Le 15 migliori attrazioni di Volsk, Russia

1137
26102

Volsk si trova sulle rive del Volga ed è una tipica cittadina della Russia provinciale. La città conobbe diverse fasi di successo nel suo sviluppo, ma prima la guerra del 1812, e poi la rivoluzione, ne rallentarono la crescita economica. Molte bellezze architettoniche sono rimaste a Volsk di quei tempi, ad esempio un complesso di palazzi mercantili vicino alla piazza centrale.

Questa città della regione di Saratov ha presentato al paese Peter Grushin. Era all'origine della creazione di sistemi missilistici antiaerei. Un monumento è stato eretto in onore del progettista di aerei nella sua piccola patria. Volsk ha anche collezioni museali impressionanti. Ciò è particolarmente vero per il Museo di storia naturale e la galleria d'arte. Tra le mostre ci sono doni provenienti da musei sia russi che stranieri.

Cosa vedere e dove andare a Volsk?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

piazza centrale

Questa parte della città è famosa per la sua architettura. Nella parte settentrionale della piazza ci sono due ex dimore mercantili. Hanno tetti insoliti con numerosi dettagli forgiati. Uno dei palazzi è adibito alla galleria, il secondo è occupato dalla banca. Dall'altro lato c'è l'edificio amministrativo. Fu ricostruito negli anni '30, quindi l'edificio si distingue dalla fila generale. E il Gostiny Dvor è riuscito a preservare il suo aspetto storico.

Piazza centrale

Cattedrale della Santissima Trinità

La costruzione fu completata nel 1809. I fondi per la costruzione del tempio furono stanziati da V. Zlobin. Negli anni '20 appartenne per un breve periodo ai rinnovazionisti. Nel 1934 la cattedrale fu distrutta. Un monumento a Lenin fu eretto sulla terra desolata risultante. Già nel nostro secolo si decise di restaurare il tempio. I lavori si sono svolti dal 2006 al 2009. Poi è avvenuta la consacrazione. La cattedrale ha mantenuto il suo nome precedente.

Cattedrale della Santissima Trinità

Edificio Gostiny Dvor

Il massiccio edificio copre l'intero isolato. La sua facciata è decorata lungo il perimetro da colonne bianche. Il Gostiny Dvor è stato costruito con i soldi di un personaggio locale V. Zlobin, che qui ha organizzato centri commerciali. Si svilupparono prima della guerra con Napoleone e, con la rovina del fondatore, iniziarono a declinare. Durante la sua esistenza, Gostiny Dvor ha ospitato molte organizzazioni diverse sotto il suo tetto. Ora all'interno di uffici e punti vendita.

Edificio Gostiny Dvor

Teatro drammatico

Fondato nel 1937. Durante i primi anni, il teatro si è basato esclusivamente sull'entusiasmo degli artisti e del regista V. Blok. Nel 1964, la squadra ricevette a sua disposizione un edificio appositamente costruito. Il repertorio comprende classici mondiali e opere contemporanee contemporanee. Il teatro è in tournée e partecipa a grandi festival tutti russi. Inoltre, nel 2016 ha ospitato lui stesso il Small Town Theatre Festival.

Teatro drammatico

Galleria d'arte

Occupa la casa di un ex commerciante. L'edificio fu eretto alla fine del XIX secolo e da allora è cambiato poco. Anche l'interno delle quattro grandi sale è rimasto immutato. La galleria d'arte si trova all'interno dal 1920. La nazionalizzazione ha contribuito alla formazione della collezione: qui sono stati portati oggetti di valore confiscati ai ricchi residenti. Alcuni dipinti sono forniti dalla Galleria Tretyakov. Tra le mostre ci sono le opere di maestri sia nazionali che occidentali.

Galleria d'arte

Museo delle tradizioni locali

Uno dei più grandi musei provinciali di profilo delle tradizioni locali. L'anno di fondazione è il 1920. L'esposizione è suddivisa in componenti separate e comprende, tra l'altro: una galleria d'arte, dipartimenti di natura e storia. Vengono presentate collezioni di monete, reperti archeologici, oggetti per la casa, edizioni antiche e rare di libri. Le collezioni sono impressionanti, alcune delle quali vengono periodicamente portate in mostre temporanee.

Museo delle tradizioni locali

Museo di Storia Naturale

Occupa cinque sale e racconta completamente i suoli, i rilievi, il sistema idrico e il clima della regione di Volsky. I visitatori possono seguire il cambio delle stagioni grazie ai diorami. Vengono inoltre presentati reperti paleontologici di epoche diverse. Nel 1935, il British National Museum presentò a Volsk una collezione unica di farfalle e il Museo geologico degli Urali presentò una collezione di pietre ornamentali.

Museo di Storia Naturale

Torre di fuoco

Costruito nella seconda metà del XIX secolo. Nelle vicinanze si trova uno dei vigili del fuoco della città. L'edificio ha quattro livelli. L'aspetto storico è stato preservato. Non in uso da molto tempo. Per qualche tempo fu di proprietà privata. C'era un'opzione per aprire un caffè al suo interno, ma gli standard sanitari non lo consentivano. Nel 2018 la torre ha ricevuto lo status di bene culturale protetto. Ci sono piani per creare un ponte di osservazione su di esso.

Torre di fuoco

Monumento ai marinai della flottiglia del Volga

Installato sul pendio dell'argine del Volga nel 1976. Il luogo non è stato scelto a caso. Fu qui che i marinai sbarcarono per combattere per Volsk durante la rivoluzione. La battaglia si rivelò protratta, ma la prima formazione militare dell'Armata Rossa sul Volga riuscì nell'estate del 1918 a cacciare i controrivoluzionari dalla città. Circa 700 associati sono stati rilasciati dalle carceri. Il monumento sembra una scultura di un marinaio che si precipita in battaglia.

Monumento ai marinai della flottiglia del Volga

Monumento a P. D. Grushin

Installato nel 1985. Grushin è nato a Volsk e ha vissuto qui per molto tempo. È conosciuto come il creatore di sistemi missilistici antiaerei. Pyotr Dmitrievich è stato in grado di dimostrare che era possibile rilevare e abbattere aerei da ricognizione nemici. Il busto poggia su una piattaforma di pietra. Le insegne di Grushin sono elencate sul suo piedistallo, inclusa un'indicazione di aver ricevuto due ordini dell'Eroe del lavoro socialista.

Monumento a P. D. Grushin

Monumento alla prima Costituzione della RSFSR

Nel 1920 fu indetto un concorso per creare un monumento. Il vincitore è stato lo scultore A. Kobelev. Tuttavia, il monumento finale è molto diverso da quello concepito dal maestro. Invece di una struttura complessa, dovevano accontentarsi di un piccolo obelisco. Esternamente, è molto simile al podio. Nel 1934 il monumento cambiò sede, poiché nelle vicinanze iniziò a essere costruito un teatro. È stato ristrutturato quando è stato spostato.

Monumento alla prima Costituzione della RSFSR

Memoriale "Fiamma Eterna"

Inaugurato nel 1975. Si trova sulla piazza intitolata al decimo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre. Oltre alla ciotola con il fuoco, il memoriale comprende: un obelisco piatto con un'iscrizione, un muro semicircolare di targhe commemorative, due figure di guerrieri che, per così dire, stanno di guardia alla Fiamma Eterna. Il progetto della composizione appartiene all'artista N. Savelyev. Ogni anno, questo monumento ospita i principali eventi del Giorno della Vittoria.

Memoriale Fiamma Eterna

Parco della città di Volsky

Fu fondata nel 1793 con la partecipazione diretta del commerciante locale Peter Sapozhnikov. Ripetutamente alterato e cambiato i confini. L'ultima ristrutturazione è avvenuta nel 2018. Le attrazioni sono state aggiornate, sono state organizzate più tipologie di svago e intrattenimento per i cittadini. Tra l'altro nel parco si può giocare a calcio oa tennis, visitare un poligono di tiro, ammirare la grande fontana e numerose sculture.

Parco della città di Volsky

terrapieno cittadino

Si estende lungo la riva destra del Volga. È di piccole dimensioni ed è separato dal fiume non solo da una recinzione forgiata, ma anche da una zona verde ricca di piantagioni. Un'ampia discesa ben tenuta conduce all'acqua. Nelle vicinanze si trova un monumento ai marinai della flottiglia del Volga. I sentieri sono asfaltati, camminare qui è comodo. Ci sono panchine, le lanterne sono accese in anticipo, in modo che l'area sia sempre illuminata.

Terrapieno cittadino

Cava di gesso

In passato il territorio apparteneva alla fabbrica. Il gesso veniva estratto qui e utilizzato per la produzione di cemento. La cava fu abbandonata, nel suo bacino si formò un lago. Sono ben visibili le tracce del mestolo, così come i resti di creature preistoriche nella sezione. Le rive del lago sono ricoperte di vegetazione, vengono utilizzate dai turisti per la ricreazione. Il percorso "I segreti della cava di gesso" è stato sviluppato. Dal 2016 è stato attrezzato un ponte di osservazione nelle vicinanze.

Cava di gesso