Le 25 migliori attrazioni di Creta, Grecia

150
32 757

L'isola ospitale e soleggiata di Creta è una delle destinazioni balneari più ambite del Mediterraneo. I turisti stanno aspettando le migliori spiagge nelle pittoresche baie dell'isola, il mare azzurro e limpido, così come le antichità storiche di Heraklion, Agios Nikolaos e Rethymno.

La prima civiltà ebbe origine a Creta diverse migliaia di anni prima dell'avvento della nostra era. Molti monumenti storici sono giunti fino a noi attraverso lo spessore dei secoli. Oggi gli ospiti dell'isola hanno l'opportunità di esplorare i misteriosi labirinti del Palazzo di Cnosso, ammirare le inespugnabili fortezze veneziane o guardare le rovine di antiche città.

La stagione balneare a Creta dura da fine maggio a fine ottobre. I mesi invernali sono ideali per visitare la città, poiché anche a gennaio le temperature diurne raramente scendono sotto i 15°C.

Cosa vedere e dove andare a Creta?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Iraklio

L'antico centro storico dell'isola di Creta, prende il nome dall'eroe mitologico Ercole. Secondo la "Geografia" dell'antico pensatore, geografo e storico greco Strabone, la città esisteva già nel I secolo d.C. ed era il porto marittimo della città minoica di Cnosso. Heraklion in tempi diversi fu di proprietà di arabi, bizantini, veneziani e turchi. Nel Medioevo esisteva il più grande mercato di schiavi di tutto il Mediterraneo. L'isola si è unita alla Grecia solo all'inizio del XX secolo.

Iraklio

Retimo

La città si trova nella parte occidentale di Creta. Fu costruito dai veneziani durante il loro regno sull'isola. Molte attrazioni di Rethymno sono perfettamente sopravvissute fino ad oggi, il posto centrale tra loro è occupato dalla fortezza veneziana di Fortezza, costruita alla fine del XVI secolo. Tra i luoghi visitati e frequentati, si possono individuare i Musei Archeologico e Storico ed Etnografico, l'antica fontana dei Rimondi e il porto veneziano.

Retimo

Agios Nikolaos

Una piccola città nel nord di Creta, una famosa e popolare destinazione turistica. Il predecessore della moderna Agios Nikolaos sorse sul sito dell'antico insediamento dorico di Lato, ma gradualmente cadde in rovina. Nuovi abitanti comparvero già nel Medioevo durante la dominazione veneziana. Nel 1646, a seguito della guerra con i turchi, i veneziani incendiarono l'insediamento. Agios Nikolaos rinacque per la terza volta a metà del XIX secolo.

Agios Nikolaos

Parco Acquatico della Città dell'Acqua

Il parco acquatico si trova a Heraklion, il suo territorio copre un'area di oltre 80 mila m². Questo è il più grande parco divertimenti acquatico di Creta. Comprende 13 piscine e molti scivoli ad alta velocità di diversi livelli di difficoltà. Anche nel parco acquatico ci sono giostre meno estreme, quindi ogni visitatore troverà qualcosa da fare. Per i bambini ci sono piscine e campi da gioco separati con una varietà di giochi d'acqua.

Parco Acquatico della Città dell

Palazzo di Cnosso

Un antico monumento della civiltà minoica che fiorì a Creta durante l'età del bronzo. Secondo la leggenda, il Palazzo di Cnosso è lo stesso leggendario labirinto in cui visse il terribile Minotauro. Il mostro fu sconfitto solo dall'eroe Teseo. Fu la bizzarra architettura del palazzo-tempio con numerosi passaggi, vicoli ciechi, stanze e passaggi che diede origine al mito del Minotauro.

Palazzo di Cnosso

L'antica città di Gortyn

La città antica dista 30 km. da Heraklion, fondata presumibilmente nel XX secolo a.C. in epoca preantica. L'insediamento è stato testimone di molte civiltà: micenea, dorica, greca. Durante il regno dell'Impero Romano, Gortyn era la capitale dell'isola di Creta e la residenza del governatore. La città esistette fino al IX secolo d.C., nell'828, durante la conquista araba di Creta, fu ridotta in rovina.

L

La città sommersa di Olus

Un'antica città che andò sott'acqua intorno al II secolo d.C. come risultato dello spostamento locale delle placche della crosta terrestre nella regione di Creta orientale. I ritrovamenti di scavi archeologici testimoniano che Olus era una città indipendente e sviluppata, qui coniavano le proprie monete e mantenevano rapporti amichevoli con gli insediamenti vicini. Agli stranieri fu permesso di stabilirsi a Olus, come testimoniano i documenti rinvenuti durante gli scavi.

La città sommersa di Olus

Museo Archeologico di Heraklion

Uno dei più grandi musei della Grecia, che contiene una ricca collezione di manufatti della civiltà minoica. Nelle sale espositive sono esposti anche reperti di altri periodi della storia dell'isola, dal Neolitico al tempo del dominio dell'Impero Romano. In totale, il museo dispone di 20 sale, disposte in ordine cronologico. Durante gli scavi vengono costantemente rinvenuti nuovi esemplari che vanno ad arricchire le collezioni museali.

Museo Archeologico di Heraklion

Monastero di Arkadi

Un monumento architettonico unico, fondato nel V secolo d.C. La chiesa del monastero risale al XVI secolo. Il monastero si trova sulle pendici del monte Ida ad un'altezza di 500 metri. Nel XVII secolo, gli invasori turchi saccheggiarono i locali e cacciarono i fratelli, ma in seguito ai monaci fu permesso di tornare. Nel 1866, durante la rivolta cretese, il monastero resistette all'assedio di un esercito turco di 15.000 uomini.

Monastero di Arkadi

Monastero della Santissima Trinità

Monastero greco-ortodosso del XVII secolo. I fondatori del monastero sono i fratelli Lavrentiy e Jeremiah, che provengono da una rispettata famiglia veneziana. I lavori di costruzione continuarono fino alla seconda metà del XIX secolo, quando il monastero fu ripetutamente attaccato dai Turchi. A seguito di tali incursioni, la maggior parte della proprietà è stata saccheggiata e bruciata. Solo dopo la rivoluzione cretese il monastero fu restaurato.

Monastero della Santissima Trinità

Monastero di Preveli

Un pittoresco monastero del XVI secolo, costruito sul pendio di una montagna. Il monastero è sotto la giurisdizione della Chiesa ortodossa di Costantinopoli. Nel XVII secolo l'edificio fu distrutto dalle autorità turche. Nel XX secolo Preveli fu nuovamente saccheggiata e distrutta dalle truppe fasciste. Il monastero fu chiuso nel 1970, seguito da molti anni di ricostruzione. Nel 2013 il monastero è stato aperto al pubblico.

Monastero di Preveli

Monastero di Kera Kardiotissa

Convento del XIII secolo (o X secolo secondo fonti alternative). La prima menzione scritta di esso risale al XIV secolo. L'icona miracolosa della Madre di Dio del Cuore (Kardiotissa), o meglio la sua copia, è conservata all'interno delle mura del monastero. L'originale fu trafugato nel XV secolo ed è attualmente a Roma. Si ritiene che una copia dell'icona abbia anche proprietà miracolose e sia in grado di curare le malattie.

Monastero di Kera Kardiotissa

Fortezza Fortezza

Il Forte Veneziano nella città di Rethymnon è una delle attrazioni più significative della città. Fu eretto nel XVI secolo. La Fortezza sorge sopra Rethymnon, è visibile da ogni parte della città. La fortezza cambiava continuamente aspetto, durante le numerose guerre con i turchi, le mura esterne e gli edifici ne risentirono. L'ultimo restauro è durato quasi 20 anni, di conseguenza Fortezza ha acquisito l'aspetto che aveva sotto i veneziani.

Fortezza Fortezza

Fortezza Kules

Fortezza marittima di Heraklion, costruita dai veneziani nel XIV secolo. Nella cinta muraria principale del forte sono incastonati bassorilievi raffiguranti un leone, simbolo della Serenissima. Il nome "Kules" fu dato dai Turchi, mentre gli stessi creatori del forte usarono il nome "Rocca al Mar". Che, tradotto liberamente dall'italiano moderno, significa "fortezza sul mare". I turchi costruirono una piccola moschea sul territorio della fortificazione e completarono anche la feritoia e lo spazio per l'artiglieria.

Fortezza Kules

Fortezza Frangokastello

Edificio militare veneziano del XIV secolo nel territorio della comunità cretese di Sfakion, che fu costruito per proteggersi dalle incursioni dei pirati. A quei tempi la fortezza si chiamava "Castello di San Nikita", ma le fu assegnato il nome di "Frangokastello", che significa "Castello dei Franchi". Il forte ha resistito a molti assedi e assalti, ma le sue mura sono sopravvissute fino ad oggi in condizioni relativamente buone.

Fortezza Frangokastello

Fortezza dell'isola di Spinalonga

Spinalonga è una piccola isola nella parte orientale di Creta, situata di fronte all'omonima penisola. Nel XVI secolo i veneziani trasformarono questo luogo in una fortezza inespugnabile, che avrebbe dovuto proteggere gli insediamenti dai pirati. Sulle rovine dell'antica acropoli fu eretto un forte così potente che anche le truppe dell'Impero Ottomano, dopo la presa di Creta, non poterono prendere Spinalonga per altri 46 anni.

Fortezza dell

Lago Voulismeni

Un lago d'acqua dolce, attorno al quale si trova la "Saint-Tropez" greca, la città di Agios Nikolaos. In profondità, il serbatoio raggiunge i 64 metri. Secondo un'antica leggenda, la bella Afrodite e la cacciatrice Artemide fecero il bagno nelle acque di Voulismeni. Fino alla metà del XIX secolo, i residenti locali credevano che gli spiriti maligni vivessero nel lago. Voulismeni è collegata al mare da un canale.

Lago Voulismeni

Lago Curna

Un altro lago d'acqua dolce a Creta, situato in una pittoresca valle verde. Le spiagge di Kournas sono un'ottima alternativa alle località balneari di Heraklion e Rethymnon. Una varietà di uccelli, tartarughe e pesci vive sulle rive e nelle profondità dell'acqua. Il silenzio e la tranquillità del lago favoriscono lunghe gite in barca. Una volta c'era un tempio di Atena di Coresia, ma l'edificio non è sopravvissuto fino ad oggi.

Lago Curna

Grotta dittea

Sistema di grotte situato all'interno della catena montuosa Dikteysky. Secondo l'antica mitologia greca, qui la dea Rea nascose il neonato Zeus a suo marito, il dio Crono. Il bambino era destinato a rovesciare il potere di suo padre e diventare il dio supremo dell'intero pantheon greco. La grotta portava a lungo il nome di Zeus ed era sacra agli adoratori del dio del tuono.

Grotta Dittea

Altopiano di Lassithi

Un fertile altopiano nella parte orientale dell'isola, rialzato di 820 metri sul livello del mare. L'altopiano è noto come la "Valle dei Mille Mulini" (con il loro aiuto è stata a lungo estratta l'acqua per l'irrigazione dei terreni agricoli). Sul territorio della valle sono presenti frutteti e grandi piantagioni di ortaggi. Le generose terre dell'altopiano di Lassithi sono state coltivate sin dai tempi della civiltà minoica.

Altopiano di Lassithi

Gola di Samaria

Attrazione naturale di Creta, una delle più grandi gole delle isole greche. La lunghezza del percorso turistico lungo la gola è di circa 16 km. Anticamente qui sorgevano i templi di Artemide e Apollo, come testimoniano le rovine conservate. Nel VI secolo a.C. nella gola di Samaria c'era una città di Tarra. Dal 1962 il territorio è stato dichiarato Parco Nazionale.

Gola di Samaria

Spiaggia di Elafonisi

Una lingua sabbiosa di rara bellezza, a poche decine di chilometri dalla località di Chania, ricoperta di sabbia rosa. Molti turisti considerano Elafonisi la spiaggia più pittoresca dell'intero Mediterraneo. Il delicato colore rosa deriva dai resti di corallo e piccole conchiglie che ricoprono ampie aree dello spiedo. L'acqua della laguna è sempre pulita, calda e limpida. La spiaggia è dotata di tutto il necessario per un soggiorno confortevole.

Spiaggia di Elafonisi

La spiaggia di Matala

Una spiaggia situata nella baia di Messara nella cittadina di Matala. È circondato da rocce in cui sono state scavate numerose grotte. Si ritiene che originariamente vi abitassero persone antiche. All'inizio dell'era cristiana, i seguaci di Gesù si nascondevano dalle persecuzioni nelle grotte di Matala. Questo fatto è evidenziato dai resti dei templi delle catacombe e dalle sepolture dei credenti.

La spiaggia di Matala

Baia di Balos

La baia si trova nella parte occidentale di Creta. Ecco una delle spiagge più famose e pittoresche, famosa per la sua sabbia bianca e pulita con macchie rosa e la magnifica acqua turchese. Nonostante il numero piuttosto elevato di persone che vogliono nuotare nelle acque della baia, non ci sono infrastrutture turistiche sulle sue rive. In questo modo, cercano di preservare la natura nella sua forma originale.

Baia di Balos

Palm Beach Vai

Una spiaggia nel Parco Nazionale di Vai. Qui cresce la più grande foresta di palme d'Europa, costituita da palme endemiche di Theophrastus. Si ritiene che le piantagioni siano apparse grazie ai marinai fenici. La spiaggia è molto frequentata dai turisti, quindi in alta stagione ci sono sempre molte persone che prendono il sole e nuotano qui. Scorci particolarmente pittoreschi di Vai possono essere visti nei raggi del sole dell'alba.

Palm Beach Vai