Le 12 migliori attrazioni dell'Afghanistan

648
53 740

L'Afghanistan è un esotico selvaggio e pericoloso. È un paese di bellezza primordiale, dove alte cime montuose all'orizzonte si affiancano a deserti d'alta quota che luccicano in innumerevoli sfumature di rosso al sole. Qui c'è la casa natale di Zarathustra, antiche fortezze e cittadelle, inestimabili dal punto di vista storico. Sfortunatamente, non tutti sono stati preservati durante i 30 anni della guerra civile, a seguito della quale molte città e villaggi giacciono in rovina.

Solo i più disperati vanno in Afghanistan. Questo è sconsiderato e pericoloso, sebbene ci siano meno pericoli per uno straniero europeo che per un rappresentante del vicino Pakistan. Non sarai in grado di entrare in questo paese proprio così, poiché è richiesto un visto. Inoltre, non esiste un "visto turistico". Le persone vi si recano per lavoro, in viaggio d'affari o come membri di missioni umanitarie.

Se, per volontà del destino, il viaggiatore è finito in Afghanistan, sarà leggermente scioccato dai contrasti irrealistici di questo paese. Milionari locali con guardie pesantemente armate, che vivono in case con eliporti, fianco a fianco con persone che si rannicchiano in rifugi con intere famiglie. Alberghi di Kabul con mitragliatrici montate sui tetti si affiancano a pensioni dove il viaggiatore è invitato a dormire in una sala comune in un sacco a pelo. Le alte vette dell'Hindu Kush e del Wakhan Range sono intervallate da laghi e fiumi blu purissimi.

Cosa vedere in Afghanistan?

I luoghi più interessanti e belli, foto e una breve descrizione.

Statue di Buddha di Bamiyan

Immagini giganti di una divinità lunga 37 me 55 m, situata nella valle di Bamiyan. Queste statue furono erette intorno al VI secolo. Hanno usato elementi dell'arte indiana del Gandhara. Nel 2001, per decisione dei talebani, le statue furono distrutte con la scritta “la gente non dovrebbe adorare gli idoli”. Il mondo intero (compresi i paesi islamici) ha condannato fermamente la distruzione. Sfortunatamente, l'UNESCO non prevede di restaurare le statue a causa dell'elevato costo del progetto e perché le nuove statue non avranno ancora lo stesso significato storico degli edifici originali.

Statue di Buddha di Bamiyan

Moschea Blu (Mazar-i-Sharif)

Una pittoresca moschea nella provincia di Balkh, dove sarebbe stato sepolto il califfo Ali, cugino dello stesso profeta Maometto. La tomba del califfo esiste dal XII secolo, la moschea fu costruita nel XV secolo. Hussein Baykara. Ha ricevuto il prefisso "blu" a causa del gran numero di piastrelle turchesi che ricoprono le pareti e le cupole. La moschea è il monumento antico meglio conservato in Afghanistan.

Moschea Blu (Mazar-i-Sharif)

Moschea Juma a Herat

Un magnifico tempio, alla cui creazione ha preso parte il filosofo e poeta Alisher Navoi. A causa delle numerose guerre degli ultimi 30 anni, la moschea è stata completamente distrutta, ma al momento è stata restaurata. L'edificio ristrutturato e restaurato è ricoperto di ricchi dipinti, il cortile può ospitare quasi 5.000 fedeli. C'è anche un grande calderone del XIV secolo, in cui da sei secoli si prepara il sorbetto da distribuire alla gente per le feste.

Moschea Juma a Herat

Moschea Id Gah

La più grande moschea di Kabul. Qui l'emiro Amanullah Khan nel 1919 dichiarò l'indipendenza dell'Afghanistan. Id-Gah (tradotto come "festivo") è uno dei centri della vita religiosa a Kabul. Qui si svolgono grandi feste musulmane, durante le quali migliaia di afghani vengono a pregare alle mura e nella piazza davanti alla moschea.

Moschea Id Gah

Minareto di marmellata

Edificio del XII secolo nell'antica città di Firuzukh. Questo inestimabile monumento architettonico si perde tra le montagne nel nord-ovest del paese, è molto difficile raggiungerlo a causa della situazione militare. Il minareto di 65 metri è stato perfettamente conservato, la decorazione esterna delle pareti è sopravvissuta quasi completamente per 8 secoli. Fu costruito durante il periodo di massimo splendore della dinastia Ghurid, che nel Medioevo controllava un vasto territorio dal Golfo del Bengala alla città indiana di Nishapur.

Minareto di marmellata

Complesso del parco Giardini di Babur

Kabul Park, dove si trova la tomba del fondatore della dinastia Mughal Babur. Si tratta di una serie di 15 terrazze a cascata, realizzate nello stile tipico dell'architettura Mughal. La tomba dell'imperatore si trova al centro del parco. Durante la guerra civile la maggior parte degli edifici è stata distrutta e gli alberi sono stati abbattuti, ma nel 2011 il parco è stato completamente restaurato.

Complesso del parco Giardini di Babur

Museo di Kabul

Una collezione di antichi manufatti di varie culture che esistevano in tempi diversi in Afghanistan. Il museo ha un destino difficile: nel 1996, dopo che i talebani sono saliti al potere, la collezione è stata saccheggiata e distrutta per il 70%, alcuni reperti sono stati portati via. Nel 2004 il museo restaurato è stato riaperto al pubblico.

Museo di Kabul

Cittadella di Herat

Conosciuta anche come la Cittadella di Alessandro, poiché fu costruita durante la conquista di questa zona da parte di Alessandro Magno. Sotto la guida dell'UNESCO, qui sono stati effettuati scavi e sono stati scoperti molti manufatti interessanti, che sono presentati nelle collezioni del museo della cittadella. La cittadella conobbe nel medioevo l'assedio di numerosi eserciti.

Cittadella di Herat

Fortezza di Bala Hissar

Costruzione del V secolo nella città di Kabul. È servito da nascondiglio per i governanti dell'Afghanistan per molti secoli. La fortezza fu ricostruita molte volte per renderla più affidabile. Nel XIX secolo durante la guerra anglo-afghana, parte degli edifici fu distrutta per ordine del generale inglese Roberts. Ora la cittadella è utilizzata come luogo di schieramento dell'esercito afghano.

Fortezza di Bala Hissar

Passo Khyber

Passo di montagna al confine tra Pakistan e Afghanistan. Una bellissima strada di montagna lunga 53 km, che è un alternarsi di gole profonde e strette. La ferrovia e l'autostrada Kabul-Peshawar sono poste lungo il passaggio. Questa è una posizione strategica, rinforzata con postazioni di artiglieria, cordoni militari e postazioni a protezione del confine.

Passo Khyber

Gola del Panshir

Tradotto dalla lingua locale, si chiama Five Lions Gorge. Una pittoresca valle nella provincia del Panjshir. Sul suo territorio sono presenti comodi valichi che conducono dalle province settentrionali a quelle meridionali. Durante le ostilità la gola si trasforma in un comodo rifugio e una fortezza inespugnabile, da dove è conveniente effettuare attacchi partigiani.

Gola del Panshir

Laghi blu di Bande Amir

Una rete di serbatoi nel cuore dell'Afghanistan. I laghi sono circondati da montagne e steppe. Il colore penetrante dell'acqua dal blu al blu intenso sembra molto pittoresco in contrasto con il calcare bianco e rosa delle rocce circostanti. Bande Amir è incluso nella lista dei laghi colorati più belli del mondo e nella lista del patrimonio naturale dell'UNESCO.

Laghi blu di Bande Amir