Le 25 migliori attrazioni di Città del Messico

968
30 352

Città del Messico è un enorme "formicaio umano" situato in una verde vallata tra montagne e vulcani, nell'antica terra degli Aztechi. Questa città sembra aver assorbito tutto: la storia secolare dei popoli indios, l'avventurismo e l'avidità dei primi conquistatori spagnoli, la moralità cattolica arcaica e la tolleranza del tutto moderna.

I turisti vengono a Città del Messico per ascoltare le canzoni piene di sentimento dei musicisti mariachi, assaggiare i piatti ardenti della cucina messicana e tuffarsi a capofitto nell'atmosfera misteriosa e attraente della cultura ispano-americana. La città delizierà sicuramente gli ospiti con i suoi magnifici palazzi e interessanti musei, dove sono nascosti tesori di civiltà quasi cancellate dalla faccia della terra.

Cosa vedere e dove andare a Città del Messico?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Palazzo delle Belle Arti

Un imponente teatro dell'opera costruito in marmo di Carrara. Il grandioso palazzo abbellisce il centro della capitale del Messico dagli anni '30. L'edificio è stato progettato dall'architetto italiano A. Boari negli stili neoclassico, art duvo e beaux art. All'interno le pareti sono decorate con disegni dei maestri messicani D. Rivera, J. C. Orozco, A. Siqueiros, F. Mariscal e altri artisti. Oggi il Palazzo delle Belle Arti è l'attrazione più popolare della capitale.

Palazzo delle Belle Arti

Palazzo Chapultepec

Il palazzo si trova sulla collina omonima. Era la residenza ufficiale dei governanti e governatori del Messico. L'edificio iniziò a essere costruito alla fine del XVIII secolo sotto il viceré Bernardo de Gálvez, ma per mancanza di fondi dovette essere messo all'asta. Nel 1833 nel palazzo fu collocata un'accademia militare, nel 1864 vi si stabilì l'imperatore Massimiliano d'Asburgo. Oggi l'edificio ospita il Museo Storico Nazionale.

Palazzo Chapultepec

Piazza della Costituzione

Un altro nome per la piazza è Zocalo. È il più grande dell'America Latina e uno dei più grandi al mondo (oltre 46 mila m²). Al centro c'è un potente pennone, sul quale sventola lo stendardo nazionale. Ci sono due famose attrazioni sulla piazza: il Palazzo Nazionale e la cattedrale della città. Lo Zocalo è stato costruito utilizzando pietre portate dalle rovine della città azteca di Tenochtitlan.

Piazza della Costituzione

Paseo de la Reforma

Il vicolo principale della capitale messicana, che è un ampio viale. È stata fondata nel 1860. sotto l'imperatore Massimiliano. Il progetto si è basato sulle proporzioni delle strade delle capitali europee. La lunghezza del viale è di circa 12 km. Si estende da Chapultepec Park a Madero Street. La principale attrazione locale è la colonna dell'Angelo dell'Indipendenza, eretta in onore della vittoria del Paese nella lotta per la libertà.

Paseo de la Reforma

Cattedrale di Città del Messico

La principale chiesa cattolica del Messico, una delle più antiche e significative dell'America Latina. La prima chiesa sul sito di un edificio moderno fu fondata nel XVI secolo da Hernan Cortes. Oggi si trova nella parte nord-orientale della cattedrale. Per la costruzione di un grandioso edificio furono utilizzate le pietre del tempio distrutto del dio della guerra, Huitzilopochtli. L'edificio è progettato nello stile dell'architettura coloniale.

Cattedrale di Città del Messico

Basilica di Nostra Signora di Guadalupe

La Vergine Maria di Guadalupe è la patrona del paese, è anche chiamata la "madre di tutti i messicani". La basilica conserva la sua immagine (l'immagine sul mantello), presumibilmente acquisita dall'indiano Juan Diego, che ebbe anche l'onore di vedere la Vergine con i propri occhi. La basilica fu eretta nel luogo in cui avvenne questo evento miracoloso. La chiesa è un importante centro di pellegrinaggio dove accorrono migliaia di messicani.

Basilica di Nostra Signora di Guadalupe

Palazzo Nazionale

L'attuale residenza del Presidente del paese, che si trova in Piazza Zocalo. L'edificio è stato costruito in stile barocco, o meglio, nella sua versione messicana. Il grandioso edificio ha tre piani e una lunghezza di oltre 200 metri. Il palazzo è stato progettato per ordine di Hernan Cortes. L'interno è decorato con magnifici affreschi del famoso artista Diego Rivera, dedicati a importanti tappe della storia del Messico.

Palazzo Nazionale

palazzo postale

Il complesso fu costruito per ordine del dittatore Diaz all'inizio del XX secolo. Lo stile architettonico del palazzo può essere definito eclettico, poiché nel suo aspetto si mescolano i tratti dei modi veneziani e francesi. Gli interni dell'edificio si distinguono per splendore e lusso: lo spazio è riccamente decorato con marmi, stucchi, dorature, decorazioni in metallo. L'edificio ospita l'ufficio postale principale del Messico.

Palazzo postale

Museo Antropologico Nazionale

Il museo si trova all'interno del Parco Chapultepec. Le sue collezioni sono dedicate alla storia del Messico nel periodo precolombiano. Nelle ampie sale espositive sono presenti reperti rinvenuti sul territorio del Paese e che sono testimonianze materiali dell'alto livello di fioritura delle civiltà indiane. Ad esempio, il museo ospita una figura in pietra del dio della pioggia e la "Pietra del sole", il famoso calendario azteco.

Museo Antropologico Nazionale

Tempio Sindaco

Tepmlo Mayor o "grande tempio" in spagnolo sono le rovine della piramide degli dei Tlaloc e Huitzilopochtli, lasciate dopo la distruzione della città azteca di Tenochtitalan. Un tempo l'edificio raggiungeva una lunghezza di 60 metri e fungeva da importante centro religioso. Con l'avvento di Hernan Cortes, i templi furono distrutti. Solo nel XX secolo, durante i lavori di costruzione, fu scoperta una parte della base della piramide.

Tempio Sindaco

Museo della casa di Frida Kahlo

Frida Kahlo è un'artista, comunista e ribelle. È diventata un vero simbolo del paese e ha conquistato l'amore universale della gente. Il museo dedicato alla vita e all'opera di questa straordinaria personalità è stato aperto nel 1955 in una casa appartenuta alla famiglia Kahlo all'inizio del '900. Qui ha vissuto con il marito Diego Rivera. Negli anni '30 Leon Trotsky e sua moglie si sono nascosti per qualche tempo dagli sposi.

Museo della casa di Frida Kahlo

Museo Murale Diego Rivera

La collezione del museo è composta da una sola mostra: un pezzo del muro dell'Hotel Prado, dipinto dall'artista D. Rivera. Dopo il terremoto del 1985, l'albergo dovette essere demolito, ma si decise di salvare l'affresco unico per i posteri. Il dipinto si intitola "Sunday Dream in Alameda Park". Ha dimensioni piuttosto impressionanti: una lunghezza di 15 metri, una larghezza di 4 metri e un peso insopportabile di 7 tonnellate.

Museo Murale Diego Rivera

Casa-Museo di Leon Trotsky

Il museo si trova nella casa in cui L. Trotsky visse gli ultimi mesi della sua vita fino a quando fu ucciso da un agente dell'NKVD. In precedenza, lui e sua moglie hanno vissuto per due anni nella villa dell'artista Frida Kahlo. L'esposizione è stata inaugurata nel 1990. Oggi comprende una biblioteca con le opere raccolte di Lev Davidovich, la moderna letteratura trotskista, nonché documenti e oggetti personali del rivoluzionario.

Casa-Museo di Leon Trotsky

Museo di arte popolare

I primi visitatori hanno visto la collezione nel 2006. È stata creata per rendere popolare la cultura tradizionale messicana, che è un bizzarro mix di antiche credenze indiane e cattolicesimo. Qui sono raccolte sculture, ceramiche e prodotti in legno, dipinti, gioielli e altre opere d'arte popolare. Il museo ha corsi sull'insegnamento di vari mestieri e un centro educativo.

Museo di arte popolare

Museo Nazionale d'Arte

L'esposizione è composta da opere di artisti messicani che hanno lavorato nel periodo dal XVI al XX secolo. Il museo ospita più di 3mila reperti, ognuno dei quali appartiene a un tempo specifico. In totale, la collezione ha tre parti principali: dipinti scritti nell'era coloniale, dopo che il paese ottenne l'indipendenza e dopo la rivoluzione messicana. L'edificio stesso è un esempio di architettura messicana dell'inizio del XX secolo.

Museo Nazionale d

Museo della Memoria e della Tolleranza

Il museo è stato creato con l'obiettivo di attirare l'attenzione del pubblico sui crimini contro l'umanità, nonché sulle conseguenze dell'intolleranza. Qui vengono toccati i temi del genocidio delle nazioni, della discriminazione di singoli popoli e gruppi della società, vengono sollevati problemi di attualità nel campo dei diritti umani. Il museo ha una stanza per i bambini, dove viene loro insegnato la tolleranza in modo divertente.

Museo della Memoria e della Tolleranza

Museo Soumaya

La collezione è ospitata in un moderno edificio del 2011 a forma di incudine. Il museo è stato fondato con i fondi del miliardario messicano C. Slim per ospitare la sua collezione d'arte personale. L'esposizione è composta da dipinti di maestri locali ed europei. Qui puoi vedere dipinti di C. Monet, P. Renoir, C. Pissarro, E. Degas, oltre a sculture di Rodin.

Museo Soumaya

Museo Dolores Olmedo

Dolores Olmedo è diventata famosa per aver avuto una storia d'amore con l'artista Diego Rivera. Era anche una donna molto ricca e durante la sua vita riuscì a collezionare una ricca collezione di oggetti d'arte, composta da diverse dozzine di dipinti. Nel 1994 è stato aperto un museo a lei intitolato, dove la collezione è stata esposta al pubblico. Tra le mostre non ci sono solo dipinti, ma anche gioielli e sculture Dolores.

Museo Dolores Olmedo

torre latinoamericana

Grattacielo messicano di 44 piani, costruito negli anni '50 da A. Alvarez e M. de la Colina. Gli architetti hanno anche ricevuto un premio per essere riusciti a costruire un edificio così alto in una zona soggetta a terremoti. La maggior parte dell'edificio ospita uffici di organizzazioni commerciali, lo spazio dal 37° al 44° piano è occupato da un museo e al 42° e 45° piano sono presenti piattaforme di osservazione.

Torre latinoamericana

Stadio Azteca

Arena di calcio, che è una delle più grandi del mondo. Le sue tribune possono ospitare fino a 105mila spettatori, anche se spesso sui sedili vengono sistemate molte più persone. Le partite decisive della Coppa del Mondo si sono svolte qui due volte e una volta - i Giochi olimpici estivi. Lo stadio è stato costruito nel 1966, dopo 20 anni è stata effettuata la prima ricostruzione.

Stadio Azteca

Mercato dell'Artesania

Un ottimo posto per acquistare una varietà di souvenir, molti dei quali non si trovano altrove. Vende ceramiche tradizionali, vestiti nazionali, prodotti interessanti di artigiani messicani e molte altre cose. Un grande vantaggio per i turisti di lingua spagnola è uno sconto aggiuntivo da parte dei venditori. Per chi parla solo inglese i prezzi saranno ovviamente più alti.

Mercato dell

Xochimilco

La periferia della capitale messicana, nota per il fatto che sul suo territorio ci sono canali degli Aztechi - chinampas. C'era una volta che i fiori venivano coltivati ​​​​in modo massiccio qui, oggi gli ospiti e gli abitanti di Città del Messico viaggiano su gondole trachiner. La lunghezza totale dei canali è di oltre 170 km, i percorsi turistici sono tracciati per 14 km. Nel 1987, Xochimilco è stata inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Xochimilco

L'isola delle bambole

L'isola spettrale si trova a circa 18 km da Città del Messico. Sembra lo scenario di un thriller mistico: vecchie bambole rotte e parti dei loro corpi sono appese ovunque. Una strana colletta è stata raccolta dall'eremita D. S. Barrera, che ha assistito per caso alla tragica morte di una bambina. Apparentemente, da allora l'uomo è impazzito e dipendente da uno strano hobby.

L

Alameda Central Park

Parco paesaggistico urbano con fontane in stile francese, vicoli lastricati e statue decorative, situato sul sito dell'ex piazza El Camadero, dove fino al XVIII secolo venivano bruciati gli eretici. I pioppi crescono qui in gran numero, motivo per cui ha ricevuto il nome "Alameda" (questo è il nome dell'albero in spagnolo). Oggi il parco è uno dei luoghi preferiti per la ricreazione e le passeggiate.

Alameda Central Park

Parco Chapultepec

Un immenso parco di 800 ettari attorno all'omonima collina nel centro di Città del Messico. Durante l'impero azteco, qui si trovava il palazzo di campagna del sovrano, collegato a Tenochtitlan da un ponte. Sul territorio di Chapultepec c'è uno zoo, una roccia con l'immagine dell'imperatore azteco Montezuma I, il Museo Nazionale di Antropologia e altri luoghi interessanti.

Parco Chapultepec