Le 15 migliori attrazioni di Vyazma, Russia

582
30 396

Vyazma, come altre piccole città della Russia, si distingue per un'atmosfera speciale, accogliente e pacifica. Anche se un destino difficile è caduto sulla sorte di questa città. Situato sulla Old Smolensk Highway, che collegava la Russia con l'Europa, fu il primo a soffrire in entrambe le guerre patriottiche. Ci sono molti memoriali e monumenti a Vyazma che testimoniano il suo passato eroico.

Nonostante la distruzione su larga scala a cui è stata sottoposta la città, nel suo centro storico sono state conservate le dimore dei mercanti, le chiese e i monasteri dei secoli XVI-XVIII, l'unica torre sopravvissuta dell'ex potente Cremlino Vyazemsky.

Cosa vedere e dove andare a Vyazma?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Monastero di San Giovanni Battista

Uno dei complessi di templi più famosi della regione di Smolensk. Situato sulle rive del fiume Bebri. Fu eretto nel XVI secolo con il permesso di Ivan il Terribile. A seguito di due guerre fu raso al suolo e poi ricostruito. Nel 1976 iniziarono i lavori di restauro, dopodiché il monastero fu ripreso come monastero maschile, dopo 5 anni fu trasformato in femminile. I tre templi principali sono Odigitrinsky, Voznesensky e Znamensky.

Monastero di San Giovanni Battista

Chiesa di Odigitria

Tempio di rara bellezza appartenente al monastero di Giovanni Battista. È di grande valore culturale e architettonico, è inclusa nella lista del patrimonio dell'UNESCO. Fu costruito nel XVII secolo. Tre cupole bianche come la neve della chiesa premute l'una contro l'altra si innalzano sopra la piramide di eleganti kokoshnik traforati. In Russia, oltre a Vyazma, solo due luoghi hanno conservato templi a tre fianchi: a Uglich e Putinki. Dopo un restauro su larga scala, i servizi nella chiesa sono ripresi nel 1994.

Chiesa di Odigitria

piazza sovietica

La conoscenza della città, di regola, inizia con la piazza centrale - Sovetskaya, l'ex Torgovaya. Qui sono concentrati numerosi monumenti e oggetti del patrimonio culturale. Questi includono la chiesa Bogoroditskaya con un museo delle tradizioni locali, l'edificio della vecchia dogana, il Palazzo centrale della cultura, il vicolo della memoria, il ponte Smolensky, una pietra miliare, monumenti al reggimento Pernovsky, scarpe di rafia russe, cuore di madre, ecc. Dalla piazza la discesa conduce all'argine e al fiume Vyazma.

Piazza sovietica

Cattedrale della Santissima Trinità

Sorge con orgoglio sopra tutti gli edifici della città. Situato nel centro storico, su Cathedral Hill. Fu eretto nel XVII secolo sul sito di una chiesa in legno. Combina caratteristiche del classicismo e dello stile pseudo-russo nella sua architettura. Negli anni '20 fu chiuso e saccheggiato. I servizi ripresero nel 1941 e continuano ancora oggi. Pellegrini provenienti da tutta la Russia si recano all'icona principale del tempio: la Madre di Dio dell'Iberia. Si ritiene che abbia salvato gli abitanti della città dalla peste nel XVIII secolo.

Cattedrale della Santissima Trinità

Museo di storia e tradizioni locali

La data di fondazione è considerata il 1912. Collocato nella navata della Chiesa della Madre di Dio costruita nel 1727. I fondi del museo sono costituiti da 16mila reperti. Qui sono esposti oggetti della vita contadina e abiti antichi, armi e uniformi militari, collezioni archeologiche e numismatiche, oggetti personali di famosi nativi di Vyazma. Una delle esposizioni è dedicata al pan di zenzero Vyazma. Il museo ha un salone d'arte, dove vengono presentate le opere di pittori e artigiani locali.

Museo di storia e tradizioni locali

Monumento al generale M. G. Efremov

Fu installato nel 1946 sull'omonima piazza. L'autore della scultura raffigurante il generale e molti dei suoi combattenti negli ultimi minuti della sua vita è E. Vuchetich. Il comandante dell'esercito M. Efremov morì nel 1942, essendo nella caldaia Vyazemsky. Ha avuto l'opportunità di scappare, ma ha deciso di non lasciare i suoi compagni d'armi. Ferito gravemente, il generale scelse di spararsi per impedire ai tedeschi di farlo prigioniero. Fu sepolto nel cimitero di Caterina della città.

Monumento al generale M. G. Efremov

Monumento ad Anatoly Papanov

Un attore di talento e popolare, originario della terra di Vyazemsky. Qui trascorre la sua infanzia e all'età di 6 anni esordisce sul palcoscenico teatrale. Il monumento è stato aperto per il 90 ° anniversario di A. Papanov, nel 2012. L'attore si siede su una panchina e, gesticolando con entusiasmo, prova il suo prossimo ruolo. La composizione scultorea è installata nel centro della città, sul sito della casa dove viveva il futuro idolo degli spettatori sovietici prima della guerra. Questa casa è stata distrutta durante la guerra. L'autore della scultura è I. Chumakov.

Monumento ad Anatoly Papanov

Monumento alle scarpe di rafia russe

In modo così originale, nel 2012, hanno deciso di perpetuare la memoria dell'antico percorso che collegava Mosca con tutta l'Europa. Era la vecchia strada di Smolensk. Si ritiene che sia apparso nei secoli XIV-XV, passato per Vyazma. Nell'intera storia della sua esistenza, fino al XX secolo, molte scarpe di rafia sono state rotte qui dalla gente comune. Oggi la strada ha perso il suo significato e solo la scarpa di rafia, simbolo delle tradizioni russe e migliaia di chilometri percorsi, ne fa da promemoria.

Monumento alle scarpe di rafia russe

Monumento agli antenati valorosi

Dedica simbolica ai partecipanti alla battaglia del 1812. Un'aquila bicipite, orgogliosamente seduta su un piedistallo, tormenta lo stendardo sconfitto dell'esercito francese. Allo stesso tempo, una delle sue teste è vigilemente diretta verso ovest, da dove il nemico stava avanzando su Vyazma. Il monumento è stato eretto per il centenario delle battaglie vicino a Vyazma. Dopo la rivoluzione, l'aquila fu rimossa dal piedistallo come simbolo del potere reale e al suo posto prese il busto di K. Marx. Il monumento ha acquisito il suo aspetto originario nel 1962.

Monumento agli antenati valorosi

Monumento al reggimento Pernovsky

L'eroico monumento è dedicato ai granatieri che per primi entrarono in città catturati dall'esercito napoleonico. Realizzato sotto forma di una colonna di granito di 6 metri coronata da un simbolo dell'Impero russo e dell'abilità militare: un'aquila a due teste. Il monumento fu eretto nel 1912. Dopo la rivoluzione fu smantellato e restaurato solo nel 150° anniversario della vittoria sui francesi. Si trova vicino alla chiesa in piazza Sovetskaya.

Monumento al reggimento Pernovsky

Monastero di Arkadyevsky

Nel XVI secolo, nel luogo in cui il monaco Arkady pregò 900 anni fa, fu eretta una chiesa in legno e si formò una comunità femminile, successivamente trasformata in convento. Nel 1812 soffrì dei francesi, ma fu restaurato. Dopo la rivoluzione, è stato finalmente chiuso. Oggi la biblioteca comunale si trova nella sua cattedrale principale, un salone letterario si trova nell'edificio dell'ex ospizio e sul sito del cimitero è stato eretto un cinema. La Torre Spasskaya e i frammenti della recinzione sono stati conservati.

Monastero di Arkadyevsky

Torre Spasskaya

Nel 17 ° secolo, sotto la direzione dello zar, fu eretta una potente fortezza Vyazemsky con 6 torri. Le truppe francesi lo distrussero nel 1812, dopodiché l'edificio non fu restaurato. L'unica fortificazione sopravvissuta è la Torre Spasskaya. Si compone di 3 livelli, l'altezza totale è di 25 metri, lo spessore delle pareti alla base è di 6 metri. Dopo la seconda guerra mondiale, la torre passò sotto la giurisdizione del monastero di Arkadyevsky e fu utilizzata come magazzino e cantina.

Torre Spasskaya

Chiesa della Trasfigurazione

Nel 1736 fu eretto sul sito del monastero maschile di Spassky, distrutto dai lituani. Tutti i costi per la costruzione e sistemazione del tempio furono sostenuti dai mercanti locali. Dopo qualche tempo il campanile fu completato su 4 ordini, l'intero territorio fu circondato da una recinzione e fu costruito uno stagno. Nel secolo scorso, dagli anni '20 agli anni '90, la chiesa fu soppressa, e varie organizzazioni utilizzarono l'edificio per le loro necessità. Il primo servizio di preghiera, dopo decenni di abbandono, è stato celebrato nel 1995.

Chiesa della Trasfigurazione

Chiesa Vvedenskaja

L'edificio risale al 1748-49. È stato eretto con donazioni di mercanti e parrocchiani di Vyazma. Realizzato in stile barocco, ha 2 piani, il primo era "caldo" - veniva riscaldato d'inverno. Dopo 15 anni fu costruito nelle vicinanze un campanile. Negli anni '30 del secolo scorso, il tempio interruppe i suoi lavori. Tutti gli oggetti di valore furono confiscati, nell'edificio furono ospitati officine e un circolo e sul sito del sagrato fu costruita una sottostazione. I servizi sono ripresi nel 1992.

Chiesa Vvedenskaja

Museo-Riserva di A. S. Griboedov (Khmelita)

Un magnifico complesso architettonico e di parco, costituito da querce e tigli secolari, una cascata di stagni, un lussuoso maniero in stile barocco. Questa è la tenuta in cui A. Griboedov ha trascorso la sua infanzia e giovinezza. Si trova a 35 km da Vyazma. Le esposizioni del museo presentano la storia della nobile famiglia e l'opera del suo rappresentante più famoso. Sul territorio della riserva "Khmelita" c'è anche un museo dedicato a un altro nativo della regione di Vyazemsky - l'ammiraglio P. Nakhimov.

Museo-Riserva di A. S. Griboedov (Khmelita)