Le 20 migliori attrazioni di Saragozza, Spagna

1 046
44 461

L'aspetto della moderna Saragozza iniziò a prendere forma ai tempi del Califfato di Cordoba, quando i Mori regnavano sovrani su quasi tutto il territorio della penisola iberica. Fu durante questo periodo che avvenne il fiorire del lussuoso stile architettonico mudéjar, che combina armoniosamente motivi arabi ed europei.

La storia ha lasciato ai discendenti i lussuosi templi di Nuestra Señora del Pilar e La Seo, la fortezza musulmana di Aljaferia, che sembra sia stata costruita ai nostri tempi, piazze pittoresche nel centro storico della città. Saragozza ricorda ancora la presenza delle incoronate Isabella di Castiglia e Ferdinando d'Aragona, conserva con cura il patrimonio culturale dei talentuosi Francisco Goya e Pablo Gargallo, aprendo ospitalmente le sue porte ai turisti.

Cosa vedere e dove andare a Saragozza?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Il più grande tempio barocco della Spagna, costruito nei secoli XVII-XIX. Il primo edificio religioso sul sito dell'attuale chiesa apparve nel II secolo, poi fu successivamente sostituito da chiese romaniche e gotiche. L'edificio moderno fa una forte impressione: ci sono 4 torri alte 90 metri lungo i bordi, 12 cupole sono ricoperte di ornamenti moreschi e lo stesso Francisco Goya ha dipinto l'interno.

Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Cattedrale di La Seo

Anticamente il sito del tempio era il foro (il centro della città romana), durante il regno dei Mori - la moschea di Saragusta al Bayda. Nel XII secolo, dopo la liberazione di Sagagosa, invece di un tempio musulmano, iniziarono a costruirne uno cristiano. Dall'inizio del XIII secolo a La Seo ebbero luogo incoronazioni, matrimoni e sepolture dei sovrani aragonesi. La cattedrale è stata costruita nel magnifico stile mudéjar. Alla sua decorazione parteciparono artigiani di Siviglia.

Cattedrale di La Seo

Aljaferia

Fortezza moresca dell'XI secolo. Fu eretto dopo il crollo del Califfato di Cordoba, quando Saragozza divenne la capitale di un emirato indipendente. Dopo il 1384, Aljaferia divenne la residenza dei re cattolici Isabella di Castiglia e Ferdinando d'Aragona. In questo periodo l'edificio fu ricostruito in stile mudéjar con elementi gotici. Dal XV secolo qui si trovava la prigione dell'Inquisizione, quindi la caserma. Dopo il restauro nel XX secolo, la fortezza ha ospitato un museo, un tribunale e l'Assemblea Legislativa d'Aragona.

Aljaferia

Piazza del Pilar

Un altro nome per la piazza è Piazza della Cattedrale, poiché su di essa si affacciano contemporaneamente le facciate di due cattedrali. Le prime menzioni di questo luogo si trovano nei documenti dell'Alto Medioevo. Si ritiene che fino al XVI secolo qui esistesse un cimitero. La piazza ha acquisito il suo aspetto moderno solo negli anni '40 dopo il restauro. Una delle principali attrazioni oltre alle cattedrali è la fontana Fuente de la Hispanidad, che simboleggia l'America Latina.

Piazza del Pilar

Piazza di Spagna

Una delle piazze centrali della città, dove viene eretto un monumento agli abitanti di Aragona caduti per la patria, che resistettero coraggiosamente per due mesi all'esercito di Napoleone. Vicino al monumento battevano i getti della fontana. Come risultato dell'ultimo restauro, il luogo ha acquisito un aspetto abbastanza moderno: era circondato dalle facciate di hotel, centri commerciali ed edifici amministrativi.

Piazza di Spagna

Calle Alfonso

Una tipica strada pedonale con molti negozi e ristoranti orientati al turismo per tutti i gusti. Probabilmente ce n'è uno in ogni città spagnola. Il vicolo si trova in pieno centro e si estende dalla Basilica di Nuestra Señora del Pilar. In inverno, a Natale, la strada è decorata con ghirlande cerimoniali

Calle Alfonso

Un ponte di pietra

Attraversamento del fiume Ebro, costruito a metà del XV secolo. Due secoli dopo fu distrutta da un'alluvione, ma pochi anni dopo la struttura fu restaurata. Abbastanza spesso, la struttura è chiamata Ponte dei Leoni, poiché all'ingresso ci sono quattro figure di leoni in bronzo, create dallo scultore F. R. Lajos nel 1991. Il nobile re degli animali è considerato un simbolo di Saragozza.

Un ponte di pietra

Museo del Foro Romano

Nei tempi antichi, Saragozza era una fiorente colonia romana. Oggi, sul sito delle rovine dell'ex foro, c'è un museo dove è possibile osservare ciò che resta dell'antica piazza, del teatro, delle terme e di altri edifici. Vicino a ogni oggetto è posta la sua immagine originale, poiché non sempre è chiaro da un mucchio di pietre come appariva effettivamente la struttura.

Museo del Foro Romano

Museo di Saragozza

La collezione è composta da reperti etnografici, archeologici e artistici, il museo dispone anche di una biblioteca e di un dipartimento di restauro. Qui puoi vedere esempi di mosaici romani, oggetti interni della fortezza di Aljaferia, dipinti rinascimentali, sculture romaniche e molto altro. Il Museo di Saragozza è considerato uno dei più grandi della provincia di Aragona.

Museo di Saragozza

Museo Pablo Gargallo

L'esposizione è dedicata all'opera di P. Gargallo, artista d'avanguardia considerato il capostipite di questa tendenza in Spagna. Le opere del maestro sono esposte nel seicentesco Palazzo Archillo. Sebbene il pittore non sia famoso come Pablo Picasso, il suo contributo all'arte è difficile da sopravvalutare. Molti edifici di Barcellona sono decorati con le sue opere, tra i più famosi ci sono l'Ospedale di Santa Creu e Sant Pau e il Palazzo della Musica Catalana.

Museo Pablo Gargallo

Museo degli Arazzi La Seo

Il museo si trova sul territorio della Cattedrale di La Seo. La collezione di arazzi è composta da elaborati pannelli raffiguranti scene della vita di monarchi, aristocratici e cittadini. Ogni tela è piuttosto grande, raffigura un numero incredibile di attori e dettagli, il che fa ammirare l'abilità delle persone che hanno creato questa magnificenza.

Museo degli Arazzi La Seo

Museo Francisco Goya

La collezione è dedicata all'opera del famoso pittore, che, grazie al suo talento, ha ricevuto riconoscimenti in tutto il mondo. Il museo è stato aperto nel 1979 su iniziativa del professor H.K. Aznar e sua moglie M.L. Alvarez Pinillos. La coppia ha collezionato a lungo le opere di Goya e ha deciso di rendere pubblica la propria collezione. Oggi, oltre ai dipinti dell'artista, il museo espone incisioni e dipinti dei suoi contemporanei.

Museo Francisco Goya

Centro culturale "CaixaForum"

Il centro si trova in un edificio di architettura moderna, a forma di due cubi incrociati. L'edificio è stato progettato dagli architetti dell'ufficio Estudio Carme Pinos. Si trovavano di fronte al compito di creare qualcosa di insolito con l'aiuto di tecnologie avanzate. "CaixaForum" è costituito da gallerie espositive e sale per concerti, c'è anche un ristorante, un ponte di osservazione e un negozio.

Centro culturale CaixaForum

Edificio di scambio "La Lonja"

Edificio storico del XVI secolo in Piazza del Pilar, costruito per iniziativa del Vescovo d'Aragona, Hernando. Oggi sotto le sue alte volte si trova una sala espositiva, quindi si può entrare solo durante i lavori di una sorta di vernissage. L'edificio della Borsa nel Medioevo divenne spesso una decorazione architettonica della città e un simbolo del suo potere finanziario.

Edificio di scambio La Lonja

Mercato centrale

Il mercato è apparso a Saragozza nel Medioevo. Oggi lo spazio commerciale è ospitato in un pittoresco edificio a due piani. Qui puoi acquistare prodotti di agricoltori locali, prelibatezze spagnole, dolci e spezie. Oltre ai prodotti, il mercato vende vestiti, gioielli e oggetti d'antiquariato a prezzi molto convenienti. Nei piccoli caffè situati proprio sul territorio, ai visitatori viene offerto di assaggiare piatti della cucina nazionale.

Mercato centrale

Acquario di Saragozza

L'acquario cittadino è specializzato esclusivamente in specie fluviali, il che rende la sua collezione piuttosto unica. Nei bacini vivono rappresentanti della fauna del Nilo africano, dell'Ebro spagnolo, dell'Amazzonia brasiliana, del Mekong vietnamita e dell'australiano Darling Murray. Durante un tour dell'acquario, agli ospiti vengono raccontati fatti interessanti sugli abitanti dei fiumi e sugli ecosistemi.

Acquario di Saragozza

Fontana della cascata Hispanidad

La fontana abbelliva Pilar Square nel 1991. Fu costruita in onore del 500° anniversario della scoperta dell'America. È realizzato sotto forma di una nicchia divisa, dove scorrono corsi d'acqua. Accanto alla fontana c'è una figura del globo. Hispanidad è il nome collettivo di 23 paesi in cui si parla spagnolo. Sono uniti da radici culturali comuni grazie all'era delle grandi scoperte geografiche.

Fontana della cascata Hispanidad

Porto Venezia

Un grande complesso commerciale e di intrattenimento dove è possibile fare acquisti in numerosi negozi, gustare deliziosi piatti nei ristoranti e divertirsi guardando un film in uno dei cinema. Al centro ci sono fontane e un lago artificiale, le cui sponde sono delimitate da spazi verdi. Il posto è più simile a una specie di località balneare che a un centro commerciale.

Porto Venezia

Parco Grande José Antonio Labordeta

Il parco più antico di Saragozza, dove si trovano molti luoghi interessanti. Monumento al re Alfonso I il Guerriero, due sezioni del museo cittadino, l'orto botanico del XVIII secolo, monumenti all'attore P.K. Soria e la cantante lirica M. Fleta, il padiglione Rincon de Goya. Il parco ha ricevuto il suo nome moderno nel 2010 in onore del politico e poeta part-time HA Labordeta.

Parco Grande José Antonio Labordeta

fiume Ebro

L'Ebro è il secondo corso d'acqua più lungo della penisola iberica dopo il Tago, e anche il più pieno della Spagna. Si ritiene che il nome del fiume sia stato dato dagli antichi iberici. L'Ebro nasce nelle montagne della Cantabria, attraversa la pianura aragonese e sfocia nel Mar Mediterraneo. Diversi insediamenti si trovano sulle sue sponde, tra cui Saragozza. Il fiume non è adatto alla navigazione, ma le sue acque vengono utilizzate per irrigare vasti terreni agricoli.

Fiume Ebro