Le 15 migliori attrazioni di Vladikavkaz, Russia

378
74 720

La capitale dell'Ossezia settentrionale - la città di Vladikavkaz - è un vero centro culturale della regione. Si trova su entrambe le sponde del Terek e offre viste pittoresche sulle vicine colline, tra cui il Monte Stolovaya. I residenti locali hanno ripetutamente difeso gli oggetti iconici della città in periodi storici travagliati. Grazie al loro coraggio, qui sono stati conservati monumenti di architettura e storia. Si tratta innanzitutto di edifici religiosi, come la Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria.

Tra i luoghi insoliti associati a Vladikavkaz, vale la pena notare la "Città dei morti". Quasi 100 antiche cripte vicino al villaggio di Dargavs possono raccontare molto sui costumi e sul passato del popolo osseto. Tutto è interessante in loro: dal contenuto alle caratteristiche della struttura.

Cosa vedere e dove andare a Vladikavkaz?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Moschea di Mukhtarov

La costruzione durò otto anni e fu completata nel 1908. Il nome è stato ricevuto in onore del filantropo che ha investito di più nel progetto. Dopo la rivoluzione, i soldati iniziarono a proteggere la moschea dalla distruzione. È stato anche salvato grazie allo status di monumento architettonico. Per qualche tempo al suo interno si trovava l'esposizione del Museo Repubblicano delle tradizioni locali. Ora la moschea con due minareti accetta di nuovo i parrocchiani.

Moschea di Mukhtarov

Viale della Pace

Si estende da Piazza della Libertà a Kirov Street. Questa è la parte storica e culturale della città. Apparso nel XIX secolo, cambiò ripetutamente nome, anche dopo la visita dell'imperatore, divenne noto come Alessandro. Vicino al viale confina con il parco della cultura e della ricreazione. Ci sono anche musei d'arte e nazionali. Il viale pedonale del prospetto ha una lunghezza di una versta o 1066,8 metri.

Viale della Pace

Parco intitolato a Kosta Khetagurov

Stendersi sulla riva destra del Terek. È limitato dai ponti Kirov e Chugunny. Prende il nome dal poeta e drammaturgo che era alle origini della letteratura osseta. Il periodo di fondazione è considerato il 1830. Oltre alla verde area pedonale e ai laghetti con cigni, il parco può offrire agli ospiti alcuni tipi di attività ricreative. C'è un ristorante, campi sportivi, incluso il minigolf, nonché un monumento storico: la dimora del barone Steingel.

Parco intitolato a Kosta Khetagurov

Museo d'arte intitolato a M. S. Tuganov

Esiste dal 1939. Prende il nome dal pittore che ha studiato con Repin e che è stato all'origine dell'arte contemporanea in Ossezia. La collezione comprende opere di artisti locali di epoche diverse. Grazie a ciò si possono ripercorrere le tappe della formazione dell'arte osseta. L'esposizione è ospitata in un edificio, un monumento architettonico costruito nel 1903. Nel museo si tengono concerti, per i quali è assegnata una sala separata.

Museo d

Museo Nazionale dell'Ossezia del Nord-Alania

Un'ondata di interesse per l'archeologia portò alla formazione di una mostra permanente composta da reperti all'interno della regione nel 1893. Il museo formato fu il primo nella parte meridionale del paese. Per molto tempo, a partire dagli anni '80 del secolo scorso, l'edificio è stato in fase di ricostruzione. La riapertura è avvenuta nel 2017. Gli scavi di tumuli e cimiteri hanno permesso di accumulare fondi impressionanti. Le mostre d'oro sono particolarmente preziose.

Museo Nazionale dell

Teatro dell'Opera e del Balletto

Il teatro musicale è apparso a Vladikavkaz nel 1958. Ogni stagione il repertorio si arricchisce di novità, ma ci sono anche spettacoli che vanno avanti da anni. Direttore artistico - L. Gergieva. Il teatro ha occupato un edificio costruito in stile impero stalinista sin dalla sua fondazione. L'auditorium ha una capienza di 680 posti. Dal 2005 il teatro ospita un festival di arte musicale, a cui partecipano gruppi provenienti da tutto il paese.

Teatro dell

Teatro russo intitolato a E. Vakhtangov

Il più antico teatro di prosa della regione. Anno di fondazione - 1869. L'edificio fu completato nel 1971. Il teatro è associato ai nomi di personaggi della cultura conosciuti nel paese e all'estero. Ad esempio, Bulgakov era a capo del dipartimento letterario locale e Vakhtangov iniziò la sua carriera come regista. In onore di Yevgeny Bagrationovich, il teatro è stato chiamato dal 1996. Ci sono due scene: grande e piccola.

Teatro russo intitolato a E. Vakhtangov

Fontana-monumento "Nart Soslan"

Installato nel 2011 sulla piazza centrale della città. La fontana è dedicata al personaggio delle epopee e delle leggende nazionali. Varie caratteristiche miracolose sono attribuite a Soslan. Ad esempio, sarebbe nato da una pietra e l'invulnerabilità dell'eroe era data dal bagno nel latte di lupo. L'eroe, per così dire, balla sopra una ciotola su una pedana. Secondo la leggenda, la stessa ciotola di Nartamonga può distinguere tra bugie e verità. Pertanto, durante la festa, annaffia e guarisce i guerrieri onesti.

Fontana-monumento Nart Soslan

Cattedrale di San Giorgio

La costruzione è iniziata nel 1996 e completata nel 2002. In passato su questo territorio c'era un cimitero. Come base è stato scelto lo stile architettonico russo-bizantino. Il campanile fa parte della composizione e si erge vicino al tempio a cinque cupole. La reliquia principale è un'arca con una particella delle reliquie di San Giorgio il Vittorioso, il santo patrono del tempio. La cattedrale ha lo status di cattedrale. Ha scuole domenicali e ortodosse.

Cattedrale di San Giorgio

Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria

La più antica chiesa ortodossa della città. Inizia la sua storia nel 1815, quando era di legno. 10 anni dopo apparve un edificio in pietra. La posizione sulla collina osseta ha dato al tempio un nome popolare: "osseto". Il gregge è riuscito a salvare la chiesa dalla distruzione negli anni '30. Inizialmente è stato chiuso e poi identificato come museo. Al momento, la Chiesa ortodossa russa è tornata, ci sono santuari, ad esempio l'icona "Mozdok".

Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria

Chiesa di San Gregorio Illuminatore

Si riferisce alla Chiesa Apostolica Armena. La costruzione fu completata nel 1868. Si trova sulle rive del Terek, non lontano dal Cast Iron Bridge. Di fronte c'è la casa dei Vakhtangov. Nel 2010 nel cortile è apparso un khachkar. La sua installazione è stata programmata per coincidere con il 95° anniversario del genocidio armeno. Alla solenne cerimonia sono stati invitati rappresentanti di altre fedi. Ha lo status di un sito del patrimonio culturale.

Chiesa di San Gregorio Illuminatore

Monumento a Issa Pliev

Si trova sulla piazza intitolata al comandante, due volte Eroe dell'URSS Issa Pliev. La scultura di B. Totiev e N. Khodov è stata installata nel 1997. Il comandante è raffigurato in abito completo come un eroe maestoso dal portamento impeccabile ea cavallo. Il cavallo sotto di lui sembra correre verso l'alto. Così gli autori hanno voluto trasmettere la determinazione e il coraggio di Pliev, che non era abituato a cedere alle difficoltà durante la sua vita.

Monumento a Issa Pliev

Fiume Terek

Il nome di Karachay-Balkar è tradotto come "acqua rapida". Attraversa il territorio di diverse regioni della Russia e della Georgia. La lunghezza è di circa 623 km. È di grande importanza economica per Vladikavkaz. Ci sono molti pesci nei tratti più bassi, comprese specie commerciali preziose come la trota e il lucioperca. Si effettua rafting turistico e sportivo: ci sono sia rapide che zone tranquille.

Fiume Terek

Mensa del Monte

Fa parte del sistema montuoso del Caucaso. L'altezza assoluta è di circa 3mila metri. La vetta è ben visibile da molti punti della città. I gruppi di arrampicata sono organizzati negli insediamenti vicini. Ci sono sentieri segnalati. Le leggende locali attribuiscono alla collina un ruolo simile all'Olimpo greco. Da qui sono apparse numerose leggende e miti. L'immagine della montagna è applicata allo stemma di Vladikavkaz.

Mensa del Monte

"Città dei morti" (Dargavs)

Il monumento di cultura e storia del XVIII secolo si trova vicino al villaggio di Dargavs. Sul territorio della "Città dei Morti" furono costruite cripte in pietra. Ce ne sono circa un centinaio. Il territorio è importante per lo studio dei costumi del popolo osseto. Secondo le tradizioni degli antenati, le persone venivano sepolte in abiti nazionali insieme a piccoli oggetti domestici e oggetti di valore. Oggetto di studio sono anche le caratteristiche della muratura e della copertura delle cripte.

Città dei morti (Dargavs)