Le 20 migliori attrazioni di Smolensk, Russia

683
47 875

Smolensk è la frontiera occidentale della Russia, più di una o due volte subendo i primi colpi di invasori dall'Europa, scavando costantemente nelle terre dello stato russo. Questa è un'antica città con una ricca storia, menzionata nelle cronache del IX secolo. Vi passava la famosa rotta "dai Varanghi ai Greci", un'importante arteria commerciale che collegava la Scandinavia, gli stati baltici, la Rus' e Bisanzio.

A Smolensk sono stati conservati i luoghi dell'alto medioevo e i monumenti architettonici della New Age. Di particolare interesse sono i musei militari, dove è possibile conoscere il glorioso passato militare della città. La principale attrazione turistica è la potente fortezza di Smolensk, un tempo bastione inespugnabile che proteggeva in modo affidabile i confini dello stato.

Cosa vedere e dove andare a Smolensk?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Cremlino di Smolensk

Il muro della fortezza costruito tra il XVI e l'inizio del XVII secolo era di grande importanza per la difesa dei confini occidentali dello stato russo. Più di una volta ha fermato l'avanzata degli eserciti nemici. Nel 1812, durante l'attacco delle truppe napoleoniche, gran parte della fortificazione fu distrutta. Fino ad oggi sono sopravvissuti 18 torri e circa 3,5 km di frammenti di mura. Oggi l'edificio è riconosciuto come monumento architettonico.

Cremlino di Smolensk

Cattedrale dell'Assunzione

Cattedrale di Smolensk, situata sulla collina della cattedrale. Fu costruito all'inizio del XVII secolo in memoria della difesa della città dall'esercito del Commonwealth sul sito di un'antica chiesa del XII secolo. Durante le guerre del 1812 e del 1914-1945 l'edificio non subì danni. Napoleone ordinò persino di mettere delle guardie a guardia della cattedrale: era così stupito dalla sua bellezza. Il santuario principale della chiesa sono le reliquie del santo patrono della città Mercury Smolensky.

Cattedrale dell

Scultura di cervo

La statua fu realizzata dallo scultore R. Friese nel 1910 per ordine del Kaiser Guglielmo II. Inizialmente, la figura della bestia si trovava di fronte alla tenuta di caccia del sovrano. Nel 1944, i soldati sovietici la scoprirono nella dacia di Hermann Goering. Dopo il 1945, il cervo fu trasportato a Smolensk e installato nel giardino cittadino. Negli ultimi anni la statua in bronzo è stata restaurata tre volte, poiché i vandali locali non le sono rimasti indifferenti.

Scultura di cervo

"Russia grata - agli eroi del 1812"

Uno dei monumenti più famosi di Smolensk, eretto in onore del centenario della guerra patriottica del 1812. Ha la forma di una roccia alta circa 10 metri, in cima alla quale le aquile proteggono il loro nido da una fiele con un spada. Questa immagine simboleggia l'inespugnabilità della Russia. La scultura si trova nella Piazza della Memoria degli Eroi proprio alle mura del muro della fortezza. Nicola II partecipò all'apertura di questo parco nel 1912.

Russia grata - agli eroi del 1812

Galleria d'arte

Dal 2010 la galleria è ospitata nell'edificio della Alexander Real School, monumento architettonico del XIX secolo. Il museo presenta collezioni di arte russa e dell'Europa occidentale: dipinti di Repin, Aivazovsky, Levitan, Benois, Falk, Roerich e altri maestri, oltre a sculture. La galleria ospita costantemente mostre temporanee di artisti contemporanei.

Galleria d

Museo Storico

L'esposizione fa parte della struttura del Museo-Riserva di Smolensk ed è la sua parte più antica. Ecco raccolte che raccontano la storia della regione di Smolensk dall'età della pietra alla New Age. Le mostre tematiche sono collocate in diverse sale, dove le mostre sono disposte in ordine cronologico. Qui puoi vedere strumenti antichi, armature medievali, armi, monete, gioielli, oggetti per la casa e molto altro.

Museo Storico

Teatro drammatico intitolato ad A. S. Griboedov

Il palcoscenico è stato fondato nel 1780, il che lo rende uno dei primi in Russia. La sua storia iniziò con l'arrivo dell'imperatrice Caterina II, accompagnata dall'imperatore Giuseppe II. L'edificio moderno nel monumentale stile dell'Impero stalinista fu costruito nel 1939. Gli spettacoli si svolgono in due sale, grande e piccola, progettate rispettivamente per 885 e 60 persone. Il teatro si distingue per il suo repertorio moderno e la presenza di spettacoli per bambini.

Teatro drammatico intitolato ad A. S. Griboedov

Museo "Smolensk - Scudo della Russia"

Il museo si trova nella Torre del Tuono delle mura della fortezza di Smolensk. La parte principale dell'esposizione, inaugurata nel 1977, è dedicata alla storia militare della città

Museo Smolensk - Scudo della Russia

Museo "Lino di Smolensk"

Sin dai tempi antichi, la regione di Smolensk è stata impegnata nella coltivazione e nella lavorazione del lino. Nel museo dedicato a questo mestiere, i visitatori potranno conoscere le tradizioni della lavorazione dei tessuti di lino, vedere costumi, filatoi fatti in casa e strumenti con cui i contadini coltivavano questa coltura. Una parte separata dell'esposizione è dedicata agli articoli per la casa tradizionalmente presenti in una capanna russa.

Museo Lino di Smolensk

Museo della Scultura S.T. Konenkov

Lo scultore S. T. Konenkov è originario della regione di Smolensk. Il museo nasce per iniziativa del maestro, che desiderava trasferire la maggior parte delle sue opere nella sua città natale. La collezione è stata collocata sul territorio di un pittoresco palazzo del XIX secolo nel centro della città. L'esposizione è composta da 80 opere su temi religiosi, rivoluzionari e quotidiani, realizzate dallo scultore in diversi periodi del suo lavoro.

Museo della Scultura S.T. Konenkov

Fucina della città

Museo situato in una piccola casa cittadina del XVII secolo. L'esposizione è stata inaugurata nel 1982. È interamente dedicata al fabbro. Qui i visitatori vedranno non solo strumenti, ma anche abili prodotti di artigiani dei secoli XVII-XIX: piatti, candelabri, chiavi, armi e oggetti interni. Alcuni dei reperti sono veri e propri capolavori. Il tour è guidato da un impiegato in costume tradizionale da fabbro.

Fucina della città

Museo "Regione di Smolensk durante la seconda guerra mondiale"

La raccolta occupa l'edificio che in precedenza ospitava la Scuola Popolare Comunale a ricordo del 1812, eretta a 100 anni dagli eventi della Seconda Guerra Mondiale. L'edificio è stato costruito in stile neo-russo secondo il progetto di N. Zaputryaev. L'esposizione è composta da documenti d'archivio e fotografie che raccontano la storia dell'occupazione, il movimento partigiano e la liberazione della regione di Smolensk dagli invasori.

Museo Regione di Smolensk durante la seconda guerra mondiale

Complesso commemorativo "Katyn"

Memoriale internazionale dedicato alle vittime della repressione politica. Fu eretto nel 2000 sul territorio di un cimitero militare, dove furono sepolti più di 4.000 ufficiali polacchi, fucilati nel 1940 dall'NKVD autorizzato. In totale, nella foresta di Katyn giacciono i resti di oltre 6mila vittime delle repressioni staliniste, nonché i corpi di 500 soldati sovietici morti nel 1943 a causa dei proiettili tedeschi.

Complesso commemorativo Katyn

Pietro e Paolo e Varvara

Le chiese della Santa Grande Martire Barbara e di Pietro e Paolo non sono lontane l'una dall'altra. Il primo fu costruito a metà del XVIII secolo a spese dei mercanti locali, il secondo è un monumento architettonico unico dell'era pre-mongola. Il tempio di Varvara non fu quasi danneggiato durante la guerra del 1812, ma durante la seconda guerra mondiale fu parzialmente distrutto. La Chiesa di Pietro e Paolo è stata restaurata due volte: dopo l'invasione di Napoleone e dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Pietro e Paolo e Varvara

Chiesa di Michele Arcangelo

L'edificio fu eretto nel XII secolo per ordine di Davyd Rostislavich. Secondo la cronaca faceva parte del complesso di edifici della corte principesca. Nel XVIII e XIX secolo al tempio furono aggiunti un'accogliente cappella, un campanile in pietra e una scuola per bambini senzatetto. Dopo il restauro degli anni '90, la chiesa ha acquisito il suo aspetto originario di epoca pre-mongola. Oggi l'edificio è un importante monumento architettonico.

Chiesa di Michele Arcangelo

Chiesa cattolica

Il tempio fu eretto alla fine del XIX secolo in stile gotico, tipico dell'Europa occidentale medievale. La sua storia è legata alla nobiltà polacco-lituana, che Alexei Mikhailovich ha proposto di accettare la cittadinanza russa con la conservazione di tutti i privilegi. Di conseguenza, a Smolensk si è formata una comunità cattolica. Nel XVIII secolo sul sito del tempio c'era una piccola chiesa, ma fu distrutta nel 1812.

Chiesa cattolica

Edificio della stazione ferroviaria

La stazione si trova sulla linea ferroviaria di Mosca, da qui partono treni per il vicino e il lontano estero. Il primo edificio della stazione fu eretto alla fine del XIX secolo, ma nel 1944 fu distrutto dai bombardamenti. L'edificio moderno è apparso negli anni '50. Oggi può essere considerata una delle attrazioni della città. Per molti turisti provenienti dai paesi vicini, l'edificio della stazione è il volto della città e di tutta la Russia.

Edificio della stazione ferroviaria

Argine del fiume Dnepr

L'argine è stato attrezzato per il 1150 ° anniversario della città nel 2013. Nonostante il budget cittadino abbia stanziato più di 600 milioni di rubli per il lavoro, sembra piuttosto modesto. La passeggiata si compone di tre livelli collegati tra loro mediante passaggi. Sono stati piantati alberi lungo l'argine, sono state disposte aiuole, sono state posizionate panchine e lanterne e sono stati organizzati parchi giochi per bambini.

Argine del fiume Dnepr

Giardino di Blonier

Uno dei parchi ricreativi di Smolensk, fondato nel 1830. In precedenza, al suo posto c'era una piazza. Oggi è uno dei luoghi più ameni e pittoreschi della città. C'è una scultura di un cervo e un monumento al compositore M. I. Glinka. A volte il giardino prende persino il nome dal maestro. Un'altra attrazione locale è una piccola fontana luminosa e musicale.

Giardino di Blonier

Giardino Lopatinsky

Il parco centrale della città, allestito per ordine del governatore A. G. Lopatin nel 1874. Oggi la sua superficie è di 10 ettari. Il luogo in cui si trova il giardino ha una storia ricca e misteriosa: prima c'era il Bastione Reale costruito dai polacchi, che è stato utilizzato per molto tempo come prigione. Nel XIX secolo fu sostituito da un ristorante e da un teatro estivo, in seguito apparve un parco.

Giardino Lopatinsky