Le 25 migliori attrazioni di Vilnius, Lituania

236
68 586

Ci sono città in Europa luminose, brillanti e rumorose, e ci sono città come Vilnius - a prima vista, modeste, poco appariscenti, ma con un'atmosfera speciale, una storia interessante e i loro segreti. Il percorso turistico qui non si limita a una piccola area del tradizionale centro storico. Conduce oltre - al quartiere bohémien di Uzupis, nella fortezza del periodo di massimo splendore del Granducato di Lituania e magnifiche chiese barocche.

Vilnius era una città prospera già nel XV-XVI secolo. Qui i mercati erano rumorosi, i missionari degli ordini cattolici predicavano ei principi amministravano gli affari di stato. Molti monumenti architettonici sono sopravvissuti a quei tempi e ognuno di essi può raccontare la propria storia unica.

Cosa vedere e dove andare a Vilnius?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Vecchia città

Le strade e le piazze del centro storico sono il luogo in cui è iniziata la storia di Vilnius. Templi, negozi di souvenir, ristoranti sono nascosti nelle profondità dei quartieri medievali. Le principali attrazioni della capitale lituana sono concentrate qui. I centri storici delle città del Nord Europa sono in qualche modo simili tra loro, ma ognuno ha le sue caratteristiche, quindi una passeggiata nella parte vecchia di Vilnius porterà un vero piacere ai turisti.

Vecchia città

Torre di Gediminas

La torre si trova sulla Collina del Castello e si erge per quasi 50 metri sopra la città. L'edificio è considerato uno dei simboli della capitale lituana. La Torre di Gediminas è i resti del Castello Superiore dei secoli XIV-XV. All'interno c'è una filiale del Museo Nazionale Lituano, dove puoi conoscere molti fatti interessanti della storia della città.

Torre di Gediminas

brama tagliente

Una delle principali attrazioni di Vilnius, monumento storico e luogo di pellegrinaggio per i cattolici di tutti i paesi baltici. La porta affilata (un altro nome è la porta di Aushros) è una parte conservata delle mura della città con una cappella, che ospita un importante santuario cristiano: l'immagine della Madre di Dio. Le porte furono erette all'inizio del XVI secolo, nel 1671 apparve una cappella in legno, successivamente ricostruita in pietra.

Brama tagliente

Municipio

L'edificio dell'amministrazione comunale, eseguito in maniera classica piuttosto modesta. Nel XIX secolo qui si tenevano concerti, balli, ricevimenti cerimoniali e spettacoli. L'edificio è menzionato nei documenti del XVI secolo, ma a quel tempo assomigliava più agli edifici gotici del Nord Europa. Il municipio sorge su una delle piazze più antiche di Vilnius. Piazza del Municipio è circondata da edifici storici e strade medievali.

Municipio

Gediminas Avenue

La via centrale di Vilnius, che collega le quattro piazze principali della capitale: Lukishskaya, Municipio, Indipendenza e Cattedrale. Il viale fu costruito a metà del XIX secolo, durante l'era sovietica prese il nome da Stalin e Lenin, poi fu ribattezzato in onore del principe Gedemin. Sulla strada si trovano principalmente uffici amministrativi e governativi.

Gediminas Avenue

via Pilies

La strada più antica di Vilnius, che attraversa tutta la città in direzione di Mosca. Re, ospiti stranieri e ambasciatori di stato, oltre a un circo itinerante e musicisti itineranti, sono entrati in città lungo di essa. Piles Street è piccola - lunga solo 500 metri, ma questa piccola piazza ospita molte attrazioni. Ci sono gallerie, negozi, musei ed edifici storici.

Via Pilies

Palazzo presidenziale

La residenza ufficiale del Presidente della Lituania, che ospitava l'alto clero di Vilnius. L'edificio fu costruito alla fine del XVIII secolo secondo il progetto di L. Gucevičius nello stile architettonico dei tardi classici. Dopo che la Lituania cadde sotto il protettorato dell'Impero russo, l'ufficio del governatore russo si stabilì nel palazzo. Fu visitato da monarchi russi, polacchi e prussiani.

Palazzo presidenziale

Università di Vilnius

La più antica università dell'Europa orientale. Molte personalità famose hanno studiato lì: i poeti Juliusz Slovacki e Adam Mickiewicz, l'astronomo Igor Gavrilov e altri. Il complesso degli edifici universitari è un misto di gotico, classicismo, barocco e rinascimento. Sul territorio sono presenti un'antica biblioteca, un orto botanico e una chiesa cattolica. Tutti questi luoghi possono essere visitati con una visita guidata.

Università di Vilnius

Palazzo dei Radziwill

Il complesso è situato nel centro storico in via Vilniaus. A volte viene chiamato il "Louvre lituano", poiché sul territorio si trova il museo d'arte, dove sono esposti capolavori delle belle arti europee. Il palazzo fu costruito in stile tardo rinascimentale. Apparteneva alla famiglia più nobile del Principato di Lituania: i Radziwill. Questa famiglia è stata una delle primissime nello stato a ricevere il titolo.

Palazzo dei Radziwill

Palazzo dei Granduchi di Lituania

La residenza reale dei governanti dello stato lituano. Il complesso fu costruito per la prima volta vicino alla Collina del Castello nel XV secolo, ma anni di guerre devastanti l'hanno quasi cancellato dalla faccia della terra. Il palazzo è stato restaurato negli anni 2000. nel suo aspetto storico, sul suo territorio è stato aperto un museo. È stato il più grande progetto di restauro su scala nazionale, poiché è stato associato alla rinascita dello stato della Lituania.

Palazzo dei Granduchi di Lituania

Cattedrale di San Stanislao

La principale cattedrale cattolica di Vilnius ha lo status di "basilica minore" concesso dal Vaticano. Il tempio si trova nel centro della città vicino alla collina del castello. Sul territorio della cattedrale si sono svolte le incoronazioni dei sovrani lituani, a cominciare dal principe Vitovt. L'insieme architettonico del tempio ricorda il pantheon greco

Cattedrale di San Stanislao

Chiesa di Sant'Anna e Chiesa dei Bernardini

Un pittoresco tempio gotico che adorna la capitale lituana con la sua architettura volante e aggraziata. Il primo edificio in legno della chiesa fu costruito nel XIV secolo, successivamente fu distrutto e ricostruito più volte. All'inizio del XIX secolo, il tempio fu dichiarato monumento storico. Nelle vicinanze si trova la chiesa bernardina di San Francesco d'Asia, fondata dai francescani nel XV secolo. È realizzato nello stile architettonico gotico lituano.

Chiesa di Sant

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Un monumento architettonico in stile barocco lituano. Al posto del tempio in epoca pagana vi era un santuario della dea Milda. Il tempio cristiano fu fondato in questo sito per volontà del Granduca Jagiello, capostipite della dinastia Jagellonica. L'edificio moderno della chiesa fu eretto nel XVII secolo a spese del magnate locale Kazimir Pac. L'interno del tempio si distingue per grazia e bellezza.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Chiesa di Santa Caterina

La chiesa tardo barocca fu costruita tra il XVII e il XIX secolo. La chiesa apparteneva all'ordine benedettino. In epoca sovietica c'era un magazzino sul suo territorio, quindi l'edificio cadde in grave rovina. Dopo la formazione di uno stato lituano indipendente, sono iniziati lavori di restauro su larga scala per ripristinare l'aspetto storico del tempio. Al giorno d'oggi, la Chiesa di Santa Caterina è il centro culturale di Vilnius.

Chiesa di Santa Caterina

Chiesa di San Casimiro

La chiesa è un monumento architettonico in stile primo barocco. La facciata del tempio è decorata con elementi decorativi che conferiscono all'edificio un aspetto elegante e festoso. La cupola della chiesa è coronata da una corona, una copia della corona reale dei Granduchi di Lituania. La chiesa prende il nome dal rappresentante canonizzato della dinastia Jagellonica, Casimiro, considerato il santo patrono della Polonia e della Lituania.

Chiesa di San Casimiro

Chiesa di San Giovanni

Tempio situato sul territorio dell'Università di Vilnius. Fu costruito nel XV secolo, i lavori continuarono per più di 40 anni. Dal XVI secolo la chiesa appartiene all'ordine dei Gesuiti. L'edificio è coronato da un campanile alto 68 metri. Sul territorio del tempio non si tenevano solo servizi di culto, ma anche proteste studentesche, onorando i re e spettacoli teatrali.

Chiesa di San Giovanni

Chiesa dello Spirito Santo

Chiesa del monastero ortodosso, la cattedrale principale della Chiesa ortodossa lituana. Alla fine del XVI secolo qui sorgeva una chiesa in legno, costruita a spese delle mogli dei governatori di Smolensk e Brest. Dopo l'adozione dell'unione, questo tempio è rimasto l'unico monastero ortodosso sul territorio di Vilna. All'inizio del XVIII secolo le truppe svedesi distrussero la chiesa, ma fu restaurata grazie a Pietro I. A metà del XVIII secolo il tempio fu bruciato, ma fu nuovamente rianimato.

Chiesa dello Spirito Santo

Museo Nazionale della Lituania

L'esposizione museale è stata fondata a metà del XIX secolo dal famoso personaggio culturale E. Tyszkiewicz. Alla fine del secolo erano già stati raccolti nei fondi più di 15mila reperti. Durante le numerose guerre e la ridistribuzione del territorio della Lituania, la parte principale della collezione è arrivata a Mosca. Nel periodo tra le due guerre mondiali, quasi l'intera esposizione dovette essere rimontata.

Museo Nazionale della Lituania

Museo d'arte lituano

Il complesso museale comprende diversi rami principali: la Galleria Nazionale d'Arte, il Museo delle Arti Decorative e Applicate, la Galleria d'Arte di Vilnius e il Palazzo Radziwill. Oltre a filiali in altre città della Lituania. Ogni ramo e dipartimento ha la sua esposizione interessante e funziona come un museo indipendente.

Museo d

Museo delle vittime del genocidio

Museo situato negli ex edifici dell'NKVD e del KGB. È noto che ogni paese europeo dell'ex blocco socialista ha il proprio museo, che espone il periodo in cui lo stato era sotto il dominio dell'URSS o in rapporti alleati con esso. Vilnius non fa eccezione: il museo espone materiali che testimoniano la repressione e la persecuzione dei dissidenti. C'è anche un'ampia attività di sensibilizzazione.

Museo delle vittime del genocidio

tre croci

Monumento religioso situato nel parco cittadino sul Monte Calvo. È molto simbolico per la Lituania. Il monumento fu eretto in onore dei frati francescani che accettarono la morte dai pagani (questa versione non è stata confermata, c'è solo una leggenda). Le prime croci di legno furono erette all'inizio del XVII secolo, poi nel 1740, 1916 e 1989. furono ricostruite in pietra.

Tre croci

Torre televisiva di Vilnius

La torre della televisione è il centro delle trasmissioni radiofoniche e televisive lituane. La costruzione si trova sul territorio di una zona residenziale, raggiunge un'altezza di 326,5 metri. All'interno si trova un ristorante panoramico, da dove, con il bel tempo, si possono vedere i dintorni di Vilnius per decine di chilometri intorno. La torre della televisione è stata eretta negli anni '80 ed è ancora la struttura più alta della Lituania.

Torre televisiva di Vilnius

Užupis

Uno dei quartieri più antichi di Vilnius, dove le persone creative e oltraggiose preferiscono stabilirsi. Dal XVI secolo qui vivono i poveri, gli artigiani, la classe operaia ei cittadini più poveri della città. Dopo il crollo dell'URSS negli anni '90. era spaventoso persino guardare il territorio di Užupis. Nel tempo edifici fatiscenti e vuoti sono stati scelti da artisti, poeti, attori, musicisti, così la zona è cambiata. Ora è poeticamente chiamata "Repubblica di Užupis".

Užupis

Parco dell'Europa

Il parco si trova fuori Vilnius, nel centro geografico dell'Europa. È un complesso museale all'aperto, dove sono esposte decine di composizioni scultoree. Maestri di diversi paesi hanno preso parte alla creazione dell'esposizione. Il parco copre un'area di 55 ettari. Per vedere l'intera collezione di sculture, è necessario viaggiare in bicicletta.

Parco dell

Castello di Trakai

All'inizio del XIV secolo, Trakai era la capitale del principato lituano. Il grandioso e potente castello principesco ricorda quei tempi. L'edificio sorge su un'isola, circondata da paesaggi naturali di incredibile bellezza. Il castello è stato costruito in stile romanico medievale, le mura della fortezza sono spesse 3,5 metri e i contorni aspri delle torri ricordano il potere passato delle terre lituane.

Castello di Trakai