Le 20 migliori attrazioni di Dresda, Germania

324
59 372

Dresda è stata a lungo considerata la capitale culturale della Sassonia. Per i turisti, è una delle città tedesche più interessanti. Questa è un'oasi pittoresca nella valle del fiume Elba - sorprendentemente armoniosa, calma ed elegante. Numerose attrazioni di Dresda sono state sapientemente restaurate dopo la distruzione della seconda guerra mondiale, così oggi migliaia di turisti possono ammirare la sua atmosfera unica.

I tesori culturali dei musei di Dresda furono conservati con cura per le generazioni future e portati fuori dalla città durante i terribili bombardamenti. Dopo la ricostruzione, molte collezioni furono restituite alla città. Oggi gli ospiti possono ancora godere delle mostre e apprendere da esse la storia dell'antica Sassonia.

Cosa vedere e dove andare a Dresda?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Zwinger

Complesso di palazzo e parco dei secoli XVIII-XIX. La sua costruzione iniziò sotto l'elettore sassone Augusto il Forte, che rimase colpito dalle bellezze della Versailles francese e volle costruire una residenza altrettanto bella nel suo regno. Sul territorio dello Zwinger c'è un pittoresco parco paesaggistico e diversi famosi musei. Il complesso fu notevolmente danneggiato durante i bombardamenti del 1945, la maggior parte del palazzo fu restaurata dalle rovine.

Zwinger

Albertino

Museo d'arte di Dresda. Fino alla fine dell'Ottocento nell'edificio si trovava l'Arsenale, poi vi si trovavano l'archivio cittadino e le collezioni museali. La galleria ha preso il nome in onore del re Alberto, che era un ardente ammiratore e conoscitore d'arte. L'Albertinum espone le opere di maestri che hanno lavorato nello stile del realismo, dell'impressionismo, del romanticismo. Oltre ai dipinti, viene presentata una ricca esposizione scultorea.

Albertino

Galleria degli antichi maestri

Museo situato in uno dei palazzi Zwinger. La galleria contiene capolavori unici di artisti, a partire dal Rinascimento. La collezione iniziò a prendere forma nella prima metà del XVIII secolo con l'aiuto dei regnanti Augusto II e Augusto III. Prima del bombardamento dello Zwinger, i dipinti furono rimossi dal museo, quindi furono salvati dalla distruzione. Fino al 1965, la collezione della galleria si trovava sul territorio dell'URSS.

Galleria degli antichi maestri

Residenza del castello di Dresda

La residenza ufficiale dei sovrani sassoni. Secondo documenti storici, la prima fortezza apparve in questo sito alla fine del XIII secolo. Nel tempo l'edificio assunse un aspetto sempre più solenne secondo le tradizioni architettoniche delle epoche successive. Entro la metà del XVI secolo il palazzo divenne una residenza e fu ricostruito in stile rinascimentale. Nel XIX secolo, la facciata fu "ricoperta" di elementi barocchi e acquisì il suo aspetto moderno.

Residenza del castello di Dresda

Terrazza di Brühl

Una sezione dell'argine del fiume Elba con una lunghezza di circa 500 metri. Nel XIX secolo era una popolare passeggiata per la nobiltà europea, che veniva a Dresda per ammirare le viste pittoresche della città e del fiume. Proprio in quel momento, la terrazza di Brühl iniziò a essere chiamata il "balcone d'Europa". Nel XVI secolo la passeggiata faceva parte del sistema di fortificazioni militari di Dresda, ma gradualmente perse il suo significato difensivo.

Terrazza di Brühl

Frauenkirche - Chiesa di Nostra Signora

Cattedrale del XVIII secolo in monumentale stile barocco, progettata dall'architetto G. Baer. Dopo la totale distruzione dell'edificio storico nel 1945, il tempio rimase in rovina fino all'unificazione della Germania alla fine degli anni '80. XX secolo. L'inaugurazione della chiesa completamente restaurata è avvenuta nel 2005. Questa è stata preceduta dall'attento lavoro dei restauratori che dal 1993 lavorano per ricreare l'aspetto originario dell'edificio.

Frauenkirche - Chiesa di Nostra Signora

Hofkirche - Chiesa di corte cattolica

Cattedrale della diocesi cattolica di Dresda. L'edificio fu costruito in stile barocco secondo il progetto di G. Chiaveri a metà del XVIII secolo. La Hofkirche era originariamente utilizzata come chiesa di corte della famiglia del sovrano Federico Augusto II. All'interno c'è una cripta di famiglia della dinastia dei duchi di Wettin, i sovrani della Sassonia. La chiesa è stata completamente restaurata dopo la distruzione della seconda guerra mondiale nel 1962.

Hofkirche - Chiesa di corte cattolica

Kreuzkirche - Chiesa della Santa Croce

La principale chiesa protestante di Dresda, una delle chiese più antiche e più grandi della Sassonia. Nel XII secolo, al suo posto c'era la Basilica di San Nicola. Più volte l'edificio è bruciato, è crollato e ricostruito fino a quando non ha assunto il suo aspetto moderno alla fine del XVIII secolo. La facciata esterna della Kreuzkirche è sopravvissuta ai bombardamenti del 1945. La chiesa ha guadagnato fama grazie al coro dei ragazzi, il cui canto virtuoso ha accompagnato il culto per molti secoli.

Kreuzkirche - Chiesa della Santa Croce

Dreikönigskirche - Chiesa dei Re Magi

La prima menzione del tempio risale al XV secolo, ma gli edifici di quei tempi non sono stati conservati. L'edificio barocco fu progettato dall'architetto M.D. Pöppelman nel 1739. All'interno della chiesa si trova una composizione decorativa (fregio) chiamata "Danza macabra di Dresda", creata sotto Augusto il Forte per denunciare le idee "perniciose" della Riforma della Chiesa .

Dreikönigskirche - Chiesa dei Re Magi

Sempre Opera

Dresden State Opera, dove suona una delle più antiche orchestre europee. Sotto i governanti sassoni, il palcoscenico fungeva da opera reale. Sul palco della Semperoper si sono svolte le anteprime di diverse opere del famoso compositore I. Strauss. L'ultimo restauro dell'edificio è avvenuto nel 1985. Per ricreare l'edificio del XIX secolo, è stata necessaria una lunga ricerca del suo progetto originale.

Sempre Opera

Museo tedesco dell'igiene

Museo Anatomico, dove i visitatori possono conoscere la struttura e il lavoro del corpo umano. Fu fondata nella prima metà del XX secolo dall'industriale K.A. Lingner, inventore del collutorio igienico. La prima e all'epoca la più rivoluzionaria mostra era una figura umana di vetro. Tutti gli organi e i sistemi erano chiaramente visibili attraverso il guscio trasparente del modello.

Museo tedesco dell

Museo di storia militare della Bundeswehr

Un importante museo militare, aperto per la prima volta nel 1877. Oltre ad ospitare mostre, i suoi locali sono stati utilizzati come arsenale e per l'affitto agli imprenditori. Nel 1945, secondo i termini del trattato di pace, il museo fu chiuso, la maggior parte della collezione fu portata in URSS. Dal 1972, nell'edificio è attivo il Museo dell'esercito della DDR. Dal 1990, dopo la riunificazione della Germania, l'esposizione è stata riaperta con il nome di "Museo di storia militare delle forze armate tedesche".

Museo di storia militare della Bundeswehr

Pannello "Corteo dei Principi"

Una composizione di lastre in gres porcellanato decora una delle pareti del cortile delle scuderie del Castello-Residenza di Dresda. Il dipinto raffigura i sovrani della Sassonia, rappresentanti della dinastia Wettin. Il pannello è composto da 25.000 lastre prodotte nella manifattura di Meissen. L'attrazione non è stata quasi danneggiata durante la distruzione del 1945, quindi i turisti possono godere della sua bellezza originale.

Pannello Corteo dei Principi

Jenice

L'edificio dell'ex manifattura tabacchi dell'inizio del XX secolo, costruito nell'originale stile "orientale". La struttura è coronata da una cupola di vetro, tipica per l'architettura delle moschee, ai lati sono presenti tubi di scarico mascherati da "minareti" arabi. Dopo la chiusura dello stabilimento nel 1953, i locali sono adibiti ad uffici. C'è anche un ristorante sotto la cupola.

Jenice

Castello Palazzo Pillnitz

Residenza estiva dei sovrani di Sassonia sulle rive dell'Elba. All'inizio del XVIII secolo, per volere di Augusto, furono eretti i palazzi Strong Wettin, Water e Upland secondo il progetto degli architetti Z. Longlyun e M. Peppelman, poco dopo apparve il New Palace. Sul territorio del complesso si trovano il Museo del Castello, il Museo delle Arti Applicate e un magnifico parco paesaggistico in stile inglese.

Castello Palazzo Pillnitz

Castelli dell'Elba di Dresda

Tre piccoli castelli della metà del XIX secolo, sulla riva destra dell'Elba: Lingner, Albrechtsberg, Ekberg. Le strutture non hanno mai svolto funzioni difensive

Castelli dell

Castello di Moritzburg

Il maestoso castello nella città di Moritzburg (14 km da Dresda), una delle residenze della dinastia reale dei Wettin. A metà del XVI secolo, sul sito del castello si trovava una tenuta di caccia. Sotto Augusto il Forte si svolse un'ampia ricostruzione dell'edificio stesso e la riqualificazione del paesaggio circostante. Il risultato è un pittoresco "palazzo sull'acqua" in stile barocco sassone.

Castello di Moritzburg

fiume Elba

Il letto del fiume si estendeva per 1165 km. in Germania, Repubblica Ceca, Austria e Polonia. La valle dell'Elba di Dresda (e il centro storico di Dresda incluso in essa) è stata inclusa nella lista dell'UNESCO per la sua particolare bellezza prima della costruzione del ponte Waldschlöschen. Nella valle ci sono vaste aree di praterie acquifere sulle quali nulla è mai stato edificato, una riserva chiusa e terrazze naturali.

Fiume Elba

Ponte "Miracolo Blu"

Il nome ufficiale dell'edificio è Loshvitsky Bridge. La struttura lunga 280 metri collega i distretti di Loschwitz e Blasewitz. Il ponte fu eretto alla fine dell'Ottocento secondo un progetto progressivo e innovativo per l'epoca dall'ingegnere B. Kruger. Prima che il ponte entrasse in funzione, è stato sottoposto a numerosi test di resistenza. Oggi il Blue Miracle è in ottime condizioni ed è attivamente sfruttato.

Ponte Miracolo Blu

Ponte Bastei

Un ponte costruito tra le scogliere costiere nella prima metà del XIX secolo. L'architettura dell'edificio ricorda allo stesso tempo gli antichi acquedotti romani e un edificio del primo romanico. È circondato da viste pittoresche sulla zona conosciuta come il Parco Nazionale della Svizzera sassone. Il ponte sorge a 195 metri sopra l'Elba e offre una magnifica vista sulla valle del fiume, sugli altipiani montuosi e sulle scogliere costiere.

Ponte Bastei