Le 20 migliori attrazioni di Mogilev, Bielorussia

1 246
72 927

Mogilev è una delle città più movimentate della Bielorussia. Il Dnepr lo divide in due parti, il che conferisce al distretto un'importanza strategica. La città ha svolto un ruolo importante nella Guerra del Nord ed è stata gravemente danneggiata anche durante la seconda guerra mondiale. Nel corso della storia, la proprietà della città è cambiata. Faceva parte del Principato di Lituania e del Commonwealth. Ciò si rifletteva, tra l'altro, nell'aspetto di strade ed edifici: anche adesso Mogilev è più simile ai suoi vicini che alle città dell'Europa occidentale.

Molti monumenti architettonici sono stati conservati, anche se alcuni, come il municipio, hanno dovuto essere restaurati ex novo. Le aree verdi dall'argine al Pechersky Forest Park sono una grande aggiunta alle bellezze architettoniche. E uno dei progetti cittadini più interessanti è l'Astrologo, un'insolita meridiana a forma di composizione scultorea.

Cosa vedere e dove andare a Mogilev?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Municipio

Il primo edificio in questo sito apparve nella seconda metà del XVI secolo. Era di legno e soffriva ripetutamente di incendi. Cento anni dopo iniziò la costruzione del municipio in pietra. La sua altezza era di 46 metri. Durante la Grande Guerra Patriottica, una struttura cittadina così importante fu fatta saltare in aria. La nuova versione del municipio è stata aperta solo nel 2008. Ha acquisito caratteristiche moderne, ma ha mantenuto lo stile classico.

Municipio

"Combattenti per il potere sovietico"

L'inaugurazione ebbe luogo nel 1982 in piazza Sovetskaya. Il complesso commemorativo è apparso sul sito dell'edificio in cui Nicola II visse per qualche tempo negli ultimi anni del suo regno. Una stele di granito alta 13 metri è coronata da una scultura di una donna alta 7 metri. La sua immagine, la postura e gli abiti fluenti simboleggiano la vittoria. I bassorilievi in ​​​​bronzo raccontano eventi importanti nella storia di Mogilev, incluso il rafforzamento del potere sovietico.

Combattenti per il potere sovietico

Via Leninskaya

Una delle vie più antiche della città: conosciuta fin dal XVI secolo. In passato si chiamava Trade and Big Governor's. Due terzi della lunghezza totale di 1490 metri è la parte pedonale. Durante la passeggiata si possono vedere l'edificio del governo della città, il municipio ricostruito, gli ex centri commerciali, il cortile vescovile, la chiesa e il museo della pittura. Ci sono negozi e caffè dove i turisti acquistano forza per continuare il loro viaggio.

Via Leninskaya

Scultura "Osservatore delle stelle"

La Piazza delle Stelle di Mogilev è simile ai "viali della fama" che esistono in diverse città. I nomi di persone di spicco sono immortalati qui. La composizione scultorea "Stargazer" è molto adatta a un posto del genere. Inoltre, il cannocchiale e le 12 sedie disposte attorno ad esso secondo il numero dei segni dello zodiaco sono una meridiana. L'autore di un progetto così insolito è lo scultore bielorusso V. Zhbanov. L'apertura è avvenuta nel 2003.

Scultura Osservatore delle stelle

Cattedrale dei Tre Santi

La principale chiesa ortodossa della città è stata costruita in 11 anni ed è stata consacrata nel 1914. Chiamata in onore di Basilio Magno, Giovanni Crisostomo e Gregorio il Teologo. Puoi entrare da tre lati. Dopo la caduta dell'autocrazia, il tempio ha funzionato a intermittenza fino agli anni '60. I locali furono ceduti al circolo, furono rimosse le croci e le cupole, demolito anche il campanile. La cattedrale è stata restituita ai credenti 30 anni dopo.

Cattedrale dei Tre Santi

Cattedrale dell'Assunzione della Vergine Maria e San Stanislao

La costruzione fu eseguita nella prima metà del XVIII. Si riferisce ad esempi dello stile barocco. Una delle caratteristiche è il dipinto del soffitto a volta con scene tratte dalla Bibbia. La chiesa che in precedenza sorgeva in questo sito è stata intitolata all'Assunzione della Beata Vergine Maria. A metà del secolo scorso la cattedrale fu chiusa e i locali furono adattati per l'archivio. Negli anni '90 è stato restituito alla diocesi. Dello stesso periodo ospita il festival di musica sacra "Mighty God".

Cattedrale dell

Monastero di San Nicola

Inizialmente, un convento di suore apparve in questo sito nel XVII secolo. Tutti gli edifici in legno furono bruciati durante la Grande Guerra del Nord. Le monache furono trasferite in un luogo più sicuro, ei locali superstiti e restaurati furono occupati dal monastero maschile. Successivamente rimase attiva solo la Cattedrale di San Nicola. Il monastero è stato completamente chiuso sotto il dominio sovietico e nel 1996 è ricominciato il processo di restauro come convento.

Monastero di San Nicola

Museo della storia di Mogilev

Inaugurato nel municipio nel 1990. L'esposizione si trova su 78 m². I fondi contengono circa 7mila reperti. Il dipartimento archeologico si concentra sulle radici slave del popolo bielorusso. La decorazione della collezione è costituita da vecchi libri stampati, nonché accessori religiosi di diverse confessioni. Inoltre, viene prestata attenzione al periodo militare e al costume nazionale. Il museo ospita mostre temporanee.

Museo della storia di Mogilev

Museo delle tradizioni locali di Mogilev

Il museo più antico della città fu aperto nel 1867. Nel 1918 ci fu una fusione con la chiesa-museo archeologico. I fondi sono stati reintegrati negli anni successivi. Sono state aggiunte collezioni di preziosi gioielli, libri e icone. Durante la guerra, la maggior parte della collezione è andata a fuoco, il resto è andato perduto. Altre città hanno fornito mostre per restaurare il museo. Ora ha 4 dipartimenti: dall'antichità al periodo sovietico.

Museo delle tradizioni locali di Mogilev

Museo Etnografico

È una filiale del museo di storia locale ed è operativo dal 1981. La collezione è stata assemblata con l'obiettivo di raccontare ai visitatori la vita e la cultura dei contadini bielorussi. Nel 1999 la collezione è stata trasferita nell'edificio dell'ex Museo dei Decabristi. È stata raccolta una vasta collezione di costumi tradizionali. Qui si tengono anche mostre di artigiani popolari. Per l'annuale Notte dei Musei viene preparato di volta in volta un programma aggiornato.

Museo Etnografico

Teatro drammatico di Mogilev

L'edificio in mattoni rossi per il teatro fu costruito negli anni '80 del secolo scorso. Tuttavia, la prima esibizione è stata amatoriale e successivamente solo le compagnie itineranti sono salite sul palco per molto tempo. Un gruppo di artisti apparve a Mogilev solo nel 1929. Dopo la guerra, si formò di nuovo un vuoto creativo. Ora tutte le difficoltà del teatro sono finite: sono state effettuate riparazioni, le attrezzature sono state aggiornate, gli spettacoli sono spesso esauriti.

Teatro drammatico di Mogilev

Museo d'arte intitolato a P. V. Maslenikov

Inaugurato nel 1990 e intitolato all'artista e storico dell'arte bielorusso. L'edificio è un monumento architettonico in stile Art Nouveau russo. La collezione si basa su opere di arte realistica dei secoli XVII-XIX e icone antiche. Una delle caratteristiche del museo è la presenza di un laboratorio di restauro. Inoltre, parte dello spazio espositivo è dedicato a mostre temporanee, conferenze e serate musicali.

Museo d

Museo di Byalynitsky-Biruli

Il museo commemorativo dell'artista è stato aperto nel 1982. L'edificio è un monumento architettonico del XVII secolo. Qui vissero un tempo gli imperatori d'Austria Giuseppe II e Caterina II. La base dell'esposizione erano circa 500 dipinti del maestro, donati dal Museo Nazionale d'Arte. Il resto degli oggetti esposti sono documenti, foto, oggetti personali, oggetti del laboratorio. Ogni anno, nel giorno del compleanno di Byalynitsky-Biruli, si tengono speciali escursioni e concerti.

Museo di Byalynitsky-Biruli

Palazzo Vescovile

Fu costruito negli anni 70-80 del XVIII secolo e faceva parte dell'insieme del monastero di Spassky. Originariamente utilizzato dall'arcivescovo George. Durante il periodo sovietico fu trasformato in un edificio residenziale. In quel periodo la disposizione interna subì notevoli modifiche. E la facciata e il tetto spiovente sono rimasti quasi gli stessi, anche tenendo conto di riparazioni e ricostruzioni. L'edificio è ora di proprietà della diocesi.

Palazzo Vescovile

Edificio della stazione ferroviaria

Quando nel 1900 Nicola II ordinò la costruzione di una linea ferroviaria da Vitebsk a Zhlobin, a Mogilev iniziò la costruzione dell'edificio della stazione. Arrivarci non è stato facile, ma gradualmente la città è cresciuta verso la stazione. Durante la prima guerra mondiale, Sergei Yesenin prestò servizio qui come inserviente militare. L'edificio, pur conservando le caratteristiche originarie, fu completamente ricostruito all'inizio del secolo.

Edificio della stazione ferroviaria

Campo di Buinichskoe

Il memoriale si estende su 20 ettari ed è dedicato all'impresa dei difensori di Mogilev durante la seconda guerra mondiale. Nel 1941 ci furono sanguinose battaglie. Al centro fu costruita una cappella alta 27 metri. Sulle pareti erano installate tavolette con i nomi degli eroi caduti. Sotto la cappella si trova una cripta: vi sono ancora sepolti i resti dei soldati dell'Armata Rossa rinvenuti nelle vicinanze. Nelle vicinanze sono esposte attrezzature militari del passato.

Campo di Buinichskoe

Zoo di Mogilev

Creato nel 2004 sulla base dell'istituto agrotecnico locale. Occupa un'area di 124 ettari lungo il Dnepr. Il percorso a piedi attraversa l'intero zoo. La passeggiata passa lungo ponti sospesi, in prossimità di ogni recinto e lungo sentieri forestali. Il percorso ferroviario si estende per 2 km e accompagna i visitatori in un safari sui bisonti. Tra gli animali domestici ci sono alci, tassi, cigni, lupi e specie rare del Libro rosso.

Zoo di Mogilev

"Villaggio bielorusso del XIX secolo"

Il complesso culturale e di intrattenimento si trova vicino alla città. È generalmente chiamato "Korchma" e il villaggio stesso ne fa parte. Ci sono case di artigiani qui: un tessitore, un fabbro, un fornaio, un vasaio, un falegname. Gli oggetti fatti a mano possono essere acquistati. Un piccolo hotel decorato nello stile del secolo scorso. E due ristoranti offrono cucina europea con particolare attenzione ai prodotti e alle ricette locali.

Villaggio bielorusso del XIX secolo

Area a parco sull'argine del fiume. Dubrovenka

Il distretto è stato portato in forma adeguata nel 2000. I principali cambiamenti hanno interessato le piste, che sono state piastrellate, così come sono comparsi nuovi oggetti di illuminazione e arredamento. Il territorio è attraversato da numerosi sentieri che si addentrano nell'area del parco. A causa della presenza di comode pendenze verso l'acqua, puoi nutrire anatre e cigni. Al centro del letto del fiume c'è un geyser-fontana galleggiante e nelle vicinanze c'è un ponte con una scultura di una sirena.

Area a parco sull

Parco Forestale delle Grotte

Menzionato per la prima volta nel 1632. Si trova a nord-ovest della città su un'area di 337 ettari. Le terre appartenevano in passato a un vescovo cattolico. Dopo la sua morte, le fabbriche qui costruite furono liquidate ei contadini licenziati. Con l'avvento del potere sovietico, il territorio fu nazionalizzato. Attualmente, il parco forestale è sede di gare sportive e vacanze.

Parco Forestale delle Grotte