Top 23 - attrazioni della Bosnia ed Erzegovina, Bosnia Erzegovina

1 289
66 008

Nonostante la sua posizione favorevole, il clima mite e le numerose attrazioni, la Bosnia ed Erzegovina per lungo tempo non ha potuto competere con i suoi vicini turistici più famosi. Ma negli ultimi anni, questo piccolo paese ha attirato sempre più visitatori.

I turisti di tutto il mondo sono attratti dalle stazioni sciistiche, dalle meravigliose spiagge di Neum, dai paesaggi pittoreschi e dall'originale cucina locale. La Bosnia ed Erzegovina è meritatamente chiamata il più orientale degli stati europei. Le chiese cattoliche e ortodosse qui convivono pacificamente con le moschee e gli edifici e le strade medievali - con i nuovi edifici degli ultimi anni.

Gli appassionati di riflessione filosofica dovrebbero assolutamente visitare il luogo dell'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando sul Ponte Latino e il bunker fortificato del maresciallo Tito in una grotta vicino a Drvar.

Come ricordo della visita in Bosnia-Erzegovina, puoi portare bellissimi tessuti ricamati, vestiti e scarpe in pelle, oltre a una varietà di prelibatezze: baklava, biscotti sujuk, acquavite di frutta forte o vino locale.

Cosa vedere in Bosnia ed Erzegovina?

I luoghi più interessanti e belli, foto e una breve descrizione.

Vecchia città Mostar

Nel centro storico di Mostar, molti esempi di architettura medievale sono perfettamente conservati. Particolare attenzione merita la casa-museo Muslibegovits, dove i visitatori vengono introdotti allo stile di vita di una famiglia turca del XIX secolo. Le pittoresche moschee di Koski Mehmet Pasha e Karadoz Bey sono aperte a tutti.

Vecchia città Mostar

fiume Nerenta

Il fiume Neretva insolitamente pittoresco scorre attraverso il territorio della Bosnia ed Erzegovina. Nel Medioevo qui operavano i pirati fluviali e nel 1943 si svolse una delle più importanti battaglie balcaniche sulla Neretva, durante la quale distaccamenti partigiani riuscirono a interrompere l'operazione della Wehrmacht. A proposito di questo nel 1969 fu girato il film jugoslavo più costoso "La battaglia della Neretva".

Fiume Nerenta

Parco nazionale della Sutjeska

Il pittoresco parco si trova sul territorio della formazione statale Republika Srpska. La foresta delle reliquie Perućica, il lago Trnovač, il monte Maglic, il complesso commemorativo "Valle degli eroi" - queste sono alcune delle attrazioni di questi luoghi. Il parco è stato istituito nel 1962. Si possono percorrere i sentieri di montagna e ammirare i pini secolari arrivando qui dal più vicino paese di Foca.

Parco nazionale della Sutjeska

Piazza Markale

La capitale della Bosnia ed Erzegovina, la città di Sarajevo, si trova all'incrocio di antiche rotte commerciali, quindi non c'è da meravigliarsi che la sua piazza principale sia sempre stata utilizzata come luogo per il commercio. Oggi c'è un mercato in piazza Markale dove puoi comprare molti regali deliziosi.

Piazza Markale

Ponte Latino a Sarajevo

Questo è forse il ponte più famoso del mondo. Qui, il 28 agosto 1914, si verificò un evento che provocò lo scoppio della prima guerra mondiale. L'arciduca Francesco Ferdinando e sua moglie furono uccisi dallo studente serbo Gavrila Princip. Nella sua forma attuale, il ponte si è conservato senza modifiche quasi dalla fine del XVIII secolo. C'è un museo dedicato al ponte nelle vicinanze.

Ponte Latino a Sarajevo

Cascata Kravice

La cascata si trova a 40 chilometri a sud di Mostar sul fiume Trebizac. La sua altezza è di circa 25 metri e la sua larghezza è di circa 120 metri. Kravice è una destinazione turistica molto popolare in primavera e durante l'estate. Durante la stagione turistica, intorno alla cascata operano piccoli caffè e vengono organizzate aree picnic. Nelle vicinanze c'è una bellissima grotta con stalattiti, e qui è stato conservato un interessante vecchio mulino ad acqua non più funzionante.

Cascata Kravice

Moschea Reale di Sarajevo

La moschea più antica della Bosnia ed Erzegovina, che prende il nome da Solimano I, è anche chiamata Moschea Reale. Fu costruito nel XV secolo e, al termine dei lavori, fu quasi completamente bruciato da un grave incendio. I lavori di restauro dell'edificio furono completati solo nel XVI secolo. Oggi la Moschea Reale è aperta a tutti i visitatori.

Moschea Reale di Sarajevo

ponte Vecchio

Il Ponte Vecchio pedonale sulla Neretva, costruito dai Turchi per difesa nel XVI secolo, collega le due parti della città di Mostar. Nel 1993 il Ponte Vecchio è stato distrutto. Per il suo restauro sono stati utilizzati tutti gli elementi medievali che sono stati sollevati dal fondo del fiume Neretva.

Ponte Vecchio

Caravanserraglio Moricha Khan

Il caravanserraglio Moricha Khan, perfettamente conservato, fu costruito nel XVI secolo per la residenza sicura dei mercanti che viaggiavano dal paese all'Adriatico e ritorno. Oggi ci sono diversi caffè con cucina nazionale e negozi di souvenir, e le stanze e le gallerie di Moricha Khan sono aperte ai turisti.

Caravanserraglio Moricha Khan

Parco Naturale Vrelo-Bosne

Il pittoresco parco Vrelo-Bosne si trova nel centro dello stato. Fu fondato durante il periodo austro-ungarico, ma il conflitto militare del XX secolo provocò ingenti danni al parco. E solo grazie al pubblico non indifferente, Vrelo-Bosnia è stata restaurata nel 2000. Qui puoi andare in carrozza trainata da cavalli, scattare foto sullo sfondo di ponti di legno o visitare un ristorante locale all'aperto.

Parco Naturale Vrelo-Bosne

Museo Nazionale della Bosnia ed Erzegovina

Il Museo Nazionale della Bosnia ed Erzegovina è famoso per le sue vaste collezioni di manufatti. Qui sono conservati anche Stechki: lapidi decorate con intagli, che sono il tesoro nazionale dello stato. L'edificio che ospita il Museo Nazionale fu costruito nel 1888.

Museo Nazionale della Bosnia ed Erzegovina

Jahorina

Questa è una montagna vicino a Sarajevo, le cui pendici sono ricoperte da uno strato di neve da un metro da ottobre a maggio. Grazie a tali meravigliose condizioni naturali, qui si trova una stazione sciistica di fama mondiale. Hotel e chalet per tutti i gusti, piste rosse e nove impianti di risalita: Jahorina ha tutto il necessario per sciare comodamente.

Jahorina

Centro storico di Sarajevo

La Gerusalemme europea è chiamata la capitale della Bosnia ed Erzegovina per il fatto che gli edifici orientali della Città Vecchia e gli edifici occidentali del periodo austro-ungarico sono qui organicamente collegati. La piazza dei piccioni con una fontana, situata nel quartiere di Bascarsija, è considerata il cuore della vecchia Sarajevo.

Centro storico di Sarajevo

galleria militare

Il museo privato creato dalla famiglia Kolar comprende 20 metri di un tunnel speciale. Veniva utilizzato dagli abitanti della Sarajevo assediata per lasciare la popolazione civile e portare cibo durante il recente conflitto militare. In passato, questo tunnel militare era lungo oltre 700 metri e la sua costruzione richiedeva circa sei mesi.

Galleria militare

Medjugorje

Il piccolo villaggio di Međugorje divenne famoso nel XX secolo quando sei bambini locali videro l'immagine della Vergine Maria su una collina. E sebbene questo fenomeno non sia stato ufficialmente riconosciuto dalla chiesa, più di un milione di pellegrini visitano regolarmente la locale Collina delle Apparizioni. Degna di nota è anche la Chiesa di San Giacomo, costruita nel classico stile balcanico, e il Parco delle Candele, dove i credenti ringraziano la Vergine per l'aiuto nell'esaudire i desideri.

Medjugorje

Moschea di Gazi Khusrev Bey

La Moschea Gazi Husrev Bey fu costruita nel XVI secolo ed è un esempio ben conservato di edifici del periodo ottomano. La moschea ha preso il nome in onore del filantropo Gazi Khusrev Bey, che ha partecipato attivamente alla costruzione e allo sviluppo di Sarajevo. Chiunque può visitare la moschea, devi solo aspettare fino alla fine della preghiera.

Moschea di Gazi Khusrev Bey

Piazza Bascarsiya

Il cuore di Sarajevo è la sua principale area commerciale. Costruita nel 1462, piazza Baščaršija è tuttora il centro culturale e storico della capitale. Ecco la torre dell'orologio, la moschea di Gazi Khusrev Bey, oltre a un mercato dove i turisti possono acquistare souvenir originali per ricordare la loro visita in Bosnia ed Erzegovina.

Piazza Bascarsiya

Monte Maglic

L'arrampicata sul Monte Maglic è un popolare percorso turistico. I paesaggi maestosi, l'aria pulita e la relativa semplicità dei sentieri di montagna locali attirano appassionati di outdoor da tutto il mondo. L'altezza della montagna è di 2387 metri ed è il punto più alto della Bosnia ed Erzegovina. Non lontano da Maglic c'è un bellissimo lago glaciale Trnovacko.

Monte Maglic

Ponte di Visegrad

Il famoso esempio di ingegneria turca del Medioevo, il ponte di Visegrad sul fiume Drin nel 2007 è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Questo edificio, chiamato anche ponte Mehmed Pasha, è costituito da 11 campate in pietra e collega entrambe le parti della città di Visegrad. Il ponte Mehmed Pasha è stato immortalato in un libro pubblicato nel 1945 dal premio Nobel Ivo Andrić.

Ponte di Visegrad

Città di Kupres

Da novembre ad aprile, la città di Kupres, situata nella parte settentrionale della Bosnia ed Erzegovina, diventa il centro del turismo sciistico. Se non c'è abbastanza neve naturale, tutte e quattro le piste da sci locali vengono mantenute in ottime condizioni con l'ausilio di speciali cannoni da neve. Anche a Kupres ci sono diversi hotel e locande per tutti i gusti.

Città di Kupres

Stechki

Sul territorio di diversi paesi balcanici sono state trovate lapidi medievali uniche, decorate con intagli. La posizione più famosa degli stech si trova nella piccola città di Zabljak, nel nord dello stato. Campioni di queste lapidi sono conservati anche nel Museo Nazionale della Bosnia ed Erzegovina.

Stechki

Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù

La principale chiesa cattolica di Sarajevo, che si trova nei quartieri centrali della città, fu costruita nel 1889. L'architetto Josip Vantsas costruì questa cattedrale neogotica ispirata a Notre Dame de Paris. Dall'interno, la Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù è decorata con eleganti vetrate colorate.

Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù

Il nascondiglio di Tito a Drvar

Il rifugio di Tito è una famosa grotta vicino alla città di Drvar, dove si nascose il maresciallo jugoslavo Josip Broz Tito durante la seconda guerra mondiale. Per catturare e distruggere Tito, insieme al Quartier Generale Supremo del Movimento di Liberazione, i tedeschi effettuarono l'operazione Resselshprung, durante la quale Tito si rifugiò in una grotta vicino a Drvar e poi fuggì. Nel 1944 la grotta fu trasformata in museo.

Il nascondiglio di Tito a Drvar