Le 25 migliori attrazioni di Baku, Azerbaigian

761
64 378

Nella capitale dell'Azerbaigian, il passato incontra il futuro faccia a faccia. L'architettura moderna della città non è inferiore in bellezza agli edifici storici della regione di Icheri Sheher e ha un grande valore culturale. Le torri fiammeggianti competono in espressività con l'antica Torre della Fanciulla. Le magnifiche forme del palazzo degli Shirvanshah da qualche parte perdono persino lo sfarzo e il lusso della moschea Bibi-Heybat di recente costruzione.

Oggi Baku gode di tutti i benefici dei generosi flussi finanziari derivanti dalla produzione di petrolio e gas, nonché del ricco patrimonio storico che la città ha ereditato dai secoli precedenti pieni di eventi luminosi. L'industria del turismo della città si sta sviluppando molto rapidamente, poiché a Baku vengono costantemente costruite nuove strutture culturali e compaiono luoghi interessanti per gli ospiti della repubblica.

Cosa vedere e dove andare a Baku?

I luoghi più interessanti e belli per camminare. Foto e una breve descrizione.

Heydar Aliyev Center

Il centro culturale, situato sull'omonimo viale, costruito dalla holding di costruzioni turche secondo il progetto del famoso architetto Zaha Hahid. Il complesso è multifunzionale e comprende ampie sale conferenze, un museo, uffici e gallerie espositive. Il Centro Heydar Aliyev è stato eretto allo scopo di studiare i valori culturali, la lingua, la storia e le tradizioni della nazione azera.

Heydar Aliyev Center

Vecchia città di Icheri Sheher

Un antico quartiere residenziale, circondato da una potente cinta muraria. Icheri Sheher è un monumento storico nazionale di grande valore culturale. Le persone hanno vissuto in questo luogo fin dall'età del bronzo. Durante l'Alto Medioevo esisteva già una zona residenziale abbastanza densa. Nel XVII e all'inizio del XIX secolo, Icheri Sheher era la capitale del Baku Khanate.

Vecchia città di Icheri Sheher

Baku Lungomare

Il viale è stato fondato all'inizio del XX secolo su iniziativa delle autorità cittadine. Nell'ambito dei lavori di sistemazione del futuro viale e del parco, è stato nobilitato il terrapieno, sono stati piantati alberi e realizzati elementi infrastrutturali. Due volte una parte significativa del viale è stata allagata a causa dell'innalzamento del livello del Mar Caspio. Negli anni 2000 nel parco sono stati costruiti una fontana musicale, un teatro, un cinema e restaurate le attrazioni. L'ultima ristrutturazione è avvenuta nel 2015.

Baku Lungomare

torri di fuoco

Tre grattacieli, che svettano nella moderna parte centrale di Baku, realizzati a forma di fiamme. La grandiosa illuminazione serale crea l'effetto di gigantesche torce dirette al cielo. Il progetto illuminotecnico delle Flame Towers è riconosciuto come il migliore al mondo. La costruzione delle strutture è stata completata nel 2012. Lo spazio interno è occupato da un hotel, appartamenti residenziali e locali commerciali.

Torri di fuoco

La Torre di Maiden

L'ora esatta di costruzione della struttura è sconosciuta. Si ritiene che possa essere stato eretto durante il regno della dinastia sassanide nel III-VII secolo. o anche prima. Nel XII secolo entrò nel sistema difensivo della fortezza di Baku. Anche con lo scopo originale non tutto è chiaro. Forse era un edificio rituale dei seguaci dello zoroastrismo. Nel 2000 la torre è stata inserita nella lista dell'UNESCO.

La Torre di Maiden

Palazzo degli Shirvanshah

Il complesso del palazzo dei secoli XIII-XVI, costruito nello stile architettonico Shirvan-Absheron. La residenza degli Shirvanshah si trovava sul territorio del palazzo in un momento in cui Baku era la capitale di Shirvan. Il complesso comprende una moschea del XV secolo, una tomba reale, Divan-Khane, uno stabilimento balneare e un mausoleo dello scienziato e pensatore medievale S. Ya. Jalaleddin Bakuvi. Nonostante il fatto che gli edifici dell'ensemble siano stati eretti in tempi diversi, sembra abbastanza armonioso.

Palazzo degli Shirvanshah

Moschea di Bibi Heybat

Il tempio è stato costruito nel 1998-99. sul sito di una storica moschea del XII secolo che fu fatta saltare in aria come parte di un programma governativo per sradicare la religione negli anni '30. Si ritiene che il primo edificio sia stato eretto secondo il progetto dell'architetto Mahmud ibn Saad. Il nuovo edificio è stato costruito nel pieno rispetto dei canoni della scuola di architettura Shirvan. Per questo, sono state ampiamente utilizzate fotografie dell'inizio del XX secolo, vecchi piani e altri documenti storici.

Moschea di Bibi Heybat

Moschea Tezepir

Tempio dell'inizio del XX secolo, costruito secondo il progetto di Z. Akhmedbekov a spese del filantropo locale N. Ashurbekova. Dopo il 1917 la moschea fu chiusa e fino al 1943 l'edificio fu utilizzato per altri scopi. Riuscì a evitare il triste destino della moschea Bibi-Heybat. Le iscrizioni sulla facciata esterna dell'edificio sono in oro

Moschea Tezepir

Moschea Juma

La moschea si trova all'interno del quartiere storico di Icheri Sheher. Alcuni ricercatori ritengono che in epoca preislamica sul sito del tempio si trovasse un santuario del fuoco pagano. Il primo edificio fu eretto all'inizio del XIV secolo. Dopo la sua distruzione nel XVII secolo, la moschea fu ricostruita. Il secondo edificio è esistito fino al XX secolo, poi è stato distrutto da un incendio. La costruzione dell'inizio del XX secolo è arrivata fino a noi.

Moschea Juma

Moschea di Heydar

Il tempio moderno, costruito nel 2012-14. con decreto del presidente I. Aliyev. La sua apertura è avvenuta nel 2015. Il capo dell'Azerbaigian desiderava che la moschea prendesse il nome da suo padre Heydar Aliyev, un leader carismatico e venerato che ha dato un contributo inestimabile allo sviluppo della statualità e dell'identità nazionale. L'edificio è stato costruito nel tradizionale stile Shirvan-Absheron.

Moschea di Heydar

Museo del tappeto dell'Azerbaigian

Il museo è stato fondato nel 1967. Inizialmente l'esposizione si trovava sul territorio della moschea Juma. Nel 2014 è stato costruito un nuovo edificio per la vasta collezione. L'esposizione comprende circa 14.000 tappeti, abiti nazionali, gioielli, utensili cesellati e altri oggetti di arte applicata. Il museo svolge un ruolo importante nello studio della storia del tappeto. Il suo team ha più volte partecipato a simposi internazionali.

Museo del tappeto dell

Museo della letteratura azera

Il museo è un importante centro culturale dell'Azerbaigian. Contiene la più grande collezione al mondo di letteratura azera e svolge una seria attività scientifica. Fu fondato nel 1939, ma i primi visitatori riuscirono ad arrivare qui solo nel maggio 1945, subito dopo la fine della Grande Guerra Patriottica. Il museo è ospitato in un palazzo del XIX secolo che ha subito un importante restauro negli anni '60.

Museo della letteratura azera

Museo Nazionale delle Arti dell'Azerbaigian

La galleria espone una vasta collezione di opere di artisti azeri, russi ed europei, ospitati in stanze a tema separate. Il numero totale di reperti è superiore a 17mila. Oltre ai dipinti, i fondi contengono gioielli, tessuti, stoviglie, tappeti, sculture e altri manufatti. Il museo è stato fondato nel 1936 sul territorio di un pittoresco palazzo del XIX secolo.

Museo Nazionale delle Arti dell

Museo Nazionale di Storia dell'Azerbaigian

La collezione si trova su una superficie di circa 2mila mq e conta circa 120mila pezzi, di cui 20mila costantemente esposti. Il resto dei reperti è conservato nei fondi del museo. La collezione copre un ampio periodo della storia della parte orientale del Caucaso, compresa l'ascesa e la caduta dei regni, l'avvento di varie religioni, le origini delle tradizioni e altre sezioni educative. Il museo è stato aperto nel 1920.

Museo Nazionale di Storia dell

Museo d'Arte Moderna

La galleria contiene opere di maestri che hanno lavorato nei secoli XX-XXI. Qui sono esposti circa 800 dipinti, oltre a molte fotografie, sculture e varie installazioni. Il museo offre un'eccellente opportunità per conoscere le opere di artisti azeri contemporanei: E. Shakhtakhtinskaya, O. Eldarov, S. Bahlulzade, T. Salahov e molti altri. C'è anche una sezione con opere di maestri dell'Europa occidentale.

Museo d

Museo dei libri in miniatura di Baku

La collezione si trova sul territorio del quartiere Icheri Sheher. Il museo esiste dal 2002. La sua collezione è composta da reperti provenienti da una collezione privata di libri di proprietà di Z. Salakhova, sorella dell'artista contemporaneo T. Salakhova. Per 30 anni ha raccolto più di 6,5 mila libri da 64 paesi del mondo. I fondi del museo contengono edizioni piuttosto rare di classici famosi, pubblicati in edizione limitata.

Museo dei libri in miniatura di Baku

Teatro drammatico russo. Samad Vurgun

Il Teatro di Stato dell'Azerbaigian, fondato nel 1920. Nel corso del tempo, il palcoscenico ha cambiato diversi nomi fino a quando non ha ricevuto un nome in onore del poeta nazionale S. Vurgun. Il repertorio del teatro è sempre stato composto dalle migliori opere di classici russi e stranieri, nonché dalle opere di autori azeri. Nel 2006-2008 l'edificio è stato completamente ristrutturato. Ogni anno il repertorio viene aggiornato, il poster include 6-8 nuove esibizioni.

Teatro drammatico russo. Samad Vurgun

Teatro dell'opera e del balletto intitolato a M. F. Akhundov

La scena esiste dall'inizio del XX secolo. I residenti della città chiamano il teatro "Baku Opera". F. Chaliapin, M. Plisetskaya, E. Obraztsova, M. Caballe, V. Gordeev e altre star del balletto e dell'opera si sono esibite qui ai loro tempi. L'edificio del teatro fu eretto a spese dei fratelli Mailov. L'opera di M. Mussorgsky "Boris Godunov" è stata scelta come prima produzione. Il repertorio moderno è costituito da opere classiche immortali.

Teatro dell

Palazzo di Mukhtarov

Un monumento architettonico dell'inizio del XX secolo, costruito a spese dell'industriale M. Mukhtarov secondo il progetto di I. Ploshko. Il magnate decise di costruire il palazzo dopo aver viaggiato in Europa con la moglie Lisa, rimasta colpita dai magnifici palazzi veneziani. L'architettura dell'edificio è una miscela di elegante gotico francese e lussuoso barocco italiano.

Palazzo di Mukhtarov

Piazza della Bandiera Nazionale

La piazza ha adornato la capitale dell'Azerbaigian nel 2010. È stata fondata con decreto del presidente I. Aliyev. Il progetto è stato sviluppato da una società di architettura americana in collaborazione con uno studio azero. L'area si estende su una superficie di 60 ettari. Al centro c'è una guglia di 162 metri coronata da una bandiera nazionale di dimensioni gigantesche (lunghezza - 70 metri, larghezza - 35 metri, peso - circa 350 kg).

Piazza della Bandiera Nazionale

Stadio Olimpico di Baku

Lo stadio è stato inaugurato nel 2015. Secondo la classificazione UEFA, appartiene alla 4a categoria. Sul suo territorio si sono svolte le cerimonie di apertura/chiusura dei 1° Giochi Europei, nonché alcune gare di atletica leggera. Si prevede inoltre di ospitare qui le partite del Campionato europeo di calcio 2020. L'arena è multisportiva, cioè adattata a vari tipi di competizioni. È progettato per 69.870 spettatori.

Stadio Olimpico di Baku

parco montano

Parco cittadino costruito negli anni '30. Per tutto il periodo sovietico nella storia dell'Azerbaigian, era molto popolare tra i residenti della capitale. Negli anni '90 sul territorio del parco furono sepolte persone morte durante gli eventi del Gennaio Nero. Da allora è stato dichiarato memoriale. C'è un ponte di osservazione nel parco, raggiungibile con la funicolare cittadina.

Parco montano

Vicolo dei martiri

Il vicolo si trova sul territorio del Parco Nagorny. Si tratta di una fossa comune in cui sono sepolte le vittime degli eventi del gennaio 1990 e le persone morte durante l'inizio del conflitto del Nagorno-Karabakh. In precedenza, qui c'era un cimitero musulmano. Nel corso del funerale è stata scoperta una lapide dello “Shahida del 1918”. I corpi trovati nelle vecchie sepolture sono stati seppelliti nuovamente in una fossa comune.

Vicolo dei martiri

Giardino Khagani

Uno dei parchi più antichi di Baku, allestito nella seconda metà del XIX secolo. Da allora è stato ricostruito e ha cambiato nome più di una volta. La piazza prende il nome dal poeta Khagani. Il giardino si trova su una piccola area di 0,8 ettari. Nella sua parte centrale si trova una piscina e la scultura "Tre Grazie". I vicoli del parco sono progettati in modo tale da condurre alla composizione scultorea centrale.

Giardino Khagani

Piazza Fontana

Una delle prime piazze di Baku, il cui aspetto architettonico prese forma verso la metà del XIX secolo. Il luogo è circondato da vicoli verdi e monumenti urbani del XIX-XX secolo: il Grand Hotel, un vecchio cinema, musei e un tempio armeno. Al centro si trova una fontana con un originale gruppo scultoreo. Nel 2010 la piazza è stata ricostruita, a seguito della quale l'area ha acquisito un aspetto più moderno.

Piazza Fontana