Le 20 migliori attrazioni di Firenze, Italia

213
75 418

Firenze è l'incarnazione dello spirito del Rinascimento, una città-capolavoro architettonico e il luogo di nascita di grandi creatori che hanno impresso per sempre i loro nomi nella memoria dell'umanità. Michelangelo, Leonardo da Vinci, Niccolò Donatello, Dante Alighieri, Benvenuto Cellini - tutti questi geniali maestri vissero e crearono i loro capolavori immortali a Firenze.

La città è circondata da magnifici paesaggi toscani, le migliori opere d'arte sono esposte nei musei fiorentini e cantanti d'opera si esibiscono nelle piazze medievali. Firenze ispira e incanta: nessun turista rimane indifferente alle sue bellezze. Firenze è chiamata la "città dei fiori", che ha sbocciato i suoi splendidi petali tra le pittoresche pianure e colline d'Italia.

Cosa vedere e dove andare a Firenze?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Santa Maria del Fiore

Lussuosa e leggiadra cattedrale, una vera meraviglia architettonica che da diversi secoli adorna Firenze. La costruzione del tempio durò diversi secoli sotto la guida di famosi architetti come Giotto di Bondone, Francesco Talenti, Giovanni di Lappo Ghini e altri. Le volte della cattedrale sono decorate con affreschi del XV secolo, l'incredibile bellezza della facciata è decorata con bassorilievi marmorei, la cupola rossa della cattedrale sembra librarsi sulla città.

Santa Maria del Fiore

Battistero di San Giovanni

Edificio ottagonale in marmo dell'XI-XII secolo, destinato al battesimo. Rappresentanti della potente famiglia dei Medici e del grande Dante accolsero qui la fede cristiana. L'edificio è decorato con bassorilievi, su cui hanno lavorato maestri bizantini. La porta orientale del battistero attira maggiormente l'attenzione dei turisti, dove sono raffigurate scene della Bibbia su pannelli dorati.

Battistero di San Giovanni

Campanile di Giotto

Il campanile fa parte del complesso architettonico della Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Questo è un eccezionale esempio di arte architettonica italiana, creato con la partecipazione del maestro Giotto di Bondone. Il suo nome è immortalato nel nome del campanile. La torre raggiunge un'altezza di 84 metri, sul livello superiore è presente un ponte di osservazione, da dove il panorama di Firenze si apre allo sguardo del turista. Più di 400 gradini conducono alla piattaforma.

Campanile di Giotto

Basilica di Santa Croce

Basilica del XIII secolo, monumento classico del gotico italiano. Si presume che l'architetto Arnolfo di Cambio iniziò i lavori per la costruzione del tempio. Secondo la leggenda, sul sito della basilica esisteva una cappella costruita da San Francesco d'Assisi. L'interno è decorato con opere d'arte dei secoli XIV-XV. Vi sono opere di Giotto, Benedetto de Maiano, Donatello, Giovanni da Milano, Bernardo Rossellino. La basilica appartiene all'Ordine Francescano.

Basilica di Santa Croce

Basilica di San Lorenzo

Un monumento architettonico del XV secolo, costruito nello stile del primo Rinascimento. Il tempio contiene le tombe dei rappresentanti della famiglia Medici. Durante il periodo di massimo splendore di questa influente famiglia fiorentina, la Basilica di San Lorenzo fu la chiesa parrocchiale dei Medici. Vicino all'altare maggiore si trova la tomba del capostipite della dinastia, Cosimo il Vecchio. Presso la basilica si trova un monastero e la biblioteca laurenziana.

Basilica di San Lorenzo

Basilica di Santa Maria Novella

La principale chiesa domenicana di Firenze, monumento architettonico dei secoli XIII-XIV. In precedenza, questo luogo era una cappella romanica, messa a disposizione dei monaci dell'Ordine Domenicano. La basilica è decorata con una facciata traforata, che ricorda un po' un dipinto su una scatola decorativa. Lo spazio interno è decorato con affreschi greci e bassorilievi marmorei. Nella basilica inizia l'azione del "Decamerone" di D. Boccaccio.

Basilica di Santa Maria Novella

Monastero e Chiesa di San Marco

Il monastero, che nel XIV secolo passò all'ordine domenicano dalla Congregazione dei Silvestriani di San Benedetto per volere del sovrano di Toscana (i benedettini non gestivano abbastanza bene l'economia). Si ritiene che il monastero sia sorto nel XII secolo. Nella seconda metà dell'Ottocento fu creato nel monastero il Museo Nazionale di San Marco. Le collezioni di questo museo contengono reperti inestimabili dei creatori del Rinascimento.

Monastero e Chiesa di San Marco

Accademia di Belle Arti

La primissima Accademia Europea di Pittura, fondata nel 1561 con la partecipazione e il pieno appoggio del Duca Cosimo I de' Medici. Agnolo Bronzino, Giorgio Vasari e Bartolomeo Ammanati furono alle origini dell'Accademia. Presso l'istituzione è aperta una galleria d'arte, dove sono esposte opere d'arte eccezionali. Tra questi c'è il famoso "David" di Michelangelo. Questa statua di cinque metri è uno dei simboli del Rinascimento.

Accademia di Belle Arti

Museo del Bargello

Il museo, che si trova in un edificio storico del XIII secolo. L'edificio è un vero castello medievale. Qui nei secoli scorsi si trovavano un carcere, una caserma, la residenza di un giudice e un magistrato cittadino. La collezione del Museo del Bargello è considerata una delle più importanti di tutta Italia. Qui sono conservate le opere di B. Cellini, Michelangelo, Giambologna e altri famosi maestri.

Museo del Bargello

Museo Casa Dante Alighieri

Donte Alighieri è un famoso poeta, politico, creatore dell'immortale "Divina Commedia" e uno dei fondatori della lingua italiana. L'antica casa in pietra di un genio in uno dei più antichi quartieri fiorentini è stata trasformata in un museo a lui intitolato. L'esposizione racconta la vita di Dante e il suo percorso creativo. Il museo ha molti dipinti raffiguranti Firenze nel XIV secolo.

Museo Casa Dante Alighieri

Palazzo Vecchio

Il palazzo della fine del XIII - inizi del XIV secolo, che ospita il comune cittadino. I governanti della Repubblica di Firenze e del Ducato di Toscana si sono seduti qui per secoli. L'edificio è coronato da una torre alta 94 metri, intitolata al maestro Arnolfo di Cambio. Il Palazzo è sopravvissuto fino ad oggi nella sua forma originaria. La ricca decorazione interna è merito dell'architetto di corte della famiglia Medici, maestro D. Vasari.

Palazzo Vecchio

Palazzo Pitti

Il palazzo, costruito per la famiglia Pitti nel XV secolo nel cupo stile architettonico del Quattroceto (una delle tendenze del primo Rinascimento). Attualmente ospita uno dei migliori musei di Firenze. Piuttosto, sul territorio di Palazzo Pitti sono presenti diverse esposizioni: la Galleria Palatina, il Museo degli Argenti, la Galleria del Costume, il Museo delle Porcellane, il Museo d'Arte Moderna.

Palazzo Pitti

Palazzo Mediceo Riccardi

Per molti secoli il palazzo fu la residenza principale dei Medici, la famiglia regnante di Firenze. La dinastia proveniva dal banchiere Cosimo il Vecchio, che raggiunse una posizione così elevata grazie al suo denaro e alla sua influenza. A metà del XV secolo fu costruito un magnifico palazzo per il nuovo sovrano. Nel XVII secolo l'edificio fu venduto alla famiglia Riccardi, che ne curò l'ampliamento e la ristrutturazione in stile rinascimentale.

Palazzo Mediceo Riccardi

Piazza Michelangelo

Piazza Fiorentina, da dove si apre il miglior panorama della città. Per questo motivo è sempre affollato e rumoroso. La piazza fu creata nel XIX secolo durante una ricostruzione su larga scala di Firenze. Il nome è stato dato in onore dell'insuperabile creatore Michelangelo. Nel 1873 furono installate sulla piazza una copia della scultura "David" di Michelangelo e altre quattro copie delle creazioni di questo famoso scultore rinascimentale.

Piazza Michelangelo

Piazza della Signoria

Il centro storico e una delle piazze più belle di tutta Italia. L'area è un armonioso insieme architettonico, che comprende il Palazzo Vecchio, la Fontana del Nettuno, la Loggia dei Lanzi e diversi gruppi scultorei. Già nell'antichità era crocevia di strade importanti, c'era un anfiteatro romano e ville antiche. Ma questi edifici non sono sopravvissuti fino ad oggi.

Piazza della Signoria

Galleria degli Uffizi

Uno dei musei d'arte più famosi al mondo. È difficile sopravvalutare il valore culturale della Galleria per tutta l'umanità: qui sono conservati i capolavori di Botticelli, Giotto, Michelangelo, Leonardo da Vinci, Raffaello, Caravaggio. Sotto Cosimo I della dinastia dei Medici, gli Uffizi ospitarono edifici amministrativi, ma nel tempo si accumulò al suo interno un'impressionante collezione di opere d'arte. Nel XVIII secolo si decise di aprire un museo pubblico sul territorio.

Galleria degli Uffizi

Corridoio Vasariano

Arco coperto attraverso il fiume Arno che collega Palazzo Pitti e Palazzo Vecchio. Fu costruito per volontà di Francesco I de' Medici. Attraverso questo corridoio, il sovrano poteva attraversare rapidamente il fiume senza dover uscire. Il passaggio è decorato con dipinti di Tiziano, da Vinci, Giotto e diverse centinaia di altre opere di maestri del XVI-XVII secolo. Oggi, una passeggiata attraverso il Vasari è possibile solo a pagamento.

Corridoio Vasariano

Ponte Vecchio

Attraversamento del fiume Arno, costruito ai tempi dell'Antica Roma. Negli ultimi secoli il ponte è stato più volte distrutto, spazzato via e ricostruito. Nel XV secolo qui funzionava il mercato delle carni fiorentino, per cui un cattivo odore si diffuse in tutto il circondario. Ora sul Ponte Vecchio, il posto delle macellerie è stato preso da costose gioiellerie per turisti. Il ponte stesso fa parte del Corridoio Vasariano.

Ponte Vecchio

Parco Cashine

Nel XVI secolo sul sito del parco si trovavano i terreni di caccia della famiglia Medici. All'inizio dell'Ottocento il territorio fu aperto al pubblico e successivamente il parco fu venduto alle autorità cittadine. Da allora le Cascine sono diventate un'ambita meta di villeggiatura dei fiorentini. È dotato di piste ciclabili e pedonali, segnaletica, aree pic-nic e altre infrastrutture. L'ingresso è gratuito per tutti.

Parco Cashine

Giardino di Boboli

Complesso di parchi paesaggistici, riccamente decorato con fontane, gazebo e aiuole. I giardini furono fondati nel XV secolo su richiesta della moglie di Cosimo I de Medici, duchessa Eleonora di Toledo. Nel corso dei secoli, il Giardino di Boboli ha cambiato più volte proprietario. Ogni nobile famiglia che ha acquisito questi territori ha cercato di contribuire al paesaggio del complesso del parco.

Giardino di Boboli