Le 30 migliori attrazioni di Buenos Aires, Argentina

852
40 011

Buenos Aires è una città vibrante, movimentata e incredibilmente grande. All'inizio, dal numero di suoni e informazioni, puoi semplicemente confonderti. Non c'è da stupirsi: dopotutto, questa è un'enorme metropoli, il centro economico e politico dell'Argentina, dove la vita batte con un flusso potente.

Ma basta prendere fiato e guardarsi intorno, poiché la capitale argentina inizierà ad aprirsi da un lato completamente diverso. Nelle pittoresche strade del quartiere La Boca, puoi ammirare le coppie che ballano il tango proprio sul marciapiede.

Nel centro storico della città, le piazze sono circondate da magnifici palazzi in stile coloniale, che ricordano secoli di dominazione spagnola. Nelle gallerie espositive, l'arte latinoamericana originale appare davanti allo spettatore in tutto il suo splendore.

Cosa vedere e dove andare a Buenos Aires?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Puerto Madero

Una delle zone più prestigiose di Buenos Aires, che si trova sulle rive della baia di La Plata. In precedenza qui c'era un vecchio porto, ma con la costruzione del nuovo porto di Puerto Nuevo è stato abbandonato e gradualmente trasformato in un'area criminale. Nel 1990 è iniziata la costruzione di massa a Puerto Madero come parte di una ristrutturazione. Di conseguenza, sul sito di moli e magazzini abbandonati sono comparsi uffici, ristoranti e hotel di lusso.

Porto Madero

La Bocca

L'area si trova nel sud-est di Buenos Aires. Fu in questo luogo che il fondatore della città, Pedro de Mendoza, pose il primo insediamento nel XVI secolo. Prima a La Boca vivevano gli schiavi, poi qui si trovava un porto, all'inizio del XIX secolo gli emigranti iniziarono a sviluppare attivamente l'area. Questa parte della città è nota per le sue insolite case colorate, i divertenti carnevali e i residenti, la maggior parte dei quali sono persone creative.

La Bocca

Cimitero della Recoletta

La necropoli si trova nella zona omonima. È noto come luogo di sepoltura di famosi argentini che hanno lasciato il segno nella storia del paese. Molte cripte e monumenti del cimitero sono riconosciuti come siti culturali. Le prime sepolture sono apparse qui nel XIX secolo sul sito delle ex terre monastiche del monastero francescano. Nel cimitero sono sepolti 19 presidenti dell'Argentina, politici, artisti, scrittori e cantanti.

Cimitero della Recoletta

Avenida Nuova de Julio

Il viale più largo di Buenos Aires e del mondo è di 110 metri. A causa delle sue enormi dimensioni, ci sono voluti diversi anni per costruirlo. Ci sono sette corsie per le auto in ogni direzione. La strada prese il nome in onore della dichiarazione di indipendenza del paese il 9 luglio 1816. Lungo il viale si trovano luoghi famosi: un obelisco, Piazza della Repubblica, un monumento a Don Chisciotte, il Teatro Colon.

Avenida Nuova de Julio

Obelisco

Monumento in Piazza della Repubblica, eretto nel 1936 in onore del 400° anniversario di Buenos Aires. L'area di base dell'obelisco è di 49 m², l'altezza è di 67 metri. Per molto tempo gli abitanti della città sono stati entusiasti di questa attrazione, più volte hanno persino voluto demolirla. Ma nel tempo l'obelisco e lo spazio circostante si sono trasformati in un luogo per feste cittadine ed eventi pubblici.

Obelisco

Piazza Maggio

La piazza centrale della capitale argentina, da cui ha origine la città. Esiste dalla fine del XVI secolo. Qui si svolsero i principali eventi della Rivoluzione di maggio del 1810-16 (da cui il nome). Il monumento centrale della piazza è la Piramide di maggio, la cui costruzione fu avviata dai membri della Prima Giunta dell'Argentina. Nel 1912 il monumento fu ricostruito e trasferito in una nuova sede.

Piazza Maggio

Teatro "Colon"

Teatro dell'Opera di Buenos Aires, costruito all'inizio del XX secolo in stile classico con elementi di stile coloniale. All'inizio della metà del XIX secolo, la troupe era ospitata in un altro edificio, successivamente venduto alla Banca Nazionale Argentina. Il palcoscenico è progettato per 2500mila posti, qui vengono messe in scena opere di D. Verdi, J. Bizet, R. Wagner, C. Gounod, W. Mozart e altri famosi classici.

Teatro Colon

Centro Culturale "Usina del Arte"

Il centro culturale si trova in un edificio del 1916 costruito in stile eclettico con elementi del neorinascimento italiano. In precedenza qui si trovava una centrale elettrica, dopo la ricostruzione i locali sono stati trasformati in laboratori d'arte, gallerie e sale da concerto, dove si svolgono spettacoli, festival e altri eventi interessanti. Alcuni eventi possono essere visitati gratuitamente.

Centro Culturale Usina del Arte

Centro Culturale Kirchner

Il complesso è stato inaugurato nel 2015 nell'edificio dell'ex ufficio postale. Prende il nome da Nestor Kirchner, uno dei presidenti argentini. Qui puoi conoscere le conquiste della cultura e dell'industria del paese, vedere gli abitanti nel loro ambiente naturale: cantano, ballano, suonano vari strumenti e semplicemente si godono la vita. Le sale del centro ospitano mostre di artisti locali, concerti e spettacoli.

Centro Culturale Kirchner

Museo Nazionale delle Belle Arti

Museo d'arte, aperto alla fine del XIX secolo. Il primo piano espone opere di artisti provenienti da tutto il mondo, risalenti al Medioevo. La seconda è dedicata alle collezioni di pittori locali del '900: B. K. Martin, A. Berni, E. Sivori, R. Forner, A. Gutiero e altri. Il terzo ospita una galleria fotografica e due terrazze con mostre di scultura. Il museo ha una biblioteca.

Museo Nazionale delle Belle Arti

Museo di arte latinoamericana

Come suggerisce il nome, la collezione è dedicata all'arte latinoamericana. Il museo è stato fondato dal milionario e filantropo locale E. Constantini nel 2001. L'esposizione si basa su opere d'arte della sua collezione personale. Oggi il museo espone più di 400 opere appartenenti a 160 artisti. Tra questi ci sono le opere di Frida Kahlo e Fernando Botero. Tutti i reperti appartengono al XX secolo.

Museo di arte latinoamericana

Museo Nazionale delle Arti Decorative

La collezione del museo si trova in un palazzo dell'inizio del XX secolo, precedentemente di proprietà di una ricca famiglia argentina. L'edificio è stato costruito nello stile del classicismo francese, il suo interno è realizzato in stile barocco, che si distingue per il ricco arredamento. Le sale sono decorate con stucchi, dorature e lussuosi specchi. Il museo espone dipinti, sculture, mobili, arazzi, porcellane e oggetti per interni.

Museo Nazionale delle Arti Decorative

Fondazione Proa

Museo privato nella zona di La Boca, fondato nel 1996. Come molte gallerie di Buenos Aires, è specializzato in arte latinoamericana. La Fondazione Proa diventa costantemente una piattaforma per interessanti mostre, concerti e conferenze. La collezione è ospitata in un edificio di fine '800. Negli anni 2000 è stato completamente ricostruito, ampliando notevolmente lo spazio espositivo.

Fondazione Proa

Basilica Santisimo Sacramento

Un'elegante e grande cattedrale cattolica con una magnifica decorazione. Sembra che non sia in Argentina, ma da qualche parte nel sud del Vecchio Mondo. Inoltre, l'aspetto della chiesa sembra piuttosto modesto, tutta la bellezza è nascosta all'interno. Il tempio è decorato con vetrate colorate, statue e dipinti. L'interno è generosamente decorato con dettagli in marmo. Anche in una giornata molto calda all'interno della basilica, i visitatori saranno accolti con una frescura tanto attesa.

Basilica Santisimo Sacramento

Cattedrale di Buenos Aires

Il tempio fu costruito nel periodo 1754-1823. Durante questo periodo, il sistema statale in Argentina cambiò, ma le nuove autorità mostrarono non meno interesse per la costruzione rispetto all'amministrazione spagnola rovesciata. La cattedrale è stata costruita in stile classico: la facciata anteriore è chiusa da una fila di colonne corinzie con frontone triangolare. All'interno le pareti sono dipinte in stile rinascimentale e il pavimento è ricoperto di mosaici veneziani.

Cattedrale di Buenos Aires

Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Questo tempio è uno dei più antichi di Buenos Aires. Fu costruito nel 1732 in Piazza San Martino. La decorazione interna ed esterna dell'edificio è realizzata in stile barocco. La basilica ha un museo dove sono conservati libri antichi, utensili religiosi, paramenti e statue di santi. I visitatori possono salire sul campanile per dare un'occhiata ai dintorni e alle attrazioni vicine.

Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Palazzo del Congresso Nazionale dell'Argentina

Un grandioso edificio neoclassico sulla piazza del Congresso, progettato da V. Mean nel 1946 per le riunioni del governo argentino. Occupa il territorio dell'intero isolato. L'enorme cupola centrale raggiunge un'altezza di 80 metri. Nell'aspetto esterno del palazzo si possono ritrovare tutti i tratti caratteristici del neoclassicismo: colonne, rotonde, sculture di leoni alati e chimere, oltre a massicci elementi decorativi.

Palazzo del Congresso Nazionale dell

Casa Rosada

La residenza di lavoro del Presidente dell'Argentina, situata in May Square. L'edificio è un pittoresco palazzo rosato, costruito con un pregiudizio in stile coloniale spagnolo. Il palazzo fu eretto alla fine del XIX secolo secondo il progetto di K. Kilberg. Per sottolineare la bellezza e l'eleganza dell'edificio, la sera viene accesa un'illuminazione rosa brillante sulla facciata.

Casa Rosada

Palazzo dell'Acqua

Il palazzo fu eretto alla fine del XIX secolo in uno stile architettonico elaborato che gravita verso l'eclettismo e allo stesso tempo verso lo stile imperiale. La facciata dell'edificio è rivestita con piastrelle di ceramica inglese e mattoni smaltati. In precedenza all'interno c'erano un'unità di approvvigionamento idrico e un serbatoio, ora c'è un museo dedicato all'approvvigionamento idrico e un archivio al piano terra. Nel 1987, il Water Palace è stato dichiarato monumento storico.

Palazzo dell

Palazzo Barolo

Edificio per uffici Art Nouveau in Avenida da Mayo. Fu eretto nel 1923 e, a quel tempo, era considerato il più alto di Buenos Aires. L'edificio è stato progettato dall'architetto italiano M. Palanti per ordine di un imprenditore locale, Luis Barolo. Esattamente lo stesso edificio adorna la capitale dell'Uruguay, la città di Montevideo. Gli elementi decorativi del Palacio sono realizzati in marmo di Carrara.

Palazzo Barolo

"Floralis generica"

Scultura a forma di enorme fiore in acciaio e alluminio, situata nel National Unity Park. Raggiunge un'altezza di 23 metri, il peso è di 18 tonnellate. Al mattino, il fiore apre i suoi petali verso il sole e la sera si ripiega in un bocciolo. Un edificio insolito è stato creato da E. Catalano. L'architetto pensava che la sua creazione avrebbe personificato l'eterna primavera e la speranza.

Floralis generica

Torre Monumentale

La torre fu eretta in onore del centenario dell'indipendenza dell'Argentina. Il monumento è stato progettato dall'architetto britannico AP MacDonald. Inizialmente si pensava che la struttura fosse a forma di colonna, ma il risultato fu una torre. La struttura è coronata da un campanile con una cupola che ripete esattamente le dimensioni e la forma della cupola dell'Abbazia di Westminster.

Torre Monumentale

Donne del ponte

Il ponte è stato costruito nel 1998 su progetto del famoso architetto spagnolo S. Calatrava (questa è l'unica creazione del maestro in America Latina). Come concepito dal creatore, il design simboleggia una coppia che balla il tango. La lunghezza della struttura è di 170 metri, la larghezza è di poco superiore ai 6 metri. Con l'ausilio di un supporto rotante, il ponte può disperdersi rapidamente ai lati per far passare le navi in ​​transito.

Donne del ponte

Fregata "President Sarmiento"

Fregata inglese a vela della fine del XIX secolo, costruita per addestrare i futuri marinai argentini. La nave è stata in servizio per diversi decenni e durante questo periodo è riuscita a fare 6 viaggi intorno al mondo. La nave ha persino visitato il russo Kronstadt. Nel 1961, la fregata fu dismessa a terra. Oggi c'è un museo all'interno, dove è possibile vedere gli interni originali, vecchie mappe e strumenti di navigazione.

Fregata President Sarmiento

Stadio della Bombonera

Stadio di calcio del club Boca Juniors, costruito nel 1940. Nonostante la sua età piuttosto avanzata, l'arena continua a funzionare correttamente, ospitando costantemente partite. Le sue tribune possono ospitare più di 57mila spettatori. Nel momento in cui i tifosi iniziano a gridare all'unisono a sostegno della propria squadra, una vibrazione caratteristica passa tra le file, dovuta alle caratteristiche del design.

Stadio della Bombonera

Galleria Pacifico

Centro commerciale, i cui contorni ripetono le forme delle gallerie commerciali europee. Al suo interno, oltre ai tradizionali negozi e ristoranti, c'è un piccolo teatro dove spesso si tengono spettacoli musicali basati sul tango argentino. La galleria dispone anche di una piccola sala espositiva. Sotto tutti gli altri aspetti, questo è un normale grande negozio dove puoi fare shopping.

Galleria Pacifico

"El Ateneo Grand Splendid"

Una libreria situata nell'ex Grand Splendid Theatre. Un tempo l'edificio fu acquistato dalla rete Ateneo. I costruttori non hanno completamente ristrutturato il teatro, ma lo hanno semplicemente adattato alle esigenze del negozio. Oggi nei palchi si trovano piccole sale di lettura e tra le file di platea ci sono librerie. L'edificio è stato costruito all'inizio del XX secolo. In passato sul suo palco si esibivano famosi ballerini di tango.

El Ateneo Grand Splendid

Caffè Tortoni

Il caffè fu aperto da un immigrato francese nel 1858. Ha dato il nome allo stabilimento in onore del caffè parigino sul Boulevard italiano, dove nel XIX secolo la Boemia francese amava riunirsi. Il "Tortoni" argentino è famoso per le sue tradizioni, così come per i suoi visitatori, tra cui il drammaturgo Federico Garcia Lorca, il filosofo Jose Ortega, la poetessa Juana de Ibaburu e persino il politico Hillary Clinton.

Caffè Tortoni

Orto Botanico di Buenos Aires

Il giardino si trova in un sobborgo chiamato Palermo. Se lo confrontiamo con i parchi cittadini di altre capitali, sembra molto più modesto per le sue ridotte dimensioni (l'area è di soli 7 ettari). Nel giardino crescono più di 5500 piante, ci sono serre e monumenti interessanti. Il parco fu fondato dal capo giardiniere di Buenos Aires, il francese K. Theis, che si stabilì qui nella sua villa.

Orto Botanico di Buenos Aires

Parco Tres de Febrero

Solitamente gli abitanti di Buenos Aires chiamano il parco "la foresta di Palermo", in quanto si trova nell'omonima zona. Sul suo territorio sono presenti tre laghi artificiali dove i visitatori possono navigare in barca, una piazza dei poeti con numerosi monumenti e un planetario intitolato a Galileo Galilei. Il parco è circondato su tutti i lati da aree residenziali che sono cresciute rapidamente dopo il boom economico dell'inizio del XX secolo.

Parco Tres de Febrero