Le 20 migliori attrazioni di Gibilterra

1 064
81 830

La città-stato di Gibilterra si trova nel luogo strategicamente più importante del pianeta, all'uscita dal Mediterraneo verso l'Oceano Atlantico. Molte persone vengono qui per vedere l'Africa stando in Europa. Puoi esplorare la città non solo in ampiezza, ma anche arrampicandoti su una roccia che svetta come un gigante al centro della penisola. Questa è l'attrazione principale di Gibilterra. Per i turisti qui c'è spazio: piattaforme panoramiche con viste pittoresche, una riserva con scimmie rare, labirinti di tunnel, un ponte sospeso.

Data la posizione geografica della città, nella sua storia ci sono state molte sanguinose battaglie e guerre, quindi qui sono stati conservati un gran numero di bastioni, casematte, mura della fortezza, fortificazioni e postazioni di difesa. La maggior parte sono state restaurate e sono disponibili per l'ispezione.

Cosa vedere e dove andare a Gibilterra?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

rocca di gibilterra

Occupa la maggior parte del paese. Altezza - 426 metri, lunghezza - 5 km, larghezza - 1200 metri. L'età è di circa 200 milioni di anni. È costituito da rocce calcaree, che vengono erose nel tempo e si formano grotte. Ce ne sono più di 100 in totale, il più grande e il più visitato è quello di San Michele. Parte della roccia fa parte della riserva, i suoi abitanti più pregiati sono i macachi barbareschi e le pernici. I turisti sono attratti dal singolare labirinto di tunnel scavati nella roccia nei secoli XVIII-XX.

Rocca di gibilterra

Magoti

Questa specie di macachi senza coda dal naso stretto è una specie di simbolo di Gibilterra. Sul territorio dell'Europa, solo qui vivono in un ambiente naturale e godono di completa libertà: infastidiscono i turisti, rubano cibo, penetrano nelle case. Sulla roccia c'è il loro patrimonio: la riserva Apes Den. Puoi guardare i vermi, scattare foto, ma è vietato dar loro da mangiare. Secondo la leggenda, finché le scimmie saranno vive, Gibilterra rimarrà in possesso britannico, quindi sono amate e protette.

Magoti

villaggio oceanico

Complesso turistico con eccellenti infrastrutture. Comprende un hotel a 5 stelle "Sunborn", appartamenti residenziali, un grande centro uffici. Sul lungomare ci sono molte boutique dei marchi più alla moda, ristoranti e bar, discoteche e casinò, e altri luoghi culturali e di intrattenimento. Il marina in questa zona ha più di 300 posti barca e accetta imbarcazioni fino a 100 metri di lunghezza. Le gite in barca lungo la penisola iberica sono popolari.

Villaggio oceanico

Aeroporto di Gibilterra

Il decollo e l'atterraggio degli aerei di linea all'aeroporto locale è uno spettacolo piuttosto spettacolare. Il fatto è che a causa della mancanza di spazio, la pista è molto corta - 1828 metri, e inoltre è circondata dal mare su entrambi i lati. Attraversa anche l'autostrada più trafficata di Gibilterra. Deve essere bloccato con barriere per far passare il prossimo aereo. A causa della vicinanza dello stretto, il tempo nella zona è imprevedibile. Ma, nonostante tutte le difficoltà, l'aeroporto riceve fino a 30 aerei ogni settimana.

Aeroporto di Gibilterra

Baia Catalana

Questo nome ha una baia ai piedi orientali della scogliera, una spiaggia sabbiosa e un villaggio situato sulla riva. La spiaggia locale è la seconda più grande di Gibilterra, ma la più frequentata dai turisti e dai residenti della penisola. La sua storia risale al XVII secolo. Oggi è un'area ricreativa pittoresca, molto pulita e ben tenuta con caffè e ristoranti specializzati in frutti di mare. Nelle vicinanze - parcheggio, fermata dell'autobus. A pochi passi si trova il Caletta Palace Hotel.

Baia Catalana

Piazza delle Casematte

Prende il nome dalle caserme in pietra dei soldati costruite durante il periodo della colonizzazione britannica. Oggi sono stati trasformati in un Centro Arti e Mestieri. Il perimetro della piazza è circondato da musei, caffè e bar, negozi di souvenir. Al centro c'è un monumento dedicato ai soldati del Gibraltar Regiment. Qui si trova anche l'edificio del Dipartimento della Salute. La piazza è sempre rumorosa e affollata. Si tengono vari festival, concerti, celebrazioni.

Piazza delle Casematte

Piazza John McIntosh

Dal 1940 prende il nome da un noto commerciante, filantropo e filantropo di Gibilterra che visse tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Prima di allora, si chiamava Market Square. Conduce la sua storia dal XIV secolo. Oggi qui si trovano gli edifici principali della città: il municipio e il parlamento, nonché il Centro di informazioni turistiche. Dal 1992 è sede delle celebrazioni ufficiali dedicate al National Day di Gibilterra il 10 settembre.

Piazza John McIntosh

Museo di Gibilterra

L'apertura è avvenuta nel 1930. Le mostre museali riflettono le fasi principali della storia di Gibilterra. Qui si trovano i resti e gli strumenti di lavoro dei popoli primitivi, esposizioni che vanno dal periodo fenicio a quello britannico. Oltre a vaste collezioni di armi di epoche diverse, stampe e litografie, flora e fauna locali. Il complesso museale comprende bagni moreschi unici del XIV secolo. C'è un piccolo negozio di articoli da regalo.

Museo di Gibilterra

Chiesa di Santa Maria della Corona

Centro della fede cattolica a Gibilterra. Conduce la sua storia dal XV secolo - il tempo del dominio spagnolo. Dopo il Grande Assedio, l'edificio fu gravemente danneggiato. Il governatore si offrì di restaurarlo per sostituire parte del terreno che apparteneva alla chiesa. È stato utilizzato per riqualificare Main Street. La torre dell'orologio fu completata nel 1820. La statua di un soldato all'ingresso della cattedrale fu ricevuta in dono dal British Army Corps - Royal Engineers.

Chiesa di Santa Maria della Corona

cimitero di trafalgar

Le prime sepolture apparvero nel 1798. Sebbene il nome del cimitero sia associato alla leggendaria battaglia del 1805, solo 2 dei suoi partecipanti sono ufficialmente sepolti qui. Ma ci sono diverse dozzine di tombe anonime che potrebbero benissimo appartenere a marinai britannici. Fondamentalmente, sul territorio di un piccolo cimitero, sono sepolti coloro che morirono in altre battaglie del 1801-1812. Così come le vittime di numerose epidemie di febbre avvenute all'inizio del XIX secolo.

Cimitero di trafalgar

Giardino botanico di Gibilterra

Data di fondazione - 1816. Area - 6 ettari. Ci sono circa 2mila specie interessanti di vegetazione e alberi tropicali. Alcuni hanno più di 200 anni, tra cui l'albero del drago, il pino pinia, l'olivo. Sul territorio dell'orto botanico è presente un Teatro Estivo, un Parco Faunistico con animali esotici, un Giardino all'italiana Dell con laghetti e cascate, un parco giochi. Così come i monumenti al generale Eliott e al duca di Wellington.

Giardino botanico di Gibilterra

castello moresco

Fu originariamente costruito nell'VIII secolo e radicalmente ricostruito 6 secoli dopo. È considerata la più grande struttura difensiva del periodo moresco in Europa. Si trova nel nord-ovest del massiccio roccioso. Consiste delle mura della fortezza superstite, delle porte e di una torre di 100 metri. Le pareti del complesso sono disseminate di buche di palle di cannone e fuoco di artiglieria. Oggi qui è aperto un museo, solo 4 stanze in cima alla torre sono disponibili per le visite.

Castello moresco

Batterie e strutture di artiglieria

Una delle principali componenti militari di Gibilterra - l'artiglieria costiera - è stata ora trasformata in un oggetto di attività turistica. In cima alla scogliera c'è la batteria di O'Hara. La sua esposizione principale è una potente pistola da 9,2 pollici. La batteria più meridionale, Fort Harding, costruita nel 1859, contiene un cannone da 12,5 mm del peso di 50 tonnellate. La batteria della principessa Anna del XVIII secolo era composta da 9 cannoni, nel XIX secolo furono aggiunti cannoni da 5,25 pollici, 3 dei quali in torri chiuse, 1 sotterraneo.

Batterie e strutture di artiglieria

Tunnel dal Grande Assedio

L'unico sistema di difesa di Gibilterra. Il labirinto di tunnel fu costruito in 6 settimane dagli inglesi per proteggersi dalle forze combinate di Spagna e Francia nel 1779-1783. Sono stati scolpiti a mano sul lato settentrionale della roccia. In gran parte grazie ai cannoni trasferiti qui, l'Inghilterra è riuscita a vincere. Durante la seconda guerra mondiale, i tunnel furono notevolmente ampliati. Oggi qui sono aperte le sale espositive, dove vengono mostrate pistole, manichini di soldati e altri reperti di storia militare.

Tunnel dal Grande Assedio

Tunnel della seconda guerra mondiale

I tunnel d'assedio continuarono negli anni della guerra degli anni '40, la loro lunghezza totale era di 50 km. Servivano da rifugio per i residenti locali e c'erano magazzini con munizioni, munizioni e provviste. Oggi solo alcune di esse sono accessibili ai turisti, trasformate in museo militare, e fungono da sede per mostre e rappresentazioni teatrali. La maggior parte del labirinto è ancora di proprietà della leadership militare ed è chiusa al pubblico.

Tunnel della seconda guerra mondiale

Grotta di San Michele

Un'affascinante opera di artigiana della natura. La più grande delle centinaia di grotte sulla Rocca di Gibilterra. Situato ad un'altitudine di 300 metri. È famoso per le sue enormi formazioni di stalattiti, che sembrano fantastiche alla luce dei riflettori multicolori. Ha 3 ingressi e uscite, numerose sale a diversi livelli. Il più grande ospita concerti di musica classica. Nelle grotte inferiori c'è un lago sotterraneo. Qui sono state trovate tracce di uomini delle caverne e arte rupestre.

Grotta di San Michele

Sentiero "Passi Mediterranei"

Il percorso è consigliato solo a turisti allenati. Creato dall'esercito britannico nel XVIII secolo come parte di un sistema di comunicazione. Con l'ausilio di gradini è stato stabilito l'accesso alle postazioni difensive e ai punti di tiro sulla roccia. Il sentiero inizia alle Colonne d'Ercole, attraversa la riserva naturale, lungo la parte orientale della scogliera, e termina proprio in cima, vicino alle batterie di O'Hara e Lord Airy. La lunghezza è di 1800 metri. Nel 2007 sono stati ricostruiti i gradini.

Sentiero Passi Mediterranei

ponte sospeso windsor

L'apertura è avvenuta nel 2016. È stato costruito un ponte su una gola di 50 metri sul territorio della Upper Rock Reserve. Lunghezza - 71 metri. Su entrambi i lati è saldamente fissato alle pareti rocciose con l'ausilio di grandi supporti installati a una profondità di 12 metri. Tuttavia, durante il passaggio, ci sono lievi fluttuazioni, che aggiungono una parte del brivido a un'entusiasmante passeggiata. Ma le viste affascinanti della città sottostante e dei paesaggi marini ti fanno dimenticare la paura dell'altezza.

Ponte sospeso di Windsor

funivia

Collega il centro città alla cima della Rocca di Gibilterra. È stato aperto nel 1966, successivamente ammodernato più volte. La stazione a valle si trova vicino al giardino botanico. La lunghezza della strada è di 673 metri. Il tempo di percorrenza è di 6-7 minuti. Le cabine sono progettate per 30 persone. Vicino alla stazione a monte ci sono diverse piattaforme di osservazione, un caffè, un negozio di souvenir. Il viaggio prevede una sosta alla stazione intermedia, nei pressi del Monkey Lair, ma solo da novembre a marzo.

Funivia

Capo Europa

Un eccellente ponte di osservazione da cui è visibile la costa africana con il bel tempo. Il punto più meridionale della penisola. Qui sorge il faro della Trinità, costruito nel XIX secolo e ora funzionante. La luce da esso è visibile a tutte le navi che passano lungo lo stretto. Dal 1994 - completamente automatizzato. Ci sono altri oggetti degni di nota: una moschea, una cappella cattolica, un monumento al generale Sikorsky morto nel 1943, cannoni di artiglieria costiera, un grande parco giochi.

Capo Europa