Le 20 migliori attrazioni di Belgrado, Serbia

1 175
26 896

Belgrado è talvolta indicata come la "porta dei Balcani". Nonostante il fatto che la città abbia una storia piuttosto lunga e interessante, i turisti difficilmente troveranno qui palazzi sfarzosi, monumenti eccezionali o musei di fama mondiale. Ma la mancanza di lucentezza esterna è più che compensata dall'atmosfera speciale delle strade cittadine e dalla sconfinata cordialità dei serbi.

I principali monumenti architettonici della capitale sono la Fortezza di Belgrado e il Tempio di San Sava, che non possono essere completati in alcun modo. In alcune zone della città sono ben visibili le tracce dei bombardamenti Nato del 1999. Molte mura e case distrutte furono deliberatamente lasciate in uno stato tale che quel periodo terribile non venisse cancellato dalla memoria delle persone. Altrimenti, Belgrado è una città moderna e dinamica con il proprio fascino e carattere.

Cosa vedere e dove andare a Belgrado?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Fortezza di Belgrado

La fortezza di Belgrado sorse nel I secolo. Alcune fonti sono inclini a ritenere che l'edificio sia stato costruito diversi secoli prima. La maggior parte degli edifici appartiene al XVIII secolo, anche se all'interno della fortificazione sono state conservate tracce di epoca romana e bizantina. Per così tanto tempo la fortezza fu combattuta più di 100 volte, 44 volte fu distrutta e ricostruita. Oggi la maggior parte del territorio è un parco paesaggistico.

Fortezza di Belgrado

Parco Kalemegdan

Una grande oasi verde nel centro storico di Belgrado, che circonda la Fortezza di Belgrado. Fu sconfitto per ordine del principe Milos Obrenović nel 1867, quando il territorio del forte passò sotto il controllo delle autorità cittadine. In precedenza, questo luogo era utilizzato dai turchi ottomani per esercitazioni militari. Kalemegdan ha un museo militare, una galleria d'arte, uno zoo, un'area giochi per bambini, monumenti e campi sportivi.

Parco Kalemegdan

Skadarliya

Il quartiere della città vecchia, spesso chiamato il "Montmartre" serbo. Skadarliya è famosa per il fatto che famosi scrittori e pubblicisti hanno vissuto e lavorato qui. Anche il poeta russo I. Bunin una volta visitò questa zona. Il luogo ha guadagnato fama boema tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Oggi il quartiere ha conservato la sua atmosfera speciale di creatività e libertà, che attrae immancabilmente i turisti.

Skadarliya

Via Principe Michele

Vicolo pedonale nel cuore di Belgrado, dove sicuramente arriveranno tutti gli ospiti della città. Per la capitale della Serbia, ha all'incirca lo stesso significato dell'Arbat per Mosca. In ogni momento, la strada si riempie di artisti, musicisti, attori, venditori di souvenir e turisti a piedi. Le persone cenano nei ristoranti, entrano nei negozi, guardano scenette improvvisate e si godono semplicemente l'ambiente piacevole.

Via Principe Michele

Museo di Nikola Tesla

Museo della scienza dedicato alla vita e all'opera dell'eccezionale scienziato N. Tesla. È stata fondata nel 1952 per decisione del governo jugoslavo. L'esposizione occupa un palazzo a due piani sulla strada. brigate proletarie. La collezione unica contiene modelli delle invenzioni di Tesla, così come i suoi manoscritti, disegni, lettere e alcuni oggetti personali. In totale, la collezione contiene diverse decine di migliaia di reperti.

Museo di Nikola Tesla

Museo dell'Aeronautica

La collezione è stata creata a metà del XX secolo su iniziativa di un gruppo di appassionati che non potevano immaginare la propria esistenza senza il cielo e i voli. Dal 1989, il museo è ospitato in un edificio futuristico sul territorio dell'aeroporto di Belgrado. Qui vengono raccolti aerei, motori di aerei, razzi e attrezzature speciali. C'è anche un reparto con fotografie e libri su argomenti correlati.

Museo dell

Museo Militare

Il museo si trova sul territorio della Fortezza di Belgrado. Contiene più di 30mila oggetti che appartengono a epoche diverse: armi, mappe, stendardi, uniformi, equipaggiamenti, documenti, fotografie, effetti personali dei soldati e molto altro. Tra le mostre interessanti ci sono i cannoni austriaci, l'installazione Katyusha e il carro armato T-34. Il museo è apparso nel 1878 grazie all'assistenza del principe Miloš Obrenović.

Museo Militare

Museo Nazionale della Serbia

Il Museo Nazionale è considerato uno dei più grandi della Serbia. La sua collezione è composta da quasi 400 mila reperti. Qui sono conservati antichi manufatti egizi e romani, monete, sculture, costumi e oggetti per la casa di epoche diverse. Particolarmente impressionante è l'esposizione d'arte, che comprende opere di Matisse, Rubens, Picasso, Rembrandt, Van Gogh e altri eminenti maestri del XVI-XX secolo.

Museo Nazionale della Serbia

Teatro Nazionale

L'edificio del teatro è uno dei più pittoreschi di Belgrado. Fu costruito nel 1869 secondo il progetto di A. Bugarsky in uno stile eclettico, che combina elementi di quasi tutte le tendenze architettoniche conosciute. L'ultima grande ristrutturazione è avvenuta nel 1989. I migliori attori dell'ex Jugoslavia e dell'attuale Serbia si sono esibiti e si esibiscono sul palco. A teatro, le rappresentazioni drammatiche sono alla pari dell'opera e del balletto.

Teatro Nazionale

Tempio di San Sava

La costruzione della cattedrale iniziò nel 1894 proprio nel luogo in cui, per ordine delle autorità di occupazione ottomane, furono bruciate le reliquie del primo arcivescovo serbo, San Sava, vissuto nei secoli XII-XIII. Fino al 1939 furono erette solo le mura, poi iniziò la seconda guerra mondiale. I lavori sono proseguiti fino ai primi anni 2000 con lunghe interruzioni. Anche ora il tempio non è ancora finito. Tuttavia, agisce e riceve i parrocchiani.

Tempio di San Sava

Chiesa di San Marco

Una chiesa ortodossa situata vicino al palazzo del parlamento. La chiesa fu costruita negli anni '30 in stile serbo-bizantino a imitazione dell'architettura del monastero di Gracanica. All'interno giacciono i resti di Stefan IV Dusan, il creatore del regno serbo. La chiesa di San Marco è famosa per la sua preziosa collezione di icone dei secoli XIII-XIX. Una collezione così ricca di immagini divine, forse, non si trova più in nessun tempio in Serbia.

Chiesa di San Marco

Ruzica Chiesa

Il tempio è dedicato alla Beata Vergine Maria. È uno dei più antichi della Serbia, poiché secondo i manoscritti sopravvissuti fu costruito nel XIII secolo. L'edificio si trova proprio accanto alle mura della Fortezza di Belgrado. È interessante notare che anche durante la prima guerra mondiale, i soldati serbi, in tregua tra le battaglie, cercarono di restaurare la chiesa gravemente danneggiata, che parla dell'incredibile patriottismo di questo popolo.

Ruzica Chiesa

Mausoleo di Tito "Casa dei Fiori"

Broz Tito - Segretario generale del Comitato centrale della SKYU, di fatto unico sovrano della Jugoslavia fino al 1980. Dopo la sua morte, i conflitti interetnici sono scoppiati con rinnovato vigore, che alla fine hanno portato al crollo del Paese. Il Mausoleo di Tito è una specie di Mausoleo di V. I. Lenin, solo il leader jugoslavo riposa in un sarcofago chiuso. Anche presso la tomba c'è un museo dove sono conservati doni e oggetti personali del leader.

Mausoleo di Tito Casa dei Fiori

Palazzo della principessa Ljubica

Il castello si trova nel centro di Belgrado in uno dei quartieri più antichi della città. Fu eretto nel 1830 secondo il progetto di Kh. N. Zhivkovich. L'edificio è un classico esempio di architettura urbana di Belgrado del XIX secolo. Fu costruito per la moglie del principe Obrenovich, la principessa Ljubica e i loro figli. In tempi diversi, il palazzo ha ospitato un liceo, una palestra, un tribunale, un collegio e persino un museo della chiesa. Nel 1979 il castello è stato riconosciuto come monumento culturale.

Palazzo della principessa Ljubica

Edificio del Parlamento serbo

Il palazzo monumentale in stile classico fu eretto nel 1936 secondo il progetto di J. Ilkic e K. Jovanovic. Nella fase finale della costruzione nel 1934, il capo architetto di Yalta N.P. Krasnov si è unito al lavoro all'interno. Per molto tempo il governo della Jugoslavia si è seduto nell'edificio, dal 2006 è occupato dal Parlamento della Serbia. La costruzione ha un importante significato storico e culturale ed è considerata un monumento di pregio.

Edificio del parlamento serbo

Torre di Gardosh

Un edificio commemorativo eretto alla fine del XIX secolo in onore del millennio anniversario della formazione dei primi insediamenti ungheresi. La costruzione della torre è stata finanziata dalle autorità dell'Austria-Ungheria. L'altezza della struttura è di 36 metri, il che ha permesso di utilizzarla come torre di osservazione e rispondere in tempo a un incendio. C'è un ponte di osservazione gratuito ai piani superiori di Gardos.

Torre di Gardosh

Torre televisiva Aval

Torre della televisione sul Monte Avala, distrutta nel 1999 durante l'operazione NATO "Allied Force" e restaurata solo nel 2010. È questo fatto che provoca un crescente interesse dei turisti nei luoghi d'interesse. La struttura è considerata la più alta dei Balcani. Il monte Avala domina Belgrado e i suoi dintorni di 500 metri. È una destinazione turistica popolare per i residenti della capitale e dei sobborghi.

Torre televisiva Aval

Zoo di Belgrado

Lo zoo cittadino si trova in prossimità delle mura della fortezza di Belgrado. Durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale molti animali morirono, alcuni fuggirono e si nascosero per le strade della città. Da allora, i dipendenti praticano il trattamento più umano degli animali a quattro zampe. Per gli animali sono state create le condizioni di detenzione più confortevoli. Alcuni animali camminano persino tranquillamente tra i visitatori.

Zoo di Belgrado

Ada Ciganlia

Una penisola situata alla periferia di Belgrado, una popolare area ricreativa con un lago e una spiaggia di ciottoli. Qui non puoi solo nuotare e prendere il sole. I cittadini vengono qui per fare un picnic, fare sport, cenare in un bar o chiacchierare con gli amici. Nella penisola vivono cervi, lepri, fagiani e anatre, che periodicamente vengono mostrati alle persone. Devi venire qui per almeno un giorno per goderti appieno la natura locale.

Ada Ciganlia

Fiumi Danubio e Sava

La capitale serba si trova alla confluenza dei fiumi Sava e Danubio. Le acque tempestose si uniscono dove le pianure pannoniche si fondono nella penisola balcanica. Questa è un'ampia ansa con coste pittoresche, al centro della quale si trova un'isola ricoperta da una vegetazione lussureggiante. Le imbarcazioni da diporto spesso fanno servizio qui. Il punto di incontro delle due arterie d'acqua è chiaramente visibile dal territorio della Fortezza di Belgrado.

Fiumi Danubio e Sava