Le 20 migliori attrazioni di Bratislava, Slovacchia

1 002
63 093

Bratislava si trova sui contrafforti dei Carpazi vicino alle rive del Danubio. Un tempo questa città era la capitale dell'Ungheria, nelle cattedrali locali si svolgevano magnifiche incoronazioni di potenti monarchi e imperatori. Da un lato, Bratislava non è mai appartenuta alla galassia stellare delle capitali più belle d'Europa, ma dall'altro la città ha il suo fascino e il suo fascino.

La capitale della Slovacchia offre ai turisti passeggiate attraverso i quartieri storici della Città Vecchia, visitando il Castello di Bratislava e il magnifico Palazzo Grassalkovich, dove nei secoli passati suonavano le migliori opere di musicisti locali. Una passeggiata sul fiume lungo il Danubio ti permetterà di vedere gli argini della città da un'angolazione più interessante e potrai concludere un'intensa giornata di visite turistiche in uno dei tanti ristoranti.

Cosa vedere e dove andare a Bratislava?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Centro storico di Bratislava

La Città Vecchia è il centro storico e amministrativo di Bratislava, dove, oltre ai monumenti architettonici, si trovano molti uffici governativi e ambasciate straniere. Le principali attrazioni culturali e storiche di Bratislava si trovano nella parte orientale del distretto. La parte occidentale della Città Vecchia confina con le pendici dei Carpazi, dove sorge il Castello di Bratislava.

Centro storico di Bratislava

Idraulico del monumento Chumil

La piccola figura di un idraulico, che scruta curiosa da un tombino cittadino, è stata creata per ricordare alla gente la fine del tempo di guerra, oltre che per rendere omaggio all'onesta professione di idraulico. Il fatto è che durante la seconda guerra mondiale molti residenti di Bratislava si nascosero nelle fogne cittadine dai bombardamenti, salvandosi così la vita. "Chumil" in slovacco significa "spettatore".

Idraulico del monumento Chumil

piazza principale

L'area si trova nella Città Vecchia. È una popolare destinazione turistica circondata da ristoranti, centri commerciali che vendono molti souvenir, ville e palazzi barocchi. In precedenza, il luogo era chiamato "Piazza del mercato", poiché qui si tenevano le fiere cittadine. Al centro si trova la Fontana Roland del XVI secolo, apparsa alla vigilia dell'incoronazione dell'imperatore Massimiliano II.

Piazza principale

vecchio municipio

L'edificio del XIII secolo, che iniziò ad essere utilizzato come edificio del municipio nel XV secolo. Le facciate del municipio si affacciano sulle piazze Primacial e Main. L'edificio è stato ricostruito e ampliato più volte, quindi diversi stili si mescolano nell'architettura dal gotico medievale al neorinascimentale. Oggi il municipio ospita il Museo della Città, che ospita un'esposizione dedicata alla storia di Bratislava.

Vecchio municipio

Castello di Bratislava

Il castello di Bratislava fu costruito sulle pendici dei Carpazi vicino alle rive del Danubio. Gli edifici storici non sono sopravvissuti fino ad oggi, poiché furono distrutti nel 1811 a seguito di un incendio. Per molto tempo la città rimase in rovina. A metà del XX secolo le autorità iniziarono a restaurarlo. Come risultato dei lavori, agli edifici fu dato l'aspetto che avevano alla fine del XVIII secolo. A causa del fatto che il castello si trova su una collina, offre un'eccellente vista sulla valle del Danubio.

Castello di Bratislava

Castello di Devin

Rovine di una fortezza del IX secolo, situata alla confluenza dei fiumi Danubio e Morava. Il castello fu utilizzato per lo scopo previsto fino alla fine del XVII secolo. Dopo la conquista del territorio della Slovacchia da parte dei turchi, cadde in rovina. All'inizio dell'Ottocento i soldati di Napoleone Bonaparte fecero saltare l'edificio. Il castello non è stato restaurato, solo in una delle sale c'è una piccola esposizione. Nel 1985, i resti di Devin e il terreno circostante sono stati dichiarati monumento naturale.

Castello di Devin

Palazzo Grassalkovich

La residenza del Presidente della Slovacchia, costruita a metà del XVIII secolo. L'edificio è stato costruito in stile barocco. Un tempo era il palazzo più lussuoso di Bratislava. Fu costruito per il conte A. Grassalkovich, a cui piaceva invitare famosi musicisti a fargli visita e organizzare balli. Il famoso compositore J. Haydn si esibì nel palazzo nel 1772. Durante il governo comunista, l'edificio ospitava spesso congressi dei leader del partito cecoslovacco.

Palazzo Grassalkovich

Palazzo del Primate

L'edificio fu eretto nel XVIII secolo in stile neoclassico. Secondo una versione, si ritiene che l'edificio sia apparso nel XIV secolo e nel 1778 sia stato ricostruito e adattato alle esigenze moderne. Il palazzo fu costruito per il primate ungherese, l'arcivescovo J. Batthyani. Nel XX secolo l'edificio passò in proprietà demaniale. Durante il restauro sono stati scoperti tappeti e arazzi inglesi del XVII secolo, che ora adornano l'interno del palazzo.

Palazzo del Primate

Porta Mikhailovsky

Porta medievale del XIII secolo (secondo un'altra versione - XIV secolo), l'unico edificio del suo genere che è stato conservato a Bratislava da quei tempi lontani. A seguito dei restauri settecenteschi, sulla sommità del torrione perverso apparve la figura di San Michele, l'intero edificio acquisì tratti barocchi. La struttura è una torre con un ponte di osservazione alto 51 metri. Alla base della struttura c'è un arco.

Porta Mikhailovsky

Teatro Nazionale Slovacco

Il teatro slovacco è stato fondato alla fine del XIX secolo. L'edificio è stato progettato dagli architetti austriaci H. Hellner e F. Felner. L'interno è decorato con affreschi di K. Spanyik e dipinti di L. Luttgendorf-Leinburg. All'inizio, tutte le produzioni erano in ceco, ma lo slovacco lo ha gradualmente sostituito. All'ingresso principale si trova un gruppo scultoreo della fontana di Ganimede, creato da V. Tilgner.

Teatro Nazionale Slovacco

Edificio Filarmonico

Edificio barocco nel centro storico di Bratislava, dove si esibisce l'orchestra filarmonica locale. È circondato da passeggiate, ristoranti e affascinanti palazzi dei quartieri circostanti. L'edificio è un classico esempio dell'architettura del periodo di massimo splendore dell'era asburgica, quando le facciate avevano tratti "imperiali" e gli interni erano generosamente decorati con ricchi decori.

Edificio Filarmonico

Galleria Nedbalka

Pinacoteca Comunale, che ospita opere d'arte di varie epoche. Sfortunatamente, in questo museo non ci sono opere particolarmente eccezionali di maestri di fama mondiale, ma ci sono dipinti piuttosto interessanti di artisti poco conosciuti. La galleria è meglio conosciuta come una collezione unica di dipinti nazionali, in quanto espone una vasta collezione di artisti slovacchi.

Galleria Nedbalka

Cattedrale di San Martino

La chiesa più grande della capitale slovacca e una delle più antiche. La cattedrale fu costruita nel XIII secolo. Dal XVI al XIX secolo sul suo territorio si svolsero le incoronazioni degli imperatori del Sacro Romano Impero. Questa tradizione ebbe origine da Bratislava nel periodo 1541-1684. era la capitale dell'Ungheria. L'interno è in stile gotico con alcune caratteristiche barocche. L'ultima ricostruzione della cattedrale fu effettuata a metà del XIX secolo.

Cattedrale di San Martino

Chiesa dei Cappuccini di Santo Stefano

Tempio del XVIII secolo, situato in piazza Zhupnaya. La chiesa fu costruita per i monaci dell'ordine dei Cappuccini, apparsi a Bratislava nel 1676, e sotto di essa fu costruito anche un monastero. La chiesa ha acquisito l'aspetto attuale nel 1860. Secondo le tradizioni dell'ordine monastico, il tempio è stato costruito in modo piuttosto modesto e si distingue per la semplicità della decorazione. Sul piazzale antistante l'ingresso principale si trova una colonna con la figura della Vergine Maria.

Chiesa dei Cappuccini di Santo Stefano

Chiesa dei Francescani

La chiesa cattolica, situata nel territorio della Città Vecchia, costruita sotto il monarca Laszlo IV nel XIII secolo. La chiesa fu ricostruita più volte, cambiando le caratteristiche di uno stile architettonico all'altro. Nel XVI secolo qui si svolgevano spesso le incoronazioni dei monarchi ungheresi. Inizialmente l'edificio fu costruito in stile gotico, ma l'edificio barocco è arrivato fino a noi. All'interno della chiesa è stato conservato l'interno, realizzato nel XVIII secolo.

Chiesa dei Francescani

Chiesa di Santa Elisabetta

Tempio cattolico di straordinaria bellezza, situato fuori dal centro storico della città. La chiesa ha un aspetto piuttosto insolito, un'architettura originale e un delicato colore blu della facciata. C'è una leggenda secondo cui la chiesa fu eretta su richiesta dell'imperatore Francesco Giuseppe, preoccupato per la morte di sua moglie Elisabetta di Baviera, ma i fatti storici raccontano una storia diversa: il tempio fu costruito all'inizio del XX secolo a per volere della contessa Sapari.

Chiesa di Santa Elisabetta

Complesso commemorativo Slavin

Il complesso è dedicato alla memoria dei caduti durante la seconda guerra mondiale. È stato creato nel 1960 per celebrare il 15° anniversario della liberazione di Bratislava dagli occupanti tedeschi. La figura centrale è un monumento a forma di stele alta 37 metri, coronato dalla figura di un guerriero liberatore. Il monumento si trova su una collina dove furono sepolti diverse migliaia di soldati. Sopra la fossa comune fu costruito un mausoleo in marmo.

Complesso commemorativo Slavin

Zoo di Bratislava

Lo zoo è apparso negli anni '60. Inizialmente il suo territorio era più vasto, ma a causa di modifiche al piano urbanistico, parte del territorio fu alienato. Lo scopo principale del serraglio è la conservazione e l'allevamento di specie animali in via di estinzione. Lo zoo ospita leoni, linci, scimmie, tigri bianche, antilopi e pantere. Sul territorio è presente anche un parco per bambini, dove sono installate figure di dinosauri preistorici.

Zoo di Bratislava

Ponte SNP

Il ponte sul Danubio, che collega le zone notte e la parte storica di Bratislava, è stato inaugurato nel 1972. La lunghezza della struttura raggiunge i 430,8 metri, i supporti sono installati solo sulle sponde, una parte sospesa è posta sopra l'acqua. Il ponte prende il nome dalla rivolta nazionale slovacca del 1944. In cima al pilastro c'è un ristorante collegato al ponte di osservazione, che è una delle principali attrazioni moderne di Bratislava.

Ponte SNP

Ponte Apollo

La struttura adornava la capitale della Slovacchia negli anni 2000. Il ponte Apollo è lungo 850 metri e largo 32 metri. Si distingue soprattutto nel panorama notturno di Bratislava, poiché è dotato di un'illuminazione moderna. La necessità di costruire un altro ponte sul Danubio è nata a causa della maggiore congestione delle autostrade cittadine. Gli ingegneri M. Matashtik e P. Nevechny hanno lavorato al progetto Apollo.

Ponte Apollo