Le 30 migliori attrazioni di Delhi, India

1 321
61 183

L'aspetto moderno della città iniziò a prendere forma durante il regno dei Moghul. L'abbondanza di culture e religioni ha reso la capitale indiana colorata e diversa da qualsiasi altra città del mondo. Qui, il ricco patrimonio architettonico non solo è stato preservato, ma alcuni monumenti del passato sono ancora utilizzati per lo scopo previsto.

I templi locali meritano una menzione speciale. Chiunque può entrare nei complessi, indipendentemente dalla religione. Ci sono restrizioni solo sul tempo del comportamento dei servizi, e devi anche seguire le regole di condotta e il codice di abbigliamento. Akshardham, Lotus Temple, Gurdwara Bangla Sahib, Jama Masjid sono bellissimi sia fuori che dentro. Ogni oggetto religioso ha una ricca storia che si riflette nei dettagli del design.

Cosa vedere e dove andare a Delhi?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Akshardham

Il complesso del tempio copre un'area di 12 ettari. È stata chiamata "la residenza di un dio che non può essere spostato". Il tempio principale è una struttura massiccia. Il suo design combina vari stili indiani. A causa delle sue dimensioni, è incluso nel Guinness dei primati. È circondato da pittoreschi parchi e giardini. Nelle vicinanze c'è un cinema e una fontana di luci e musica. L'acqua di molti bacini idrici del paese è stata portata al lago locale.

Akshardham

forte rosso

L'attrazione risale al regno dei Mughal. La prima pietra della cittadella fu posta nel 1639. Il nome deriva dal colore delle mura del forte. L'architettura è dominata da motivi induisti, ma sono presenti anche elementi decorativi persiani. Al momento è un sito turistico. Tuttavia, il luogo rimane significativo: qui, nel giorno dell'indipendenza del paese, il primo ministro legge un discorso alla nazione.

Forte rosso

Porta dell'India e Rajpath

L'India Gate Monument è uno dei simboli più riconoscibili della città. È stato creato in onore dei soldati morti sui campi della guerra anglo-afghana e della prima guerra mondiale. L'imponente arco è alto 42 metri ed è stato inaugurato nel 1931. L'attrazione si trova sulla "strada reale" - così viene tradotto il nome del viale cerimoniale Rajpath. Ci sono parchi su entrambi i lati.

Porta dell

Rashtrapati Bhavan

Una delle più grandi residenze del capo di stato al mondo. Fu eretto all'inizio del XX secolo per il viceré dell'India. Quando il paese ottenne l'indipendenza, si decise di collocare l'apparato statale nell'ala degli ospiti. Il resto dell'edificio è utilizzato per ricevere delegazioni ufficiali e grandi eventi. Entrare per un normale turista è problematico: solo previa richiesta e in determinati periodi dell'anno.

Rashtrapati Bhavan

Tomba di Humayun

Su iniziativa della vedova del sovrano mongolo, nel 1562, fu eretta una tomba per Hamayun, più simile a un palazzo. Il complesso di edifici è circondato da un giardino. È diviso da due canali in quattro parti. Poiché gli architetti persiani erano responsabili del progetto, ci sono dettagli della loro cultura nell'architettura dell'edificio principale. Vicino alla tomba di Hamayun ci sono molte altre sepolture iconiche, tra cui la tomba di Nile Gumbad.

Tomba di Humayun

Tempio del Loto

Un edificio insolito è apparso in città nel 1986. 27 petali di marmo sono disposti su 3 file e formano un'unica composizione. L'altezza del tempio è di circa 40 metri. Poiché attorno ad esso è costruita una piscina, sembra che il "fiore" sia nell'acqua. Non ci sono linee rette all'interno dei locali: questa è l'idea dei designer. Inoltre, non ci sono iscrizioni e oggetti di culto. Chi prega comunica direttamente con Dio.

Tempio del Loto

Minareto Qutub Minar

La costruzione della torre si protrasse dal 1193 al 1368. Il minareto era a cinque livelli. Per salire in cima, devi superare 300 gradini. Questo oggetto è stato concepito come simbolo della vittoria dell'Islam sulle altre religioni. Le chiamate alla preghiera avrebbero dovuto suonare dalla sua cima, ma la torre si è rivelata troppo grande per questo scopo. La storia ha conservato riferimenti a diversi suicidi che si sono lanciati dal minareto.

Minareto Qutub Minar

Mercato di Chandni Chowk

Situato nella zona con lo stesso nome. Il nome si traduce come "un quadrato pieno di luce lunare". Negozi e padiglioni commerciali occupano aree impressionanti. Quasi tutti i prodotti venduti qui sono di produzione locale. Puoi trovare qualsiasi cosa sul mercato: spezie tradizionali, cibi appena cucinati, elettronica, costumi nazionali, arti e mestieri.

Mercato di Chandni Chowk

Memoriale del Mahatma Gandhi

Il corpo di Gandhi fu cremato in questo luogo nel 1948. Il memoriale è fatto di marmo e spesso decorato con fiori. È inciso con le ultime parole del leader indiano. Si traducono come "Oh Dio!". La Fiamma Eterna brucia nelle vicinanze. Dall'altra parte della strada, il National Gandhi Museum è stato aperto nel 1961. Tra i reperti: il letto del Mahatma, i vestiti intrisi del suo sangue e il proiettile che gli ha tolto la vita.

Memoriale del Mahatma Gandhi

Museo Gandhi Smriti

Fondata nel 1973 e occupa la casa dove trascorse i suoi ultimi giorni e fu ucciso dal Mahatma Gandhi. La collezione del museo è costituita da oggetti personali del leader indiano. Nel luogo in cui è stato colpito, c'è un pilastro del martire. Un altro dettaglio degno di nota della casa è una colonna con una svastica. Mostra quanto può essere cambiato il significato originale del simbolo. Alla colonna è applicato anche il simbolo del suono Om.

Museo Gandhi Smriti

Museo Nazionale dell'India

Alla fine degli anni Quaranta si tenne a Londra una grande mostra "The Art of India". Poiché è stato un successo, si è deciso di spostare l'esposizione a Delhi e collocarla nella residenza presidenziale. Questa divenne la base per la creazione di un vero e proprio museo, che aprì nel 1949 e 11 anni dopo rilevò l'attuale edificio. Al momento, 200mila reperti raccontano circa 5mila anni di storia e cultura indiana.

Museo Nazionale dell

Museo Nazionale Ferroviario

Aperto dal 1977. La parte più interessante dell'esposizione sono i treni originali esposti all'aperto o sotto tettoie. Tra questi c'è il carro su cui viaggiò il principe inglese durante la sua visita in India. Una delle locomotive presentate nel museo è stata assemblata a metà del XVIII secolo ed è ancora in movimento, sebbene non sia utilizzata per lo scopo previsto. A disposizione dei turisti anche numerosi materiali fotografici e allestimenti.

Museo Nazionale Ferroviario

Galleria Nazionale d'Arte Moderna

La mostra di arte moderna a Delhi è iniziata nel 1954. Successivamente ha organizzato filiali in altre città. I fondi hanno attualmente circa 14mila unità di stoccaggio. Non c'era abbastanza spazio per l'esposizione, quindi nel 2009 è stata aperta una nuova ala. L'area intorno all'edificio del museo è una sorta di area espositiva: qui si trovano sculture e installazioni.

Galleria Nazionale d

Gurdwara Bangla Sahib

Il principale tempio sikh della città. Costruita nella seconda metà del XVIII secolo. Da molte zone l'edificio si nota per la sua cupola dorata. La decorazione interna è più modesta, ad eccezione della sala delle cerimonie. Nel cortile c'è lo stagno sacro Sarovar. I rappresentanti di tutte le fedi possono visitare il tempio. Devi toglierti le scarpe prima di entrare. Le spalle e le ginocchia devono essere coperte e le donne devono coprirsi la testa con un velo.

Gurdwara Bangla Sahib

Moschea Jama Masjid

La più grande moschea in India. Allo stesso tempo, circa 25mila persone possono pregare sul suo territorio. Fu costruito negli anni '50 del XVII secolo. Il design degli interni è pieno di archi in marmo e iscrizioni sulle lastre, per lo più detti del Corano. Durante la funzione l'ingresso è chiuso ai turisti che non professano l'Islam. Il resto del tempo puoi entrare, ma senza scarpe e con abiti speciali.

Moschea Jama Masjid

Tempio di Lakshmi Narayan

L'edificio può essere definito il "tempio di tutte le religioni" dell'India. La costruzione fu completata nel 1939. Il complesso è costituito da diversi edifici interconnessi. Qui ci sono santuari del buddismo, del giainismo, dell'induismo. Tuttavia, il tempio è dedicato specificamente a Lakshmi, la dea della felicità. La decorazione interna corrisponde alla finitura lucida esterna. Il tempio ha negozi di souvenir e una sala yoga.

Tempio di Lakshmi Narayan

Complesso del tempio di Chattarpur

Eretto in onore della dea Katyayani nel 1974. Il complesso del tempio copre un'area di 24 ettari. Unisce tre templi contemporaneamente. Tutti appartengono allo stile architettonico tradizionale indiano. I pellegrini adornano l'albero che cresce all'ingresso con braccialetti dei desideri. Il tempio principale apre solo due volte l'anno durante le festività più importanti associate a Katyayani. Negli altri due, i servizi funzionano quasi 24 ore su 24.

Complesso del tempio di Chattarpur

Gurudwara Sis Ganj Sahib

Fu costruito sul luogo della cremazione della testa di Guru Tegh Bahadur, il nono maestro dei Sikh. Ha sacrificato la sua vita quando l'imperatore Aurangzeb ha cercato di convertire la gente del posto all'Islam. Il Guru ha resistito alla tortura, ma non ha accettato una religione a lui estranea, quindi è stato giustiziato. Il tempio fu eretto nel XVII secolo in un modo tradizionale per gli edifici sikh. Il piedistallo centrale è uno degli oggetti più antichi di questo tipo.

Gurudwara Sis Ganj Sahib

Tempio di Radha Parthasaratha

Tempio indù dedicato a Krishna e Radha. Uno dei più grandi in India. Il progetto è stato sviluppato dal famoso architetto Achyut Kanvinde e non ha preso soldi per il suo lavoro. Per i credenti e gli interessati alla cultura degli Hare Krishna, le porte del tempio sono state aperte nel 1998. Soprattutto molti ospiti e pellegrini vengono qui durante le feste religiose: il loro numero raggiunge diverse centinaia di migliaia.

Tempio di Radha Parthasaratha

Fortezza di Purana Qila

Costruito nel XVI secolo. Un esempio iconico dell'architettura difensiva della capitale indiana. Il nome si traduce come "vecchio forte". La lunghezza delle pareti è superiore a 1,5 km, l'altezza è fino a 18 metri e la larghezza è fino a 15 metri. Alla fortezza si accede attraverso tre porte, ma oggi è utilizzata solo quella principale. All'interno del perimetro, il Qila-i-Kuhna Masjid e la torre della biblioteca Sher Mandal sono ben conservati.

Fortezza di Purana Qila

Forte Tughlaqabad

Fondata sotto il fondatore della dinastia Tughlaq nel 1321. Il sovrano entrò in un lungo conflitto con un venerato predicatore. Costruì insieme agli abitanti il ​​serbatoio necessario per il distretto e Tughlak ordinò di lavorare nel forte. Nizamuddin maledisse il sovrano, e presto morì, e il suo progetto fu abbandonato, 6 anni dopo la sua fondazione. Sono sopravvissute solo una parte delle mura e la tomba di Giyas ad-Din Tughlaq.

Forte Tughlaqabad

Agrasen Ki Baoli Bene

Non esiste una data precisa di costruzione. Si ritiene che il pozzo sia apparso durante il regno del re Agrosen. Nel XIV secolo la composizione subì modifiche strutturali. Il sito archeologico ha 3 livelli. Ciascuno è incorniciato da nicchie ad arco su entrambi i lati. Un'ampia scalinata di 108 gradini conduce alla base del pozzo. L'edificio appare massiccio e monumentale.

Agrasen Ki Baoli Bene

Tomba di Safdarjang

Apparso durante il regno dei grandi Mughal nel XVIII secolo. È stato costruito a immagine del Taj Mahal. La tomba è il luogo di riposo del primo ministro alla corte dell'imperatore Mohammad Shah. Il complesso commemorativo è costituito da diversi edifici. Alcuni di loro erano abitati da persone in passato. L'edificio attualmente ospita il Servizio Archeologico dell'India. Sulla terrazza superiore è stato realizzato un ponte di osservazione. C'è un grande parco intorno.

Tomba di Safdarjang

Mausoleo di Nizamuddin

Costruito nel XIV secolo. Nizamuddin Auliya è un importante santo sufi. Quest'uomo era così rispettato che fino ad ora il mausoleo con missioni di pellegrinaggio è visitato non solo dai musulmani, ma anche da rappresentanti di altre fedi. L'intero distretto prende il nome da Nizamuddin. Intorno è sempre pulito, anche se l'edificio è denso. Prima di entrare nel mausoleo, devi toglierti le scarpe. Libri religiosi e souvenir sono venduti nelle vicinanze.

Mausoleo di Nizamuddin

Jantar Mantar

L'osservatorio fu creato all'inizio del XVIII secolo per compilare tavole astronomiche e calendari. Consiste di 13 oggetti - speciali strumenti astronomici architettonici. Per ordine del Maharaja Sawai Jai Singh II, 7 di questi osservatori furono costruiti in diverse città. Loro, come Jantar Mantar, non sono più utilizzati per lo scopo previsto poiché sono obsoleti, ma sono popolari attrazioni turistiche.

Jantar Mantar

Parco archeologico di Mehrauli

Le rovine di edifici di epoche diverse, protette come monumenti antichi. Ci sono circa 100 attrazioni individuali nel parco. Alcuni di essi risalgono ai secoli XII-XIII. Le autorità del paese hanno intrapreso il restauro di questi oggetti, ma finora solo quattro dozzine sono state riportate nella forma corretta. Edifici degni di nota: la tomba di Balban, la tomba di Shahid Khan, il pozzo di Gandhak Ki Baoli.

Parco archeologico di Mehrauli

Complesso architettonico Haus Khas

In passato era un villaggio, parte della seconda città più grande del Sultanato nel XIII secolo. Il primo edificio è un'enorme piscina, che ha dato il nome alla zona. Nel corso del tempo, attorno ad esso furono costruiti madrase, padiglioni e moschee. All'interno del complesso si trova un parco ricco di creature viventi, tra cui i pavoni. Molti degli oggetti sono ben conservati, ma il loro aspetto è lontano dall'originale, quindi House Khas è ora in fase di restauro.

Complesso architettonico Haus Khas

Parco divertimenti Mondi delle Meraviglie

La prima zona di intrattenimento è stata aperta nel 2007 vicino a Delhi. A poco a poco, il territorio è stato ampliato, aggiungendo nuovi tipi di svago. Oltre a 20 attrazioni, c'è un parco acquatico e un karting. Ci sono limiti di età e limiti di altezza legati alla sicurezza. Se lo desideri, puoi acquistare un biglietto unico per visitare l'intero parco. Piccoli caffè e negozi sono a disposizione degli ospiti.

Parco divertimenti Mondi delle Meraviglie

Giardini Moghul

Si trovano sul territorio del palazzo presidenziale. I giardini sono stati progettati nel 1924 e da allora la diversità delle specie è aumentata notevolmente. Sono aperti al pubblico solo un mese all'anno: da metà febbraio a metà marzo. Ogni anno viene selezionato un fiore principale e un colore principale. Ad esempio, un tulipano rosso o una rosa gialla. Di conseguenza, vengono progettati i giardini stessi, così come le singole mostre tematiche.

Giardini Moghul

Giardini di Lodi

Il pittoresco complesso del parco comprende molti oggetti interessanti. Oltre a vicoli, aiuole, prati verdi e stagni, i turisti potranno vedere rovine, tombe, moschee e mausolei. C'è anche un piccolo santuario delle farfalle. La rete copre i loro habitat per proteggerli dagli uccelli. 50 specie di piante da fiore rendono i giardini luminosi e colorati durante tutto l'anno.

Giardini di Lodi