Le 25 migliori attrazioni di Sofia, Bulgaria

1 069
68 221

Sofia può competere con la greca Atene per il diritto di essere considerata la capitale più antica d'Europa. Sul territorio della città sono state conservate molte testimonianze della sua ricca storia: le rovine di un anfiteatro romano, chiese del periodo dell'impero bizantino e moschee costruite durante il dominio ottomano.

La capitale della Bulgaria vanta anche numerosi monumenti della New Age. Tra questi ci sono il magnifico tempio di Alexander Nevsky, l'elegante sinagoga Sophia, la chiesa russa di San Nicola e altri edifici non meno notevoli.

Oggi l'interesse dei turisti per Sofia è in costante crescita. Alcuni giorni trascorsi in questa città dinamica e interessante rimarranno sicuramente nel tesoro delle impressioni di ogni viaggiatore entusiasta.

Cosa vedere e dove andare a Sofia?

I luoghi più belli e le principali attrazioni

Tempio-monumento di Alexander Nevsky

La Cattedrale della Chiesa ortodossa bulgara, situata nell'omonima piazza. Il grandioso edificio della cattedrale, che si staglia sullo sfondo del paesaggio cittadino, fu eretto all'inizio del XX secolo su progetto dell'architetto russo A. Pomerantsev. Il motivo era la liberazione della Bulgaria dal dominio dell'Impero Ottomano in seguito alla guerra russo-turca. Il tempio è stato costruito in stile neobizantino.

Tempio-monumento di Alexander Nevsky

Rotonda di San Giorgio

La chiesa più antica di Sofia. Fu eretto nel IV secolo sotto l'imperatore Costantino. Inizialmente, il tempio era utilizzato come battistero. Dopo la conquista della Bulgaria da parte dei turchi ottomani nel XVI secolo, l'edificio fu trasformato in moschea. Durante i lavori di restauro, sulle pareti interne della chiesa sono stati scoperti diversi strati di affreschi, i primi dei quali risalgono al X secolo. Al giorno d'oggi, il tempio ospita un museo, oltre a costanti servizi di culto.

Rotonda di San Giorgio

Anfiteatro Serdika

L'anfiteatro romano dei secoli III-IV, che un tempo era considerata la più grande arena dell'Impero Romano d'Oriente. La sua area è leggermente più piccola del famoso Colosseo. Le rovine sono state scoperte per caso durante la costruzione di un hotel nel 2004. Ma, nonostante l'indiscutibile valore della scoperta, l'hotel è stato comunque costruito e le ricerche sull'anfiteatro si sono interrotte per mancanza di fondi. Oggi le rovine sono aperte al pubblico.

Anfiteatro Serdika

Cattedrale di Santa Sofia

La basilica dedicata a Santa Sofia apparve nel VI secolo. È sopravvissuta a incendi, terremoti, guerre ed è sopravvissuta fino ad oggi in uno stato quasi distrutto. I lavori di restauro sono stati eseguiti all'inizio del XX secolo, allo stesso tempo gli scienziati hanno scoperto antiche sepolture sulle sue pareti. L'aspetto moderno della cattedrale è il risultato di un attento restauro. Sul territorio del tempio si trova la Tomba del Milite Ignoto.

Cattedrale di Santa Sofia

Chiesa di Boyana

A 8 km da Sofia, nel piccolo villaggio di Boyana, c'è una chiesa del X-XI secolo. L'edificio è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1979. Nel XIII e XIX secolo furono aggiunti alla chiesa due ulteriori limiti. L'edificio è realizzato in mattoni e pietra. All'interno sono conservati pregevoli affreschi dell'XI-XVI secolo e dipinti dell'Ottocento. Il tempio è sopravvissuto fino ad oggi in condizioni quasi perfette, essendo riuscito a evitare la distruzione durante le guerre.

Chiesa di Boyana

Chiesa Russa di San Nicola

La chiesa fu eretta per i bisogni della comunità russa, il cui numero a Sofia aumentò notevolmente dopo la fine della guerra russo-turca nel 1878. Il tempio fu costruito all'inizio del XX secolo sul sito di una moschea del mercato distrutta. Le cupole della chiesa furono presentate alla parrocchia dall'imperatore russo Nicola II. L'edificio è stato costruito in uno stile eclettico pseudo-russo progettato da M. Preobrazenskij.

Chiesa Russa di San Nicola

Cattedrale della Settimana Santa

La Settimana Santa è il secondo nome della martire Kyriakia di Nicomedia. Si ritiene che la primissima chiesa in suo onore sia stata costruita nel X secolo. Era un edificio su fondamenta in pietra con pareti in legno. La chiesa ricevette lo status di cattedrale nel XVIII secolo dopo che qui furono trasferite le spoglie del re Stefano II. La chiesa moderna fu costruita nel 1863 sul sito di una fatiscente.

Cattedrale della Settimana Santa

Sinagoga Sofia

Il tempio ebraico è una delle strutture architettoniche più pittoresche di Sofia. Fu eretto per la comunità degli ebrei sefarditi dall'architetto F. Grünager all'inizio del XX secolo. Lo stile architettonico dell'edificio è un misto di tradizioni moresche e Art Nouveau viennese. Non potrai entrare nella sinagoga proprio così, ma c'è l'opportunità di visitare un piccolo museo dedicato alla storia degli ebrei bulgari.

Sinagoga Sofia

Istituto e Museo Archeologico

Istituto di ricerca fondato nel 1948. Il Museo Archeologico esiste dal 1892 ed è il più antico della Bulgaria. Ha la più ricca collezione di manufatti antichi nei Balcani. L'esposizione si trova nell'edificio dell'ex moschea del Buyuk-jamiya del XV secolo. L'istituto di ricerca appartiene all'Accademia bulgara delle scienze e impiega diverse dozzine di scienziati.

Istituto e Museo Archeologico

Museo storico della Bulgaria

Il museo è stato fondato nel 1973. Nel 2000 la collezione si è trasferita in un edificio moderno. L'esposizione contiene più di 650mila oggetti e manufatti di epoche diverse. È diviso in parti storiche, etnografiche e archeologiche. I visitatori possono vedere collezioni di gioielli, armi, monete, mobili, utensili religiosi e articoli per la casa. Anche la chiesa medievale di Boyana fa parte del Museo Storico.

Museo storico della Bulgaria

Museo di Storia Naturale

Il Museo di Storia Naturale di Sofia presenta la più grande esposizione di animali imbalsamati, insetti, uccelli e campioni di minerali nei Balcani. La collezione fu fondata nel 1889 con l'assistenza del principe Ferdinando. L'attività scientifica del personale del museo è finalizzata allo studio e alla conservazione della flora e della fauna della Bulgaria. Molto è stato fatto nell'ambito dei programmi per migliorare l'ambiente e proteggere l'ambiente.

Museo di Storia Naturale

Museo d'arte socialista

L'esposizione consiste in opere d'arte create nel periodo dal 1944 al 1989, quando iniziò l'era del socialismo in Bulgaria. Il complesso museale comprende una galleria d'arte, un parco con sculture monumentali nello stile del realismo socialista e una sala video dove gli spettatori possono guardare documentari. Il museo è stato fondato nel 2011 con decreto della coalizione di governo della Bulgaria - l'Unione delle forze democratiche.

Museo d

Museo di Storia Militare

Il museo si trova sul territorio dell'accademia militare e appartiene al Ministero della Difesa della Bulgaria. Parte della sua esposizione, costituita da equipaggiamento militare, si trova all'aperto, l'altra è al chiuso. Una parte abbastanza ampia della collezione è costituita da veicoli sovietici, ci sono anche diversi carri armati cechi, tedeschi e francesi. Il museo dispone di una biblioteca tematica e di un centro informatico.

Museo di Storia Militare

Galleria d'arte della Bulgaria

La sala espositiva è apparsa nel 1948. Ad oggi, la sua collezione comprende diverse migliaia di oggetti. L'esposizione si compone di tre parti: arte cristiana dei secoli XVIII-XIX, arte nazionale bulgara e arte del Medioevo. Il museo ha diverse sedi. Uno di questi si trova sul territorio del tempio-monumento di Alexander Nevsky. Il ramo principale si trova nell'ex palazzo reale.

Galleria d

Galleria d'arte straniera

La galleria è stata aperta nel 1985 nell'edificio di un'ex tipografia, eretta alla fine del XIX secolo secondo il progetto del maestro viennese F. Schwanberg. La vasta collezione del museo occupa 19 sale espositive e conta più di 10mila oggetti. Ci sono dipinti di Picasso, Renoir, Rembrandt, Goya e Dali, che decoravano le pareti della National Art Gallery, e poi sono stati donati.

Galleria d

Palazzo Nazionale della Cultura

L'edificio è stato costruito nel 1981 su iniziativa di Lyudmila Zhivkova, figlia del segretario generale del CPB. Il complesso è composto da 8 piani e diverse dozzine di sale. È destinato a mostre, congressi, concerti e altri eventi culturali. L'interno dell'edificio è generosamente decorato con mosaici, dipinti e sculture. Intorno al palazzo c'è un pittoresco parco con fontane e canali.

Palazzo Nazionale della Cultura

Teatro Ivan Vazov

Il teatro principale in Bulgaria è stato costruito nel 1906. L'edificio fu gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale, ma dopo il restauro nel 1945 ricominciò a deliziare gli abitanti della capitale con il suo aspetto festoso. Il repertorio del palcoscenico è costituito da opere di famosi autori mondiali. Ci sono molte opere di compositori bulgari nel programma. Il teatro prende il nome dall'eccezionale poeta, il vero "patriarca" della letteratura nazionale I. Vazov.

Teatro Ivan Vazov

Teatro Nazionale Bulgaro dell'Opera e del Balletto

La prima compagnia d'opera apparve a Sofia nel 1980, ma a causa della mancanza di fondi non durò a lungo. La rinascita del palcoscenico ebbe luogo nel 1908 dopo diverse anteprime di successo. Nel 1922 il teatro ottenne lo status di teatro nazionale. La prima rappresentazione di balletto ebbe luogo sul suo palcoscenico nel 1928. Il repertorio del teatro è costituito da opere classiche di compositori europei e russi.

Teatro Nazionale Bulgaro dell

Università Sofia

L'università prende il nome da uno dei fondatori della scrittura slava, St. Kliment di Ohrid. Questa istituzione educativa è considerata la più prestigiosa del paese. È ospitato in un edificio rinascimentale del 1934. A. Breanson ha lavorato al progetto iniziale, in seguito l'architetto J. Milanov ha apportato le proprie modifiche al piano, aggiungendovi elementi di espressivo barocco ed eclettismo.

Università Sofia

Edificio del parlamento bulgaro

Il principale organo legislativo della Bulgaria si trova in un pittoresco edificio costruito nel 1886, classificato come monumento architettonico. Fu eretto in stile neorinascimentale secondo il progetto di K. Jovanovich. Nel 1890 e nel 1928 furono aggiunti alla struttura ulteriori locali e un ingresso centrale con colonne. Il palazzo si trova nel centro di Sofia, in Piazza dell'Assemblea popolare.

Edificio del parlamento bulgaro

Statua di Santa Sofia

Il monumento adornava la capitale della Bulgaria nel 2000. La scultura è stata installata sul sito del monumento demolito a V.I. Lenin. Hagia Sophia dello scultore Georgy Chapkynov simboleggia la saggezza e la grazia di Dio. Sembra che stia allungando le braccia sulla città. Nei suoi lineamenti si può intuire l'aspetto dell'antica dea greca Atena. La statua raggiunge un'altezza di 8 metri. La scultura di cinque tonnellate si erge su un piedistallo di 12 metri.

Statua di Santa Sofia

Monumento allo Zar Liberatore

Nel centro di Sofia c'è un imponente monumento all'imperatore russo Alessandro II. I bulgari apprezzano molto il contributo dello zar russo alla liberazione del loro paese dal dominio ottomano. Il monumento fu eretto all'inizio del XX secolo. L'inaugurazione del monumento è avvenuta alla presenza dello zar Ferdinando I e del granduca Vladimir, figlio di Alessandro II. La figura dell'imperatore seduto su un cavallo è realizzata in bronzo e montata su un piedistallo in granito.

Monumento allo Zar Liberatore

Parco Borisov Gradina

Un pittoresco parco cittadino nel centro di Sofia, che i residenti chiamano il "Giardino di Boris". È stato creato alla fine del XIX secolo su iniziativa di un giardiniere svizzero. Nel 1924 il territorio del parco era quasi raddoppiato, apparvero fontane, roseti, uno stagno e un giardino giapponese. A metà del XX secolo qui fu costruito un osservatorio. Oggi questa oasi verde è visitata con piacere da turisti e residenti della capitale.

Parco Borisov Gradina

Cascata di Boyana

La cascata Boyana si trova sulle pendici della catena montuosa Vitosha. Con tempo sereno, può essere visto anche dal centro di Sofia. Getti d'acqua cadono da un'altezza di 15 metri e si infrangono sulle pietre con migliaia di spruzzi. Il torrente diventa particolarmente pieno dopo lo scioglimento della neve, quando il livello dell'acqua nel fiume che alimenta la soglia raggiunge il suo livello massimo. La cascata è raggiungibile attraverso diversi sentieri escursionistici.

Cascata di Boyana

Catena montuosa di Vitosha

Una catena montuosa nelle vicinanze di Sofia, che si estende per una lunghezza di 19 km. Sul suo territorio c'è un parco nazionale con lo stesso nome. La vetta più alta di Vitosha è il monte Cherni-Vrykh (più di 2200 metri). I primi alpinisti hanno scalato le vette di Vitosha alla fine del XIX secolo. Oggi c'è una rinomata stazione sciistica con una lunghezza totale di piste di circa 30 km.

Catena montuosa di Vitosha