Le 30 migliori attrazioni di Atene, Grecia

1 435
62 780

La storia di Atene è la storia della civiltà occidentale, le sue origini e la sua stessa essenza. Tutto è stato inventato qui: democrazia, teatro, fondamenti del diritto, filosofia e oratoria. La città si trova sulla fertile terra dell'Attica da 9mila anni, nessun cataclisma e nessuna guerra potrebbe scuoterne le fondamenta.

Nel cuore antico di Atene - la sacra Acropoli, ci sono ancora templi pagani dedicati al potente Zeus, alla saggia Atena e al potente Efesto. I palchi in pietra dei teatri antichi ricordano ancora le prime tragedie di Euripide. I gradini di marmo dello stadio Panathinaikos sono ancora oggi pronti ad accogliere atleti abili.

Per migliaia di anni, Atene è fiorita, è caduta in rovina, è stata devastata e risorta. Ma la città è stata in grado di mantenere il suo status di capostipite e fonte in cui è nata tutta la nostra cultura.

Cosa vedere e dove andare ad Atene?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

acropoli ateniese

L'Acropoli è il cuore di Atene, l'antica città dove migliaia di anni fa è nata la civiltà, che ha dato origine a tutto il mondo occidentale moderno. L'insieme architettonico dell'Acropoli comprende edifici dei periodi pre-ellenistico, ellenistico, romano, bizantino e ottomano della storia di Atene. Di grande interesse sono le pareti e le colonne parzialmente conservate di antichi templi e teatri. L'Acropoli di Atene è uno degli oggetti più preziosi del patrimonio culturale dell'umanità.

Acropoli ateniese

Partenone

Tempio greco dedicato alla patrona della città - la dea Atena. Il maestoso edificio fu costruito nel V secolo a.C. durante il periodo di massimo splendore della città di Atene sotto il sovrano Pericle. I nomi degli architetti del tempio sono sopravvissuti fino ad oggi. Si ritiene che i maestri Kallikrat e Iktin abbiano lavorato alla costruzione e il grande Fidia abbia lavorato al design scultoreo. La decorazione interna del Partenone era pomposa e pomposa e la facciata era dipinta in diversi colori.

Partenone

Tempio di Efesto

Tempio del V secolo a.C., appartenente all'era classica della storia greca. Fu eretto per volere del sovrano ateniese Pericle, un comandante eccezionale e un politico di talento. La copertura dell'edificio è fortificata su file ordinate di colonne doriche in marmo, i fregi sono realizzati secondo i canoni dello stile ionico. È interessante notare che dal VII secolo d.C. e fino all'inizio del XIX secolo, la chiesa ortodossa di San Giorgio si trovava nel tempio di Efesto.

Tempio di Efesto

Eretteo

Secondo un'antica leggenda, l'Eretteo fu costruito sul luogo di una disputa tra Atena e Poseidone, durante la quale gli dei non condividevano il potere sull'Attica. Il tempio fu eretto alla fine del V secolo a.C. nello stile ionico, il nome dell'architetto si perdeva nello spessore dei secoli. Ben conservato il portico delle Cariatidi, aggiunto successivamente al tempio. Si tratta di una serie di sculture-colonne femminili che sorreggono il tetto. La paternità è attribuita allo scultore Callimaco (secondo un'altra versione - Alkamen).

Eretteo

Odeon di Erode Attico

Teatro in pietra, situato sulle pendici meridionali dell'Acropoli. L'Odeon fu eretto a metà del II secolo a.C. Veniva utilizzato per organizzare spettacoli teatrali e spettacoli musicali. L'Odeon è perfettamente conservato e inoltre viene utilizzato per lo scopo previsto ai nostri giorni. Dopo la ricostruzione a metà del XX secolo, il palcoscenico iniziò a ospitare l'annuale Festival di Atene. In passato, le migliori voci del palcoscenico mondiale si sono esibite in esso.

Odeon di Erode Attico

Tempio di Zeus Olimpio

La grandiosa costruzione del tempio iniziò nel VI secolo a.C. sotto il tiranno Pisistrato, ma dopo la sua caduta l'edificio rimase incompiuto per altri sei secoli. L'opera fu completata sotto l'imperatore romano Adriano. Nel III secolo d.C. durante il sacco di Atene il tempio subì gravi danni e nel V secolo fu completamente chiuso per ordine di Teodosio II. La distruzione definitiva del tempio di Zeus Olimpio avvenne con il declino dell'impero bizantino. I resti dell'edificio sono stati scoperti durante gli scavi del XIX secolo.

Tempio di Zeus Olimpio

Torre dei Venti

Un edificio ottagonale in marmo Pentelicon, situato sul territorio dell'Agorà romana. Secondo una versione, si ritiene che la torre sia stata costruita nel I secolo a.C. l'astronomo Andronico di Kirr. La struttura raggiunge un'altezza di 12 metri, una larghezza di circa 8 metri. Anticamente sulla sommità veniva installata una banderuola che indicava dove soffiava il vento. Le pareti della torre sono decorate con immagini di otto divinità greche responsabili della direzione del vento.

Torre dei Venti

Teatro di Dioniso

Il teatro si trova nella parte sud-orientale dell'Acropoli, fu costruito nel V secolo a.C. ed è il teatro più antico di Atene. Sul palcoscenico sono state messe in scena le opere di Euripide, Aristofane, Sofocle ed Eschilo. Nel I secolo a.C. sotto l'imperatore Nerone fu eseguita una ricostruzione su larga scala del teatro. La scena cadde in rovina nel IV secolo d.C. e fu gradualmente abbandonato. Oggi è in corso un progetto di restauro teatrale su larga scala.

Teatro di Dioniso

Kerameikos

L'antico cimitero cittadino, dove furono sepolti i più degni rappresentanti di Atene fino al IV secolo. Questo luogo è stato utilizzato come necropoli fin dall'età del bronzo. Qui sono sepolti famosi capi militari, statisti e filosofi, tra cui Pericle, Clistene, Solone, Crisippo e Zenone. Ci sono molte lapidi del periodo antico, colonne di lapidi e sculture nel cimitero.

Kerameikos

Attala in piedi

Colonnato coperto a due piani, costruito nel II secolo a.C. La costruzione fu commissionata dal re di Pergamo Atallo, che in gioventù si formò ad Atene (per i giovani discendenti delle famiglie reali del Mediterraneo, questa era una pratica comune a quel tempo). Nei tempi antichi, la posizione in piedi serviva da luogo in cui i cittadini potevano camminare. Da qui è stato possibile osservare la piazza e le strade di Atene, oltre a varie processioni festive.

Attala in piedi

Stadio Panathinaikos

Un antico stadio realizzato interamente in marmo Pentelicon. Sul suo territorio si tenevano i Giochi Panatenaici, una grande festa sportiva e religiosa, dove si esibivano atleti, si svolgevano processioni festive e si facevano sacrifici rituali. Alla fine del XIX secolo, allo stadio Panathinaikos si tenevano i rinnovati Giochi Olimpici.

Stadio Panathinaikos

Nuovo Museo dell'Acropoli

Il moderno edificio del museo è stato creato nel 2009 secondo un progetto congiunto di specialisti greci e svizzeri. La collezione è composta da reperti appartenenti a diversi periodi della storia di Atene. Principalmente, i fondi sono stati reintegrati grazie agli scavi archeologici sul territorio dell'Acropoli. Il nuovo Museo dell'Acropoli divenne l'erede della vecchia collezione di antichità, che esisteva dalla metà del XIX secolo.

Nuovo Museo dell

Museo Benaki

Collezione privata, fondata nel 1930 da A. Benakis sul territorio della sua villa di famiglia. Il proprietario ha raccolto la collezione per 35 anni e l'ha consegnata allo Stato. Lo stesso Antonis è stato a capo del museo fino alla sua morte. L'esposizione è composta da opere d'arte greca. Qui sono esposti ceramiche, tessuti, incisioni, sculture, gioielli e utensili da chiesa. Anche nel museo ci sono diversi dipinti di El Greco.

Museo Benaki

Museo Archeologico Nazionale

Il museo è la più grande collezione di oggetti dell'antica cultura greca. La collezione archeologica è stata fondata all'inizio del XIX secolo

Museo Archeologico Nazionale

Museo d'arte delle Cicladi

L'esposizione è stata fondata nel 1986 sulla base di una frequente collezione dell'influente famiglia greca Goulandris. Prima del trasferimento della collezione nelle mani dello Stato, ha visitato molte mostre mondiali. L'edificio del museo è stato progettato da V. Ioannis. La collezione è divisa in tre parti: età del bronzo, arte greca antica, arte dell'antica Cipro. Va notato che il museo contiene la collezione più completa di manufatti della cultura cipriota.

Museo d

Museo Bizantino

Il museo ha una collezione di arte bizantina e post-bizantina che copre 15 secoli. Qui è conservata un'impressionante collezione di icone preziose. Il museo fu aperto nel 1914, nel 1930 si trasferì nell'ex villa della Duchessa di Piacenza. Oltre alle icone, i fondi del museo contengono statue, paramenti sacri, ceramiche, incisioni, manoscritti, mosaici, piatti e molto altro.

Museo Bizantino

Incrociatore Georgios Averof

La nave-museo, ormeggiata al parcheggio eterno del porto di Palio Faliro. La nave fu costruita all'inizio del '900 a Livorno per le esigenze dell'esercito italiano, ma per difficoltà economiche fu venduta alla Grecia. L'incrociatore prese parte alla prima guerra balcanica, durante la prima e la seconda guerra mondiale fu catturato prima dai francesi e poi dagli inglesi. Negli anni '50. la nave fu messa in riserva. Nel 1984 si decise di trasformare la nave in un museo.

Incrociatore Georgios Averof

Accademia delle scienze di Atene

L'Accademia delle scienze è il principale istituto pubblico di ricerca in Grecia. L'edificio principale dell'edificio in cui si trova è stato progettato da F. von Hansen nel 1887. L'edificio è un vero capolavoro di stile architettonico neoclassico. Davanti alla facciata ci sono sculture dei pensatori Platone e Socrate, oltre a statue degli antichi dei greci: Atena e Apollo.

Accademia delle scienze di Atene

Piazza Sintagma

La piazza si trova nel centro moderno di Atene. Il luogo acquistò importanza nell'Ottocento, diventando il centro della vita commerciale della città. Sulla piazza si trova il Palazzo Reale della metà del XIX secolo, costruito secondo il progetto di F. von Gaertner. Ora il parlamento greco siede lì. Piazza Syntagma sta diventando costantemente l'epicentro dei disordini pubblici. Qui si svolgono spesso proteste, scioperi e altre azioni di massa di disobbedienza.

Piazza Sintagma

Guardia d'onore alla Tomba del Milite Ignoto

La guardia d'onore è in servizio presso le mura del Palazzo Reale in Piazza Syntagma. Questo è uno spettacolo piuttosto insolito e persino divertente, a differenza di cerimonie simili in altri paesi. Riguarda l'insolita uniforme dei soldati greci, che consiste in tuniche, gonne, collant bianchi e pantofole con pompon, oltre a una marcia non standard durante il cambio della guardia. Questo spettacolo attira sempre un gran numero di turisti.

Guardia d

Chiesa di Panagia Kapnikareya

Una delle chiese ortodosse più antiche di Atene. Il tempio fu eretto sulle rovine di un santuario pagano dedicato a una divinità femminile. Le prime chiese cristiane iniziarono a sorgere in città all'alba dell'era bizantina, quando la città cadde in rovina e la nuova fede sostituì quasi del tutto i culti pagani. La Chiesa di Panagia Kapnikareia è costruita in tipico stile bizantino, caratterizzata da torri a cupola rotonda.

Chiesa di Panagia Kapnikareya

Monastero di Dafni

Il monastero si trova a 11 km. da Atene vicino al boschetto di Daphne. Fu fondato nel VI secolo sul sito del tempio in rovina di Apollo e alla fine divenne uno dei santuari più venerati della Grecia. L'aspetto originale del monastero non è stato praticamente preservato

Monastero di Dafni

Licabetto

Una collina nella parte nord-orientale di Atene, che è il punto più alto della città. Offre viste panoramiche sull'Acropoli e sul porto del Pireo. La collina ha due cime, su una c'è una chiesa, sull'altra un teatro moderno con un palcoscenico aperto. Ci sono tre modi per arrivare in cima: salire sulla strada pedonale attrezzata, utilizzare la funicolare o guidare in auto.

Licabetto

Areopago

Il colle su cui anticamente si riuniva la più alta corte di Atene, l'Areopago. Il nome, a quanto pare, deriva dal nome del dio della guerra Ares. Fino al V secolo a.C. L'Areopago fungeva da consiglio comunale degli anziani, ma dal 462 a.C. questo organo è stato privato delle funzioni politiche e autorizzato ad amministrare i tribunali civili e penali. Anche l'apostolo Paolo predicò sulla collina.

Areopago

Collina delle Muse

Collina cittadina con un monumento in cima, eretto in onore del romano Gaio Giulio Filopappo, che più di una volta aiutò Atene con denaro. Dal II secolo, il luogo è meglio conosciuto come Philopappos Hill, in precedenza prendeva il nome dall'antico filosofo, poeta e musicista greco Musaios (tradotto come "Muse"). Sulle pendici della collina si trova un parco naturale privo di infrastrutture.

Collina delle Muse

Placca

Il vecchio quartiere di Atene, costruito principalmente con case del XVIII secolo. Quasi tutti gli edifici poggiano su fondamenta antiche. Sul territorio di Plaka si trova la strada più antica della città, che ha mantenuto la sua direzione fin dall'antica Grecia. Un gran numero di ex edifici residenziali sono stati trasformati in musei, negozi di souvenir e caffè, poiché i residenti si trasferirono in massa da Plaka nel XIX secolo.

Placca

Monastiraki

Il mercato cittadino, situato nell'omonimo quartiere, è uno dei mercati più frequentati di Atene. Monastiraki appartiene alla categoria dei mercatini delle pulci. Vende molte cose inutili, scarpe fatte in casa, oggetti d'antiquariato, monete, mobili e altri oggetti d'antiquariato da collezione. Nel mercato, puoi guardare l'esposizione unica della vita greca dei secoli passati.

Monastiraki

Anafiotika

Un quartiere unico nell'antica zona di Plaka, adiacente all'Acropoli. Le strade tortuose e leggermente tortuose di Anafiotika sono costruite con tipiche case bianche mediterranee. L'area si è formata a seguito del reinsediamento di costruttori dall'isola di Anafi ad Atene. Arrivarono nella capitale su chiamata del re greco Ottone per costruire un palazzo su suo ordine speciale.

Anafiotika

giardino nazionale

Un parco di 16 ettari situato nel cuore di Atene. Sul suo territorio crescono cinquecento specie di varie piante. Ogni terzo albero ha più di 100 anni. All'interno del Giardino Nazionale sono state conservate antiche rovine greche: resti di mura, colonne e frammenti di mosaici. Il giardino fu creato nell'Ottocento per volere della regina Amalia. All'inizio vi venivano coltivate verdure e frutta per la cucina reale. Ora l'ex giardino si è trasformato in un'oasi verde nel mezzo di una città di pietra.

Giardino nazionale

Flisvos Marina

Un moderno attracco per yacht, progettato per il parcheggio simultaneo di 200 navi. Sull'argine del porto turistico è stata creata un'eccellente infrastruttura per i turisti: boutique di lusso, ristoranti, un pittoresco lungomare. Sugli ormeggi si possono ammirare yacht di lusso battenti bandiere di diversi paesi e, se lo si desidera, fare una rinfrescante gita in barca lungo la costa.

Flisvos Marina