Le 30 migliori attrazioni di Leopoli, Ucraina

230
37 880

Il patrimonio storico di Leopoli si è formato sotto l'influenza del Commonwealth, degli imperi austriaco e russo, poiché in tempi diversi la città faceva parte di tutti questi stati. Da un punto di vista architettonico, Lviv è una vera città europea, soprattutto perché l'eredità dell'era sovietica fu affrettata a sbarazzarsi nei primi anni dell'indipendenza dell'Ucraina.

Le autorità cittadine stanno lavorando attivamente a progetti di restauro, restaurando edifici storici e sviluppando infrastrutture per attirare il maggior numero possibile di turisti. Pertanto, Lviv sta diventando sempre più bella con ogni città. Le sue chiese medievali, i palazzi barocchi e i parchi deliziano i viaggiatori. Le ricche collezioni dei musei di Lviv sono costituite da opere d'arte inestimabili e da oggetti di artigianato unici che raccontano la difficile storia dell'Ucraina occidentale.

Cosa vedere e dove andare a Leopoli?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Piazza Rynok

La piazza centrale di Leopoli, il cui insieme architettonico iniziò a prendere forma durante il periodo di Casimiro il Grande sotto l'influenza delle tendenze urbanistiche polacche e tedesche. Ecco il municipio, i palazzi storici della nobiltà e delle ricche famiglie mercantili, i musei e gli edifici amministrativi. Oggi la piazza è un importante centro turistico di Lviv. Tutti i percorsi pedonali della città lo attraversano.

Piazza Rynok

Municipio di Leopoli

Il primo municipio in legno apparve a Leopoli a metà del XIV secolo dopo l'adozione da parte della città del sistema legislativo di Magdeburgo. Bruciò dopo pochi decenni. L'edificio del 1835, realizzato in stile classico secondo il progetto di A. Vondrashek, F. Tresher e Yu. Markel, è sopravvissuto fino ad oggi. L'edificio è composto da quattro piani, un cortile e una torre del municipio, decorata con un quadrante di orologio realizzato vicino a Vienna.

Municipio di Leopoli

Palazzo Potocki

Il palazzo alla maniera del classicismo "francese", che apparteneva all'influente famiglia del conte Potocki. Il complesso fu costruito nel 1880 secondo il progetto dell'urbanista francese L. de Verny con l'aiuto dell'architetto polacco Y. Cybulsky. Il Lvov Pototsky Palace era considerato uno dei più lussuosi tra gli altri possedimenti di questa potente famiglia. Sul suo territorio si tenevano solenni ricevimenti e riunioni.

Palazzo Potocki

Palazzo di Kornyakt

Un monumento architettonico unico del Rinascimento, costruito nel XVI secolo per un ricco mercante di origine greca K. Kornyakt. Dopo che la costruzione fu completata, divenne subito chiaro che l'architetto P. Barbon aveva l'edificio più elegante di tutta Leopoli. Uno dei luoghi più pittoreschi del palazzo è il cortile all'italiana, modellato sui tipici “patios” di Firenze. Oggi c'è un museo sul territorio del palazzo.

Palazzo di Kornyakt

Casa degli scienziati

Monumento architettonico della fine del XIX secolo, opera degli urbanisti austriaci F. Felner e G. Gelmer. La casa è stata costruita nello stile dell'architettura del palazzo tipica dell'Europa centrale. Nel periodo 1918 - 1939. un casinò ha funzionato nell'edificio, dal 1948 si è trasformato nella Casa degli scienziati. Attualmente, la villa appartiene a una delle organizzazioni educative. Sul suo territorio si tengono i balli in maschera di Leopoli.

Casa degli scienziati

Teatro dell'Opera di Leopoli

Lvov ebbe un disperato bisogno del proprio palcoscenico operistico alla fine del XIX secolo. A quel tempo la città faceva parte dell'Austria-Ungheria ed era conosciuta come Lemberg. Il teatro è stato costruito nel 1900 in stile classico con elementi barocchi e rinascimentali. La sua architettura è stata fortemente influenzata dalla scuola "pseudo-rinascimentale viennese". L'edificio del teatro adorna la parte centrale della città, conferendole una somiglianza con le capitali europee classiche.

Teatro dell

Cattedrale di San Giorgio

Cattedrale della Chiesa greco-cattolica dell'Ucraina - UGCC. In precedenza, al suo posto si trovavano una chiesa e un monastero ortodossi in legno (fino al XIV secolo) e una basilica in stile bizantino (fino alla fine del XVIII secolo). La cattedrale fu costruita in stile barocco secondo il progetto di B. Meretin. Dal 1946 al 1990 è appartenuta alla Chiesa ortodossa russa, ma poi è stata restituita all'Ugcc. Il complesso del tempio comprende una cattedrale, le camere del metropolita, una terrazza, un campanile, un giardino e sale capitolari.

Cattedrale di San Giorgio

Chiesa di Santa Elisabetta

Tempio neogotico dell'inizio del XX secolo, che, secondo la leggenda, prende il nome dall'imperatrice Elisabetta di Baviera, meglio conosciuta dal popolo come Sisi. L'architetto T. Talevsky ha lavorato al progetto. Il maestro ha incarnato nella sua creazione le caratteristiche dei templi della Germania settentrionale e della Francia, aggiungendo anche un po 'di aspro stile romanico. Dal 1991 la chiesa è chiamata Chiesa di Sant'Olga ed Elisabetta. Appartiene all'UGCC.

Chiesa di Santa Elisabetta

cattedrale latina

La cattedrale cattolica, che è l'unica in Ucraina ad avere lo status di "basilica minore". Nel 2001 il tempio ha ospitato Papa Giovanni Paolo II come ospite d'onore. La cattedrale latina fu eretta nel 1360-1479 secondo il progetto di P. Stecher. I lavori di restauro furono eseguiti nei secoli XVIII, XIX e all'inizio del XX secolo. L'architettura dell'edificio è una miscela di stili barocco, gotico e rinascimentale.

Cattedrale latina

Cappella dei Boim

La cappella fu eretta all'inizio del XVII secolo come cripta di famiglia della famiglia Boim. La costruzione è notevole per il fatto che le sue pareti sono decorate con gruppi scultorei raffiguranti scene della Bibbia. Il fatto è che i soggetti religiosi erano incarnati principalmente nella pittura. Raffigurare scene bibliche con l'aiuto della scultura è una soluzione piuttosto non standard per quel tempo.

Cappella dei Boim

Cattedrale armena

Tempio del XIV secolo, situato nella parte storica di Lviv. È uno degli edifici religiosi più antichi della città. La cattedrale fu costruita sul sito di una chiesa armena del XII secolo a spese dei mercanti Panos e Yakov. All'inizio del XX secolo l'edificio fu restaurato. Nel 2000 la chiesa è stata trasferita alla Chiesa Apostolica Armena, sebbene originariamente appartenesse al ramo cattolico armeno. Il fatto è che al momento del trasferimento non c'erano quasi più armeni cattolici a Leopoli.

Cattedrale armena

Monastero domenicano e cattedrale

Il primo monastero domenicano fu fondato a Lviv nel XIV secolo. La cattedrale fu eretta a metà del XVIII secolo secondo il progetto di J. de Witte con i soldi di Jozef Potocki. L'edificio è uno dei monumenti più suggestivi dell'architettura barocca europea con tutta la solennità e lo splendore insiti in questo stile. Il complesso monastico è stato più volte restaurato, l'ultimo intervento è stato eseguito negli anni '50.

Monastero domenicano e cattedrale

Chiesa cattolica e monastero dei Bernardini

Il monastero sorse nel XV secolo. Inizialmente tutti gli edifici del monastero erano in legno. Nel corso dei secoli XVI-XVII furono gradualmente sostituite da quelle in pietra. A quel tempo il monastero era circondato da potenti mura della fortezza, l'ingresso era bloccato da porte affidabili. La chiesa di Sant'Andrea fu eretta nel 1600-1630 secondo il progetto del monaco B. Avelid, i lavori all'interno furono eseguiti nel XVIII secolo. L'edificio è stato ristrutturato negli anni '70.

Chiesa cattolica e monastero dei Bernardini

Chiesa di Giovanni Battista

Il tempio si trova sulla Piazza del Mercato Vecchio. Secondo una versione, fu costruito nel XIII secolo sotto il principe Lev Danilovich. Tuttavia, alcuni dati e studi storici indicano che l'edificio è apparso non prima del XIV secolo. L'architettura dell'edificio mostra caratteristiche dello stile neoromanico. Al giorno d'oggi, sul territorio della chiesa c'è una filiale della Galleria d'arte di Lviv - il Museo dei monumenti antichi di Lviv.

Chiesa di Giovanni Battista

Chiesa dei Gesuiti

La chiesa fu eretta nel XVII secolo su progetto del maestro italiano D. Briano. Tuttavia, il progetto di costruzione originario fu proposto dal monaco S. Lahmius. La chiesa è uno dei primi edifici barocchi eretti sul territorio di Lviv. Nei secoli XVIII-XIX, nella chiesa sedeva il parlamento locale - la "dieta regionale". Dal 2011 sono stati eseguiti lavori di restauro nella chiesa a spese dei fondi polacchi.

Chiesa dei Gesuiti

Museo della farmacia "Sotto l'aquila nera"

La più antica farmacia cittadina, attiva dal 1735. Nel museo della farmacia è possibile vedere un'interessante esposizione composta da macchine per compresse, piatti speciali con iscrizioni in latino, bilance antiche, erbe essiccate e altre cose interessanti. I reperti sono conservati sugli scaffali di massicci armadi in legno del XVIII secolo, che valorizzano ulteriormente il corrispondente "entourage". La farmacia vende sia farmaci moderni che farmaci di marca creati secondo antiche ricette.

Museo della farmacia Sotto l

Museo della birra di Leopoli

Il museo occupa i locali seminterrati del birrificio di Lviv. La sua collezione è dedicata alla storia e alle tradizioni della birra. La mostra ha aperto i battenti nel 2005. Qui sono raccolte bottiglie e botti, bicchieri da birra e antiche ricette (circa trecento reperti in totale). Dopo aver visto la mostra, i visitatori possono recarsi nella sala di degustazione, nel negozio di articoli da regalo e nel ristorante sotterraneo "Robert Doms' Brewhouse".

Museo della birra di Leopoli

Shevchenko ragazzo

Esposizione etnografica all'aria aperta, dove è possibile osservare l'architettura tradizionale del villaggio dell'Ucraina occidentale e conoscere la vita quotidiana della gente. Il museo si trova sul territorio dell'etno-parco "Znesenye". "Shevchenko Hay" è costituito da diverse dozzine di case tipiche di diverse regioni dell'Ucraina, chiese e annessi.

Shevchenko ragazzo

Museo Etnografico e dell'Artigianato Artistico

La collezione è nata come risultato della fusione del Museo della Società Scientifica. T. Shevchenko e il Museo industriale cittadino, fondato nel XIX secolo. L'esposizione è ospitata nell'edificio storico della Cassa di Risparmio della Galizia. I fondi del museo contengono una preziosa collezione di reperti etnografici, nonché oggetti di artigianato creati da artigiani.

Museo Etnografico e dell

Galleria d'arte di Leopoli

Uno dei più grandi musei d'arte in Ucraina, fondato all'inizio del XX secolo. La collezione è ospitata in un palazzo neorinascimentale progettato da F. Pokutinsky. La galleria espone diverse decine di migliaia di dipinti di maestri di diversi paesi. Ci sono opere di I. Levitan, I. Repin, I. Aivazovsky, P. Rubens, F. Goya, Tiziano, J. Robert e altri artisti.

Galleria d

Museo Nazionale Andrey Sheptytsky

Il museo è stato fondato all'inizio del XX secolo con l'obiettivo di preservare e sviluppare la cultura nazionale ucraina. Il creatore fu il metropolita A. Sheptytsky, che inizialmente mantenne l'esposizione a proprie spese. Successivamente, il museo è passato al finanziamento statale. La collezione è composta da icone, manoscritti, sculture in legno, sculture, incisioni, dipinti, tessuti e ceramiche.

Museo Nazionale Andrey Sheptytsky

Prigione di Lontskogo

Edificio neorinascimentale dell'ex gendarmeria austro-ungarica convertito in museo. Durante il periodo sovietico, l'amministrazione dell'NKVD si trovava sul suo territorio, durante la seconda guerra mondiale - il quartier generale della Gestapo, fino al 1991 - il centro di detenzione dell'NKVD (di seguito - il KGB), fino al 2009 - il Ministero degli affari interni dell'Ucraina. Il museo è stato aperto nel 2009 su iniziativa della SBU. La sua esposizione è dedicata alle vittime dei regimi di occupazione che esistevano in tempi diversi nel territorio dell'Ucraina occidentale.

Prigione di Lontskogo

Stazione ferroviaria di Leopoli

La prima stazione ferroviaria cittadina fu costruita a Leopoli nel 1861 su iniziativa del governo dell'Impero austriaco. All'inizio del XX secolo, la stazione non era più in grado di far fronte al flusso di passeggeri. Nel 1904 apparve un edificio moderno, che comprendeva sale d'attesa per le classi prima, seconda e terza, oltre a una sala da pranzo, un ristorante, un ufficio postale e locali di servizio. Al momento dell'apertura, la stazione di Lviv era considerata una delle più moderne d'Europa.

Stazione ferroviaria di Leopoli

arsenale cittadino

Una struttura difensiva del XVI secolo, costruita in pietra massiccia. L'edificio è un monumento architettonico del Rinascimento. Nel 1704 l'arsenale fu distrutto dalle truppe svedesi e successivamente ricostruito. Fino al XVIII secolo qui c'era un'armeria, poi una prigione, una camera di tortura e una casa del boia. Dal 1981, il museo delle armi opera nell'arsenale, che espone migliaia di reperti provenienti da tutto il mondo.

Arsenale cittadino

Cittadella

Resti di fortificazioni austriache del XIX secolo, che furono utilizzate in tempi diversi dalle truppe russe, polacche e sovietiche durante le campagne militari nell'Ucraina occidentale. Una delle torri ben conservate ospita il Citadel Inn a cinque stelle, il cui interno è decorato nello stile "imperiale" del periodo di massimo splendore dell'Austria-Ungheria.

Cittadella

torre delle polveri

Nel XVI secolo la torre faceva parte del sistema di fortificazioni difensive della città e sorvegliava gli accessi a Leopoli dal lato nord. L'edificio è un monumento dell'architettura militare del Rinascimento. Munizioni, polvere da sparo e provviste venivano immagazzinate qui in caso di assedio. Lo spessore delle pareti della torre è di circa 2,5 metri, sono realizzate in pietra grezza. I lavori di restauro sono stati eseguiti a metà del XX secolo.

Torre delle polveri

Parco Strysky

Il parco è stato allestito sul territorio dell'ex cimitero di Stryisky alla fine del XIX secolo secondo il progetto del capo giardiniere di Lvov A. Rering. Si trova nella parte meridionale della città. Inizialmente furono piantati circa 40mila alberi, posati sentieri e decorati prati con aiuole. In epoca sovietica, il territorio del parco fu notevolmente ampliato a causa delle terre desolate ad esso adiacenti.

Parco Strysky

Viale della Libertà

La via centrale della città è lunga 350 metri, centro della vita culturale e degli affari. Su Svoboda Avenue, i contorni delle facciate dei palazzi intrecciano elementi di barocco, classicismo e neorinascimento. Un contributo significativo alla formazione dell'aspetto architettonico della strada è stato dato dal periodo austriaco nella storia di Leopoli. Oggi, Freedom Avenue è uno dei luoghi "iconici" per i turisti, nonché una delle strade preferite per passeggiare dai cittadini.

Viale della Libertà

Parco del Castello Alto

Il parco si trova sulle pendici della collina Knyazhy (castello), quasi nel centro di Lviv. Copre un'area di 36 ettari. Dal ponte di osservazione della terrazza superiore offre un magnifico panorama della città. Il Parco del Castello Alto fu allestito nel XIX secolo sul sito dell'omonima fortezza, che a quel tempo era stata smantellata dagli austriaci. A metà del XX secolo, sul suo territorio fu costruita una torre televisiva alta 200 metri.

Parco del Castello Alto

Cimitero di Lychakiv

Cimitero del XVI secolo, trasformato in museo-riserva commemorativo. C'è una versione che nel Medioevo le persone che morirono di peste furono sepolte in questo luogo. La necropoli è composta da più parti: le tombe più antiche, il cimitero dei difensori di Leopoli, il quartiere dei ribelli, le tombe delle vittime dell'NKVD, il pantheon dei polacchi di spicco e altri. Ci sono anche diversi memoriali qui, incluso un monumento in onore dell'unità UNA - la divisione SS Galicia.

Cimitero di Lychakiv