Le 20 migliori attrazioni di Montreal, Canada

820
75 636

Montreal permette al turista di immergersi a capofitto nelle tradizioni francesi con un accento americano. Qui regna lo spirito europeo e allo stesso tempo si respira chiaramente l'atmosfera del continente occidentale. Da un lato - cucina gourmet e vino nei ristoranti, dall'altro - totem indiani nell'orto botanico. Le chiese cattoliche della Città Vecchia sono in grande contrasto con i moderni quartieri degli affari, e la futuristica Biosfera si erge audace sopra i tranquilli paesaggi della Valle del San Lorenzo.

La prima pietra della fondazione della città fu posta dal colono francese Paul Chaumede de Maisonneuve. Pochi secoli dopo, un piccolo insediamento si trasformò in un potente centro industriale e commerciale, svolgendo un ruolo importante nell'economia del paese. Per i turisti, Montreal è una città di festival, spettacoli, intrattenimento e shopping senza fine. È ospitale e sempre aperto a nuovi ospiti.

Cosa vedere e dove andare a Montreal?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Vecchia Montreal

Il quartiere storico della città, all'interno del quale si trovano le principali attrazioni: il municipio, il ponte Jacques Cartier, la chiesa di Notre-Dame de Montreal, la torre dell'orologio e altre attrazioni turistiche. La storia di questa parte della città inizia nel XVII secolo, quando fu fondato l'insediamento francese di Ville-Marie. Anche i coloni britannici hanno dato un contributo significativo all'aspetto della vecchia Montreal.

Vecchia Montreal

Monte Reale

Una piccola collina con tre cime, situata nell'area urbana di Montreal. Le principali attrazioni di Mont-Royal sono una croce di pietra alta più di 30 metri e l'Oratorio di San Giuseppe, una delle più grandi chiese cattoliche del Canada. Nel 1876 apparve un parco sulle pendici della collina, che alla fine divenne un popolare luogo di vacanza per i residenti di Montreal. D'estate vanno in bicicletta qui e d'inverno sciano.

Monte Reale

Vecchio porto di Montreal

Un importante snodo dei trasporti nel passato e uno spazio per passeggiate e svago nel presente. Nonostante la perdita della sua importanza strategica, il vecchio porto è ancora attivo e le navi arrivano spesso qui. Qui attraccano anche navi turistiche. Lungo l'argine c'è un'accogliente piazza, dove è piacevole passeggiare nelle belle giornate. Il porto ha un cinema IMAX e il museo della scienza della città.

Vecchio porto di Montreal

Oratorio di San Giuseppe

Basilica cattolica costruita all'inizio del XX secolo. All'inizio era una cappella modesta, che ospitava un piccolo numero di parrocchiani. Nel 1917 si rese necessario un ampliamento e fu costruita una chiesa più grande. La terza fase di costruzione iniziò nel 1924 e continuò fino al 1967. Il fondatore del tempio, il fratello Andre, era famoso per le sue azioni miracolose, quindi la basilica fu visitata da numerosi pellegrini.

Oratorio di San Giuseppe

Cattedrale di Notre Dame di Montréal

Cattedrale di Montreal, situata all'interno del centro storico della città. L'edificio è stato costruito in stile neogotico. I suoi campanili di 70 metri dominano tutti gli edifici circostanti. Il tempio fu eretto nel 1672 a spese della comunità cattolica. Nel 1924, l'architetto D. O'Donell iniziò a lavorare su un nuovo edificio. Dopo che la costruzione fu completata nel 1872, la basilica divenne il più grande edificio religioso del Nord America.

Cattedrale di Notre Dame di Montréal

Cattedrale di Maria Regina della Pace

Tempio cattolico della fine del XIX secolo, situato nel moderno quartiere di Montreal, circondato da grattacieli. L'edificio è stato costruito in stile barocco e rinascimentale. Le sue forme riprendono i contorni della Basilica di San Pietro in Vaticano. Naturalmente, la Cattedrale di Montreal è molto più piccola del suo prototipo romano, e ci sono anche differenze nella decorazione interna. Ma in generale, è una copia ridotta di quest'ultimo.

Cattedrale di Maria Regina della Pace

Notre-Dame-de-Bon-Secours

Il tempio fu eretto nel XVIII secolo sulle rovine di un'antica cappella danneggiata da un incendio. L'edificio è stato costruito in un interessante stile gotico normanno. Nel tempio è stato aperto un piccolo museo di Marguerite Bourgeois, la santa fondatrice dell'ordine monastico femminile della Madre di Dio. L'esposizione fa conoscere ai visitatori la storia antica di Montreal, la chiesa stessa e le gesta mondane di Marguerite.

Notre-Dame-de-Bon-Secours

Piazza delle Arti

Il principale complesso culturale di Montreal, uno dei più grandi di tutto il Canada. Si trova nella parte orientale della città. The Arts Square è un centro multifunzionale dove gli spettatori possono godersi l'opera, il balletto, il teatro, i concerti e contemplare le belle arti. Il complesso è stato creato nel 1963 su iniziativa del sindaco J. Drapou.

Piazza delle Arti

Museo delle Belle Arti di Montreal

La galleria è considerata una delle più grandi e famose di tutto il Nord America. È stata fondata come Associazione di Belle Arti a metà del XIX secolo. La collezione contiene più di 30mila oggetti di epoche diverse, tra cui un'ampia mostra d'arte con dipinti di famosi pittori europei. La maggior parte della collezione è stata ricevuta in dono dai mecenati locali.

Museo delle Belle Arti di Montreal

Museo di Pointe-a-callier

Museo Archeologico, aperto nel 1992 per celebrare il 350° anniversario di Montreal. Il complesso di edifici si trova nel cuore del centro storico. Il museo è composto da sale espositive, un centro multimediale, auditorium per conferenze e sale di ricerca. Ha una sua mostra permanente e molto spesso si tengono mostre temporanee.

Museo di Pointe-a-callier

Biodomo di Montreal

Il Montreal Biodome combina un centro scientifico, un parco ecologico con l'imitazione di cinque ecosistemi contemporaneamente e uno zoo sotto lo stesso tetto. Si trova nell'edificio dell'ex velodromo costruito per le Olimpiadi del 1976. La missione principale del centro è l'educazione nel campo dell'ecologia e la promozione di un atteggiamento responsabile nei confronti dell'ambiente. Qui vengono spesso tenute conferenze e vengono proiettati film sulla natura.

Biodomo di Montreal

Insettario di Montreal

La base della collezione dell'insettario era un frequente incontro dell'entomologo J. Brossard. Grazie a lui, in città è apparso un posto speciale dove i visitatori possono osservare tutti i possibili insetti. L'insettario è stato aperto al pubblico nel 1990 e da allora è diventato una delle attrazioni più visitate di Montreal. Qui sono rappresentate più di 250mila specie diverse, di cui più di 100 sono vive.

Insettario di Montreal

Biosfera

Un museo unico situato sull'isola di Sant'Elena. La sua esposizione è dedicata alle risorse idriche del fiume San Lorenzo. L'insolita struttura ricorda un'enorme bolla di sapone fatta di pizzo metallico, all'interno della quale si trovano strutture ingegneristiche. La Biosfera è stata creata per l'Esposizione Universale del 1967 e successivamente messa a disposizione delle autorità cittadine. Il museo è stato aperto nel 1990.

Biosfera

municipio di Montreal

L'edificio del consiglio comunale, situato nel centro storico. Il primo municipio fu costruito secondo il progetto di A.-M. Perrault e A. Hutchison nello stile del "secondo impero". A seguito di un incendio nel 1922, dell'edificio rimasero solo le pareti. I lavori di restauro sono stati eseguiti sotto la supervisione di L. Parent, che ha conferito all'edificio le caratteristiche di uno stile Beaux-Arts. Nel 1984 il municipio è stato riconosciuto monumento nazionale.

Municipio di Montreal

"Habitat 67"

Un insolito complesso residenziale in stile brutalista, progettato da M. Safdie negli anni '60 del XX secolo. Fu costruito per l'apertura dell'Esposizione Universale del 1967, il cui tema era l'edilizia residenziale. In sostanza, Habitat 67 è un condominio costituito da cubi fusi insieme. A causa delle caratteristiche del design, ogni proprietario dell'appartamento ha il proprio giardino privato sul tetto del vicino.

Habitat 67

"Città sotterranea"

Un sistema di tunnel, passaggi, atri, stazioni della metropolitana e gallerie commerciali situate nel sottosuolo. Alcuni residenti si riferiscono a questo spazio come "l'interno di Montreal". Dispone inoltre di appartamenti residenziali, uffici, cinema e ristoranti, tra i quali è abbastanza facile perdersi. Spesso i residenti utilizzano le strade della "città sotterranea" per evitare gli ingorghi e raggiungere il luogo più velocemente.

Città sotterranea

Mercato "Bonsecour"

Bonsecour non è proprio un mercato nel senso comune. Piuttosto, può essere considerato un centro commerciale, che ospita alcuni dei negozi più costosi di Montreal. Piccole boutique vendono mobili, stoviglie, artigianato in pietra e legno, vestiti, dipinti e gioielli. Tutta questa varietà di commerci occupa un edificio monumentale del XIX secolo, che sembra più una sala per le sessioni parlamentari.

Mercato Bonsecour

Mercato "Jean Talon"

Un mercato contadino che vende cibi sani e genuini. Sugli scaffali degli acquirenti in attesa di un'enorme varietà di frutta, verdura, funghi ed erbe aromatiche. Tutto sembra abbastanza fresco, appetitoso e abbastanza economico considerando il livello dei prezzi locali. Dall'esotico - fiori di zucca, che, a quanto pare, possono essere fritti e mangiati. Hanno lo stesso sapore delle zucchine.

Mercato Jean Talon

Circuito intitolato a Gilles Villeneuve

Il circuito ospita la tappa canadese della gara di Formula 1 (Gran Premio del Canada). È una pista piuttosto tortuosa, tra laghi e padiglioni del parco. Ci sono molte curve strette qui, che richiedono professionalità e massima concentrazione di attenzione da parte dei piloti. È interessante notare che, al di fuori delle corse, alcune sezioni del circuito sono utilizzate come strade pubbliche.

Circuito intitolato a Gilles Villeneuve

giardino botanico di montreal

Nel 2008, il giardino è stato designato Natural Landmark in Canada per l'incredibile varietà di specie che si trovano al suo interno. Qui vengono raccolte piante provenienti da tutto il mondo. A cielo aperto, diverse zone tematiche dedicate a singoli paesi o luoghi del pianeta: Cina, Giappone, Alpi, territori settentrionali. Il giardino è stato fondato nel 1931 al culmine della Grande Depressione.

Giardino botanico di montreal