Le 30 migliori attrazioni di Pechino, Cina

1 223
24 337

Eredità imperiale, memoria dei creatori della rivoluzione e tendenze moderne dell'architettura: questa è l'attuale Pechino. La Città Proibita è a portata di mano del mausoleo di Mao Zedong e dell '"uovo", un teatro dell'opera costruito in stile futuristico. Per miracolo, le autorità locali trovano un posto dove costruire grattacieli e parchi. E lo fanno preservando gli hutong: vecchi vicoli e classici edifici cinesi.

L'affollata Pechino è sempre rumorosa, quindi pianificare una vacanza rilassante quando si visita questa città è inutile. Tuttavia, nei giorni feriali, puoi goderti un relativo silenzio nei complessi dei templi o in mezzo alla natura. Per una metropoli, ci sono molte aree verdi e sono vaste.

Cosa vedere e dove andare a Pechino?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Città Proibita

Il complesso del palazzo ha una superficie di 720 mila m² e comprende 980 edifici. Secondo questi indicatori, non ha eguali al mondo. È stata la residenza principale di 24 imperatori delle dinastie Ming e Qing per quasi 500 anni. Dopo l'abdicazione di Pu Yi dal trono e la rivoluzione, la Città Proibita nel 1925 divenne un museo dove sono custoditi i tesori delle case imperiali. Il primo dei siti cinesi inseriti nella World Heritage List dell'UNESCO.

Città Proibita

La grande Muraglia cinese

La principale attrazione cinese, che, secondo la leggenda, è visibile dallo spazio. Cominciò a essere costruito nel III secolo a.C. Era di grande importanza difensiva. Lo spessore delle pareti varia da 5 a 8 metri e l'altezza da 6 a 10 metri. Fu costantemente completato fino alla metà del XVII secolo. La lunghezza attuale è di oltre 21 mila km. Badaling è il sito più visitato dai turisti. Passa vicino a Pechino.

La grande Muraglia cinese

Tombe della dinastia Ming

Il complesso dei mausolei si trova sulle pendici dei monti Tianshou. 13 imperatori della dinastia Ming, a cominciare da Zhu Di, riposarono qui. Insieme alle tombe della dinastia Qing, è inclusa nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. La strada per i mausolei è decorata con statue di animali e creature mitiche. Il luogo fu scelto per la sepoltura dallo stesso Zhu Di, che trasferì la capitale del Paese a Pechino. Durante la costruzione, hanno aderito ai principi del Feng Shui.

Tombe della dinastia Ming

Tempio del Cielo (Tiantan)

Costruito nel 1420 e situato in un parco. Le caratteristiche arrotondate dell'edificio del tempio non sono tipiche della Cina. Si ritiene che sia così che gli autori del progetto hanno cercato di simboleggiare il cielo. Nel giorno del solstizio d'inverno, l'imperatore stesso ha pregato per il raccolto qui. La tradizione è durata diversi secoli. Ora il complesso del tempio e del monastero è uno dei più grandi del paese. La sua superficie è di circa 280 ettari.

Tempio del Cielo (Tiantan)

Palazzo d'Estate (Yiheyuan)

Questa è sia la residenza dell'imperatore che un parco. La costruzione fu eseguita a metà del XVIII secolo. L'insieme architettonico si trova alla porta orientale. E sulla Montagna della Longevità sorge la Torre dell'Incenso, eretta in onore del Buddha. Il complesso di canali, padiglioni, una galleria dipinta, laghi artificiali e isole è un capolavoro del design paesaggistico cinese. Dal 1998 è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

Palazzo d

Galleria Changlan

Si trova sul territorio del Palazzo d'Estate e collega le sue parti separate. Eretto nel 1750, fu quasi completamente distrutto un secolo dopo, ma restaurato. La particolarità di questo passaggio coperto sono 273 sezioni, che, tra l'altro, contengono immagini di scene di battaglia e paesaggi. Il numero totale di storie è di circa 14 mila. Elencato nel Guinness dei primati.

Galleria Changlan

piazza Tiananmen

La piazza centrale di Pechino è stata la più grande fino al XX secolo. Distribuito su 440 mila m². Qui Mao Zedong proclamò la formazione della Repubblica popolare cinese. È anche noto per eventi tristi, ad esempio l'autoimmolazione di gruppo nel 2001 o la soppressione delle proteste nel 1989. Attrazioni: Mausoleo di Mao Zedong, Monumento agli eroi del popolo, Porta della pace celeste, Centro nazionale delle arti dello spettacolo.

Piazza Tiananmen

Porta della Pace Celeste

L'ingresso principale della Città Imperiale. Costruite nel 1420, furono più volte danneggiate, anche da un fulmine, e restaurate. Intorno a loro, in passato, venivano letti i decreti dell'imperatore. Lo stesso sovrano del Medio Regno attraversò le porte per pregare e lasciare i sacrifici. Nel XX secolo, sopra il cancello era appeso un ritratto di Mao Zedong e ai lati c'erano due poster con slogan e auguri per il popolo cinese.

Porta della Pace Celeste

Mausoleo di Mao Zedong

Costruito nel 1977 in piazza Tiananmen. La bara con i resti del leader a lungo termine del Partito Comunista Cinese e del paese di Mao Zedong è installata nella Sala dei visitatori. La Hall of Revolutionary Achievement racconta del politico e dei suoi collaboratori durante il colpo di stato. C'è una statua in marmo di Mao nella North Hall e le immagini delle attrazioni cinesi sono raccolte nella South Hall. C'è un cinema nell'edificio.

Mausoleo di Mao Zedong

Tempio di Yonghegun

Si riferisce alla denominazione del buddismo tibetano. Durante la costruzione nel 1964, si decise di combinare gli stili classici cinese e tibetano. Nella sala centrale ci sono 3 statue di Buddha, che identificano il passato, il presente e il futuro. Le cerimonie principali si svolgono nella sala del Dharmachakra. E il "Padiglione delle 10.000 fortune" è degno di nota per la statua di Maitreya, che ha un'altezza di 26 metri ed è scolpita nel legno di sandalo.

Tempio di Yonghegun

Tempio di Confucio

È datato 1302 ed esiste come museo dal 1911. Il secondo tempio confuciano più grande del Celeste Impero. L'area del complesso, suddivisa in 4 cantieri, supera i 20mila mq. Qui sono incisi su tavolette di pietra i nomi di 50mila persone che hanno superato l'esame sulle opere di Confucio. E 189 stele sono ricoperte di citazioni del filosofo. L'esposizione principale del museo si trova nel padiglione del Grande Apprendimento.

Tempio di Confucio

Museo Nazionale della Cina

Nella sua forma attuale, è apparso nel 2003 dopo la fusione del Museo Nazionale di Storia Cinese e del Museo della Rivoluzione Cinese. Entrambi sono stati fondati nel 1959 e si trovavano nello stesso edificio. Dal 2007 al 2011 il museo è stato chiuso per lavori di ricostruzione. Lo spazio espositivo è stato aumentato di 3 volte e l'esposizione è stata aggiornata. Le collezioni coprono un periodo di 5mila anni. Un conto alla rovescia è installato sulla facciata prima di eventi importanti.

Museo Nazionale della Cina

Centro nazionale per le arti dello spettacolo

L'edificio futuristico è stato costruito nella capitale cinese dal 2001 al 2007. Paul Andreu è stato responsabile del progetto. Anche dopo l'inizio dei lavori, sono continuate le controversie sulla loro convenienza. La cupola ellissoidale in titanio e vetro chiaramente non si adattava al centro storico della città. La gente chiamava il teatro dell'opera "l'uovo" proprio per la sua forma insolita. Attorno al centro è stato creato un bacino artificiale. All'interno - 3 sale per 6500 posti.

Centro nazionale per le arti dello spettacolo

Museo della Capitale

Secondo la classificazione, può essere attribuito alla tradizione locale. Nel 1981, un edificio moderno in stile Art Nouveau fu costruito appositamente per il museo. La combinazione di vetro e cemento lo rende fondamentale e leggero. Su 7 piani ci sono diverse mostre permanenti sul passato della Cina. Le mostre temporanee coprono il periodo storico contemporaneo. I fondi comprendono 200mila unità di stoccaggio.

Museo della Capitale

Zona artistica 798

Negli anni '50 su questo territorio fu costruito uno stabilimento. Negli anni '90 non funzionava più a pieno regime e le aree furono affittate. L'Accademia di Belle Arti di Pechino ha affittato diverse stanze, poi i singoli artisti hanno iniziato a mettersi al passo. Hanno aperto laboratori, gallerie o semplicemente hanno vissuto qui. A poco a poco, l'Arts Zone si è riempita di ristoranti, negozi a tema, negozi di souvenir e sale espositive.

Zona artistica 798

Teatro Chaoyang

Fondata nel 1984. La specializzazione principale è la creazione di spettacoli acrobatici. Oltre alla sala spettacoli, ci sono tre sale cinematografiche su un'area di 3.000 m². Il programma viene mostrato due volte al giorno. Durante la messa in scena, gli artisti cercano di tenere conto delle tradizioni cinesi, utilizzano oggetti di scena autentici o musica appropriata. I numeri combinano bellezza, destrezza, grazia e qualche rischio.

Teatro Chaoyang

Teatro rosso

Il nome deriva dal colore delle pareti dell'edificio, situato nel quartiere storico della capitale del Celeste Impero. Gli spettacoli includono spettacoli acrobatici con elementi di kung fu. Gli artisti non usano l'assicurazione, il che rende lo spettacolo ancora più emozionante. Sugli schermi, le parole cinesi pronunciate dal palco sono tradotte in inglese. Durante lo spettacolo sono vietate le riprese in sala.

Teatro rosso

Parco Olimpico

Costruito nel corso di diversi anni per i Giochi Olimpici del 2008. Superficie - 1135 ettari. Gli oggetti principali del parco sono lo stadio "Bird's Nest" e il palazzo per gli sport acquatici "Water Cube". Al termine della competizione, sono stati trasformati rispettivamente in un complesso di intrattenimento e in un centro di musica e varietà. Inoltre, il parco dispone di una vasta area verde e di attrazioni, come la ruota panoramica.

Parco Olimpico

Via Wangfujing

Una delle arterie commerciali della capitale della Cina. Quasi interamente pedonale. La lunghezza è inferiore a un chilometro, mentre ci sono circa 200 negozi. Oltre ai marchi famosi, Wongfujing ha anche prodotti di produzione locale, compresi quelli fatti a mano. La strada risale alla dinastia Yuan, quando fu formata 700 anni fa. Ha ricevuto il suo nome attuale 200 anni dopo durante la dinastia Ming.

Via Wangfujing

Nanluogu hutong

La stradina con questo nome è un tipico rappresentante degli hutong - vecchi vicoli. Si estende per 800 metri nella zona di Dongcheng. Fu costruito durante la dinastia Yuan e ricevette il nome attuale durante la dinastia Qing. Non è stato ricostruito per secoli, ma gli edifici hanno spesso cambiato la loro specializzazione. Ora sempre più locali sono guidati dai turisti, quindi aprono negozi e piccoli ristoranti.

Nanluogu hutong

Sede della videosorveglianza

La costruzione del grattacielo è durata dal 2004 al 2009. L'edificio è riservato alla sede della Televisione Centrale Cinese. Inoltre, al suo interno sono presenti uffici, sale espositive, un albergo, un teatro e un centro culturale. La forma del grattacielo è insolita: due torri leggermente inclinate l'una verso l'altra sono collegate da una piattaforma comune in basso e da una passerella di 75 metri in alto. Altezza - 234 metri.

Sede della videosorveglianza

Grattacieli Wangjing SOHO

Quando la città aveva bisogno di edifici per uffici per rappresentanti di aziende internazionali, si decise di costruire grattacieli nell'area di Wangjing. I tre edifici, che sembrano montagne, sono stati progettati da Zaha Khalid nel 2012. Nel loro design esterno non ci sono spigoli vivi, solo linee morbide. Degno di nota anche il sistema di approvvigionamento idrico dei grattacieli, che consente di risparmiare fino al 42% di acqua rispetto alla norma generalmente accettata.

Grattacieli Wangjing SOHO

Parco della Pace

Sul territorio di diversi ettari vengono raccolte copie delle principali attrazioni del mondo. Oltre alle bellezze che esistono ancora oggi, come la Tour Eiffel, la Sydney Opera House, il Grand Canyon e la cattedrale di Notre Dame, c'è anche il cavallo di Troia che è venuto dai miti, così come il faro perduto di Alessandria. La maggior parte degli oggetti sono realizzati in scala 1:8. Il parco è un luogo in cui si tengono le feste nazionali di diversi popoli.

Parco della Pace

Parco divertimenti "Valle della felicità"

È diventata un'alternativa a Disneyland e ha iniziato a ricevere visitatori dal 2006. L'area è di 500mila m². È diviso in 6 zone tematiche, ognuna delle quali ha il proprio tema e l'aspetto corrispondente. Antica Grecia, Maya, Wild World, Atlantide, Ant Country, Fairy Kingdom includono circa un centinaio di attrazioni. Inoltre, il parco dispone di caffè, negozi, luoghi di svago.

Parco divertimenti Valle della felicità

Lago Hohai

Attraverso canali è collegato ai laghi Xihai e Qianhai. Ci sono ristoranti sulle rive che servono piatti di diverse cucine del mondo. Grazie a loro, il quartiere è famoso per la sua vita notturna. Puoi prenotare una gita in barca intorno a Houhai su una piccola barca decorata in stile cinese. Un ampio ponte di pietra viene gettato sul lago. Ci sono molte attrazioni nelle vicinanze, come l'ippodromo o il Palazzo Gongwangfu.

Lago Hohai

zoo di pechino

Il primo nome è “Giardino dei 10mila animali”. Fondata nel 1908. Dopo quasi mezzo secolo, è giunto il momento di grandi cambiamenti: sono state introdotte molte nuove specie. Su un'area di 50.000 m² sono stati costruiti ampi recinti per scimmie, panda, leoni, elefanti e altra fauna. Attualmente lo zoo ha circa 7mila animali domestici. Anche alcuni edifici fanno parte dell'esposizione e hanno caratteristiche architettoniche proprie.

Zoo di pechino

Yuanmingyuan

Il complesso del giardino e del palazzo fu fondato nel 1707. Comprendeva palazzi, edifici religiosi, bacini artificiali. Fu distrutto a metà del XIX secolo. Non è stato restaurato, ma alcuni dettagli del paesaggio sono ben rappresentati fino ad oggi. Anche le rovine di un palazzo in stile europeo sembrano pulite e pittoresche. Visitiamo i turisti alla pari con altre bellezze della città.

Yuanmingyuan

giardino botanico di pechino

Il territorio è misto - montano-pianeggiante. L'area è di circa 130 ettari. Il giardino è suddiviso in zone: luoghi per esperimenti, segmenti turistici e quelli ad accesso limitato. Piante - circa 3 mila specie. Il giardino dei bonsai vanta alberi che hanno più di mille anni. E sono state raccolte 60 varietà di peschi. Ci sono caffè e ristoranti nel giardino, oltre a percorsi con indicazioni dettagliate per la comodità dei turisti.

Giardino botanico di pechino

Parco Jingshan

Il nome si traduce come "parco montano paesaggistico" o "vista dalla montagna". Nasce come giardino imperiale. Per questo è stata creata artificialmente una collina alta oltre 47 metri. Nelle vicinanze ci sono 4 colline più piccole. Ognuno ha un padiglione cinese classico. Jingshan è un luogo di ritrovo per gli anziani. Sono impegnati in balli, pratiche di meditazione e passeggiate di gruppo nel parco.

Parco Jingshan

Parco Behai

Situato vicino alla Città Proibita. L'area è di circa 69 ettari. Il lago omonimo occupa circa la metà del territorio. Il parco ha una lunga storia che risale al X secolo, ma è stato solo nel 1925 che il pubblico è stato ammesso. Ci sono molti oggetti iconici qui, ad esempio: il Bai Ta Stupa di 40 metri, il tempio buddista di Yunan, il 5 Dragon Pavilion, le pietre Taihu e il "giardino nel giardino" chiamato Jingxin Hall.

Parco Behai