Le 15 migliori attrazioni di Tarragona, Spagna

1 365
65 342

Il catalano Tarragona ha una storia lunga e interessante. Anche prima dell'arrivo dei romani esisteva un insediamento iberico sul sito della futura colonia. La città fiorì nell'era dell'Impero Romano: nei secoli II-III furono costruiti un anfiteatro, un circo e un anello di mura fortificate, che sono sopravvissuti fino ad oggi e ricordano ancora la grandezza e l'invincibilità di quell'epoca.

Eppure i turisti non vengono qui per le escursioni, nonostante la città abbia davvero qualcosa da vedere. L'obiettivo principale sono le magnifiche spiagge della Costa Dorada, il relax e il dolce sole della Catalogna. Molte persone lasciano la visita turistica per dopo, quando il corpo sta già godendo appieno delle dolci acque del Mar Mediterraneo e il cervello desidera nuove esperienze.

Cosa vedere e dove andare a Tarragona?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

anfiteatro romano

Antico anfiteatro del II secolo, costruito proprio sulla costa. L'arena poteva contenere fino a 13.000 spettatori. Qui si svolgevano combattimenti di gladiatori e persecuzioni dei primi cristiani da parte di animali feroci. Nel IV secolo, dopo il riconoscimento della religione cristiana, nell'arena fu costruito un tempio in memoria dei martiri, di cui oggi sono sopravvissuti solo i ruderi. L'anfiteatro è stato scoperto a metà del XX secolo durante gli scavi archeologici.

Anfiteatro romano

Cattedrale di Tarragona

Una chiesa cattolica costruita nel primo stile gotico nei secoli XII-XIII. Si trova nel centro storico della città, circondato da una cinta muraria conservata dall'epoca dell'Impero Romano. In precedenza, sul sito della cattedrale c'era un antico tempio di Giove, una basilica paleocristiana dei Visigoti e una moschea. Lo spazio interno è decorato con un altare quattrocentesco, panche e soffitti in stucco del XIV secolo.

Cattedrale di Tarragona

Rambla Nuova

Un viale con un'ampia parte pedonale che si estende dalla stazione degli autobus alla costa mediterranea. Lungo il vicolo si trovano pittoreschi edifici in stile Liberty e monumenti insoliti. I ristoranti sono saldamente stabiliti qui, dove puoi assaggiare la cucina di diverse regioni della Spagna. La Rambla Nova è sempre piena di vita: i turisti passeggiano, i musicisti di strada si esibiscono e le sculture “dal vivo” dimostrano la loro bravura.

Rambla Nuova

circo romano

Il circo fu costruito nel I secolo ancor prima dell'anfiteatro. Come tutte queste strutture, nell'antica Roma, era destinato alle corse dei carri. Le rappresentazioni si sono svolte qui fino al V secolo, poiché la religione cristiana, ormai diventata ufficiale, non aveva nulla contro tale intrattenimento. Solo una parte dell'edificio è sopravvissuta fino ad oggi: scale in pietra, tribune e frammenti della facciata.

Circo romano

mura romane

I resti delle mura della fortezza della città di Tarraco, che, secondo molti esperti, sono gli esempi meglio conservati di architettura militare del periodo dell'Impero Romano. Le fortificazioni difensive furono erette nel II secolo aC per proteggere la città. Nel 2000 sono stati inseriti nella World Heritage List dell'UNESCO. Oggi lungo le mura si snoda un rinomato percorso turistico.

Mura romane

Museo Archeologico

La collezione del museo si trova su tre piani ed è composta da oggetti rinvenuti durante gli scavi archeologici sul territorio di Tarragona. Qui puoi ammirare sculture antiche, ceramiche, mosaici romani, armi, monete e altri manufatti. I visitatori possono anche guardare un film sulla storia della città. La mostra è apparsa a metà del XIX secolo, oggi porta con onore il titolo di museo più antico della Catalogna.

Museo Archeologico

Casa Museo di Castellarnau

Un antico palazzo del XV secolo, che dal XVIII secolo apparteneva a Carlos de Castellarnau. Dopo l'acquisto, l'aristocratico ricostruì l'edificio in stile barocco, ma nell'aspetto della facciata si conservarono ancora i tratti gotici e rinascimentali. Le stanze del palazzo sono arredate con mobili del XVIII-XIX secolo, eleganti porcellane cinesi, affreschi piastrellati e ricchi dipinti. I residenti di Tarragona credono che nella casa viva un fantasma: lo spirito della pazza figlia di Carlos de Castellarnau.

Casa Museo di Castellarnau

Museo d'Arte Moderna

L'esposizione di arte contemporanea ha iniziato i suoi lavori nel 1976, è stata organizzata sul territorio di tre palazzi del XVIII secolo. Nel museo puoi vedere le opere degli artisti catalani L. Saumels, R. Carrete, S. Martorel e altri maestri. Oltre ai dipinti, qui sono esposti arazzi, sculture, mobili e gioielli. Parte della collezione appartiene al periodo dei secoli XII-XVIII.

Museo d

Monumento "Castelleros"

Gli abitanti della Catalogna hanno una tradizione interessante: durante i giorni festivi e festivi costruiscono piramidi "viventi". Le sue origini risalgono al XVII secolo: a quel tempo a Valencia era molto in voga la danza Muisharanga, che si concluse con la costruzione di una torre “vivente”. Il monumento di Castelleros è dedicato a questa tradizione. Raffigura un gruppo di persone in piedi l'una sulle spalle dell'altra. Al vertice della piramide è posta la figura di un bambino che agita la mano.

Monumento Castelleros

Arena Tarraco Plaza

L'arena fu costruita nel 1888 in stile Art Nouveau dall'architetto R. S. Rikoma. Nel 2006 è stato chiuso per restauro, durato 4 anni. Ma gli elenchi aggiornati non erano destinati ad aprire nuovamente le porte ai coraggiosi toreri, poiché la Catalogna adottò una legge che vietava la corrida. Oggi l'arena è utilizzata per gare sportive e concerti.

Arena Tarraco Plaza

Necropoli paleocristiana

Cimitero del III-V secolo, scoperto durante la costruzione di una fabbrica di tabacco all'inizio del XX secolo. La necropoli è composta da 2mila tombe. A giudicare dalle lapidi, qui furono sepolti rappresentanti di diverse classi. Secondo numerose testimonianze raccolte durante gli scavi, esisteva una basilica dedicata ai martiri cristiani uccisi nell'arena.

Necropoli paleocristiana

Cava del Medol

La cava si trova a circa 4 km da Tarragona. Il suo sviluppo iniziò ai tempi dell'Impero Romano nel II secolo a.C. La pietra locale è stata utilizzata per costruire la colonia di Tarraco (l'odierna Tarragona). La cava non funziona da molto tempo, ma è molto attraente per i turisti. Qui si trova una colonna obelisco di pietra di 16 metri, da dove, presumibilmente, è iniziata l'estrazione mineraria.

Cava del Medol

Acquedotto Romano "Ponte del Diavolo"

Una struttura in pietra che un tempo serviva per portare l'acqua alla città. In totale c'erano due acquedotti a Tarragona, solo uno è sopravvissuto fino ad oggi. La struttura si estende su una profonda gola, raggiunge un'altezza di 27 metri. Il nome "Ponte del Diavolo" fu dato all'acquedotto grazie ad una leggenda secondo la quale il diavolo in persona aiutò a costruirlo in cambio dell'anima di colui che per primo avrebbe attraversato il ponte.

Acquedotto Romano Ponte del Diavolo

Le spiagge di Tarragona

La costa di Tarragona si estende per quasi 15 km. La città si trova nel centro della Costa Dorada, una popolare regione turistica della Catalogna e di tutta la Spagna. Quasi tutte le spiagge locali hanno un dolce ingresso al mare e sono perfette per famiglie con bambini. Molti di loro hanno ottenuto il prestigioso marchio della Bandiera Blu. La maggior parte delle spiagge è dotata di infrastrutture, alcune si trovano in luoghi deserti.

Le spiagge di Tarragona

balcone mediterraneo

Un ponte di osservazione situato a un'altitudine di 23 metri sul livello del mare. Offre una bellissima vista sull'argine, sul mare, sui tetti delle case e sull'anfiteatro romano. Il sito è protetto da una recinzione in ghisa. Secondo le credenze popolari, se ti aggrappi alle sbarre di ferro, la fortuna arriverà sicuramente. C'è un caffè dove si può mangiare un boccone e panchine, seduti su cui si possono ammirare a lungo i paesaggi ammalianti.

Balcone mediterraneo