Le 25 principali attrazioni di Karlovy Vary, ceco

1 400
67 908

Un viaggio nella tranquilla e pacifica Karlovy Vary è un vero riposo per l'anima e un balsamo curativo per il corpo. Per i turisti russi, questa località ceca è diventata "nativa" sin dai tempi zaristi. Da tempo immemorabile, aristocratici e intellettuali si sono precipitati qui per farsi curare.

Oggi Karlovy Vary è una degna tradizione balneare, un servizio eccellente di hotel confortevoli e, naturalmente, numerose sorgenti termali che possono migliorare la salute e curare numerosi disturbi. I sanatori locali offrono vari programmi sanitari per tutti i gusti.

Anche i quartieri urbani sono di grande interesse. Ci sono castelli medievali, pittoreschi canyon sulle pendici boscose del fiume e numerosi sentieri attrezzati per contemplare tutto questo splendore.

Cosa vedere e dove andare a Karlovy Vary?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Sorgenti minerali

Ci sono circa 70 sorgenti minerali a Karlovy Vary, ma solo 12 hanno proprietà curative. Ciascuno è progettato per trattare e prevenire un gruppo specifico di malattie. La temperatura dell'acqua varia da 30°C a 70°C. Pittoreschi colonnati furono eretti intorno alle sorgenti termali nei secoli XIX-XX, che le proteggevano dagli effetti dell'ambiente esterno.

Sorgenti minerali

Torre di avvistamento Diana

La torre si trova in cima alla collina di Druzhba. I turisti possono arrivarci in funicolare o trascorrere mezz'ora e camminare lungo il sentiero escursionistico. Dal ponte di osservazione della torre, puoi goderti una vista panoramica sulle verdi colline boscose che circondano Karlovy Vary. Oltre alla torre stessa, c'è un bar, un ristorante sulla collina, oltre a panchine e comodi posti per rilassarsi.

Torre di avvistamento Diana

Torre panoramica di Goethe

L'edificio fu eretto alla fine del XIX secolo

Torre panoramica di Goethe

torre del castello

Un elegante castello costruito sotto il regno di Carlo IV. Inizialmente si presumeva che l'edificio sarebbe stato utilizzato come residenza di caccia, ma dopo che la costruzione fu completata, l'aristocrazia locale iniziò a organizzare qui feste, balli e sontuosi ricevimenti. Nel 1604 il castello fu distrutto da un incendio, ma ben presto fu eretta una nuova torre. L'edificio del XVII secolo è sopravvissuto fino ad oggi. Ora c'è un ristorante sul territorio della Torre del Castello.

Torre del castello

Colonnato geyser

Edificio in vetro costruito negli anni '70. XX secolo secondo il progetto di Ya. Otrub. Il colonnato si trova vicino alla sorgente Vrzhidlo, che sgorga dal terreno con un potente getto caldo (2mila litri d'acqua / min.). A causa dell'alta temperatura, è impossibile rimanere a lungo vicino al geyser. Nel colonnato, oltre alla sala con la fonte, c'è un ampio salone dove si vendono souvenir, stoviglie e vetri di Boemia.

Colonnato geyser

colonnato del mulino

Un pittoresco colonnato costruito nel XIX secolo in stile neorinascimentale con elementi di un elegante stile impero. Si compone di 124 colonne monumentali che sostengono la facciata con bassorilievi di V. Lokvents. All'interno del Colonnato del Mulino si trovano le sorgenti minerali “Prince Vaclav”, “Melnichny”, “Rusalka”, “Libuše” e “Rocky”. La temperatura dell'acqua nelle sorgenti varia da 45°C a 64°C.

Colonnato del mulino

Colonnato del mercato

La struttura fu eretta nel 1883 in legno e doveva durare solo pochi anni prima della costruzione di qualcosa di più imponente. Ma è durato più di 100 anni. Alla fine del XX secolo, le autorità cittadine hanno deciso di ricostruire completamente e ora i turisti hanno l'opportunità di ammirare il punto di riferimento restaurato. All'interno ci sono due fonti: "Market" e "Karl IV". Immediatamente dietro il Colonnato del Mercato si trova la Torre del Castello.

Colonnato del mercato

colonnato del giardino

Il colonnato fu eretto nel 1880 su progetto di G. Gelmer e F. Felner. Questi due architetti hanno dato un grande contributo all'aspetto di Karlovy Vary. A metà del XX secolo il padiglione fu smantellato e dell'edificio rimase solo una cornice con colonne. Tuttavia, nel 2002 l'aspetto storico è stato ripristinato. Ora il Garden Colonnade è una vera decorazione della città. All'interno si trovano le sorgenti "Snake" e "Garden".

Colonnato del giardino

colonnato del castello

Un edificio architettonico in stile Art Nouveau, eretto all'inizio del XX secolo su progetto dell'architetto viennese F. Oman. All'inizio del XXI secolo, il colonnato è stato ristrutturato a spese dell'ospedale Zamkovy Lazne, che ha messo a disposizione molte strutture solo per i clienti di questa istituzione. Tutti possono bere l'acqua curativa della sorgente, ma ammirare la magnifica decorazione interna del colonnato del castello è disponibile solo per i turisti che vivono nel castello di Lazne.

Colonnato del castello

Chiesa di Santa Maria Maddalena

Tempio del XVIII-XIX secolo, progettato da K. Dientzenhofer. La prima chiesa in stile gotico apparve in questo sito nel XV secolo, apparteneva all'ordine dei Crociati. Successivamente, l'edificio fu ricostruito in uno stile rinascimentale più alla moda e progressista dell'epoca. Successivamente, il tempio fu ripetutamente distrutto durante guerre e incendi, di conseguenza, nel XVIII secolo l'edificio fu quasi distrutto. Il restauro fu completato nel 1861.

Chiesa di Santa Maria Maddalena

Chiesa di Pietro e Paolo

L'attuale chiesa ortodossa, costruita nel XIX secolo secondo il progetto di D. Ukhtomsky. È stata la prima chiesa ortodossa sul territorio dell'Impero austriaco. A causa della guerra la chiesa fu chiusa nel 1916, le funzioni ripresero solo a metà del XX secolo. Una completa ristrutturazione ha avuto luogo negli anni '80. Da allora l'edificio è stato mantenuto in ottime condizioni grazie all'impegno delle autorità locali.

Chiesa di Pietro e Paolo

Museo Jan Becher

La famosa bevanda "Becherovka" nella Repubblica Ceca è venerata e amata, a volte viene addirittura chiamata la "tredicesima fonte" di Karlovy Vary. È usato come medicina e ingrediente in molti cocktail. L'azienda per la produzione di "Becherovka" è stata fondata da un farmacista locale Jan Becher. Il museo a lui intitolato è stato aperto a Karlovy Vary nel 1992. Durante il tour, i visitatori possono degustare una bevanda dai sapori diversi, conoscerne la storia e acquistare souvenir.

Museo Jan Becher

Museo regionale di Karlovy Vary

Il complesso museale comprende tre edifici, poiché un numero inferiore non era sufficiente per ospitare un'ampia esposizione. Qui sono esposti reperti archeologici, oggetti d'arte e della vita quotidiana, documenti, reperti geologici legati alla storia di Karlovy Vary. Il museo è stato fondato nel 1865 per iniziativa del medico austriaco ed esperto nel campo della balneologia J.V. von Loeschner.

Museo regionale di Karlovy Vary

Museo del vetro Moser

La vetreria Moser è stata costruita a Karlovy Vary nel 1875. È impegnato nella produzione di prodotti in vetro boemo, un marchio famoso che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alla sua alta qualità. Nel museo della fabbrica è possibile vedere un'esposizione composta dagli esemplari più pregiati e rari prodotti in tempi diversi su Moser. Puoi anche conoscere tutte le fasi della produzione del vetro.

Museo del vetro Moser

Galleria d'arte di Karlovy Vary

Il museo espone opere d'arte contemporanea create da scultori e artisti cechi nella seconda metà del XX secolo. La mostra permanente contiene circa 150 opere nello stile del cubismo, dell'espressionismo e del fauvismo. Sul territorio della galleria si tengono spesso mostre temporanee, spettacoli e concerti. L'edificio è stato costruito nel 1912 in stile neoclassico.

Galleria d

Teatro cittadino di Karlovy Vary

L'edificio del teatro fu costruito nel XIX secolo secondo il progetto di G. Gelmer e F. Felner. In precedenza, al suo posto c'era un edificio in legno, che crollò durante un incendio nel 1787. L'ispiratore per raccogliere fondi per la costruzione del teatro fu uno dei fondatori della balneologia a Karlovy Vary - D. Becher. La meravigliosa e incantevole opera di W. A. ​​​​Mozart "Le nozze di Figaro" è stata rappresentata in prima assoluta.

Teatro cittadino di Karlovy Vary

Piscina all'aperto dell'hotel "Termal"

Piscina riscaldata, aperta in qualsiasi periodo dell'anno, che si trova sul territorio dell'hotel "Termal". L'acqua in essa contenuta non è medicinale, ma la più ordinaria, quindi tutti possono nuotare. La piscina dispone di fitness club, sauna, solarium e sala massaggi. La lunghezza della piscina da un lato all'altro è di 50 metri, la profondità è fino a 4,5 metri. La piscina offre una magnifica vista sugli edifici degli hotel circostanti e sulle colline circostanti. La piscina non è aperta in questo momento.

Piscina all

Grand Hotel Pupp

Il sanatorio si trova in un edificio dell'inizio del XVIII secolo, che è una delle strutture architettoniche più pittoresche di Karlovy Vary. Musicisti famosi, reali, rappresentanti di famiglie aristocratiche, personaggi della cultura e altri personaggi famosi sono stati ospiti del Pupp Hotel. Ogni anno, l'hotel ospita un festival cinematografico internazionale, che attira star di fama mondiale.

Grand Hotel Pupp

Albergo Imperiale

Un hotel a quattro stelle costruito in stile classico all'inizio del XX secolo. L'hotel è circondato da un magnifico parco con palcoscenico proprio. L'interno dell '"Imperial" è dominato dal lusso discreto e dalle note calme dello stile Art Nouveau. C'è anche un cinema, una sala concerti e ampi auditorium per seminari. Il ristorante del resort dell'hotel serve piatti della cucina nazionale e internazionale, ed è inoltre possibile scegliere tra 9 opzioni di menù dietetici.

Albergo Imperiale

Castello di Loket

Il castello si trova vicino a Karlovy Vary. C'è polemica sulla data della sua fondazione, ma gli esperti indicano il XIII secolo. L'edificio è un'aspra fortezza medievale con spesse mura e strette feritoie. Presumibilmente, Loket fu costruito come fortezza di confine, che delimitava i possedimenti tedeschi e cechi. Il castello sorge sulla riva del fiume Ohře.

Castello di Loket

Castello di Valech

Una struttura architettonica del XVI secolo, eretta durante il regno di Vladislav II. Il castello cambiò più volte proprietario. La massima fioritura avvenne nel periodo 1695 - 1733. Il parco del castello è stato creato sotto l'influenza delle tradizioni del design del paesaggio italiano. Particolare attenzione merita la chiesa, edificata nel XVIII secolo su progetto di Giovanni Ross. L'ultimo proprietario di Valech fu il conte Larisch-Mennich, poi la proprietà fu trasferita allo Stato.

Castello di Walech

Bečov nad Teploy

Un castello barocco ceco situato su una sponda rocciosa del fiume Teplá. Si ritiene che l'edificio sia stato eretto nel XIII secolo. Nei due secoli successivi il castello fu di proprietà di diverse famiglie, fino a quando fu catturato dagli svedesi durante la Guerra dei Trent'anni. Importanti ricostruzioni furono effettuate nella seconda metà del XVII secolo e nel XIX secolo. Bečov nad Teploi divenne proprietà statale nel 1945.

Bečov nad Teploy

Giardini Dvorak

Un pittoresco parco cittadino, creato alla fine del XIX secolo. Sul suo territorio crescono alberi di oltre 200 anni. I giardini prendono il nome dal compositore ceco A. Dvořák

Giardini Dvorak

Svatosh rocce

Un pittoresco canyon nella valle del fiume Ohře, dove si possono ammirare le bellezze naturali dei dintorni di Karlovy Vary. Questo sito naturale è incluso nell'elenco delle aree particolarmente protette della Repubblica ceca. Molte leggende sono associate alle rocce Svatoshki. Un tempo, hanno ispirato i fratelli Grimm, Goethe, Kerner e Spiess a creare opere letterarie poetiche.

Svatosh rocce

Roccia "Salto dei cervi"

Una roccia bassa, in cima alla quale fu collocata nel 1851 una statua di un camoscio. La scultura in metallo è stata realizzata da August Kiss. Purtroppo nel 1984 la figura è stata distrutta da vandali. Due anni dopo, lo scultore J. Kotek creò una copia in bronzo, che ora incorona la cima della collina. "Reindeer lope" è uno dei simboli di Karlovy Vary. Vicino alla statua c'è un ponte di osservazione, molto popolare tra i turisti.

Roccia Salto dei cervi