. Dal 1940 chiunque può visitare il territorio. Il castello è incluso nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Castello di Nijo

Palazzo imperiale

La costruzione iniziò nel 794. Durante la sua storia, il palazzo fu raso al suolo più volte. Durante la ricostruzione furono apportate modifiche al complesso secondo la volontà dell'imperatore allora regnante. I locali furono messi fuori servizio alla fine del secolo scorso, quando la capitale fu trasferita a Tokyo. Altre due incoronazioni ebbero luogo a Kyoto. L'area intorno è costituita da giardini, altrimenti chiamati "parco imperiale".

Palazzo imperiale

Museo Internazionale dei Manga di Kyoto

Funziona dal 2006. È anche un centro di ricerca con sede presso la Seika University. L'esposizione comprende circa 200mila copie di manga. Il Manga Wall occupa tre piani, esponendo pubblicazioni degli ultimi cinquant'anni. Nel caffè manga puoi cenare e leggere, e il visitatore paga all'uscita per il tempo trascorso nell'istituzione. Il museo è aperto tutti i giorni tranne il mercoledì.

Museo Internazionale dei Manga di Kyoto

Museo ferroviario di Kyoto

Occupa una vasta area e racconta la storia delle ferrovie giapponesi. Il cuore della mostra sono 36 treni in perfette condizioni. Tra questi ci sono vecchi modelli - vere rarità, così come moderni treni ad alta velocità. Al museo è stata creata una biblioteca, che contiene 34mila riviste e libri sui diversi tipi di trasporto, ma la ferrovia in primis. Ci sono simulatori di guida in loco.

Museo ferroviario di Kyoto

Museo dei Samurai e dei Ninja

Situato più vicino al centro della città. La collezione del museo copre in totale 5 periodi dal 794 al 1868. Tra le copie ci sono originali di abbigliamento, armature e armi particolarmente preziosi. Durante il tour, la guida parla dello stile di vita dei samurai e dei ninja. A pagamento, puoi scattare foto in pieno costume di antichi guerrieri giapponesi.

Museo dei Samurai e dei Ninja

Museo Nazionale di Kyōto

Fondata durante il regno dell'imperatore Meiji. Responsabile del design è stato Tokuma Katayama, un seguace degli stili occidentali in architettura. Pertanto, l'edificio del museo è stato eretto nello stile del Rinascimento francese. Le esposizioni sono suddivise in tre aree: belle arti, artigianato e reperti archeologici. Le mostre permanenti includono non solo oggetti di valore giapponesi, ma anche manufatti provenienti da altri paesi asiatici.

Museo Nazionale di Kyōto

Mercato Nishiki

La storia del mercato risale a diversi secoli. Si chiama anche "cucina di Kyoto". Una stradina nella parte centrale della città è circondata da centinaia di negozi e negozi. Molti di loro sono gestiti da famiglie da generazioni. Vendono tradizionali sottaceti giapponesi, dolci, frutta, pesce fresco e tutti i tipi di piatti cucinati proprio qui a Nishiki. Il commercio va avanti fino a sera.

Mercato Nishiki

Torre di Kyoto

L'edificio più alto della città. Altezza - 131 metri. La costruzione è stata programmata per coincidere con i Giochi Olimpici di Kyoto del 1964. Il piano ha causato molte polemiche. Alcuni credevano che la torre avrebbe rovinato l'aspetto della vecchia capitale, mentre altri insistevano sulla necessità di modernizzare la vista panoramica. Di conseguenza, la torre è stata eretta su un edificio di 9 piani, dove sono aperti negozi e un hotel. Il design può resistere a forti terremoti e tifoni.

Torre di Kyoto

Il ponte Togetsu-kyo

Trasferito attraverso il fiume Oigawa. La sua lunghezza è di circa 150 metri. Il nome si traduce come "ponte che attraversa la luna". Così iniziò a chiamarlo l'imperatore Kameyama: notò che di notte sembra che la luna tocchi il ponte. A dicembre, in questa zona si svolge il festival dell'illuminazione notturna. I turisti possono fare un giro in barca: i diportisti stanno aspettando proprio al ponte. La gente del posto viene qui per pescare.

Il ponte Togetsu-kyo

Ferrovia panoramica di Sagano

Entrato in funzione nel 1990. Lunghezza - 7,3 km. Collega le stazioni Saga e Kameoka. I treni usano la trazione termica, non c'è elettrificazione. I treni sono composti da 5 vagoni. Alcuni di loro sono aperti. Questo ti permette di scattare foto migliori. Ci sono diverse fermate lungo il percorso. I turisti possono uscire, comprare souvenir e guardarsi intorno. Di particolare interesse per i viaggiatori è un enorme diorama.

Ferrovia panoramica di Sagano

Parco Maruyama

Inaugurato nel 1886. Nel parco sono stati piantati più di 800 ciliegi. Il più famoso è "Gion", la principale attrazione naturale di Maruyama. Puoi trascorrere del tempo qui, non solo camminando o organizzando servizi fotografici. È dotato di ristoranti e case da tè. A ovest c'è il Santuario Yasaka, quindi molti turisti preferiscono arrivarci attraverso il parco.

Parco Maruyama

percorso filosofico

Conosciuto anche come Tetsugaku-no-michi. Adagiato ai piedi del Monte Higashiyama. La lunghezza è di circa 2 km. Ci sono molti templi nelle vicinanze. Il sentiero corre lungo un canale fiancheggiato da pietre. I ciliegi piantati nelle vicinanze rendono la zona ancora più pittoresca. Durante la loro fioritura, il sentiero si trasforma in una specie di tunnel di fiori. Tetsugaku-no-michi è inclusa nell'elenco delle 100 strade turistiche più popolari del Giappone.

Percorso filosofico

foresta di bamboo

Situato nelle vicinanze della città. Per comodità sono stati tracciati appositi sentieri nel bosco e sono stati realizzati dei ponti: in alcuni punti il ​​terreno è molto sciolto, e senza di essi sarebbe problematico camminare. L'area protetta è nota fin dal XIV secolo. Creato dai monaci guidati da Muso Soseki. La sua superficie attualmente raggiunge i 15 km². La sera si accendono luci lungo i vialetti. Puoi acquistare artigianato di bambù all'ingresso.

Foresta di bamboo

Parco delle scimmie Iwatayama

Situato nella periferia di Kyoto. Il parco ospita circa 200 individui, rappresentanti di diverse specie di primati. Si sentono molto a loro agio qui. L'area circostante funge spesso da set cinematografico e il parco stesso è di proprietà della compagnia cinematografica. Le scimmie possono essere nutrite manualmente se acquisti cibo speciale. Il parco si trova su una collina, quindi offre splendide viste sulla città.

Parco delle scimmie Iwatayama