Le 35 migliori attrazioni di Praga, ceco

1 360
40 649

Tali epiteti come "mistico", "magico", "misterioso" sono saldamente radicati a Praga. Molti turisti si innamorano per sempre della capitale della Boemia e la definiscono la città più bella d'Europa. In effetti, c'è qualcosa di magico nei cupi castelli gotici, nei vicoli tortuosi e nelle antiche cattedrali di Praga.

Gli ospiti della città stanno aspettando non solo escursioni originali per la città di notte, una visita all'antico Castello di Praga, al Ponte Carlo e passeggiate sul fiume lungo la Moldava. Un viaggio a Praga è anche un'occasione unica per gustare la cucina tradizionale ceca e assaggiare l'incomparabile birra ceca, prodotta da molti secoli secondo le antiche ricette del monastero.

Per gli amanti dello spettacolo, artisti e musicisti in costumi medievali hanno preparato spettacoli che, come centinaia di anni fa, danno in mezzo alle piazze della città.

Cosa vedere e dove andare a Praga?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Il Ponte Carlo

Ponte medievale della città gettato sul fiume Moldava e che collega Staro Mesto e Mala Strana. Prende il nome dall'imperatore Carlo IV. Dalla sua costruzione a metà del XIV secolo, la costruzione è servita come mezzo per i governanti per attraversarla fino al loro castello. Dal 1974 il ponte è pedonale. Ora è un luogo vivace dove i turisti passeggiano, vengono messi in vendita quadri di artisti di strada e si svolgono spettacoli in costume.

Il Ponte Carlo

Piazza Venceslao

La piazza centrale del quartiere Novo Mesto, il centro culturale di Praga, dove si tengono spesso eventi sociali e di stato. Lungo la piazza si trovano alberghi, negozi famosi, ristoranti, discoteche e uffici di grandi aziende. La piazza prende il nome dal patrono principale della Repubblica Ceca, San Venceslao. Qui dal XIV secolo si tengono fiere ed esecuzioni capitali. A poco a poco Piazza Venceslao fu circondata da case di artigiani e mercanti.

Piazza Venceslao

Piazza della Città Vecchia

La piazza principale della città nel quartiere di Staro Mesto, animata dal XII secolo. In quei tempi lontani, qui operava un grande mercato, dove venivano consegnate varie merci lungo la Moldava. Gli antichi edifici che circondano la piazza sono molto ben conservati, in quanto hanno potuto evitare distruzioni su larga scala durante la seconda guerra mondiale (ad eccezione del Palazzo del Municipio). Grazie a questo, oggi i turisti possono ammirare i meravigliosi esempi di gotico e barocco.

Piazza della Città Vecchia

Vecchio municipio e orologio astronomico

Dopo che Staro Mesto fu riconosciuta come città, secondo le leggi del XIII secolo, fu necessario costruire un municipio dove potesse avere sede il governo della città. Ma il suo municipio apparve a Praga solo nel XIV secolo. Per 700 anni di esistenza, è cresciuto in modo significativo, poiché sono apparsi molti annessi. Sull'antica torre del municipio c'è un orologio astronomico funzionante dell'inizio del XV secolo, una creazione unica di orologiai con molti quadranti incorporati l'uno nell'altro.

Vecchio municipio e orologio astronomico

Tempio di Tyn

Una pittoresca cattedrale gotica, vera decorazione della Piazza della Città Vecchia. Il tempio iniziò ad essere costruito nel XIV secolo, ci vollero più di 160 anni per costruirlo. Al suo interno riposano le ceneri di importanti personaggi storici. Due torri alte 80 metri si ergono sopra il tempio, da cui soffia il cupo respiro del Medioevo. All'interno ci sono un paio di dozzine di altari, caratterizzati da ricche decorazioni e lusso.

Tempio di Tyn

Chiesa di San Nicola

Il tempio principale della chiesa ussita cecoslovacca fu costruito nella prima metà del XVIII secolo. Sebbene ci siano molti edifici maestosi sulla Piazza della Città Vecchia, la Chiesa di San Nicola è difficile da perdere. Statue, vetrate e affreschi ricordano oggetti d'arte. L'organo svolge un ruolo importante all'interno. Intorno ci sono molte dorature e piccoli dettagli di decorazione. E il lampadario di cristallo del tempio è un dono dell'imperatore russo Alessandro II.

Chiesa di San Nicola

Castello di Karlštejn

Il famoso castello ceco si trova a 30 km. da Praga. È una fortezza quasi inespugnabile, dove venivano custoditi importanti documenti di stato, reliquie, gioielli e simboli del potere. La fortificazione fu costruita per ordine dell'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo IV a metà del XIV secolo. Il sovrano ha supervisionato personalmente i lavori di costruzione e decorazione. Karlstejn ricorda i gloriosi re del passato e custodisce sacre reliquie tra le sue mura.

Castello di Karlštejn

Castello di Praga

Il complesso di edifici è entrato nel Guinness dei primati per le sue enormi dimensioni (70mila m²). Qui si trovano palazzi storici, antiche cattedrali e cappelle, gallerie, torri e musei, oltre al famoso "Vicolo d'oro". Il Castello di Praga è la sede del governo della Repubblica Ceca. I primi insediamenti esistettero qui nel IX-XI secolo, come testimoniano gli scavi. Il Castello di Praga è una "città nella città", è considerato il nucleo della capitale ceca.

Castello di Praga

Castello di Troia

Palazzo barocco alla periferia di Praga, circondato da pittoreschi giardini paesaggistici. Ha una somiglianza esterna con le classiche ville italiane. Alla fine del XVII secolo il complesso apparteneva alla nobile famiglia Stenberg. Al suo interno si trova una collezione di dipinti dell'800, un museo del vino e una collezione di ceramiche orientali. L'interno più lussuoso è il Salone Imperiale, dove si possono ammirare affreschi che glorificano le gesta della dinastia degli Asburgo.

Castello di Troia

Visegrad

Un antico castello e struttura difensiva nella parte meridionale di Praga, costruito su una collina. Vysehrad apparve nel X secolo e fiorì alla fine dell'XI secolo, ma presto cadde in rovina. Fu ripreso sotto Carlo IV. Ecco la Basilica di San Pietro e Paolo, che è associata alla formazione dello stato della Repubblica Ceca. Nell'XI secolo, il principe Vratislav II progettò di costruire un tempio sul modello della cattedrale principale del Vaticano, ma a causa di un incendio, il piano non poté essere completamente attuato.

Visegrad

Praga Loreta

Un complesso di edifici intorno a una copia della capanna della Vergine Maria, dove questa santa è stata allevata e cresciuta (secondo le credenze cristiane). Simili "loret" sono ampiamente usati in tutta Europa. La Casa di Praga fu costruita nel XVII secolo in stile barocco. Sul suo territorio sono presenti sette cappelle, una torre dell'orologio, fontane decorative e gallerie. Loreta di Praga è un centro cattolico molto popolare e visitato.

Praga Loreta

Cattedrale di San Vito

La chiesa principale (cattedrale) della capitale ceca si trova sul territorio del Castello di Praga. La cattedrale è dedicata a tre santi contemporaneamente: Vito, Voytek e Venceslao. Nel X secolo, sul sito dell'edificio fu collocata una piccola basilica che, sotto Carlo IV nel XIV secolo, iniziò a crescere e ad essere completata. La cattedrale fu costruita in più fasi nell'arco di quasi quattro secoli. L'ultimo lavoro fu completato nel 1929.

Cattedrale di San Vito

Monastero di Strachov

Il monastero fu costruito per l'ordine monastico dei Premonstratensi nel XII secolo. Si trova abbastanza vicino al Castello di Praga, quindi non ha potuto evitare danni durante le guerre hussite, l'assalto alla fortezza durante la Guerra dei Trent'anni e altre battaglie. C'è una grande biblioteca sul territorio del monastero, dove sono conservati 2,5 mila antichi manoscritti, incluso il Vangelo di Strahov del IX secolo.

Monastero di Strachov

Teatro Nazionale

Il teatro principale di Praga, considerato uno dei simboli della rinascita nazionale del popolo ceco. È stato eretto a spese del popolo, poiché il governo dell'Austria-Ungheria non ha stanziato denaro. L'inaugurazione ebbe luogo nel 1881, ma presto il teatro andò a fuoco e riaprì nel 1883. L'edificio adorna l'argine della Moldava e non è inferiore in bellezza nemmeno alla famosa Opera di Vienna. L'interno è realizzato con eleganza e lusso.

Teatro Nazionale

Rudolfino

Un edificio colorato in piazza Jan Palach - due in uno - una sala concerti e una galleria. Chiamato "Rudolfinum" in onore del principe ereditario austriaco. L'iniziatore della costruzione è la Cassa di risparmio della Repubblica ceca. La cerimonia di apertura ebbe luogo nel 1885. Per 20 anni, nella prima metà del secolo scorso, il Parlamento ha avuto sede in questo edificio. Negli anni '90 è avvenuta la ricostruzione e il sito è stato trasferito all'Orchestra Filarmonica Ceca.

Rudolfino

Museo Nazionale

L'edificio è stato costruito in stile neorinascimentale secondo il progetto dell'architetto D. Schulz. Ci sono esposizioni che raccontano la storia della Repubblica Ceca. Si propone di vedere collezioni paleontologiche e antropologiche, una biblioteca, una collezione di monete, medaglie, sculture e altri materiali rinvenuti durante gli scavi. Il museo ha diverse sedi oltre all'edificio principale.

Museo Nazionale

Museo tecnico nazionale

È stato aperto nel 1908 con l'obiettivo di raccogliere risultati tecnici provenienti da diversi campi in un unico luogo. Tra questi ci sono l'arte fotografica, l'industria dei trasporti, la stampa artigianale, la metallurgia, l'astronomia e gli affari militari. L'esposizione è suddivisa in temi e distribuita in sale separate. All'inizio di questo secolo, l'edificio e le stesse mostre subirono un'importante ricostruzione. Il pubblico è stato nuovamente ammesso al museo nel 2011.

Museo tecnico nazionale

Museo del comunismo

La storia della Cecoslovacchia del dopoguerra è qualcosa che i cechi di oggi non vogliono dimenticare o ripetere. Il museo copre il periodo dal colpo di stato del 1948 alla rivoluzione del 1989. Mostre: fotografie, manifesti di propaganda e motivazionali, busti e statue, interni autentici, attrezzature e documenti, manichini di razzi, capi di guardaroba. Curiosi anche i nomi delle sale: “Dream”, “Reality”, “Nightmare”.

Museo del comunismo

Memoriale nazionale agli eroi del terrore Heydrich

7 sabotatori cecoslovacchi nel 1942 compirono una vera impresa uccidendo una figura nazista di spicco, Reinhard Heydrich. La loro memoria è stata immortalata sotto forma di memoriale nella Cattedrale dei Santi Cirillo e Metodio. Sull'edificio è installato un tabellone con informazioni sui soldati. C'è una feritoia nelle vicinanze, sulla quale ci sono anche tracce di spari. Nella sala del tempio è stata allestita una mostra permanente e nella cripta sono stati collocati busti in bronzo e biografie di soldati.

Memoriale nazionale agli eroi del terrore Heydrich

Museo Ebraico

Più di 100 anni fa, lo storico August Stein iniziò a raccogliere manufatti dalle sinagoghe perdute della città, nonché oggetti religiosi importanti per la comunità ebraica. Il museo risultante è diventato così vasto da essere chiamato la "città ebraica". L'attrazione comprende diverse sinagoghe, ma solo quella spagnola è utilizzata per scopi religiosi. Inoltre, ci sono centri educativi e culturali.

Museo Ebraico

Museo Franz Kafka

Un museo (o meglio una mostra itinerante) dedicato al genio letterario ceco F. Kafka. L'esposizione contiene i primi libri pubblicati del maestro, i suoi manoscritti, diari, schizzi e fotografie. Nel cortile si trova un gruppo scultoreo-fontana dal contenuto molto ambiguo. Raffigura due uomini che urinano su una mappa della Repubblica Ceca. C'è un'opinione secondo cui il creatore D. Cherny ha inserito sfumature politiche nella sua creazione, ma la maggioranza ritiene che questo sia semplicemente scioccante.

Museo Franz Kafka

Scultura "Testa di Franz Kafka"

Un oggetto d'arte in acciaio inossidabile è installato vicino al complesso commerciale Quadrio. La scultura è costituita da strati orizzontali che ruotano a velocità diverse. Si congelano per un po' e si piegano in una testa enorme, quindi ricominciano a muoversi. L'autore del progetto è David Cherny. Sentiva che non era sufficiente presentare Kafka in una scultura statica. Lo scrittore era insolito, quindi devi usare un approccio creativo per interpretarlo.

Scultura Testa di Franz Kafka

Monumento alle vittime del comunismo

Un monumento moderno del 2002, che, secondo l'idea dell'autore Zubek, dovrebbe simboleggiare la sofferenza dei prigionieri politici durante il governo comunista sul territorio della Repubblica Ceca. Il memoriale è composto da sette figure maschili che scendono le scale. Ogni successivo contiene difetti sempre più significativi: crepe, rotture, assenza di arti.

Monumento alle vittime del comunismo

Torre Petrin

La torre eretta per l'apertura dell'Esposizione Industriale nel 1891. È stata soprannominata "Torre Eiffel di Praga". All'inizio la torre svolgeva il ruolo di ponte di osservazione, da cui si apriva una buona visuale della città. A metà del XX secolo vi fu collocata la prima antenna per le trasmissioni televisive, che portò ad un aumento della lunghezza della struttura di 20 metri. L'altezza totale della Torre Petrin è di 60 metri.

Torre Petrin

Torre televisiva di Zizkov

L'attuale torre della televisione, costruita alla fine del XX secolo. L'altezza della struttura supera i 200 metri, è perfettamente visibile da qualsiasi parte di Praga. L'edificio è piuttosto insolito, è stato più volte inserito negli elenchi degli edifici più brutti del mondo, poi nelle classifiche dei più originali. Il ponte di osservazione si trova ad un'altezza di 93 metri. La torre ha anche un ristorante panoramico, un bar e un hotel dove gli sposi amano stabilirsi.

Torre televisiva di Zizkov

torre delle polveri

Un vecchio edificio gotico proprio in mezzo alla strada vicino alla stazione della metropolitana "Namnesti Respubliki". Una volta al suo posto sorgeva una porta della città. Nel XVIII secolo qui si trovava un deposito di polvere da sparo, da cui il nome dell'edificio. Oggi c'è una mostra fotografica all'interno ed è aperto un ponte di osservazione, da dove è possibile scattare delle foto spettacolari. La Torre delle Polveri con tutto il suo aspetto ricorda ai turisti gli anni bui del Medioevo.

Torre delle polveri

Casa pubblica

Un edificio eretto sul sito di un'antica residenza reale. Dopo che la costruzione fu completata, vi si tenevano riunioni e mostre. Questo luogo è di particolare importanza per il paese, poiché qui nel 1918 fu dichiarata l'indipendenza della Repubblica Ceca. Al giorno d'oggi, i concerti si tengono sul territorio della casa pubblica. Ogni primavera qui si svolge il festival musicale della Primavera di Praga, che riunisce band provenienti da tutto il mondo.

Casa pubblica

Quartiere ebraico (Josefov)

Quartiere sul sito del ghetto ebraico dell'XI secolo. Fino all'inizio del XVIII secolo era circondato da mura, ma per volere di Giuseppe II le barriere furono abbattute. Il quartiere è stato completamente ricostruito alla fine del XIX secolo, sono sopravvissuti solo alcuni vecchi edifici e sinagoghe, così come l'antico cimitero ebraico. Prima degli eventi della seconda guerra mondiale qui vivevano più di 100mila persone, ora la popolazione è di poche migliaia di abitanti.

Quartiere ebraico (Josefov)

Vinarna Diavolo

La strada più stretta di Praga, o meglio un vicolo stretto, largo solo 70 cm. Qui può passare solo una persona alla volta. Per evitare che le persone si scontrino, i semafori pedonali funzionano su entrambe le estremità della strada. In alta stagione turistica, molte persone si radunano vicino a questi semafori, aspettando il proprio turno. Il nome deriva dalla cantina, che si trova vicino al vicolo.

Vinarna Diavolo

vicolo d'oro

Una strada-museo nel Castello di Praga fiancheggiata da "case giocattolo" abitate da personaggi fiabeschi. Nel XVI secolo qui vivevano gioiellieri e cacciatori che lavoravano per il Tesoro (da qui il nome della via). Secondo una leggenda popolare, anche gli alchimisti si stabilirono a Golden Lane, il cui compito principale era trasformare qualsiasi materiale adatto in oro. Il luogo divenne disabitato dopo la seconda guerra mondiale, tutte le case furono adattate a musei.

Vicolo d

Mercato Havel

Mercato di cibo e souvenir, pensato principalmente per i turisti. Qui puoi acquistare fiori, bacche, miele, dolci, pasticcini e molto altro. Viene inoltre presentata un'ampia varietà di souvenir: prodotti in legno e pelle, bambole di marionette, vetro di Boemia, gioielli. Il mercato esiste dal XIII secolo, nel Medioevo vivevano nelle vicinanze i tedeschi, che hanno dato il nome al mercato in onore di St. Havel.

Mercato Havel

Zoo di Praga

Lo zoo, che contiene più di 400 specie di animali, alcune delle quali sono riconosciute in via di estinzione. C'è una fattoria didattica e una ferrovia per bambini in loco. Numerosi padiglioni ricreano l'atmosfera di diverse zone climatiche. Il più impressionante è il padiglione della giungla indonesiana costruito nel 2002. Solo nello zoo di Praga, l'unico in tutta Europa, vivono le tartarughe delle Galapagos.

Zoo di Praga

Muro di John Lennon

Parete con numerosi graffiti, creati dai fan dei Beatles e di D. Lennon. C'è una versione che è nata come protesta contro le autorità comuniste. Il monumento simboleggiava lo spirito libero, il desiderio di indipendenza e libertà. Le autorità hanno tentato più volte di demolire il muro, ma senza successo. Va notato che lo stesso leggendario musicista non ha mai visitato Praga.

Muro di John Lennon

Casa danzante

Una soluzione architettonica interessante e non standard, implementata da F. Gary e V. Milunich. La casa si trova nel centro di Praga, al piano terra c'è un ristorante francese. La struttura è talvolta indicata come il "vetro" e la "casa ubriaca". The Dancing House è costruita in un moderno stile decostruttivista che utilizza forme asimmetriche e talvolta disordinate. All'inizio i cittadini non accettarono l'edificio innovativo, ma ben presto divenne il "momento clou" di Praga.

Casa danzante

fiume Moldava

Il fiume più lungo che attraversa il territorio della Repubblica Ceca. "Moldava" nella traduzione dall'antico dialetto significa "acqua selvaggia". All'interno della città, diversi ponti attraversano il fiume, il più bello dei quali è il Ponte Carlo. Nella stagione calda ci sono molti percorsi a piedi per i turisti. Dalla barca puoi ammirare la magnifica architettura della città e vedere Praga da un'angolazione leggermente insolita.

Fiume Moldava