Le 20 migliori attrazioni di Valencia, Spagna

1 210
30 004

Un tempo i Mori chiamavano Valencia "la terra benedetta". Secoli dopo, l'atmosfera della città non è affatto cambiata, anche se da allora Valencia è diventata una metropoli moderna e dinamica. In oltre duemila anni di storia, qui si è accumulato un colossale codice culturale.

Valencia fu fondata dai Romani nel I secolo. Da allora è riuscita a visitare la provincia di un potente impero, parte dello stato mauritano e principato cristiano indipendente fino a quando non è entrata nel regno unito di Spagna.

L'area urbana di Valencia ha diverse spiagge con bandiera blu dove puoi trascorrere una fantastica vacanza, ed è anche sede del famoso festival del fuoco Las Fallas, che attira migliaia di turisti ogni anno. E la più deliziosa paella valenciana è probabilmente provata da tutti gli ospiti della città.

Cosa vedere e dove andare a Valencia?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Città delle Arti e delle Scienze

Un moderno complesso di intrattenimento, un vero orgoglio architettonico di tutta la Spagna. L'insieme futuristico creato da Santiago Calatrava contrasta fortemente con i quartieri storici della città. C'è una galleria espositiva, una città-museo delle scienze, un planetario (che comprende un cinema e un teatro per spettacoli laser), un teatro dell'opera e un oceanario. Il complesso è aperto al pubblico dal 1998, negli anni successivi è stato completato.

Città delle Arti e delle Scienze

Porta di Serranos

Antiche porte cittadine, conservate dal XIV secolo. Avevano lo scopo di difendere la città e respingere gli attacchi nemici. Nei secoli passati, le torri del cancello sono riuscite a fungere da prigione per nobili nobili e deposito di reperti museali durante le guerre (le collezioni del Museo del Prado sono state appositamente evacuate qui per proteggerle da possibili bombardamenti). Nel nostro tempo, i Serranos svolgono una funzione simbolica.

Porta di Serranos

Porta Kuart

La seconda (dopo la Porta di Serranos) antica porta sopravvissuta fino ai nostri giorni, a guardia dell'ingresso a Valencia. Da qui inizia l'ingresso alla vecchia parte centrale della città. La struttura è stata costruita nello stile napoletano di pietra calcarea e pietra e ricorda un forte medievale italiano. Diversi secoli fa, nelle torri del cancello si trovava una prigione femminile. Nel 1931 l'edificio ottenne lo status di monumento storico.

Porta Kurart

Piazza del Municipio

La piazza si trova nella parte storica di Valencia. Ospita eventi pubblici importanti per la città. Ci sono diversi luoghi d'interesse sulla piazza contemporaneamente: l'ufficio postale centrale, l'edificio dell'Assemblea del commercio e il Comune (Municipio). L'ultimo edificio merita un'attenzione particolare. Questo è un pittoresco palazzo della fine del XVIII secolo, decorato con bassorilievi barocchi, archi figurati e balconi.

Piazza del Municipio

Piazza della Regina

La Piazza della Regina è una delle più affollate e animate di Valencia. Diverse grandi strade convergono qui contemporaneamente. Il luogo prese il nome in onore della moglie del sovrano Alfonso XII Queen Mary. L'area è decorata con aiuole, vicoli e caffè accoglienti. Sul lato nord si trova una cattedrale con un alto campanile. Da Plaza de la Reina inizia il rapporto chilometrico di tutte le strade valenciane.

Piazza della Regina

Cattedrale di Valenzia

Cattedrale in onore della Santa Vergine Maria, il principale tempio cristiano di Valencia. Fu eretto prima dell'arrivo dei Mori nella penisola iberica. Durante la dominazione araba fu trasformata in moschea. Nel XIII sec. la cattedrale divenne nuovamente un monastero cristiano con la benedizione del Vescovo di Valencia. L'edificio è stato costruito nel cosiddetto stile "gotico mediterraneo". Qui giace una delle reliquie cristiane più significative: il Santo Graal.

Cattedrale di Valenzia

Basilica di Nostra Signora Difensore dei Diseredati

Il tempio si trova accanto alla Cattedrale di Santa Vergine Maria ed è collegato ad essa attraverso una galleria. Questa chiesa apparentemente poco appariscente svolge un ruolo importante per i residenti locali, poiché è qui che è custodita l'immagine della patrona della città, Santa Maria Intercessore. La statua è considerata miracolosa, le persone si sono rivolte ad essa durante l'inizio di disastri, guerre, epidemie e altri problemi che hanno colpito Valencia.

Basilica di Nostra Signora Difensore dei Diseredati

Chiesa dei Santi Giovanni

Il tempio è dedicato a due personaggi biblici: Giovanni il Teologo e Giovanni Battista. L'edificio fu costruito nel XIII secolo sul sito di una moschea araba distrutta dopo la cacciata dei Mori. Nei secoli XIV e XVI. nel tempio si verificarono due forti incendi, dopodiché l'edificio fu ricostruito. L'aspetto finale, sopravvissuto fino ai nostri giorni, è un edificio del XVIII secolo con un'elegante facciata in stile barocco.

Chiesa dei Santi Giovanni

Chiesa di Santa Catalina

Tempio, situato vicino alla Cattedrale di Valencia, dedicato alla martire cristiana Catalina. Secondo la leggenda, Catalina ha sofferto per la sua fede e saggezza. Per ordine dell'imperatore Massimiliano, fu scorticata viva. Il culto di Santa Catalina si diffuse rapidamente in tutta Europa. Il tempio valenciano in suo onore fu costruito sotto Giacomo I sul sito della moschea araba demolita.

Chiesa di Santa Catalina

Museo di Belle Arti di Valencia

Un edificio del XVII secolo che ospitava una scuola per il clero. Contiene eccezionali collezioni di famosi artisti spagnoli, tra cui El Greco, Velázquez e Goya. Esposizioni separate sono dedicate ai rappresentanti della scuola d'arte valenciana: Nicolas Falco, Rodrigo de Oson e altri. Il museo vanta anche dipinti di famosi maestri italiani e olandesi.

Museo di Belle Arti di Valencia

Palazzo dei Marchesi di Dos Aguas

Il palazzo è considerato uno degli edifici più belli della città. L'edificio è decorato con un'intricata e lussuosa facciata barocca, una vera opera d'arte. Anche gli interni sono decorati con particolare splendore. Il palazzo ospita un museo della ceramica, dove sono esposte diverse migliaia di reperti. Qui puoi trovare ceramiche uniche risalenti al XVI secolo. Vengono presentate anche collezioni di gioielli, mobili e oggetti per interni.

Palazzo dei Marchesi di Dos Aguas

Palazzo della Generalidad

La sede del governo della regione autonoma di Valencia, aperta ai turisti in determinati orari. La costruzione del palazzo iniziò nel XV secolo per ordine del Consiglio dei Deputati. La facciata nord dell'edificio si affaccia su Plaza de Manises, sul lato opposto c'è un accogliente giardino pittoresco. La Generalidad ha subito una ricostruzione su larga scala a metà del XX secolo e ha mantenuto quasi il suo aspetto originale.

Palazzo della Generalidad

Lonja de la Seda (cambio della seta)

Complesso architettonico costituito da diversi edifici del XV e XVI secolo. Questa è una creazione eccezionale di architetti spagnoli. Nel Medioevo nel territorio del complesso si commerciava la seta. L'insieme comprende una torre, un patio arancione, una sala riunioni e la sala principale a colonne, in cui si svolgevano direttamente le transazioni commerciali. In questa sala, sul pavimento di marmi policromi, sono scolpite in latino le regole del commercio.

Lonja de la Seda (cambio della seta)

Stazione Nord

La stazione principale della città dove arrivano i treni da Madrid. L'edificio è stato costruito all'inizio del XX secolo nello stile del "moderno meridionale" con qualche pretenziosità e pomposità. Gli interni sono originariamente decorati con piastrelle, piastrelle, mosaici, vetrate colorate e immagini di frutta. Al progetto ha lavorato l'architetto Demetrio Ribes. Forse stava cercando di catturare nella pietra l'immagine di un giardino fiorito.

Stazione Nord

Plaza de Toros (arena)

Un grande anfiteatro circolare per la corrida. Si trova vicino alla Stazione Nord. Il sito è stato progettato nel XIX secolo da Sebastian Monleon. Il diametro dell'arena è di 52 metri, la capacità è fino a 16mila spettatori. I migliori toreri si esibiscono qui e ogni anno si tengono circa 25 combattimenti. All'interno c'è un museo della corrida dove è possibile conoscere la storia e le caratteristiche di questo spettacolo nazionale.

Plaza de Toros (arena)

Mercato centrale

Un grande mercato alimentare, dove vengono portati prodotti da tutta la regione. Ecco le migliori fattorie della regione autonoma di Valencia. Sugli scaffali vendono dozzine di varietà di formaggio e prosciutto, dolci, pesce, frutti di mare, noci, ingredienti per fare la paella. Il mercato è sempre affollato e rumoroso. L'edificio stesso, dove si trovano i negozi, è una struttura pittoresca con vetrate colorate e grate in ferro battuto.

Mercato centrale

Mercato Colombo

Un mercatino liberty intitolato al grande scopritore, ma che non ha nulla a che fare con lui. Qui non solo puoi acquistare prodotti freschi o souvenir, ma anche consumare un pasto delizioso o assaggiare innumerevoli e variegate tapas. Nei giorni festivi il mercato si trasforma e diventa un'arena per concerti, dove si tengono vari spettacoli.

Mercato Colombo

Giardini del fiume Turia

Un enorme complesso di parchi nell'ex letto del fiume. Turia, che si estende per tutta la città. Si compone di diverse zone, tra cui i Giardini Reali, la Città delle Arti e delle Scienze e l'Orto Botanico. A metà del XX secolo, dopo un'altra grande alluvione, le autorità decisero di cambiare il corso del fiume Turia, e nel luogo risultante organizzarono un'area verde a parco (inizialmente progettarono di costruire una strada). Così sono nati i giardini moderni.

Giardini del fiume Turia

Bioparco Valencia

Uno zoo cittadino progressivo, dove vengono create le condizioni più naturali e confortevoli per gli animali. Aperto al pubblico nel 2008. Nel bioparco non ci sono recinti o gabbie recintate, quindi gli animali possono muoversi liberamente su una vasta area. I visitatori non sono autorizzati a nutrire o toccare gli animali dello zoo. Il territorio è suddiviso in diverse zone, dove sono ospitati animali provenienti da diversi continenti.

Bioparco Valencia

Parco Naturale dell'Albufera

Un lago nelle vicinanze di Valencia e zone paludose intorno ad esso, che la gente del posto chiama il "piccolo mare". Questo è un habitat per un gran numero di uccelli acquatici. Nidificano qui in interi stormi e non hanno affatto paura delle persone. Nel Parco dell'Albufera ci sono diverse specie elencate nel Libro rosso. Il modo migliore per vedere le bellezze naturali della zona è fare un giro in barca.

Parco Naturale dell