Le 30 migliori attrazioni di Oslo, Norvegia

688
49 542

La prospera e confortevole Oslo è un esempio di moderazione, diligenza e determinazione dei popoli del nord, che hanno dovuto lavorare sodo e inventare costantemente qualcosa di nuovo per sopravvivere. Le migliori tendenze dell'architettura moderna e soluzioni progressiste nel campo delle infrastrutture urbane si sono unite nella capitale norvegese. Il magnifico teatro dell'opera e il complesso museale Astrup-Fearnley sono luminosi esempi di pianificazione urbana del futuro.

D'altra parte, a Oslo non sono rimasti quasi più vecchi edifici e quartieri. I templi cittadini furono eretti tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, i palazzi non sono particolarmente pomposi e lussuosi. Un'idea dell'architettura medievale della capitale norvegese si può trarre solo dalla fortezza di Akershus e dall'antica chiesa di Akera.

Cosa vedere e dove andare a Oslo?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Akershus

Castello del XIV secolo nella parte centrale di Oslo, centro di una potente fortificazione medievale, che svolse funzione difensiva fino al XVII secolo. Sotto il sovrano Cristiano IV, il castello fu ricostruito in stile rinascimentale. Nell'Ottocento il complesso cadde in rovina, al termine del quale fu eseguito un completo restauro e divenne luogo di ricevimenti di stato. La cappella del castello contiene le tombe di diversi re norvegesi.

Akershus

Palazzo Reale

Un edificio della metà del XIX secolo originariamente costruito per il re Karl Johan come residenza estiva. La facciata esterna del palazzo sembra piuttosto modesta e sottolinea la moderazione della Norvegia settentrionale. L'interno è decorato con opere d'arte nazionale. L'edificio è circondato da un parco, sulla piazza del palazzo si svolge regolarmente il cambio della guardia. È possibile visitare il palazzo con visita guidata da giugno ad agosto.

Palazzo Reale

Palazzo del Parlamento (Storting)

L'edificio, progettato dall'architetto svedese K. Johans. Si trova vicino al Palazzo Reale. Rispetto alla residenza reale, l'edificio del parlamento sembra piuttosto elegante. Il parlamento norvegese, composto da 169 deputati, si trova nello Storting. Per i turisti vengono organizzate escursioni speciali, ma da settembre a giugno si svolgono solo il sabato.

Palazzo del Parlamento (Storting)

Municipio

L'edificio dove si riunisce il consiglio comunale di Oslo. Si tratta di un edificio moderno, costruito a metà del XX secolo. L'idea di costruire un nuovo municipio è nata dopo la rottura dell'unione svedese-norvegese nel 1905. L'edificio del municipio è un importante monumento architettonico del XX secolo e un noto simbolo di Oslo. Ospita la cerimonia annuale del Premio Nobel per la Pace.

Municipio

Via Carlo Johan

Una delle strade principali della città, intitolata al re Carlo IV Johan. Si estendeva dal Palazzo Reale alla Stazione Centrale. La strada è pedonale. Numerosi ristoranti, negozi e negozi di souvenir sono aperti agli ospiti di Oslo. Lungo la strada si trovano le principali attrazioni della città: il Teatro Nazionale Norvegese, la Cattedrale, il Palazzo del Parlamento, il Parco del Palazzo.

Via Carlo Johan

Zona Aker Bruges

All'inizio del XIX secolo, Aker Brygge era un'area industriale dove erano di stanza i cantieri navali della società Akers Mek. Negli anni '80. XX secolo, si è deciso di creare una zona ricreativa e di intrattenimento sul territorio del quartiere. Gli edifici industriali furono rapidamente demoliti, alcuni edifici furono riformattati e ricostruiti. Oggi, Aker Brygge è una zona alla moda con costosi centri commerciali, appartamenti e ristoranti alla moda.

Zona Aker Bruges

Museo delle navi vichinghe

Un museo sulla penisola di Bygdö entro i confini della città di Oslo, dove sono esposti i famosi drakkar vichinghi: la nave Oseberg, la nave Gokstad, la nave Tun. L'esposizione fa parte della collezione del Museo di Storia Culturale. L'edificio per il museo è stato eretto all'inizio del XX secolo con fondi del bilancio statale. Ogni nave si trova in una stanza separata. Oltre alle navi, nel museo è possibile vedere vari reperti dell'era vichinga: carri, letti, navi, slitte.

Museo delle navi vichinghe

Museo Kon-Tiki

L'esposizione del museo racconta la vita e il lavoro del viaggiatore norvegese T. Heyerdahl. Quest'uomo è noto per aver attraversato l'Oceano Pacifico su una zattera nel 1947 e ha anche effettuato diverse spedizioni più lunghe (inclusa l'isola di Pasqua). Il museo conserva tutte le navi su cui ha navigato il viaggiatore: Kon-Tiki, Ra, Fatu-Khiva, Tigris, Ra II. La collezione è stata fondata da uno dei soci di Heyerdahl, K. Haugland.

Museo Kon-Tiki

Museo Vigeland

La collezione del museo è dedicata al lavoro dell'originale artista norvegese E. Vigeland. L'edificio del museo fu progettato nel 1926 con la partecipazione del maestro stesso. La sala principale del museo è affrescata con affreschi che illustrano vari momenti dell'esistenza umana. La collezione è composta da dipinti, disegni, sculture creati da Vigeland. All'interno dell'edificio nella cappella si trova la tomba dell'artista.

Museo Vigeland

Museo Fram

L'esposizione museale è dedicata alle numerose spedizioni marittime dei norvegesi. La mostra centrale è la nave Fram, che ha effettuato tre grandi viaggi tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Queste campagne furono organizzate con lo scopo di esplorare e conquistare il Polo Nord, ma il tentativo ebbe successo solo la seconda volta. Lungo la strada sono state esplorate le isole dell'arcipelago artico canadese. Il Museo Fram è stato aperto nel 1936.

Museo Fram

Museo Munch

L'apertura del museo è stata programmata per coincidere con il centenario della nascita di Edvard Munch, il famoso artista grafico ed espressionista norvegese. Questo evento ha avuto luogo nel 1963. Nel tempo, il museo è diventato uno dei più grandi centri culturali di Oslo. La collezione è composta da diverse centinaia di dipinti, 1,8 mila incisioni, 4,5 mila disegni e diverse sculture appartenenti alla mano del maestro. Nel 2004, diversi reperti sono stati rubati dal museo, ma due anni dopo sono stati restituiti al loro posto.

Museo Munch

Museo popolare della Norvegia

Un museo all'aperto organizzato alla fine del XIX secolo. Si estende su una superficie di 14 ettari. L'esposizione è composta da case tradizionali norvegesi di varie epoche, raccolte da tutto il paese (più di 155 edifici in totale). All'interno viene ricreata un'ambientazione tradizionale, che dà un'idea della vita contadina e cittadina di un tempo. Una copia di particolare pregio è l'antica chiesa del 1200.

Museo popolare della Norvegia

galleria Nazionale

Galleria d'arte cittadina, che espone dipinti di famosi maestri norvegesi ed europei. Il museo è stato organizzato nella prima metà del XIX secolo. Ci sono opere di Picasso, Renoir, Degas, Monet, Matisse, Gauguin, Goya, Van Gogh e altri artisti del XIX e XX secolo. Esposizioni separate sono dedicate ai pittori norvegesi, c'è persino una collezione di icone russe della scuola di Novgorod. La domenica l'ingresso alla galleria è gratuito.

Galleria Nazionale

Centro artistico Henie-Unstad

Il centro dista circa 10 km. dalla capitale norvegese. È stata fondata nel 1968 da Niels Unstad e Sonya Henie. La collezione si basa su una collezione privata della famiglia, composta da 110 dipinti. L'Arts Center è composto da sei sale espositive, un auditorium e una sala conferenze. Qui sono esposti maestri eccezionali - i "classici" dell'arte moderna: Picasso, F. Leger, J. Miro, M. Ernst, P. Klee e altri.

Centro artistico Henie-Unstad

Astrup Fearnley Museo di Arte Contemporanea

L'edificio del museo si trova sul territorio del pittoresco porto. Questo moderno edificio si compone di tre parti, unite da un comune tetto in vetro. Il museo si trova in due parti dell'edificio, gli uffici si trovano nella terza. Puoi camminare da un padiglione all'altro sui ponti sui canali. Di fronte al museo c'è un piccolo parco pittoresco, perfetto per rilassarsi dopo aver visitato l'esposizione del museo.

Astrup Fearnley Museo di Arte Contemporanea

Centro Nobel per la Pace

Il Nobel Peace Center è un club di discussione, museo, archivio e spazio creativo. È stato aperto nel 2005 alla presenza della famiglia reale norvegese. Le esposizioni del centro mostrano il ruolo di mantenimento della pace dell'Europa nella risoluzione di conflitti militari e problemi di scala planetaria, come l'abbandono della natura, il cambiamento climatico e l'inquinamento. L'istituto gestisce una scuola.

Centro Nobel per la Pace

Teatro dell'Opera di Oslo

Il National Opera Stage, situato in un eccezionale edificio di architettura moderna. Il teatro è stato inaugurato nel 2008 ed è diventato quasi immediatamente una delle attrazioni più popolari di Oslo. Alla cerimonia di apertura sono arrivati ​​anche il Presidente della Finlandia e la Regina di Danimarca. L'architettura dell'edificio del teatro dell'opera è dominata da linee asimmetriche, forme insolite e ampi spazi. Secondo il feedback del pubblico, nella sala principale è stata raggiunta un'acustica eccellente.

Teatro dell

Teatro Nazionale Norvegese

Il più grande teatro di prosa della Norvegia, costruito nel 1899. Cento anni dopo, l'edificio è stato dichiarato patrimonio culturale nazionale. La costruzione del teatro è stata finanziata con fondi privati, inizialmente esisteva con soldi di sponsorizzazione. Successivamente, il teatro passò all'amministrazione statale. Il palcoscenico del teatro è dominato da opere di drammaturghi norvegesi, svedesi e tedeschi, ma a volte vengono messe in scena opere di altri autori.

Teatro Nazionale Norvegese

Cattedrale

Il tempio principale di Oslo, costruito nel XVII secolo a spese dei cittadini. Dal XII secolo al suo posto ci sono state due chiese cristiane, ma entrambe non hanno resistito alla prova del tempo. Per la costruzione della Cattedrale sono stati utilizzati pietre, resti di muri e altro materiale da costruzione rimasto dai vecchi edifici. Nel 2006 è stata effettuata un'importante ricostruzione e sono stati sostituiti molti dettagli interni, ma è stato conservato l'antico altare del XVII secolo.

Cattedrale

Cattedrale di Sant'Olaf

La chiesa cattolica, costruita a metà del XIX secolo in stile neogotico. Dopo anni di persecuzione dei cattolici a causa della Riforma, riuscirono comunque a riconquistare il diritto alla propria cattedrale nella capitale norvegese. In onore della consacrazione della cattedrale, la regina Giuseppina concesse alla parrocchia una copia della Madonna Sistina di Raffaello. Papa Giovanni Paolo II ha visitato qui nel 1989. Ha presentato in dono al tempio una parte delle reliquie di Sant'Olaf.

Cattedrale di Sant

Chiesa della Santissima Trinità

Una spaziosa chiesa del XIX secolo con una capacità di circa 1.000 parrocchiani. Il tempio fu costruito secondo il progetto dell'architetto A. Chateauneuf in stile neogotico. L'edificio ha forma cruciforme ed è coronato da un campanile. La facciata esterna è prevalentemente in mattoni rossi. All'interno si trova un altare ottocentesco e un organo storico. Le finestre della chiesa sono decorate con pittoresche vetrate colorate.

Chiesa della Santissima Trinità

Vecchia chiesa di Aker

L'edificio più antico di Oslo e l'unico tempio medievale sopravvissuto. L'edificio è considerato un prezioso monumento architettonico. La prima menzione di questa chiesa si trova nelle fonti dei secoli XI-XII. Presumibilmente, il tempio fu eretto sotto il re Olaf III, che governò la Norvegia nel 1067-1093. Il primo edificio era in legno, successivamente apparve un edificio in pietra. Nel XIX secolo volevano demolire la chiesa, ma la Società per la conservazione dei monumenti storici si oppose.

Vecchia chiesa di Aker

Cimitero di Spasskoe

Una delle più antiche necropoli di Oslo, fondata nel 1808. A metà del XIX secolo, il cimitero ha acquisito una propria chiesa luterana, che, sorprendentemente, dal 2003 ospita la parrocchia della Chiesa ortodossa russa. Le sepolture cessarono a metà del XX secolo e il cimitero fu dichiarato memoriale. Ecco le tombe di famosi personaggi politici, scientifici e culturali della Norvegia.

Cimitero di Spasskoe

Orto botanico di Oslo

La Norvegia è un paese con un clima fresco e molti giorni di pioggia. Più residenti e turisti di Oslo apprezzano la bellezza del giardino botanico della città, che fiorisce in estate e riempie l'aria calda di dolci aromi. Il giardino fu fondato all'inizio del XIX secolo, nel momento del massimo interesse degli scienziati europei per la botanica. Oltre alle piante ornamentali, sul territorio si coltivano in gran quantità erbe officinali.

Orto botanico di Oslo

Parco delle sculture di Vigeland

Il parco si trova all'aperto, ospita 227 sculture realizzate in vari materiali: granito, ferro, bronzo. Le mostre sono state create dallo scultore norvegese G. Vigeland. Il maestro ha creato solo nudi, alcune sculture del parco evocano emozioni contrastanti, ma si ritiene che fosse uno scultore eccezionale. La composizione centrale "Monolith" è composta da figure umane intrecciate e raffigura il ciclo della vita.

Parco delle sculture di Vigeland

Parco divertimenti Tusenfried

Tusenfried è considerato uno dei parchi di divertimento più grandi e popolari della Scandinavia. Ci sono montagne russe ad alta velocità, tutti i tipi di giostre con l'elastico, giostre per i visitatori più piccoli. Su una delle giostre puoi sentire il vero stato di assenza di gravità come nello spazio. Ci sono molti caffè e ristoranti nel parco, dove viene fornita una vasta selezione di cibo da strada.

Parco divertimenti Tusenfried

Fiume Akerselva

Uno dei fiumi più lunghi della Norvegia, che si estende per 8,2 km. Sulle sue rive ci sono parchi nazionali e riserve naturali. Mentre cammini lungo il fiume Akerselva, puoi goderti splendide viste sulla natura della Norvegia settentrionale. Il fiume scorre anche attraverso il territorio di Oslo e fornisce attività economica per alcune delle imprese industriali della città.

Fiume Akerselva

Lago Sognsvann

Un'area meravigliosa per attività ricreative all'aperto, dove i norvegesi amano andare con tutta la famiglia nei fine settimana e nei giorni festivi. Le escursioni con le tende nelle vicinanze del lago, il ciclismo, lo sci e il pattinaggio in inverno sono molto popolari tra i residenti locali. Non è raro vedere i politici norvegesi fare jogging mattutino o fare esercizio fisico qui.

Lago Sognsvann

Holmenkollen

Una delle aree urbane di Oslo, o meglio, parte del distretto di Vestre Aker. Sul suo territorio sono attrezzate piste da sci e biathlon, ci sono hotel, agriturismi, ristoranti e un'infrastruttura turistica a tutti gli effetti. Holmenkollen si trova su una collina nel punto più alto di Oslo. Ogni anno qui si tiene una delle tappe della Coppa del mondo di biathlon. L'area divenne un centro sportivo e culturale alla fine del XIX secolo.

Holmenkollen

Fiordo di Oslo

Una pittoresca baia, uno dei famosi fiordi norvegesi, che si estende dallo stretto danese fino a Oslo. Le persone si sono stabilite sulle rive dell'Oslofjord sin dall'età della pietra e qui sono stati trovati resti ben conservati di antiche navi vichinghe. Tantissime piccole isole sono sparse intorno alla baia, la costa è fortemente frastagliata, il che crea ostacoli al passaggio di grandi navi.

Fiordo di Oslo