Le 15 migliori attrazioni del Turkmenistan

1 048
23 664

Il Turkmenistan è un paese con un grande potenziale turistico. L'ex repubblica sovietica ha preso una strada del tutto autentica, a differenza dei suoi vicini meno fortunati. Il Turkmenistan onora le antiche tradizioni, celebra le gioiose feste nazionali in onore della nascita di un bambino o del raccolto e allo stesso tempo costruisce città moderne e sviluppa l'industria.

Per un turista che decide di visitare il Turkmenistan, il paese brillerà di colori vivaci, mostrerà le sue bellezze naturali e racconterà tante storie affascinanti. Sarà interessante per gli ospiti rilassarsi nella zona turistica di Avaza sulle rive del Mar Caspio, guardare l'infinito deserto del Karakum, fare una passeggiata durante le vacanze primaverili di bucaneve (Chuchmoma-Sayili) e tulipani (Lola-Sayili) o passeggiare per la città dei giardini fioriti di Ashgabat.

Sul territorio del moderno Turkmenistan, antiche civiltà salirono al loro potere e crollarono. Lì puoi vedere la residenza dei re di Partia, la città di Nisa e le rovine dell'antica Merv, seguire le orme della potente dinastia achemenide e degli eserciti di Alessandro Magno. Molti percorsi turistici sono posati su famosi luoghi storici.

Cosa vedere in Turkmenistan?

I luoghi più interessanti e belli, foto e una breve descrizione.

Karakum del deserto

Copre la maggior parte del paese e copre un'area di oltre 3.500 mila km². Questo è un vero regno di sabbia, dune e cammelli. Le condizioni climatiche nel deserto sono molto rigide, in estate la temperatura al sole raggiunge i 63°C, e in inverno ci sono vere e proprie gelate fino a -30°C. Quasi il 15% della popolazione del Turkmenistan vive nel deserto del Karakum.

Karakum del deserto

Cratere di gas Darvaza

Un cratere infuocato fiammeggiante si è formato a seguito di trivellazioni fallite, che non si sono sbiadite per 40 anni. Alcuni turisti lo paragonano alle porte degli Inferi. Quando nel 1971 il gas fuoriuscì in superficie, decisero di dargli fuoco per la sicurezza degli abitanti del villaggio situato nelle vicinanze. Ma finora le riserve di gas non si sono esaurite.

Cratere di gas Darvaza

Antica città di Nisa

I resti della capitale dell'ex potente regno dei Parti, costruita intorno al II secolo a.C. AVANTI CRISTO. La città fu costruita per volere del re Mitridate. Qui c'erano i luoghi di sepoltura dei membri della dinastia arsacide regnante, palazzi, templi, numerosi magazzini e il tesoro reale. Nisa è inclusa nella lista del patrimonio dell'UNESCO.

Antica città di Nisa

Antica città di Merv

Questa città è la più antica di tutta l'Asia centrale, fu costruita durante la civiltà margiana (3-2 mila anni a.C.). Successivamente divenne uno dei centri della potente Partia. Dopo la conquista araba del VII secolo, Merv divenne una roccaforte per un'ulteriore espansione a est ea nord. La città fiorì durante il periodo della dinastia araba dei Samanidi nel XII secolo

Antica città di Merv

Deistan

Questo luogo è anche chiamato la "pianura marziana". Un tempo l'area era una fiorente oasi circondata da fiumi e giardini, ma passarono centinaia di anni e le acque si prosciugarono e il Dehistan si trasformò in un deserto. Le persone dovevano andare in altre terre più fertili, abbandonare i loro insediamenti. Nel corso dei secoli sono giunte fino a noi le rovine di Akga-kala e Shadur-kala, circondate da una pianura senza vita.

Deistan

Kunya-Urgench

La riserva storica del Turkmenistan, era in precedenza la capitale del Nord Khorezm. Menzioni della città si trovano dal I secolo. Nel X secolo, durante il regno dei Samanidi, Kunya-Ugrech fu ribattezzata Gurganj. La città divenne un centro culturale e scientifico, il secondo dopo la capitale dell'impero, Bukhara. Qui visse il famoso Ibn Sina (Avicenna in europeo).

Kunya-Urgench

Palazzo Ruhyet

Un moderno monumento architettonico costruito nel 1999 ad Ashgabat per ordine del primo presidente turkmeno S. Niyazov. È un complesso di marmo bianco sormontato da cupole turchesi. Il palazzo è utilizzato per conferenze, forum, importanti eventi statali, nonché concerti e celebrazioni di massa.

Palazzo Ruhyet

Monumento dell'indipendenza del Turkmenistan

Un simbolo dell'indipendenza del paese sotto forma di una colonna di 118 metri. L'edificio si trova nel parco di Ashgabat, ricordando ai residenti e agli ospiti la formazione di uno stato separato e indipendente del Turkmenistan. La parte superiore del monumento è coronata da una falce di luna con cinque stelle che simboleggiano l'unità delle cinque tribù turkmene.

Monumento dell

Moschea Ertogrulgazy

Costruzione degli anni '90, una delle moschee più belle di Ashgabat. Durante la costruzione sono stati utilizzati elementi dello stile turco, anche il nome ha radici turche - è dato in onore del padre del sovrano Osman I. Il tempio può ospitare quasi 5mila credenti ed è il più grande della capitale. Elementi dell'antico stile bizantino sono visibili nel cortile e nella decorazione.

Moschea Ertogrulgazy

Moschea di Turkmenbashi Rukhy

Il principale tempio musulmano del Turkmenistan, un edificio grande e pomposo. Fu eretto su iniziativa di Turkmenbashi (S. Niyazov) e prese il suo nome. La moschea non si trova nella capitale, ma nel villaggio di Kipchak, dove è nato il presidente. La costruzione è stata eseguita da un'azienda francese, il lavoro è costato al Paese oltre 100 milioni di dollari.

Moschea di Turkmenbashi Rukhy

Grotta di Bakharden

Punto di riferimento naturale nel sud-ovest del paese. La grotta ha un grande lago sotterraneo profondo 16 m e lungo 70 m. Le tribù turkmene consideravano questo luogo sacro, per secoli intere carovane e famiglie venivano qui per fare un sacrificio (bestiame) e chiedere la misericordia degli spiriti.

Grotta di Bakharden

Altopiano dei dinosauri

Un luogo misterioso e unico dove sono state conservate le impronte delle zampe dei dinosauri. Secondo la leggenda locale, queste impronte appartenevano agli enormi elefanti delle truppe di Alessandro Magno (nel dialetto locale di Iskander Zulkarnein). Sull'altopiano sono state registrate più di 3.000 tracce di antichi rettili e più di 30 sentieri lungo i quali svolgevano i loro affari.

Altopiano dei dinosauri

Repetek Riserva

Qui iniziano le sabbie dell'infinito deserto del Karakum. Questo è uno dei luoghi più caldi del paese, dove le temperature raggiungono i 50°C. La fauna e la flora del deserto sono rappresentate nella riserva. Qui vivono tartarughe, lucertole, lucertole monitor, crescono acacia del deserto e papavero pavone. Molte specie sono endemiche della zona.

Repetek Riserva

Canyon Yangi-Kala

Tradotto dal turkmeno, significa "fortezze infuocate". Questo è un luogo pittoresco e insolito: le rocce dai colori viola, giallo, beige, rosso sembrano davvero essere castelli di una fantasia fiabesca. Durante il tramonto, le pietre si colorano di colori più luminosi e uno spettacolo indimenticabile appare all'occhio del turista. Nel canyon è possibile organizzare un safari in jeep o un'escursione con pernottamento in tenda.

Canyon Yangi-Kala

Mar Caspio

Il Turkmenistan possiede un pezzo abbastanza grande della costa del Caspio - circa 1200 km. Questo serbatoio unico si trova proprio all'incrocio tra Asia ed Europa. Di recente, per volere delle autorità turkmene, è stata creata sulla costa la zona turistica nazionale di Avaza con pensioni, hotel, sanatori e infrastrutture sviluppate per i turisti.

Mar Caspio