Le 10 migliori attrazioni di Kingisepp, Russia

198
61 072

Kingisepp sorge sul fiume Luga. Fu fondata come fortezza Yam e originariamente si chiamava così. La ridenominazione in Yamburg è stata un omaggio ai tempi. E all'inizio del secolo scorso, la città prese il nome dal rivoluzionario baltico. Come molti insediamenti nella regione di Leningrado, Kingisepp ha sofferto della Grande Guerra Patriottica. Alcuni monumenti hanno dovuto essere restaurati e per le strade della città sono apparsi nuovi oggetti commemorativi.

I parchi locali dovrebbero ricevere un'attenzione speciale. Romanovka, Summer Garden e altri combinano bellezze naturali e storie interessanti del loro passato. Sono ricostruiti e restaurati, mantenendo lo stile antico, ma aggiungendo i dettagli necessari per il mondo moderno.

Cosa vedere e dove andare a Kingisepp?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Cattedrale di Caterina

La principale chiesa ortodossa della città. Costruita nella seconda metà del XVIII secolo. Porta il nome della grande martire Caterina d'Alessandria. Chiuso negli anni '30 del secolo scorso, al suo interno è stato organizzato un magazzino militare. Nel periodo dal 1979 al 1990, nella cattedrale si è tenuta una mostra del museo di storia locale "Old Yamburg". Dopo che il tempio è stato restituito alla Chiesa ortodossa russa, la cerimonia di riconsacrazione è stata condotta personalmente dal patriarca Alessio II nel 2000.

Cattedrale di Caterina

Parco "Romanovka"

In passato il territorio apparteneva alla tenuta del generale Bistrom, l'eroe della guerra del 1812. Tra l'altro, qui ordinò la costruzione di una casa per soldati storpi. Ora l'edificio è utilizzato come base sciistica. All'interno del parco si trova anche la tomba del Generale. Ha un leone di bronzo sopra. "Romanovka" è organizzato in stile inglese. Il parco ospita eventi sportivi e culturali durante tutto l'anno.

Parco Romanovka

Parco "Giardino d'Estate"

Stabilito dal personale del 146 ° reggimento Tsaritsinskiy. Prende il nome dai fondatori. Il nome dell'unità fu rimosso dopo la rivoluzione e il parco divenne prima il "Giardino dei Lavoratori", poi il "Giardino Oscuro" e, infine, il "Giardino d'Estate". Durante l'esistenza dell'URSS, la struttura del parco è stata modificata, ma in meglio hanno aggiunto un cinema estivo e una pista da ballo. Anche la musica dal vivo nei giorni festivi e nei fine settimana è diventata la norma.

Parco Giardino d

Museo di storia e tradizioni locali

Fondata nel 1960. L'edificio è un monumento architettonico dell'inizio del secolo scorso. È stato costruito in stile Art Nouveau e ha due piani. Le mostre cambiano ogni anno, ma c'è anche una mostra permanente. Dal 2009, il museo conserva la storia e la cultura delle piccole popolazioni indigene della regione. Gli oggetti unici di archiviazione riguardano, tra le altre cose, il popolo Izhora. La loro lingua è elencata nel Libro rosso come in via di estinzione.

Museo di storia e tradizioni locali

chiesa luterana

In questo luogo in passato c'era una chiesa di San Lazzaro, distrutta negli anni '30 del secolo scorso. L'attuale chiesa è stata costruita nel 1996. Inizialmente, questo edificio iniziò a essere costruito come un caffè di famiglia. Ma nel processo, è stato deciso di modificare il piano per il suo utilizzo. E sebbene il tetto a forma di guglia con una croce in cima suggerisca chiaramente che il tempio è di fronte ai turisti, il resto dell'edificio non è molto simile ad esso.

Chiesa luterana

Monumento "Gru"

L'apertura è avvenuta nel 2008. Il progetto del monumento non ha potuto essere accettato e realizzato per 10 anni per vari motivi. L'autore è il famoso scultore A. Pogrebnoy, nato a Kingisepp. Il monumento è dedicato ai soldati locali morti nelle guerre locali. Ad oggi, 15 di queste persone sono ufficialmente conosciute. Il monumento si presenta come un raffinato arco bianco, in cima al quale si ergono tre gru che volano verticalmente nel cielo.

Monumento Gru

Monumento agli eroi-partigiani e ai lavoratori clandestini

Nella regione il movimento partigiano riuscì a salvare diverse migliaia di persone. Era attivo e dava molti problemi al nemico. Nelle foreste circostanti sono ancora conservate le depressioni nel terreno: le ex panchine del sottosuolo. La loro impresa è stata immortalata attraverso l'installazione di un monumento. Nelle vicinanze si trova una fossa comune con i resti di 78 persone. La maggior parte di loro non è identificata. I nomi degli altri sono incisi su targhe commemorative.

Monumento agli eroi-partigiani e ai lavoratori sotterranei

Monumento all'aiutante generale KI Bistrom

Si trova nel parco Romanovka sulla tomba dell'eroe della guerra del 1812. Sul piedistallo si erge un maestoso leone di bronzo. La sua immagine è stata integrata con una palla su cui il re degli animali tiene una zampa. Questo è un riferimento all'integrità dello stato. L'iscrizione sul monumento ricorda le importanti battaglie in cui il generale si mostrò. La scultura è stata più volte attaccata da vandali, ma ogni volta è stata restaurata.

Monumento all

Parco commemorativo "Pyatisot Grove"

In questo luogo, durante gli anni della guerra civile, cinquemila bolscevichi furono fucilati per ordine di Yudenich, da cui il nome. Nel 1941 fu eretto un monumento, ma soffrì durante la Grande Guerra Patriottica. Dopo la vittoria sui nazisti, il parco ricevette un nuovo significato: fu costruita una fossa comune per i liberatori caduti della città. Successivamente apparve la Pietra, un omaggio alla memoria dei prigionieri dei campi tedeschi.

Parco commemorativo Pyatisot Grove

Caserma del 146 ° reggimento di fanteria Tsaritsyno

La costruzione è in corso dal 18 ° secolo. Ulteriori ricostruzioni hanno riguardato non solo piccoli dettagli progettuali, ma anche l'intera planimetria del complesso. Così Gostiny Dvor durante la ricostruzione fu trasformato direttamente in caserma. È rimasta solo una parte dei locali precedenti. Ad esempio, nell'arena, dove ora opera una scuola sportiva per bambini. Nelle vicinanze si trova il monumento "Gloria agli Eroi". Incorona la fossa comune.

Caserma del 146 ° reggimento di fanteria Tsaritsyno