Le 23 migliori attrazioni del Marocco

1074
50100

Il Marocco è un paese che apre le porte al mondo arabo. E già all'ingresso si sente la ricchezza della cultura, l'odore delle spezie, si possono vedere le sagome di moschee sacre cotte dal sole e lussuosi palazzi. Ma questo è solo un lato del Marocco.

Il paese ha una natura ricca e varia. La prova di ciò è la bellezza creata dall'uomo. Tra questi ci sono il Giardino Majorelle, i Giardini Menara, il Parco della Lega Araba. Ma la natura stessa non ha privato il paese. La pittoresca cascata di Ouzoud nelle montagne dell'Atlante attira migliaia di turisti. La gola del Todra affascinerà con grandezza e bellezza. Il deserto dell'Erg Chebbi vive di vita propria, permettendo a chi lo desidera di osservare le sue magiche metamorfosi. E questa non è tutta la varietà dei paesaggi.

Cosa vedere in Marocco?

I luoghi più interessanti e belli, foto e una breve descrizione.

Meknès

Antica capitale del Marocco, città imperiale. L'atteggiamento regale nei confronti della vita è stato preservato qui: sereno e senza fretta. L'ingresso alla città vecchia è sorvegliato dalla porta Bab Mansur. Sono considerati i più belli del Marocco. Lussuosi giardini crescono nella città vecchia. Indovini, giocolieri, incantatori di serpenti vengono in piazza El Gedim. Tutto il trambusto della Medina non arriva solo alla magica piscina di Agdal.

Meknès

Siti archeologici di Volubilis

Volubilis è la capitale della Mauritania e un avamposto dell'Impero Romano. Fu fondata nel III secolo a.C. La sua popolazione ha raggiunto le 20mila persone. La città era decorata con un arco trionfale e piedistalli. I suoi edifici erano squisiti e belli e avevano tutto il necessario per la vita di tutti i giorni. Fu costruito anche un acquedotto a Volubilis. Le rovine della città sono considerate le più belle del Marocco.

Siti archeologici di Volubilis

Moschea Hassan II

È l'edificio religioso più alto del mondo. Si trova sulla costa dell'Oceano Atlantico. La sua altezza è di 200 metri. Questo è 30 metri più alto della piramide di Cheope. Fu costruito da 2.500 costruttori, 10.000 artisti e artigiani decorarono la moschea. Dall'esterno sembra un vero palazzo. Qui vengono riscaldati i pavimenti in marmo dorato e il tetto con tegole color smeraldo brillante può essere smontato.

Moschea Hassan II

Fès

La città è considerata il cuore culturale del Marocco. È diviso in due parti. In uno di essi c'è un palazzo, giardini e un cimitero. Dietro il cancello principale c'è il secondo: ci sono 6.000 strade che si estendono per 73 chilometri e 200 moschee sparse in 40 quartieri. Ogni casa qui respira la storia. Gli edifici decorati con intagli, fontane, moschee sembrano congelati nel passato. Sembrano gli stessi di tanti anni fa.

Fès

Giardini della Menara

Il parco più famoso di Marrakech. I giardini si trovano ai piedi delle montagne dell'Atlante. Sono stati creati all'inizio del XII secolo. La loro area è di 100 ettari. Qui crescono le palme, viene piantato un uliveto, viene realizzata una piscina con pesci. Nel giardino sono anche piantati alberi da frutto. Alcuni hanno 300 anni. Un gazebo è stato costruito per il relax. Non a caso, questo è uno dei luoghi più fotografati del Marocco.

Giardini della Menara

Erg Chebbi

Erg Chebbi è un deserto, le sue dune cambiano forma ogni giorno sotto l'influenza del vento e possono raggiungere i 150 metri di altezza. Il deserto sembra essere vivo. È particolarmente bello durante il tramonto. Le escursioni nel deserto sono organizzate sui cammelli. In questo momento puoi vivere in tende e mangiare cibo nazionale.

Erg Chebbi

Grotte di Ercole

Le grotte di Ercole si trovano vicino alla città di Tangeri e ne sono state a lungo il simbolo. Queste sono due rocce, tra le quali si è formata una depressione. Secondo la leggenda fu Ercole, riposandosi prima delle gesta, a sfondare la roccia. Una parte appartiene all'Europa, l'altra all'Africa. La forma del passaggio stesso ricorda la forma del continente africano. Nella grotta si friggono i pesci e si vendono souvenir. I ricchi europei erano soliti fare picnic qui.

Grotte di Ercole

Giardino Majorella

Angolo accogliente e pittoresco tra la vecchia e la nuova città di Marrakesh. È stato creato da Jacques Majorelle nel 1924. Ha incarnato la vita e la cultura del Marocco nel giardino, usando i colori della natura. Il successivo proprietario del giardino fu Yves Saint Laurent. Ha restaurato il giardino e la casa di Majorelle. Ponti, sentieri, una fontana, un vicolo di bambù: ora questi sono luoghi paradisiaci nel caldo Marocco, dove è tranquillo e calmo, ma molto colorato.

Giardino Majorella

Gola del Todra

La gola del Todra fa parte di un canyon scavato dai fiumi Todra e Dades. In alcuni punti la distanza tra le rocce raggiunge i 10 metri e la loro altezza è di 160. Questo è uno dei luoghi preferiti dagli scalatori. I sentieri sono stati tracciati per gli escursionisti. I paesaggi del canyon, tagliato a metà dal fiume, ricordano la vista di un altro pianeta. Un ruscello scorre in fondo alla gola. Una volta era un fiume di ghiaccio che scorreva in piena.

Gola del Todra

Essaouira

Una città portuale che in passato fungeva da fortezza. Pertanto, è circondato da mura, sulle quali sono stati conservati i cannoni. La vista dalla fortezza alla città è incredibile. Qui è stato girato il film Otello. In città - case bianche come la neve con finestre blu, musei e rovine di palazzi. La lunghezza della spiaggia cittadina è di 6 chilometri. Questo è il posto preferito dai surfisti. E il pesce fresco viene dato da mangiare qui a chiunque, e anche per soldi ridicoli.

Essaouira

Valle del fiume Draa

Con una lunghezza di 1150 chilometri, il Draa è il fiume più lungo del Marocco. Ma non sempre arriva all'oceano. Spesso le sue acque si esauriscono lungo il percorso. Solo in primavera scorre con tutta la sua forza. Vicino ad esso si formarono oasi e villaggi. In uno di essi nacque il primo sultano del Marocco. Inoltre, la valle del fiume ha segnato l'inizio della cultura mondiale. Qui hanno trovato la più antica statuetta di una donna.

Valle del fiume Draa

Palazzo Bahia

Costruito nel 1880, Palazzo Bahia significa "Palazzo della Bellezza". Fu eretto per una delle quattro mogli del sovrano Sidi Moussa. La sua superficie è di 8 ettari. Fuori non brilla d'oro. Secondo la filosofia araba, il più intimo non dovrebbe essere mostrato. All'interno del palazzo è splendidamente dipinto, il suo interno non è ordinario, ma originale, vivace. Le stanze creano un vero e proprio labirinto magico.

Palazzo Bahia

Ait Ben Haddou

La città fu costruita per proteggere le vie carovaniere. È un tipico rappresentante dell'architettura marocchina in argilla. Le case sono quasi le stesse, tutte dipinte del colore del sole cocente. Molti film sono stati girati in città. Ait Ben Haddou è elencato come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Nelle sue strade ci sono musei, negozi di souvenir e una moschea. Tra le case dello stesso tipo si possono vedere opere d'arte quasi ad ogni angolo.

Ait Ben Haddou

Jemaa al-Fna

Piazza Jemaa al-Fna è un luogo che ha raccolto tutto il colore e l'atmosfera di Marrakech. C'è uno zoo, un circo, una fossa dell'orchestra. I commercianti si offrono di acquistare erbe medicinali, spezie, spezie. Sarai nutrito con pesce a basso prezzo, gli addestratori offriranno foto con animali, prestigiatori e acrobati attirano l'attenzione e gli incantatori di serpenti sono ipnotizzanti. Sembra tutto una pagina delle fiabe arabe.

Jemaa al-Fna

Palazzo El Badi

Il Palazzo El Badi è un simbolo di vittoria. Fu costruito nel 1603. Il palazzo fu chiamato d'oro per la sua decorazione straordinariamente ricca. Era cristallo, oro, marmo, legni rari. Ma nel tempo, il sovrano decise di spostare il palazzo in un'altra città. Inizia così il lungo lavoro di demolizione. Tutto ciò che aveva valore è stato portato via. Ora El Badi è le rovine del lusso.

Palazzo El Badi

Parco Nazionale Thalassemtane

Il parco è stato creato per preservare l'ultima foresta di abeti rossi del Marocco. Thalassemtane è un luogo ideale per escursioni a piedi oa cavallo. Bellissimi paesaggi naturali aperti da molti punti del parco. Gli ostelli sono preparati per i turisti, dove vengono accolti con tutta l'ospitalità.

Parco Nazionale Thalassemtane

Kasbah di Agadir

Kasbah è una città fortezza su una collina. Ad Agadir fu costruito nel 1540. Nel 1752 fu riarmato e ricostruito. 300 persone vivevano sul suo territorio. Dopo il terremoto del 1960, della Kasbah non è rimasto quasi nulla. L'alto muro e il cancello principale sono sopravvissuti. Ma i turisti adorano ancora scalarlo. Qui puoi scattare splendide foto, ammirare il panorama e sentire la fresca brezza.

Kasbah di Agadir

Palazzo di Mahcama du Pacha

Mahkama du Pacha è un palazzo volato via dalle pagine delle Mille e una notte. Ha 600 sale e tutti lottano per il diritto di essere definiti i più belli. Fu costruito nel 1952. Il palazzo è decorato con forgiatura, mosaici, sculture in pietra e legno. Ora il comune cittadino è nei suoi locali. Sul suo territorio ci sono lussuosi giardini con cespugli di rose e fontane. Lo stile del palazzo combinava fascino arabo e raffinatezza francese.

Palazzo di Mahcama du Pacha

Parco della Lega Araba

Questo è il parco più grande della città. È stato creato da designer francesi nel 1920-1930. Alla periferia del parco si trova il Sacré-Coeur. Qui si mescolano il lusso dell'est e la raffinatezza europea. I visitatori camminano lungo i vicoli, si rilassano sotto le palme, si godono prati e cespugli ben curati. Ci sono stagni decorativi qui, a volte si possono vedere punti luminosi di aiuole sulla tela verde.

Parco della Lega Araba

Moschea Koutoubia

Questo è il santuario principale di Marrakech. Fu costruito nel 1190. L'altezza del minareto è di 69 metri. È decorato con stucchi e mosaici. Ma soprattutto è avvolto nelle leggende. Uno di questi è che le sfere in cima alla moschea sono fatte di oro puro. Questa storia è stata la causa di molti attacchi al santuario. La seconda è che ogni sera San Sidi Abu el-Abbas el-Sabti sale alla moschea e scende solo quando tutti gli abitanti hanno cibo e riparo.

Moschea Koutoubia

Chefchaouen (Chefchaouen)

Chefchaouen è la città blu del soleggiato Marocco. Sembra che il cielo e l'acqua in una notte lo abbiano dipinto interamente. È stata fondata nel 1471. La nebbia la avvolge spesso, ma anche con questo tempo la città è luminosa. Ha molti laboratori in cui gli abitanti sono impegnati nell'artigianato. La città è famosa per i suoi tessuti e tappeti. Per molto tempo non ci sono stati stranieri qui. Ora la città è diventata una delle più visitate del Marocco.

Chefchaouen (Chefchaouen)

Kasbah Oudaya

La cittadella principale di Rabat e un monumento di architettura moresca. Su di esso sono stati conservati cannoni del XII secolo. All'interno della fortezza ci sono case con muri ciechi. I turisti vengono spesso nella parte settentrionale della cittadella. C'è un ponte di osservazione sul mare. Offre una splendida vista. Sempre sul territorio della fortezza c'è un museo della cultura moresca.

Kasbah Oudaya

Cascata di Ouzoud

Cascata di montagna con un'altezza di 110 metri. In tre cascate scorre rumorosamente lungo i pendii delle montagne dell'Atlante. Lungo la strada, spruzza montagne ricoperte di ulivi e attira scimmie. I visitatori possono incontrarli durante la visualizzazione delle cascate. Ouzoud è considerato uno dei più belli del mondo. Puoi avvicinarti dal basso. È una sensazione indescrivibile. C'è anche un'infrastruttura turistica ben sviluppata.

Cascata di Ouzoud