Le 25 migliori attrazioni di Kerch, Russia

1 433
31 928

Kerch è una città unica. Si trova proprio nel punto in cui si incontrano le acque dei due mari - non senza ragione, anche prima della nostra era, queste terre erano letteralmente occupate dai coloni dell'Ellade, che qui costruirono diverse colonie. È un peccato che siano rimaste solo le rovine dell'antico Panticapaeum, Myrmekia e Nymphaeum, ma queste antiche pietre ricordano dozzine di secoli passati.

Kerch ha un numero incredibile di monumenti di epoche diverse: le tombe dei re del Bosforo, un tempio eccezionale e miracolosamente conservato dell'VIII secolo, una fortezza turca e monumenti architettonici del periodo dell'Impero russo. Le spiagge sabbiose locali sono un'ottima alternativa alle baie rocciose della costa meridionale della Crimea. Alcune delle zone balneari sembrano addirittura più confortevoli e adatte per un soggiorno confortevole.

Cosa vedere e dove andare a Kerch?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Traversata in traghetto di Kerch

Dal 2014, una traversata in traghetto è stata forse l'unico modo per arrivare dalla Russia continentale alla Crimea. L'hub di trasporto funziona in modo chiaro e fluido, anche se in alta stagione puoi aspettare in fila per diverse ore. Durante un breve viaggio di 20 minuti da una costa all'altra, puoi ammirare le onde, stormi di gabbiani che si librano vicino alla nave in attesa di cibo e persino, se sei fortunato, vedere uno stormo di tursiopi.

Traversata in traghetto di Kerch

Monte Mitridate

Una bassa collina di 90 metri nella città, il centro geografico di Kerch, su cui anticamente si trovava la città di Panticapaeum. Il luogo prende il nome dal re del Ponto. All'interno del territorio della montagna ci sono diversi monumenti architettonici di epoche diverse. In cima c'è un memoriale di Gloria agli Eroi Immortali, eretto in onore dei soldati caduti durante la liberazione della Crimea nel 1943-44.

Monte Mitridate

Grandi scale mitridatiche

Inizialmente, la scala fu costruita nel XIX secolo secondo il progetto dell'architetto italiano A. Digby. È esistito fino alla guerra di Crimea, ma a seguito dei combattimenti è stato danneggiato e distrutto. Il restauro ha preso solo dopo 130 anni. Lo scultore di Kerch R. V. Serdyuk ha copiato le antiche statue di grifoni trovate negli scavi e con esse ha decorato le rampe di scale. Dopo il crollo di parte della struttura nel 2015, sono iniziati i successivi lavori di restauro.

Grandi scale mitridatiche

Fortezza Yenikale

Una roccaforte ottomana del XVIII secolo costruita da un architetto di origine italiana che era al servizio dei turchi. Questo bastione era di importanza strategica, poiché impediva il passaggio delle navi nemiche attraverso lo stretto stretto tra il Mar Nero e il Mar d'Azov. Nel 1771 le truppe russe entrarono nella fortezza. Alla fine del XIX secolo perse il suo significato militare e fu abbandonato. Al momento, l'attrazione continua a crollare.

Fortezza Yenikale

Fortezza di Kerch

La fortificazione si trova nella parte più stretta dello stretto di Kerch a Capo Ak-Burun. Il complesso fu eretto a metà del XIX secolo per difendere i confini dell'Impero russo. In epoca sovietica, qui si trovavano le armerie della flotta del Mar Nero. Nel 2003, dopo lo scioglimento dei reparti militari, la fortezza è stata ceduta alla locale riserva-museo. Oggi funziona come un sito turistico.

Fortezza di Kerch

Chiesa di San Giovanni Battista

Una chiesa ortodossa altomedievale dell'VIII secolo (la sua parte più antica fu costruita nel VI secolo), un monumento unico dell'architettura bizantina e l'edificio religioso più antico della Crimea. L'edificio ha acquisito il suo aspetto definitivo nel X secolo durante l'esistenza del principato Tmutarakan. La chiesa è attiva, al suo interno vi è una moderna iconostasi e utensili.

Chiesa di San Giovanni Battista

Panticapaeum

Un'antica colonia greca che esisteva sul sito di Kerch dal VII secolo a.C. In quei tempi lontani qui sorgevano magnifici templi e le strade e le ampie piazze erano piene di gente. Successivamente, Panticapaeum faceva parte del regno del Bosforo, era sotto il protettorato scita e romano. La ricca città fu distrutta dai Goti nel IV secolo, il tempo ha completato i lavori - oggi sono sopravvissute solo rovine del suo antico splendore.

Panticapaeum

Cripta di Demetra

Antica tomba con resti conservati di affreschi originali. Attualmente si trova al centro dello sviluppo urbano, anticamente si trovava sul territorio di Panticapaeum. La cripta è un edificio rettangolare con pareti in blocchi di pietra. Un piccolo corridoio conduce alla camera sepolcrale. Data la notevole età della pittura murale, è abbastanza ben conservata.

Cripta di Demetra

Cave di Adzhimushkay

Un complesso di grotte artificiali, che si sono formate a seguito di secolari estrazioni di roccia conchiglia. Il luogo è famoso per il fatto che nel 1942 le truppe del Fronte di Crimea tenevano qui la difesa. Nel 1966 fu organizzato il Museo della difesa della cava di Adzhimushkay sul territorio delle miniere sotterranee e nel 1982 fu eretto qui un memoriale in onore dei soldati caduti. L'ingresso al territorio si trova tra lastre di pietra su cui sono scolpite figure di difensori.

Cave di Adzhimushkay

Carro reale

Monumento del IV secolo a.C., che è la tomba di uno dei sovrani del regno del Bosforo. Il tumulo funerario si eleva a 17 metri sopra la superficie, sotto di esso si trova un corridoio di 36 metri e una camera sepolcrale, rivestita di blocchi lisci. La collina stessa è composta da tre strati: pietra, argilla, una miscela di ciottoli e terra. Quando gli archeologi hanno raggiunto il tumulo, era già stato saccheggiato.

Carro reale

Carriola di Melek-Chesme

Un'altra tomba del IV secolo aC, scavata a metà del XIX secolo. Durante i lavori, gli archeologi speravano che il tumulo rimanesse intatto e conservasse tutti i suoi tesori, ma si sbagliavano: si rivelò vuoto come quello dello zar. I residenti locali si sono adattati a estrarre l'argilla da qui per le necessità domestiche, ma grazie ai soldi stanziati dal tesoro statale, l'attrazione è stata salvata. Il primo museo è stato aperto qui nel 1871.

Carriola di Melek-Chesme

Museo Storico e Archeologico

Il museo è stato fondato nel 1926, il che lo rende uno dei più antichi della Crimea. Durante la guerra di Crimea, l'edificio fu distrutto e l'esposizione fu saccheggiata, alcuni oggetti particolarmente preziosi furono portati in Inghilterra, quindi ora i reperti di quel tempo possono essere visti al British Museum. Successivamente, la collezione iniziò a essere raccolta di nuovo e al museo fu assegnato un nuovo edificio. Ad oggi, nei suoi fondi sono conservate più di 240mila copie.

Museo Storico e Archeologico

lapidario

Il lapidarium è una raccolta di antichi oggetti d'arte rinvenuti negli scavi di insediamenti dell'era del regno del Bosforo. Qui sono esposte sculture, lapidi, elementi di strutture di facciata contenenti iscrizioni e bassorilievi, oggetti religiosi e molto altro. L'esposizione è così varia che è apprezzata in tutto il mondo. In totale, nel lapidario ci sono circa 6mila oggetti.

Lapidario

Galleria d'arte di Kerch

L'edificio della galleria d'arte si trova vicino alla Grande Scala di Mitridate e fa parte del suo complesso architettonico. L'edificio è stato costruito in stile classico. La base della collezione sono le tele del fondatore del museo, l'artista N. Ya. Ma, e in particolare, il ciclo “Adzhimushkay. 1942". Oltre ai dipinti, la galleria espone altre mostre: scultura, ceramica, vetro e altri oggetti d'arte.

Galleria d

Museo della storia dello sbarco di Eltigen

Nel 1943, vicino al villaggio di Eltigen, i paracadutisti sovietici combatterono per 40 giorni contro l'esercito tedesco, dimostrando un notevole coraggio. Con questi eventi iniziò la liberazione della Crimea dagli invasori. Sul luogo dello sbarco è stato costruito un museo, che espone gli effetti personali di combattenti, armi e premi, nonché un complesso commemorativo, che comprende una fossa comune, un monumento, i resti di trincee e una barca su un piedistallo.

Museo della storia dello sbarco di Eltigen

L'antica città di Mirmekiy

Mirmekiy è una colonia di greci ionici, fondata sulle rive dello stretto di Kerch nel VI secolo a.C. Esisteva fino al X secolo, nel Medioevo cominciarono ad apparire al suo posto nuovi insediamenti, per cui l'antico strato culturale sprofondò nel sottosuolo. I primi ritrovamenti sul territorio di Mirmekia furono effettuati negli anni '30 dell'Ottocento, ma nel XX secolo iniziarono scavi regolari. Oggi c'è un complesso archeologico qui.

L

L'antico insediamento di Tiritaka

Un altro insediamento di epoca antica, sopravvissuto fino ad oggi in rovina. Si trova su un altopiano della città. L'insediamento esisteva fino all'VIII secolo, dopodiché fu distrutto durante le incursioni turche. Gli scavi continui sono stati effettuati nel sito dagli anni '20. Di conseguenza, sono state sollevate in superficie le fondamenta delle case, i resti di piazze e strade lastricate in pietra.

L

Antico insediamento di Ninfeo

Le rovine di un'antica città greca, situata a circa 17 km da Kerch. Dato il numero di antiche colonie nella città stessa e nei suoi dintorni, si potrebbe pensare che stabilirsi in Taurica fosse ancora più prestigioso che nella stessa Grecia. È un peccato che nessuna delle città di quell'epoca, situata in Crimea, sia sopravvissuta fino ad oggi. Ninfeo è le stesse rovine di Mirmekiy, Tiritaka e Panticapaeum.

Antico insediamento di Ninfeo

Bulganak vulcani di fango

A circa 8 km da Kerch, sul territorio di un bacino poco profondo, si trova un'attrazione naturale unica: i vulcani di fango. Si tratta di laghetti formati da un impasto di terra grigio-marrone e acqua, di consistenza densa. Ogni pozzanghera ha dei crateri, dai quali di tanto in tanto fuoriescono bolle di gas. A volte il vulcano lancia una fontana di fango piuttosto potente con un'altezza del getto fino a 20 metri.

Bulganak vulcani di fango

Allevamento di struzzi "Esotico"

Quasi ogni località balneare ritiene necessario avere un proprio allevamento di struzzi. Anche Kerch non è rimasto indietro: a un paio di chilometri dall'incrocio nel villaggio di Podmayachny, dal 2004 sono stati allevati anche questi uccelli esotici. Gli uccelli si sono rapidamente acclimatati e quasi immediatamente hanno iniziato a produrre una prole numerosa. Successivamente furono raggiunti da pavoni, fagiani, lama, asini, pony e altri animali.

Allevamento di struzzi Esotico

Lago Chokrak

Lago salato, situato vicino al villaggio di Kurortnoye, a 16 km da Kerch. Fino al 1917 vicino c'era un bagno di fango, fino agli anni '40 qui si estraeva il sale. Il bacino è separato dal mare da una piccola striscia di terra, lungo la quale si trova una striscia di spiagge sabbiose. Sotto una certa illuminazione, la superficie del lago assume una sfumatura rosata, che appare molto pittoresca sullo sfondo della steppa circostante.

Lago Chokrak

Capo Zyuk

Il promontorio è la punta settentrionale della penisola di Kerch. Anche prima della nostra era, queste regioni erano abitate: qui si trovava un insediamento greco (a Kerch e nei suoi dintorni, a quanto pare, è più facile trovare un luogo dove non c'erano antiche colonie). Il promontorio sporge nel Mar d'Azov ed è un confine naturale tra due baie: gli Scogli e il Corpo dei Marines. Il luogo è piuttosto pittoresco e deserto, perfetto per contemplare il mare.

Capo Zyuk

Lanterna del Capo

Il promontorio si trova alla periferia orientale di Kerch all'ingresso dello stretto. Una posizione molto comoda per il faro, che qui fu installato per la prima volta nel 1820. Il Quartiere delle Lanterne ospita gabbiani, cormorani e bisce d'acqua. Il faro di Yenikal, restaurato dopo la seconda guerra mondiale negli anni '50, è ancora operativo oggi. Sebbene la torre sembri leggermente antiquata, è dotata di attrezzature moderne.

Lanterna del Capo

Le spiagge del Generale

Baie pittoresche circondate da rocce, che si estendono lungo la costa del Mar d'Azov. Conservavano ancora la loro bellezza originale, quindi i turisti vengono qui in cerca di solitudine e stanchi delle famose località turistiche. Dietro un'ampia striscia sabbiosa, i paesaggi infiniti del tratto di steppa "del Ponto", la costa è frastagliata con dozzine di piccole baie, non c'è nemmeno un accenno di civiltà in giro - cos'altro serve per la felicità?

Le spiagge del Generale

Spiaggia della città di Kerch

La spiaggia principale di Kerch è il luogo più comodo per nuotare in città. Si trova sullo sputo di Kamysh-Burun e ha accesso all'argine. Principali vantaggi: fondo piatto, sabbia e scoglio di piccole conchiglie, spogliatoi, gazebo, bar, noleggio lettini e parcheggio auto. Ai vacanzieri vengono offerte molte giostre acquatiche e altri divertimenti.

Spiaggia della città di Kerch