Le 25 migliori attrazioni di Brest, Bielorussia

141
77 194

La prima menzione di Brest come insediamento di artigiani risale all'inizio dell'XI secolo. Nel corso dei secoli l'insediamento ha cambiato più volte proprietari, è stato distrutto e ricostruito dalle rovine. Qui vedrai monumenti architettonici dell'alto medioevo, chiese polacche, chiese ortodosse, strade accoglienti e argini.

Lo spettacolo più famoso della città, dove sicuramente vanno tutti i turisti, è la famosa Fortezza di Brest. I suoi difensori all'inizio della seconda guerra mondiale hanno mostrato un incredibile eroismo in una battaglia impari con l'esercito tedesco. Oggi la fortificazione ospita un complesso museale dedicato alle vicende di quegli anni.

A soli 65 km da Brest si trova Belovezhskaya Pushcha, una favolosa foresta di querce dove è possibile incontrare un enorme bisonte bielorusso. Puoi andarci dopo aver visitato i numerosi musei cittadini e fare una pausa dalle faticose escursioni.

Cosa vedere e dove andare a Brest?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Fortezza di Brest

Una cittadella fortificata costruita sul sito del castello di Brest nel 1833. La struttura è costituita da una fila di caserme in mattoni rossi, muri spessi due metri e una cittadella centrale. Nel 1913 fu eretto il secondo anello di edifici difensivi. All'inizio della prima guerra mondiale, la fortezza era considerata una delle più inespugnabili d'Europa. Il 22 giugno 1941 subì uno dei primi colpi delle truppe tedesche. Nel 1965, ha ricevuto il titolo di Hero Fortress.

Fortezza di Brest

Monumento "Coraggio"

Monumento ai difensori della Fortezza di Brest, progettato dall'architetto moscovita A.P. Kibalnikov ed eretto sulla Piazza dei Cerimoniali nel 1971. Il grandioso monumento raggiunge un'altezza di 36 metri e una lunghezza di 54 metri. Raffigura il busto di un combattente dal volto determinato e accigliato sullo sfondo dello stendardo sovietico, pronto a resistere fino alla fine all'assalto degli invasori. Di fronte alla scultura si trova la tomba di 850 difensori della fortezza.

Monumento Coraggio

Monumento "Sete"

Un altro memoriale in memoria dei difensori della Fortezza di Brest, che fa una forte impressione emotiva. Il primo giorno dell'assedio, i tedeschi interruppero l'approvvigionamento idrico ei soldati sovietici furono costretti a combattere in condizioni di atroce sete, poiché l'acqua rimanente veniva utilizzata per raffreddare le mitragliatrici. Nel tentativo di ottenere almeno alcuni preziosi secchi d'acqua nel fiume catturato dal nemico, molti soldati morirono.

Monumento Sete

Cattedrale della guarnigione di San Nicola

Una chiesa ortodossa sul territorio della Fortezza di Brest, costruita in stile bizantino a metà del XIX secolo. All'inizio del XX secolo, quando Brest faceva parte della Polonia, fu trasformata in una chiesa. Durante la seconda guerra mondiale, l'edificio fu gravemente danneggiato. Nel 1972 fu messo fuori servizio e nel 1994 fu restituito ai credenti. I lavori di restauro sono proseguiti per molti anni e sono stati completati solo nel 2005.

Cattedrale della guarnigione di San Nicola

Museo "5° Forte"

All'inizio del XX secolo, il forte in mattoni faceva parte delle strutture difensive della fortezza di Brest-Litovsk. C'erano baracche, mura, un fossato pieno d'acqua. Durante gli anni dell'occupazione tedesca, sul suo territorio furono collocati dei magazzini. Nel 1995 l'edificio è stato riconosciuto come monumento culturale, nel 1997 è stato restaurato. Nel 2000 è stato organizzato sul territorio del forte un museo dedicato alla storia della Fortezza di Brest.

Museo 5° Forte

Museo della Difesa della Fortezza di Brest

Il museo si trova in un edificio restaurato dell'ex caserma. È stato aperto nel 1956 sulla base della sala della gloria militare. La collezione è composta da materiali e reperti che raccontano la difesa della Fortezza di Brest: armi, documenti d'archivio, fotografie - in totale più di 8mila oggetti collocati in 9 sale. I difensori sopravvissuti della cittadella hanno preso parte alla realizzazione della mostra.

Museo della Difesa della Fortezza di Brest

"Berestye"

Esposizione archeologica fondata nel 1982 presso il sito di scavo. La base della collezione sono i reperti rinvenuti sul territorio dell'antico insediamento del XIII secolo, comprendente abitazioni e annessi, rialzati da una profondità di 4 metri e restaurati secondo il loro aspetto storico. In "Berestye" puoi imparare molto sullo stile di vita tradizionale degli slavi, guardare oggetti che erano in uso molti secoli fa.

Berestye

Via Sovetskaya

Sovetskaya Street è spesso chiamata "Brest Arbat". Dopo la ricostruzione nel 2009, è diventato il luogo preferito dai cittadini per passeggiare e una tappa obbligata per i turisti. Lungo il vicolo ci sono pittoresche facciate di palazzi in pietra del primo Novecento, ristoranti, aiuole, file di lanterne forgiate e piccole sculture urbane. La lunghezza della strada è di circa 1,7 km.

Via Sovetskaya

Vicolo di lanterne forgiate

Il vicolo si trova su Gogol Street. Le lampade in ferro battuto sono apparse qui nel 2013. La particolarità sta nel fatto che sono tutte significative - alcune riflettono le trame delle opere dello scrittore, l'altra parte - le specificità delle attività dell'impresa che ha sponsorizzato la fabbricazione della lanterna. Ci sono lampade a forma di orologio, telaio, figura simbolica di un clown, angelo, chiave di violino.

Vicolo di lanterne forgiate

Giardino d'inverno

Il territorio del giardino appartiene alla Brest State University. A. S. Pushkin ed è la sua piattaforma scientifica, ma le serre sono aperte al pubblico. Gli sbarchi sono divisi in tre zone: tropicale, subtropicale e desertica. Specie esotiche crescono sotto una cupola di vetro appoggiata su una base di metallo e mattoni. Questo edificio originale si staglia sullo sfondo del paesaggio urbano.

Giardino d

Monumento del Millennio di Brest

Il monumento è stato costruito nel 2009 a spese dei cittadini. È un modello di Brest, riflesso nelle immagini storiche dei principi che un tempo governavano qui e dei residenti ordinari. Sopra di loro c'è la figura di un angelo custode. Nel 2011 al monumento è stato aggiunto un altorilievo, che raffigura importanti pietre miliari della storia della città, oltre a un bizzarro recinto in stile Liberty che completava armoniosamente la composizione architettonica.

Monumento del Millennio di Brest

Edificio della stazione ferroviaria

La stazione ferroviaria di Brest è considerata il più grande snodo dei trasporti della Bielorussia occidentale. Serve treni a lunga percorrenza. La città è collegata da linee ferroviarie dirette con Berlino, Parigi, Varsavia, Kiev. L'edificio della stazione fu costruito nel 1886. Nella forma ricorda un palazzo, quindi è una delle attrazioni popolari. Durante la prima guerra mondiale l'edificio fu fatto saltare in aria, nel 1953 fu ricostruito.

Edificio della stazione ferroviaria

Museo Ferroviario

L'esposizione, situata sul territorio di 29mila m² proprio sui binari, è dedicata a tutto ciò che riguarda la costruzione ferroviaria, i binari e le attrezzature. Il museo è stato aperto nel 2000. Al momento, la sua collezione è composta da diverse dozzine di campioni: carri, locomotive, valvole a vapore, impianti di riparazione. C'è anche un orologio da torre e un campanello d'allarme. Tutta l'attrezzatura è in buone condizioni.

Museo Ferroviario

Museo "Valori Artistici Salvati"

L'esposizione museale è piuttosto singolare, in quanto consiste in oggetti di valore confiscati alla dogana locale, che gli aggressori hanno cercato di trasportare illegalmente oltre confine. Qui puoi vedere dipinti, gioielli, icone dei secoli XVI-XVII, oggetti di arti e mestieri e altri reperti. La collezione è costantemente aggiornata grazie al buon lavoro delle autorità doganali.

Museo Valori Artistici Salvati

Teatro drammatico accademico di Brest

La scena drammatica è stata creata negli anni '40 in un momento in cui i combattimenti erano ancora in corso sui fronti occidentali. La vita creativa è nata in condizioni difficili, ma il teatro è diventato rapidamente popolare. Qui non si tengono solo spettacoli drammatici, ma si esibisce anche un'orchestra sinfonica e si tengono spettacoli musicali. Ogni anno il palco ospita il festival internazionale Belaya Vezha.

Teatro drammatico accademico di Brest

Brest Museo regionale delle tradizioni locali

Dal 1948 l'esposizione del museo si trova nell'edificio dell'ex Chiesa dell'Esaltazione di Santa Croce. Nel corso del tempo, l'istituzione si è trasferita e ha acquisito diverse filiali, tra cui esposizioni situate all'interno della Fortezza di Brest. I fondi del museo contengono più di 200mila oggetti legati alla storia, all'archeologia e all'etnografia della regione. Molte mostre sono uniche: hanno diverse centinaia di anni.

Brest Museo regionale delle tradizioni locali

Museo della storia della città di Brest

La collezione è ospitata in un palazzo dell'inizio del XX secolo. È interamente dedicato alla storia della città dall'antichità al dopoguerra. Le mostre occupano 4 sale con una superficie di 200 m². Tra questi ci sono stemmi cittadini di epoche diverse, opere di artisti contemporanei, collezioni di monete, libri antichi, documenti, statue, modelli, mappe, oggetti per la casa e altri materiali interessanti.

Museo della storia della città di Brest

Chiesa fraterna di San Nicola

Una delle chiese più pittoresche della città, situata in via Sovetskaya. Fu eretto nel 1904 a spese del Sinodo e delle donazioni di marinai e ufficiali che parteciparono alla guerra russo-giapponese. In termini architettonici, l'edificio è una chiesa a cupola incrociata in stile russo-bizantino con elementi chiaramente espressi dell'architettura moscovita della metà del XVII secolo.

Chiesa fraterna di San Nicola

Cattedrale della Santa Resurrezione

Chiesa ortodossa costruita nel 1995-98, costruita in onore dell'anniversario della Vittoria. In termini di dimensioni, è il più grande di Brest e uno dei più grandi di tutta la Bielorussia. All'interno possono essere presenti fino a 5mila parrocchiani contemporaneamente. La cattedrale è stata costruita in stile neo-russo, tipico della costruzione di chiese tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Nel 2001 sul campanile del tempio è stata issata una campana del peso di 400 chilogrammi.

Cattedrale della Santa Resurrezione

Cattedrale di San Simeone

Tempio del XIX secolo, monumento architettonico dello stile della chiesa russo-bizantina. L'edificio è una chiesa a cinque cupole. Le torri laterali e il tamburo centrale sono montati su un quadrato di cui uno dei lati ha forma semicircolare. Le cupole sono ricoperte di foglia d'oro e sulla torre centrale è posto un orologio. La facciata della cattedrale è dipinta di colore verde chiaro, è decorata con pitture murali.

Cattedrale di San Simeone

Chiesa dell'Esaltazione della Santa Croce

L'attuale chiesa cattolica, costruita a metà del XIX secolo. L'edificio è stato costruito in stile classico. Dopo la fine della seconda guerra mondiale fu collocato tra le sue mura un museo di storia locale, contemporaneamente perse parte degli elementi decorativi della facciata. Dal 2002 sono ripresi i servizi divini nella chiesa. A seguito di una lunga ricostruzione, è stato ripristinato l'aspetto storico dell'edificio.

Chiesa dell

Chiesa della Trinità a Chernavchitsy

Chiesa cattolica del XV secolo, situata a circa 18 km da Brest nella città agricola di Chernavchitsy. Fu costruito in stile gotico e rinascimentale. Di lato, l'edificio ricorda in qualche modo una fortezza inespugnabile con spesse mura. Per molto tempo la chiesa appartenne alla diocesi ortodossa, nel 1918 fu restituita ai cattolici. In epoca sovietica c'erano un ospedale e una scuola.

Chiesa della Trinità a Chernavchitsy

Maniero Nemtsevichi

Il complesso architettonico del XVIII secolo, costruito in stile barocco. Fu eretto per la famiglia Nemtsevich, da cui proveniva Julian Ursyn, un personaggio pubblico e uno dei creatori della costituzione del Commonwealth. La tenuta è circondata da un parco realizzato nello stesso periodo. Una volta aveva tutti gli elementi della progettazione del paesaggio: stagni, gazebo, vicoli, ma nulla è arrivato ai nostri tempi. C'è un museo nella tenuta stessa.

Maniero Nemtsevichi

Parco della cultura e del tempo libero di Brest

Il parco di Brest è stato allestito all'inizio del XX secolo. A quel tempo furono piantate diverse centinaia di alberi e più di 4mila cespugli. Per l'intrattenimento del pubblico sono stati costruiti un palco e un ristorante con veranda. Oggi questo luogo continua con successo a fungere da area ricreativa, in qualsiasi periodo dell'anno, ricevendo visitatori. Ci sono attrazioni, parchi giochi e caffè. Ogni mese il parco ospita eventi per bambini.

Parco della cultura e del tempo libero di Brest

Belovezhskaya Pushcha

Riserva della biosfera e parco nazionale situato al confine tra Polonia e Bielorussia. Sono i resti di una foresta reliquia, che in epoca preistorica copriva il territorio di tutta l'Europa. All'interno dei suoi confini crescono circa 1000 specie di alberi, arbusti ed erbe, fino a 600 specie di funghi, più di 200 specie di muschi. La più grande popolazione di bisonti vive a Belovezhskaya Pushcha.

Belovezhskaya Pushcha